IL MISTERO DELLA PROFEZIA SUI PAPI: I MOTTI DAI PAPI DEL ‘500 FINO A BENEDETTO XVI

scritto da Remox
23 · Mar · 2023

A corollario dell’indagine sull’autore della profezia di San Malachia pubblico una rivisitazione dei motti latini profetici che identificano i pontefici successivi a Sisto V che, come detto, segna la linea di demarcazione fra i papi il cui motto è stato scritto dopo la loro elezione e quelli per i quali è stato scritto prima.

Comincerò l’analisi però pubblicando anche i motti dei papi del ‘500 fino a Sisto V per dimostrare come sia evidente che siano stati scritti prima dell’elezione per la precisione con la quale descrivono determinati elementi biografici (non è necessario pubblicare quelli ancora precedenti poiché la tecnica è la stessa).

In effetti questi motti descrivono sempre: il nome del papa (personale o di famiglia), i luoghi del papa (nascita o sede ecclesiastica), elementi di natura prettamente biografica o lo stemma araldico.

I motti profetici invece ampliano il loro ambito di interpretazione: si aggiungono elementi salienti che si sono verificati nel corso del pontificato oppure elementi della personalità o del carattere del papa in questione. Non di meno si osserverà che diversi motti mantengono invece l’impianto strutturale di quelli precedenti a Sisto V, in particolare elementi biografici ed araldici.

Ad ogni motto assocerò una piccola didascalia: biografico (se il motto descrive elementi biografici), araldico (se il motto descrive lo stemma), pontificale (se il motto descrive episodi centrali del pontificato), caratteriale (se il motto descrive il temperamento del papa).

Ovviamente questo scritto non ha la pretesa di dare una risposta definitiva all’interpretazione dei motti, ma di contribuire a chiarire alcuni aspetti rimasti ancora misteriosi.

Si noterà alla fine come i motti profetici siano realmente straordinari nell’identificare i papi. I motti da Celestino II fino a Sisto V sono 73; fino a Benedetto XVI (che per ora considero l’ultimo papa identificato chiaramente da un motto) sono 38.

Cominciamo dunque l’analisi dal papa Pio III.

61 De parvo homine – Piccolo uomo

Pio III – Francesco Todeschini Piccolomini (1503)

Biografico.

Il motto descrive il cognome materno del papa: Piccolomini.

62 Fructus Iovis juvabit – Il frutto di Giove gioverà

Giulio II – Giuliano della Rovere (1503-1513)

Araldico, biografico.

L’emblema di Giuliano della Rovere era una quercia, albero sacro a Giove, che richiama ovviamente il nome di famiglia “della Rovere”.

63 De craticula Politiana – Graticola Poliziana

Leone X – Giovanni di Lorenzo de’ Medici (1513-1521)

Biografico.

Giovanni era figlio di Lorenzo de’ Medici il cui nome richiama San Lorenzo, martirizzato sulla famosa graticola. L’espressione Politiana deriva invece da Angelo Poliziano, noto umanista e letterato di cui egli fu discepolo, come appassionato di letteratura, alla corte del padre.

64 Leo florentius – Leone florenzio

Adriano VI – Adriaan Florenszoon (1522-1523)

Araldico, biografico.

Adriano VI è l’ ultimo papa non italiano prima di Wojtyla; aveva nello stemma due leoni rampanti. Il motto richiama anche il nome “fiorenzo” del pontefice.

65 Flos pilei aegri – Il fiore del pileo malato

Clemente VII – Giulio Zanobi di Giuliano de’ Medici (1523-1534).

Araldico, biografico.

Clemente VII fu eletto giovane e morì relativamente giovane, di malattie che lo tormentavano. Il fiore è in riferimento a Firenze sua città Natale, mentre il pileo è il copricapo che i papi del tempo indossavano e che è ben visibile nei ritratti ufficiali.

66 Hyacinthus medicorum – Giacinto dei medici

Paolo III – Alessandro Farnese (1534-1549)

Araldico, biografico.

Alessandro Farnese era cardinale dei Santi Cosma e Damiano, protettori dei medici (nonché successore di un Medici). Aveva inoltre dei gigli nel suo stemma.

67 De corona montana – Corona di montagna

Giulio III – Giovanni Maria Ciocchi del Monte (1550-1555).

Araldico, biografico.

Giovanni Maria Ciocchi del Monte aveva uno stemma che raffigurava due corone di alloro e due montini araldici (che richiamano il nome di famiglia “del Monte”).

68 Frumentum floccidum – Frumento floccido

Marcello II – Marcello Cervini degli Spannocchi (1555)

Araldico, biografico.

Marcello Cervini aveva uno stemma che raffigurava un cervo e del frumento (nome di famiglia degli Spannocchi e dei Cervini). Il floccidum sta ad intendere la breve durata del suo pontificato di soli 23 giorni.

69 De fide Petri – La fede di Pietro

Paolo IV – Gian Pietro Carafa (1555-1559)

Biografico.

Il motto indica il nome del papa, Pietro, con l’incarico da lui ricoperto prima di diventare pontefice. Era infatti a capo del tribunale dell’Inquisizione, tribunale della fede.

70 Esculapii pharmacum – La medicina di Esculapio

Pio IV – Giovanni Angelo Medici di Marignano (1559-1565)

Biografico.

Il motto è un gioco di parole per indicare la famiglia del Pontefice, quella dei Medici. Esculapio infatti era il dio della medicina.

71 Angelus nemorosus – Angelo del bosco

Pio V – Michele Ghislieri (1566-1572)

Biografico.

Il motto descrive il nome da sacerdote scelto dal papa (che si chiamava Antonio), ovvero quello dell’arcangelo Michele. Nemorosus indica invece il luogo di nascita, Bosco Marengo.

72 Medium corpus pilarum – Mezzo corpo delle palle

Gregorio XIII – Ugo Boncompagni (1572-1585)

Araldico, biografico.

Ugo Boncompagni aveva nello stemma un mezzo drago. Le “palle” indicano lo stemma araldico del papa Pio IV, un Medici, che lo nominò cardinale, rendendolo dunque eleggibile al seggio petrino.

73 Axis in medietate signi – Asse nel mezzo del segno

Sisto V – Felice Peretti da Montalto (1585-1590).

Araldico.

Felice Perretti aveva come stemma un leone rampante diviso a metà da un asse diagonale.

Come si può vedere fino a questo momento i motti sono facilmente associabili ai papi purchè si abbiano informazioni biografiche ed araldiche tipicamente disponibili nelle biografie del tempo.

Ora invece l’ambito di attribuzione dei motti si amplia andando a ricomprendere aspetti storici e personali che identificano i singoli pontificati.

74 De rore coeli – La rugiada del cielo

Urbano VII – Giovanni Battista Castagna (1590)

Biografico.

Secondo il Chacon che scrisse il primo commentario ufficiale dei motti nel libro Lugnum Vitae la rugiada del cielo è la manna, che nel nostro caso è una resina raccolta dagli alberi necessaria a vari preparati. Questa resina, chiamata appunto manna, era prodotta fra la Sicilia e la Calabria. Il Castagna era vescvo di Rossano, una di queste località di raccolta. Piccola nota: Castagna è anche il nome della località nei pressi della quale sorgeva l’Abbazia di Corazzo di Gioacchino da Fiore.

75 Ex antiquitate Urbis – Dall’antica città

Gregorio XIV – Niccolò Sfrondati (1590-1591)

Biografico.

Gregorio XIV fu il successore di Urbano VII. Urbis ha l’iniziale maiuscola ad indicare Roma, ma anche il nome del papa. E’ il papa venuto dopo Urbano, antico perchè lo ha preceduto.

76 Pia civitas in bello – La pia città in guerra

Innocenzo IX – Giovanni Antonio Facchinetti de Nuce (1591)

Pontificale.

Innocenzo IX fu effettivamente il primo papa a doversi occupare della spinosa questione della successione al trono di Francia di Enrico IV di Borbone che era protestante. Sisto V lo aveva scomunicato ed aveva approntato, nell’ultimo periodo del suo pontificato, un esercito da inviare in Francia per sostenere la causa cattolica. I successori hanno regnato tutti pochissimo tempo e così la “grana” è passata ad Innocenzo. La città santa era di fatto in guerra con la figlia primogenita della Chiesa, la Francia. Una guerra di religione.

77 Crux Romulea – Croce Romulea

Clemente VIII – Ippolito Aldobrandini (1592-1605)

Pontificale.

Come abbiamo visto l’Aldobrandini era amico di San Filippo Neri. Scelse il nome Clemente sotto indicazione del Santo, fu da lui guarito dalla gotta e a lui si rivolse per risolvere la questione della successione al trono di Francia. Il pontificato è sotto il segno del grande Santo fiorentino il cui nome completo era Filippo ROMOLO Neri. Romulea infatti è con la maiuscola.

78 Undosus vir – Uomo ondoso

Leone XI – Alessandro di Ottaviano de’ Medici di Ottajano (1605)

Pontificale, biografico.

E’ stato uno dei pontificati più brevi della storia, passato veloce come un’onda. La malattia che lo fulminò fu presa durante una giornata di pioggia e vento.

79 Gens perversa – Gente perversa

Paolo V – Camillo Borghese (1605-1621)

Biografico.

Camillo Borghese prima di diventare papa era a capo della Santa Inquisizione ed aveva a che fare con gli eretici, gens perversa appunto.

80 In tribulatione pacis – Nella tribolazione della pace

Gregorio XV – Alessandro Ludovisi (1621-1623)

Pontificale.

Alessandro Ludovisi è stato il papa dell’inizio della guerra dei trent’anni. Tutto il suo breve pontificato è stato dedicato al tentativo di trovare la pace fra le nazioni europee in guerra.

81 Lilium et rosa – Giglio e rosa

Urbano VIII – Maffeo Barberini (1623-1644).

Araldico.

Lo stemma di Maffeo Barberini era animato da api le quali, come si sa, volano sui fiori fra i quali i gigli e le rose, fiori prediletti della fede cattolica. Sotto il suo pontificato avviene il matrimonio fra Carlo I Stuart ed Enrichetta Maria di Borbone: è l’unione fra il giglio di Francia e la rosa d’Inghilterra.

82 Jucunditas crucis – La gioia della croce

Innocenzo X – Giovanni Battista Pamphili (1644-1655)

Pontificale.

Giovanni Battista Pamphili fu proclamato papa nel giorno successivo alla festa dell’Esaltazione della Santa Croce. Inoltre nel suo pontificato c’è un record particolare: in undici anni ben quattro Giubilei, uno ordinario e tre straordinari. La croce che salva con gioia dopo il pentimento.

83 Montium custos – Custode dei monti

Alessandro VII – Fabio Chigi (1655-1667)

Araldico.

Lo stemma di Alessandro VII presenta i classici montini araldici sormontati dalla stella, custode. Un motto dallo stile ante Sisto V.

84 Sydus olorum – La stella dei cigni

Clemente IX – Giulio Rospigliosi (1667-1669)

Biografico, caratteriale.

In rete si trova la notizia che l’elezione di Giulio Rospigliosi avvenne nella camera dei cigni. Personalmente non ho trovato riferimenti all’esistenza di una simile camera e all’eventuale elezione in essa di Clemente IX. Ci sono però notevolissime attinenze di questo motto al papa. La stella dei cigni richiama la costellazione del Cigno che sorge proprio in concomitanza con l’elezione di Clemente IX, il 20 Giugno, per tramontare a Novembre. Il papa fu eletto grazie all’appoggio determinante di una fazione di cardinali che si faceva chiamare “lo squadrone volante”, capeggiata dal cardinale Decio Azzolino, proprio come uno stormo di cigni in volo. Ultimo dato: il papa era un famoso compositore di opere e melodrammi e i cigni nella cultura classica erano gli animali cari ad Apollo come protettore delle arti di cui musica e poesia erano regine. Giuglio Rospigliosi è stato la stella (in quanto papa) dei poeti.

85 De flumine magno – Il grande fiume

Clemente X – Emilio Altieri (1670-1676)

Biografico.

Il grande fiume è il Tevere. Emilio Altieri fu eletto papa in un giorno in cui si dice che il fiume Tevere fosse in piena (flumine magno). Non ho trovato la notizia di uno straripamento nel 1670 (potrebbe però esserci stata una piena), ma secondo una versione pubblicata al tempo dell’Altieri la piena con straripamento sarebbe avvenuta nel giorno della sua nascita; in alternativa si può dire che la famiglia Altieri è un’antichissima famiglia romana le cui origini risalgono alla gens Hostilia di Roma, primo nucleo fondativo insieme a Romolo della città che sorge sul Tevere. Dunque un papa romano.

Come curiosità si può citare il fatto che gran parte dei possedimenti terrieri erano nelle campagne intorno al fiume Mignone, il cui nome invece significa “piccolo”.

86 Bellua insatiabilis – Belva insaziabile

Innocenzo XI – Benedetto Odescalchi (1676-1689)

Araldico.

Benedetto Odescalchi aveva nello stemma un’aquila e un leone.

87 Poenitentia gloriosa – Penitenza gloriosa

Alessandro VIII – Pietro Vito Ottoboni (1689-1691)

Biografico.

L’elezione di Pietro Ottoboni avvenne nel giorno di San Bruno di Colonia, conosciuto come San Brunone, il Santo della Penitenza. Le prime medaglie che fece coniare dopo la sua elezione raffiguravano San Bruno con il motto malachiano.

88 Rastrum in porta – Il Rastrello nella porta

Innocenzo XII – Antonio Pignatelli di Spinazzola (1691-1700)

Biografico.

Innocenzo II apparteneva alla famiglia Pignatelli del ramo di Spinazzola. Un ramo di questa famiglia era conosciuto come Pignatelli del Rastrello, avendo ricevuto l’insegna araldica dalla famiglia Angiò del Regno di Napoli. I Pignatelli di Napoli risiedevano in un palazzo presso quella che era chiamata Porta del Ratrello. Questo motto per le sue peculiari caratteristiche sembra appartenere a quelli dei papi antecedenti Sisto V.

89 Flores circundati – Ornato di fiori

Clemente XI – Giovanni Francesco Abani (1700-1721)

Araldico.

Forse per adeguarsi al motto di San Malachia, Giovanni Francesco Albani fece incorniciare il suo stemma con i fiori, come solevano fare gli Albani della sua famiglia.

90 De bona religione – La buona religione

Innocenzo XIII – Michelangelo Conti (1721-1724).

Pontificale.

Innocenzo XIII lottò assiduamente contro le eresie, in particolare il giansenismo. Pubblicò la costituzione apostolica Apostolici ministerii contro il rilassamento dei costumi del clero, in particolare l’iberico.

91 Miles in bello – Soldati in guerra

Benedetto XIII – Pietro Francesco Orsini (1724-1730)

Pontificale.

Il pontificato di papa Orsini fu contrassegnato dalle guerre di successione. Pubblicò inoltre la costituzione apostolica Ex quo divina nella quale si disciplina il duello per i Cavalieri dell’Ordine di Malta.

92 Columna excelsa – Colonna eccelsa

Clemente XII – Lorenzo Corsini (1730-1740)

Pontificale.

Clemente XII è il papa delle grandi opere architettoniche nello Stato Pontificio.

93 Animal rurale – Animale di campagna

Benedetto XIV – Prospero Lorenzo Lambertini (1740-1758)

Caratteriale.

Prospero Lambertini era considerato un uomo dalla grande ilarità. Il Conclave che lo elesse fu molto lungo, i cardinali non si decidevano. Si dice che il futuro papa disse: “ Se vorranno eleggere un asino, eleggeranno me.” E ancora “Volete un Santo? Scegliete Gotti. Volete uno statista? Scegliete Aldobrandini. Volete un uomo onesto? Scegliete me.” La sua personalità umile e lavoratrice è rispecchiata nel motto di San Malachia. Per questo a volte lo chiamavano “bue”.

Pubblicò il De Servorum Dei Beatificatione et Beatorum Canonizatione che Pio XII paragonò alla “summa theologica” di San Tommaso, il “bue muto”.

94 Rosa Umbriae – La rosa dell’Umbria

Clemente XIII – Carlo della Torre di Rezzonico (1758-1769)

Biografico.

Clemente XIII prima di diventare papa fu Governatore di Rieti che al tempo era una città compresa nella provincia dell’Umbria. Fin dall’Impero Romano la zona di Rieti era celebre per le rose.

95 Ursus velox – Orso veloce

Clemente XIV – Lorenzo Ganganelli (1769-1774)

Pontificale.

Lorenzo Ganganelli è passato alla storia per aver sciolto l’ordine dei Gesuiti. Nel libro di Daniele ed in Apocalisse l’orso è usato per rappresentare le bestie che si ergono contro Dio; sono immagine del potere politico che vuole combattere la vera fede. In quel tempo, sotto il pontificato del predecessore, Clemente XIII, la potente famiglia dei Borbone si erse contro l’Ordine dei Gesuiti. I Borbone governavano il Portogallo, la Spagna, la Francia, Parma e il meridione d’Italia. Sotto una fortissima pressione papa Ganganelli fu costretto a cedere e a sciogliere subito l’ordine (dopo appena due mesi dall’elezione). Questa pressione fu esercitata fin dal Conclave dove i Borbone volevano risolvere velocemente la questione con un papa a loro gradito.

96 Peregrinus apostolicus – Pellegrino apostolico

Pio VI – Giovanni Angelo Braschi (1774-1799)

Pontificale.

Giovanni Angelo Braschi prese la storica decisione di lasciare Roma per compiere un viaggio diplomatico a Vienna per tentare di convincere l’imperatore Giuseppe II ad abrogare delle misure anticlericali da lui adottate sotto l’influsso dei filosofi illuministi; poi, scoppiata la Rivoluzione Francese, fu fatto prigioniero dai napoleonici e condotto da questi prima a Siena, poi a Bologna, a Parma ed infine a Torino. Da qui fu condotto in Francia dove morì in esilio a Valence. In tutte le città dove venne condotto gli fu reso onore. Il suo fu, a tutti gli effetti, un pellegrinaggio apostolico di martirio.

97 Aquila rapax – Aquila rapace

Pio VII – Barnaba Niccolò Chiaramonti (1800-1823)

Pontificale, araldico.

L’aquila rapace è l’Imperatore di Francia Napoleone Bonaparte (aquila come simbolo imperiale) che prese prigioniero Pio VII e, come il predecessore, lo spostò di città in città fino a farlo giungere in Francia. Dopo la caduta di Napoleone Pio VII riuscì a tornare a Roma accolto come un eroe.

Da notare nello stemma araldico la croce benedettina con la scritta PAX che richiama il rapax del motto.

98 Canis et coluber – Il cane e il serpente

Leone XII – Annibale Clemente della Genga (1823-1829)

Pontificale.

Leone XII è ricordato come il papa che affrontò più duramente le società segrete come la Carboneria con l’ordine di reprimerla. Nel suo motto abbiamo i nemici che si affrontano: il cane che difende il gregge dagli attacchi del serpente massonico.

99 Vir religiosus – Uomo religioso

Pio VIII – Francesco Saverio Castiglioni (1829-1830)

Caratteriale.

Papa Castiglioni era conosciuto come un uomo molto pio e moderato nei suoi comportamenti.

100 De balneis Etruriae – Dalle terme d’Etruria

Gregorio XVI – Bartolomeo Alberto Cappellari (1831-1846)

Biografico.

Questo motto sembra scritto come quelli prima di Sisto V. Bartolomeo Alberto Cappellari era stato generale dell’ordine dei Camaldolesi, ordine nato in terra di Etruria, a Camaldoli, nella regione il cui nome romano era Balnea, essendo ricca di acque termali.

101 Crux de cruce – Croce da croce

Pio IX – Giovanni Maria Mastai Ferretti (1846-1878)

Pontificale.

Uno dei motti più significativi. Pio IX ebbe il pontificato più lungo della storia dopo quello di San Pietro; fu funestato dalla croce della perdita della sovranità territoriale e di una persecuzione in terra d’Italia come non se ne vedevano dai tempi dell’Impero Romano a causa di un’altra croce, questa volta araldica, dello stemma di casa Savoia. Fu a causa di questi fatti che venne profetizzata la fine del ramo principale dei Savoia, reso sterile dal grande tradimento e destinato ad essere sostituito dal ramo cadetto degli Aosta.

102 Lumen de coelo – Luce dal cielo

Leone XIII – Vincenzo Gioacchino Pecci (1878-1903)

Araldico.

Un motto anche questo di stampo antico. Lo stemma di Leone XIII aveva una stella cometa sullo sfondo del cielo.

103 Ignis ardens – Fuoco ardente

Pio X – Giuseppe Melchiorre Sarto (1903-1914)

Caratteriale.

Lo zelo per la fede arde il papa San Pio X. Pubblica il catechismo, combatte il modernismo, madre di tutte le eresie. Primo papa santo dopo molto tempo.

104 Religio depopulata – Religione spopolata

Benedetto XV – Giacomo della Chiesa (1914-1922)

Pontificale.

Benedetto XV dovette vivere il tempo della Prima Guerra Mondiale, l’inutile strage da lui proclamata, senza trovare ascolto nei governanti europei. Milioni di cristiani morti.

105 Fides intrepida – Fede impavida

Pio XI – Achille Ratti (1922-1939)

Pontificale, biografico.

Pio XI predicò con gran coraggio contro il comunismo e soprattutto contro il nazionalsocialismo. Si ricorda la famosa enciclica in tedesco Mit Brennender Sorge, “Con ardente preoccupazione”, con la quale denunciò apertamente i nazisti. Intrepido come l’eroe greco di cui portava il nome, Achille.

106 Pastor angelicus – Pastore angelico

Pio XII – Eugenio Pacelli (1939-1958)

Pontificale, biografico.

Eugenio Pacelli fu appellato da vivo come il “pastor angelicus” della profezia di San Malachia. Come abbiamo visto la stessa espressione è usata da Gesù nelle sue rivelazioni private alla mistica Suor Elena Aiello. Il cognome del papa, come disse lo stesso Pio XII, significa “pace del Cielo” (Pax coeli – Pacelli), attributo che veniva associato nel Medioevo all’archetipo del “pastor angelicus”.

107 Pastor et nauta – Pastore e navigante

Giovanni XXIII – Angelo Giuseppe Roncalli (1958-1963)

Biografico.

Un motto scritto come gli antichi. Roncalli prima di diventare papa era Patriarca di Venezia, Repubblica marinara per eccellenza, da cui il motto “pastore e navigante”.

108 Flos florum – Il fiore dei fiori

Paolo VI – Giovanni Basttista Montini (1963-1978)

Araldico.

Anche questo motto sembra scritto come quelli antichi. Il fiore dei fiori, ovvero il papa dei fiori per eccellenza, i gigli, che compaiono nello stemma di Paolo VI.

109 De medietate lunae – La mezza luna

Giovanni Paolo I – Albino Luciani (1978)

Biografico.

Il breve pontificato di Albino Luciani (33 giorni) è cominciato con una mezzaluna ed è finito con un’altra mezzaluna. Il nome del papa ricorda la “luce albina”, tipica della luna.

110 De labore solis – L’eclisse di sole

Giovanni Paolo II – Karol Wojtyla (1978 – 2005)

Biografico, pontificale.

Dopo la Luna, il Sole. Giovanni Paolo II nacque in un giorno con un’eclisse di sole (18 Maggio 1920) ed il suo funerale fu celebrato in un giorno con un’altra eclisse di sole (8 Aprile 2005). Il papa polacco più di tutti i predecessori ha viaggiato letteralmente intorno al mondo come pellegrino apostolico così come il sole gira intorno alla Terra.

111 Gloria olivae – La gloria dell’ulivo

Benedetto XVI – Joseph Aloisius Ratzinger (2005 – 2013)

Pontificale.

La storia del pontificato di Benedetto XVI deve ancora essere scritta. La Gloria dell’Ulivo è la gloria della passione di Cristo che comincia nell’Orto degli Ulivi con l’abbandono degli Apostoli ed il tradimento di Giuda. Ratzinger ha vissuto allo stesso modo l’abbandono ed il tradimento dei suoi. Con la sua dipartita, come profetizzato da più parti, è incominciata la “fine dei tempi” che porterà la Chiesa ed il mondo al culmine della Passione prima della Resurrezione.

Giunti alla fine possiamo dire che complessivamente i motti dopo Sisto V possono essere divisi in questi gruppi:

Motti Biografici: 10

Motti Caratteriali: 3

Motti Araldici: 6

Motti Pontificali: 13

Motti Araldici/Pontificali: 1

Motti Biografici/Pontificali: 4

Motti Biografici/Caratteriali: 1

Come si può vedere i motti si dividono equamente fra quelli che identificano tratti biografici/araldici dei papi e quelli che identificano elementi caratteriali o del pontificato. Per i motti biografici/araldici simili nella struttura a quelli antecedenti Urbano VII la differenza principale con questi sta in una minore capacità descrittiva del singolo aspetto del pontefice a testimonianza del fatto che sono prettamente profetici. Essi si integrano bene con quelli che invece descrivono il pontificato o evidenziano la personalità del papa.

La profezia di San Malachia dunque non solo ha una evidente e strutturale anima profetica ma permette di indicare agli uomini una cronologia della fine dei tempi scadenzata dall’indicazione concreta dei papi che ne faranno parte alzando tuttavia un misterioso velo alla sua fine quasi ad offuscare non il tempo, ma il modo in cui avverrà la sua conclusione. Questo velo ricorda “il muro di fuoco” della profezia di Orval che impediva al veggente di vedere il tempo dell’Anticristo dopo l’apparizione e la missione del grande monarca.

In articoli precedenti abbiamo provato a spostare il velo della fine della profezia di San Malachia alla luce delle testimonianze e profezie provenienti da altri luoghi e tempi. Considerato che si tratta di eventi che stiamo vivendo direttamente, in un prossimo articolo proverò ad indagare ulteriormente il mistero del Petrus Romanus.

Commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
213 Commenti
Le più vecchie
Le più nuove
Feedbacks in linea
Vedi tutti i commenti
Vimana
Vimana
10 mesi fa

“…Non è che tornerai alla carica, inserendo in un prossimo “annuncio”, anche altri della stessa genìa di Giorgio Bongiovanni, Luz De Maria o ROYAL DEVICE?”
Da Bongiovanni mi sono staccato nel febbraio 2020 anche se secondo me fino al 2000 era sulla giusta strada, nel 2000 si schierò contro la chiesa e si fece possedere dai demoni. A Luz De Maria non ci credo più. Royal Device non è un profeta vero o falso, fa degli studi e certe volte dice cose interessanti, cmq è da tempo che non vado nel sito e non mi sembra di aver mai postato niente.
PS È grazie a Bongiovanni che nel 98 sono tornato a credere in Gesù e nel 99 mi sono consacrato a San Martino di schio la mia città, veggente Renato Baron appoggiato anche da Suor Pura Pagani in odore di santità
.

mario mancusi
Mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Vimana

Il problema è Manduria, non ci perdere tempo, Edson Glauber i suoi messaggi si sono dimostrati contraddittori, per Anguera il futuro ci dirà cose sono veri , idem per medjugorie.

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Remox, hai già espresso la tua ipotesi in un commento del tuo articolo:

IL MISTERO DELLA PROFEZIA SUI PAPI: CHI E’ L’AUTORE? (Ultima Parte) del 28/02/2023 ——–>
 
“Per Cesare (figlio di Nostradamus) è Sisto V (ad essere “la meraviglia del suo secolo”)
E per Nostradamus? (quartina 394: Di cinquecento anni più il conto non terrà, Colui che fu l’ornamento del suo tempo…..)

La mia teoria è che sia l’Abate Tritemio, l’inventore della steganografia e lo scrittore del “Trattato sulle intelligenze celesti” che Nostradamus usa come base per comporre le due epistole delle Centurie al figlio Cesare e al Re Enrico II.
In questo trattato il tempo profetico comincia nel 1525. Potrebbe essere questa la data inziale del computo di 500 anni”.

 
Quindi in base alla tua ipotesi, per Nostradamus, “l’ornamento del suo tempo” , sarebbe proprio l’abate Tritemio, colui che “fa partire la profezia dal 1525. Fra il 1508 e il 1525, dice, sorgerà un nuovo culto che romperà l’Unità. E’ l’annuncio della rivolta di Lutero del 1517. Dal 1525 cominciano gli ultimi due cicli.”
 
Tutto molto interessante! Grazie Remox!

 
Nel tuo articolo ha scritto un particolare sul sole, che mi ha incuriosito, nella seguente frase:

“…..Il papa polacco più di tutti i predecessori ha viaggiato letteralmente intorno al mondo come pellegrino apostolico così come il sole gira intorno alla Terra.”

Perché hai scritto che “il sole gira intorno alla Terra”?

È un lapsus?

Oppure facevi un velato riferimento al “miracolo del Sole” di Fatima, il 13 ottobre 2017?
In cui il sole, sembrava uscito dal suo posto, girando e fluttuando vorticosamente?

Grazie saluti.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Secondo le analisi di Combrette a cui credo , la terra è al centro dell’universo, anzi Cristo è morto esattamente nel punto esatto del centro geografico dell’intero Universo. Tutta la creazione è Cristocentrica ed è perfettamente corretto pensare che il luogo dove Dio si è incarnato sia posto al centro del Creato. La falsa scienza degli ultimi secoli figlia dell’ illuminismo ha cercato con ogni mezzo di negare le verità della Bibbia, l’uomo discende dalla scimmia, auto genesi spontanea, la terra che gira intorno al Sole eccc

https://crombette.altervista.org/

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

“……il lavoro del sole. Così come lo vedevano nel 500 ovviamente.”

Adesso mi è chiaro! Nel 500 si pensava, che “il lavoro del sole”, fosse quello di girare intorno alla Terra.

Adesso non lo pensano più.

E rispondendo anche a Mario Mancusi, chissà se, nei tempi del Grande Monarca, sarà riabilitato Fernand Crombette, e la sua teoria geo-centrica.
Chi vivrà vedrà!

un saluto a tutti.

Skabu
Skabu
10 mesi fa

In merito agli eventi presenti e futuri, in relazione alle apparizioni di Garabandal, segnalo questa interessante intervista (di ieri 23/03/23) ad conoscente molto stretto di Conchita.

Al minuto 31 i tre segni che devono accedere prima dell’avvertimento:

1) Un importante sinodo (la Chiesa hai iniziato ad usare la parola Sinodo solo 1967, 5 anni dopo che Conchita ha avuto questa indicazione)

2) Il ritorno del comunismo

3) Il ritorno del papa da un viaggio a Mosca, e quando ritornerà ci saranno una

https://spiritodiveritatv.com/2023/03/22/mistici-e-profeti-undicesima-puntata-giovedi-23-marzo-ore-19-00-garabandal-intervista-esclusiva-a-glenn-hudson-amico-di-conchita-gonzales/

Grump
Grump
10 mesi fa
Rispondi a  Skabu

Il ritorno del comunismo. Intanto le élite occidentali stanno facendo di tutto per portarci nel baratro.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Grump

Dott.g.i.

L’ordine corretto è questo:
– Prima c’è un Sinodo importante;
– poi c’è il viaggio del Papa in Russia, a Mosca;
– al ritorno in Vaticano da questo viaggio, scoppiano rivolte in Europa;
– inizia la Tribolazione comunista, con gravi persecuzioni alla Chiesa;
– il Papa non può restare a Roma ed è costretto a fuggire;
– c’è uno scisma;
– al culmine di questa Tribolazione (comunista), nel momento peggiore, Dio manda l’Avvertimento per illuminare le coscienze sulla Verità: la tempesta momentaneamente si calma.
– entro 12 mesi dall’Avvertimento accade il Miracolo, ecc…
Per ricordare bene i vari passaggi è meglio visualizzarli in immagini, per fissarli bene e non confonderli.
Prendo un’immagine dal sito portoghese: notare bene che la Grande Tribolazione (che non è ancora il Castigo) va dal viaggio del Papa fino all’Avvertimento.

http://nossasenhoradegarabandal.blogspot.com/2013/10/o-aviso.html

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Resta da capire se il viaggio del Papa ci sarà una volta finito il Sinodo oppure durante.
Le proteste in Francia quindi non c’entrano niente con quelle profetizzate a Garabandal?

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Si il sinodo è in due tappe ottobre 2023 e ottobre 2024 , bisogna vedere se questo viaggio si farà dopo questa prima fase, ( in tala caso, non potrà essere terminato), oppure bisognerà aspettarne la fine , per la Francia puo essere che sia la seconda fase, che porta alla fuga dei governanti e di fatto alla caduta della Repubblica a iniziare con il ritorno del Papa da Mosca.

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

PROFEZIA DI Marie-Julie, 27 aprile 1877:

Le grida di allarme e di disperazione si alzeranno verso il cielo. Il mese del Sacro Cuore (giugno) e del Mio Sangue (luglio), sarà il segnale della punizione, della guerra civile.

Quando il governo vedrà questi cambiamenti farà come un uccello, volerà in un altro paese e la Francia sarà libera di fare la sua rivoluzione.

Sarà in quel momento che bisognerà fuggire da Parigi.

——-

CONTINUANO INCESSANTI LE VIOLENTE E AFFOLLATE PROTESTE PER LA RIFORMA DELLE PENSIONI IN. LE PRINCIPALI CITTÀ FRANCESI SONO STATE MESSE A FERRO E FUOCO!

Raffaella
Raffaella
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

A mio parere, non avrebbe senso una distanza temporale così significativa tra il 2005 (ipotetica prima crisi) e il 2023. Più probabile, considerando che su questi anni convergono le profezie più attendibili, che questa sia la prima crisi.

Grump
Grump
10 mesi fa
Rispondi a  Raffaella

Veramente la prima potrebbe essere stata quella dei jilet jaunes prima della pandemia che è stata fine a se’ stessa. Però ricordiamo che il Presidente dovette pure parlare alla nazione in TV…

Knut73066
Knut73066
10 mesi fa

Salve, sono un neoiscritto. Chiedo se in qualche articolo precedente (oppure nei relativi commenti) è stata proposta qualche analisi del libro La mystérieuse prophétie des papes di René Thibaut del 1951 (ho provato a cercare nell’archivio, ma non ho trovato nulla). Grato per ogni segnalazione utile.

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Knut73066

Salve nuovo utente Knut73066,  questo è l’articolo dove se ne è parlato di René Thibaut:

VINO E SALE: UNA TRISTE MESCOLANZA
del 29  Giugno 2021
 
https://www.ducadeitempi.it/2021/06/vino-e-sale-una-triste-mescolanza/

 
Ne hanno parlato l’utente P.Riesz_  e l’utente dott. G.I. più o meno a metà dell’elenco commenti, il dott. G.I. non certo in termini positivi.

saluti

Knut73066
Knut73066
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Grazie.

dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  Knut73066

René Thibaut (1883-1952) è stato un gesuita e professore belga che ha studiato la lista dei papi attribuita a san Malachia. 
La sua opera, uscita con Imprimatur nel 1951 (LA MYSTÉRIEUSE PROPHÉTIE DES PAPES), è molto complessa e piena di calcoli astrusi, spesso non condivisibili.
Secondo l’autore, nella Profezia di Malachia c’è più di quanto possiamo immaginare (ed è vero).
La parte centrale del libro è dedicata ai grafici che tracciano la data della Pasqua negli anni, e gli anni bisestili, oltre a varie cifre, anagrammi e acrostici dei quali l’elenco dei Papi sarebbe pregno. L’analisi di Thibaut a quel punto si complica, anche se spiega con chiarezza le sue conclusioni: l’anno 1572 come partenza e l’anno 2012 come termine finale.
La data dell’anno 2012 è definita da Thibaut ripetutamente come la sostanziale conclusione dell’intero ciclo profetico malachiano.

Thibaut sostiene che la Profezia dei Papi è una vera profezia. Tuttavia, l’identità del vero profeta rimane poco chiara. L’autore della Profezia probabilmente non sarebbe san Malachia, ma qualcuno che avrebbe scritto sotto il nome del grande santo irlandese per onorarlo (p.7 ipotesi senza prove). Secondo p. Thibaut, il legato pontificio Sanderus, cioè Nicholas Sanders (1530-1581) potrebbe aver portato a Roma un antico documento contenente la Profezia durante il regno di san Pio V. Sanders trascorse molto tempo in Irlanda, che continuò ad essere cattolica nonostante Elisabetta I. Sanders ha scritto De visibili Monarchia Ecclesiae, in cui afferma che i regni dei papi sono la migliore “misura del tempo”. (pp. 23-24)
Thibaut ritiene che la Profezia, pubblicata da Wion nel 1595, abbia caratteristiche che indicano un documento più antico di origine celtica.

Dei 111 motti che descrivono tutti i papi e gli antipapi dal 1143 ad oggi, p. Thibaut afferma che mentre i primi 71 motti sono stati manomessi da un falsario, gli ultimi 40, che coprono gli anni dal 1572 al 2012, sono inalterati. L’anno 2012 viene ripetutamente sottolineato come coincidente con l’ultimo Papa della lista, la “Gloria dell’ulivo”. Thibaut “dimostra” il calcolo dell’anno 2012 con una serie di presunti grafici. Poiché gli ultimi 40 papi della parte autentica della profezia abbracciano quattro secoli, con una media di undici anni per regno, egli calcola 440 anni dal 1572 (Pio V muore alla data del 1° maggio del 1572): 1572 + 440 = 2012. (pp. 22-23) 

Thibaut afferma che il 2012 segnerà la fine di un’era nella storia della Chiesa e fa l’esempio della distruzione di Gerusalemme nel 70 d. C., la caduta di Roma (476 d. C.) oppure la Riforma protestante nel 1517, ecc. Noi sappiamo da Garabandal che è la fine dei tempi.

Molte cose sono vere, ovviamente, ma ci sono anche molte teorie astruse, che non sono provate.
Per esempio, “Petrus Romanus” non sarebbe un futuro papa, ma piuttosto simboleggerebbe tutti i romani pontefici da San Pietro. La distruzione di Roma potrebbe non seguire immediatamente dopo la fine dell’era nel 2012, ma potrebbe avvenire in un secondo momento. Per esempio, ipotizza che non sia impensabile che in futuro i Papi possano cambiare residenza e governare la Chiesa da un luogo diverso dalla città di Roma. (p.22) 

A pagina 101, conclude: “L’année 2012 dira si, oui ou non, le « prophète » a vu clair.”

Molte ipotesi e teorie.

Le cose che approvo sono che 1) egli ritenga la profezia autentica (anche se in parte) e 2) di origine celtica. Altre cose sono discutibili.
Thibaut insiste sul fatto che la Profezia è autentica, perché così spesso negli ultimi 400 anni i motti hanno descritto accuratamente i papi, troppe volte perché fosse un puro caso. Questo è verissimo e lo dirò anch’io nel prossimo articolo. Infatti, non è vero, come si ripete in giro in rete, che i motti a partire dal “De antiquitate Urbis” siano vaghi, mentre solo i primi sarebbero precisi, basati sugli stemmi araldici.
Ho trovato una prova che retrodata la profezia dal 1587 a prima del 1585, cioè a prima che venisse eletto Sisto V (devo solo concludere alcune doverose verifiche).

Chi volesse leggere il libretto di Thibaut in originale (francese) è qui:
https://docplayer.fr/115589272-La-mysterieuse-prophetie-des-papes.html

Knut73066
Knut73066
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

Grazie.

Vimana
Vimana
10 mesi fa

Ah mi sono dimenticato di dirvi che credo anche a Valeria Copponi 😀

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Vimana

insomma, non ti fai mancare nulla…

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

E ai terrapiattisti?

Vimana
Vimana
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Ah- ah- ah- :p

NICOLA_Z
10 mesi fa

DEUTSCHE BANK CROLLA: C’È IL RISCHIO FALLIMENTO?
24 Marzo 2023

Deutsche Bank affonda in Borsa e manda in tilt tutto il settore bancario europeo: cosa succede e perché ora si teme l’instabilità finanziaria anche in Europa.
 
https://www.money.it/deutsche-bank-crolla-c-e-rischio-fallimento

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Se mai dovesse sussedere (gli euroinomani sperano mai, o al massimo fra qualche secolo),
il fallimento di Lehman Brothers apparirebbe al suo confronto una passeggiata di salute!!!!

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Prima o poi il tonfo ci sarà: l’occidente è decotto.

mario mancusi
10 mesi fa

Dott.G.I. Potresti chiarire l’affermazione di Conchita di Garabandal che disse che due pianeti erano abitati da anime del purgatorio? Inoltre mi sembra di ricordare che il giorno del miracolo non può essere il 15 perché escluso dalla Madonna (coincidente con la festa dell’Assunzione), se fosse così perché dire che il miracolo deve accadere tra l’8 e il 16 di aprile , non sarebbe stato più logico dire tra l’8 e il 14? A me no che, il giorno 16 non sia effettivamente il giorno del Miracolo, e quindi aveva un senso estendere l’intervallo fino al 16?? Grazie

dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

“Potresti chiarire l’affermazione di Conchita di Garabandal che disse che due pianeti erano abitati da anime del purgatorio?” (mario mancusi)

Conchita non ha mai detto questo. Fu il fratello di Conchita, Serafin, a ipotizzare una cosa del genere. Ma fu soltanto una sua opinione personale.
Riprendo un vecchio commento.

L’episodio di Garabandal, che ha avuto per protagonista della visione Conchita, risale a giovedì, 20 dicembre 1962.
Il fatto è vero e ha avuto molti testimoni auricolari presenti in loco (alla visione) ed è riportato in alcuni libri su Garabandal. Resta però il problema di come interpretarlo.
Pertanto, bisogna distinguere la veridicità del fatto, dalla interpretazione che si può dare di esso.
Dico questo, perché i presenti vedevano Conchita e sentivano le sue parole, ma non vedevano la visione che vedeva Conchita: e ciò potrebbe creare malintesi nell’interpretazione di quelle parole.
L’episodio in oggetto riguarda uno di quei tanti “viaggi” che la Madonna faceva fare alle veggenti in altri luoghi della creazione. Il corpo delle ragazze era immobile e rigido ed esse con lo spirito “viaggiavano” altrove. Spesso capitava che durante la visione esse parlassero, pronunciando delle frasi che i presenti ascoltavano o registravano col magnetofono.

Durante le estasi, i loro corpi erano insensibili alle punture di spillo, ai rumori forti e ai flash luminosi, oltre che alle luci ad alta intensità puntate contro gli occhi. Sotto gli sguardi di tutti, le 4 veggenti erano immobilizzate nel tempo e nello spazio. Però sostenevano di viaggiare 
1) o nei cieli (cioè il regno dei cieli, dove è Dio e i santi); 
2) o nelle galassie (lo spazio cosmico, con stelle e pianeti);
3) o attraverso la Terra (in altri località della Terra), assieme alla Madre di Dio e al loro angelo custode. 

Dicevano di avere la completa percezione della presenza reciproca e di quella della Madonna e dei luoghi dove lei desiderava portarle.
Per tutta la durata dell’estasi, comunque, i loro corpi risultavano sempre rigidi, con le mani giunte in preghiera, lo sguardo fisso a qualcosa di invisibile agli altri.

Ebbene, alla visione del 20 dicembre 1962, erano presenti e testimoni alcuni sacerdoti e molte persone, tra cui il fratello di Conchita, Serafin, e la scrittrice spagnola Mercedes Salisachs.

Mentre Conchita parlava con la visione, i presenti le sentirono chiedere alla Vergine se c’era vita intelligente al di fuori del nostro pianeta. La Vergine rispose sorprendentemente: “Sì” e parlò a Conchita di due luoghi… Ma Conchita successivamente, non si ricordò se la Madonna avesse parlato di pianeti o di stelle (la ragazza aveva solo 13 anni).

Serafin Gonzalez, il fratello maggiore di Conchita, interrogato da molti autori di libri, ha confermato varie volte questo fatto, come si può leggere anche qui:

http://www.garabandal.us/pdfs/every_come.pdf

«It has been reported that during the apparitions, the virgin told Conchita there were people living in outer space or on other planets. Can you say anything about this ?
Serafin: I remember having heard that. I personally think that all those spaces or other worlds referred to meant those places where the angels, the saints or souls in purgatory dwelt.»

Domanda:
«È stato riportato che durante le apparizioni, la Vergine abbia detto a Conchita che ci sono esseri viventi nello spazio esterno o su altri pianeti. Puoi dire qualcosa in merito? 
Serafin: 
Ricordo di aver sentito questo.»

Tuttavia, la sua personale opinione (sottolineo, personale) era che quegli esseri intelligenti fossero angeli o santi o anime del purgatorio.
Il che, ovviamente, non può essere (ma qui entriamo nel campo della difficile interpretazione).

La Beata Caterina Emmerich rivelò, invece, in una visione che gli spiriti degli angeli ribelli dimorano nell’aria, nello spazio e anche su alcuni pianeti.

Probabilmente, questi due luoghi della creazione che Conchita non ricordava erano stelle particolari.

Anche a Medjugorje, il 26 Giugno 1981 (Terza Apparizione), Marija riporta anche di aver chiesto: 
“C’è vita sugli altri pianeti?” 
a cui la Madonna rispose:

Questo non vi riguarda.

Poteva troncare ogni cosa rispondendo: no! 
Invece… sembra che risponda come Gesù nel Vangelo: 
“…per il momento non siete capaci di portarne il peso.” (Giovanni 16,12)

Riguardo al giorno 15, non c’è nessuna esclusione da parte della Madonna. Resta uno dei giorni possibili, tra l’8 e il 16 compresi. Nessuno l’ha mai escluso.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

Grazie per il 15 , l’avevo letto su aviso , come sempre non è mai attendibile, come giudichi l’intervista nel video su Garabandal riportato sopra ? Ho visto l’intervista,il testimone afferma che l’avvertimento sarà nello stesso anno solare del miracolo

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

“come giudichi l’intervista nel video su Garabandal riportato sopra ? Ho visto l’intervista,il testimone afferma che l’avvertimento sarà nello stesso anno solare del miracolo” (mario mancusi)

Sì, lo so, lo ha sempre detto. Glenn Hudson è un esperto di Garabandal e sa quello che dice. Si trovano altre sue interviste online. Già da giovane collaborava con Joey Lomangino nell’organizzazione “The Workers of Our Lady of Mount Carmel de Garabandal”, un’organizzazione religiosa senza scopo di lucro fondata nel 1968 proprio da Joey e con sede a New York. Amico di Conchita, è stato lui a diffondere il di lei messaggio del 19 marzo 2020. Ha una pagina Facebook sulla quale, d’accordo con Conchita, pubblicherà la data del Miracolo, quando verrà il momento. 
C’è un’altissima probabilità che i due eventi accadano nello stesso anno civile (febbraio-aprile).
Un solo anno, un annus terribilis e mirabilis insieme. La cosa però non è ufficiale e non si troverà mai una conferma ufficiale, perché la versione ufficiale è un arco di 12 mesi. Mari Loli ha lasciato la cosa nell’ambiguità, perché si è sempre attenuta alla versione ufficiale (alcuni dicono, concordata tra un sacerdote e lei). 

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

Questo è un elemento importante, in altra occasione hai detto che probabilmente l’avvertimento accadrà in un anno pari , pertanto combinando queste due cose si ha un ulteriore scrematura
2024 11 aprile
2026 9 o 16 aprile
2028 settimana di Pasqua
2030 11 Aprile

Le date probabili 2024 e 2026, 2030 troppo lontano a mio avviso.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

Questo vuol dire che non siamo soli nell’universo.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

La Beata Caterina Emmerich rivelò, invece, in una visione che gli spiriti degli angeli ribelli dimorano nell’aria, nello spazio e anche su alcuni pianeti.
Probabilmente, questi due luoghi della creazione che Conchita non ricordava erano stelle particolari.

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

 “Questo non vi riguarda.” Infatti non sappiamo nulla di certo: se qualcuno afferma qualcosa immediatamente sorge qualcun altro che afferma il contrario senza possibilità di stabilire una verità certa. La conclusione logica: coloro che ci governano, tutti gli esseri superiori senza eccezioni, non desiderano farci sapere la verità; vogliono solo sottometterci per i loro scopi nella loro lotta universale per la vita. Gli alieni e gli dei semplicemente fanno i loro interessi; da loro non possiamo ricevere nulla di sensato.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Negli scritti della Valtorta è scritto apertamente. Riporto qui sotto quel che solitamente si ignora con i copia ed incolla.
Ingrassetto quel che ritengo degno di nota

Solo Dio può ordinare il caos e popolarlo d’innumeri creature che formano il Creato. E questo potentissimo Creatore non ha avuto limitazioni nel suo creare, che fu molteplice, né nel creare creature già perfette, ognuna perfetta secondo il fine per il quale è stata creata.

(…)

Sarei un ben piccolo e limitato Iddio Creatore se non avessi creato che la Terra come mondo abitato! Con un palpito del mio volere ho suscitato mondi e mondi dal nulla e li ho proiettati, pulviscolo luminoso, nell’immensità del firmamento.

La Terra, di cui siete tanto orgogliosi e feroci, non è che uno dei pulviscoli rotanti nell’infinito e non il più grande. Certo però è il più corrotto. Vite e vite pullulano nei milioni di mondi che sono la gioia del vostro sguardo nelle notti serene e la perfezione di Dio vi apparirà quando potrete vedere, con la vista intellettuale dello spirito congiunto a Dio, le meraviglie di quei mondi.

(…)

La creazione attende di conoscere i figli di Dio per distinguerli dai figli del peccato. Quando lo conoscerà? Quando, il tempo essendo finito, saranno passati nella grande rassegna tutti gli uomini e separati, secondo giustizia, i figli di Dio dai figli del peccato.

Per ora è un lavoro continuo, incessante, per giungere a questa rivelazione. Ogni creatura lo deve compiere in se stessa e l’unione di tutte le creature e la conoscenza del lavoro di ognuno, darà la rivelazione dei figli di Dio da distinguersi da quelli che non vollero esserlo.

Quando tutte le vite saranno riunite nella risurrezione finale, si comporrà il gran quadro della storia dell’umanità, di questo lato della creazione, il più eletto, e, per essere il più eletto, il più insidiato dall’Avversario che nei progenitori assoggettò tutta l’umanità alla vanità, con la permissione di Dio, per provare i suoi figli e poterli premiare con moltiplicati meriti per la loro santità, conseguita con sforzo proprio e non con dono gratuito di Dio.

Mie personali riflessioni.

ops! n.1
Non ha avuto limitazioni nel suo creare ..

ops! n.2
La Terra non è che uno dei tanti pulviscoli rotanti nell’infinito … non il più grande … ma di certo il più corrotto! …

ops! n.3
nella resurrezione finale si comporrà il gran quadro … di questo lato della creazione, il più eletto, e, per essere il più eletto, il più insidiato dall’Avversario …

Dall’ops! n.1 segue che la vita esiste anche in altri pianeti, anche se solo vegetali o animali (senza cioè capacità di esprimere un giudizio morale). Non si può dire di più da quanto è scritto fin qui.

Ma l’ops! n.2 mi dice che queste vite hanno anche una dimensione morale (sennò come si sarebbero corrotti? rimando al n.b. in fondo alla pagina). Che poi non abbiano raggiunto i nostri livelli di immoralità, buon per loro. (trattasi di quelle pecorelle di altri ovili di cui si parla nei Vangeli?)

L’ops! n.3 conferma che non siamo soli, ma solo un lato della creazione, che, essendo il più eletto, è il più insidiato.
Mi pare che lo dica chiaramente: non siamo soli nell’universo e neppure gli unici ad aver inciampato (anche se noi lo abbiamo fatto meglio).

Domanda: Come la mettiamo con quelli che negano i cosiddetti UFO?
Ovvio che come premessa da accettare ci siano solo gli scritti della Valtorta.

n.b. sempre dagli scritti della Valtorta…

E’ stolto pensare che Dio abbia creato, volendo darsi un Creato, cose informi, attendendo di essere da esse glorificato quando le singole creature, e tutte le creature, avessero raggiunto, con successive evoluzioni, la perfezione della loro natura perché fossero atte al fine naturale o soprannaturale per il quale sono state create.

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Dimentichi di scrivere sempre la cosa fondamentale

la perfezione di Dio vi apparirà quando potrete vedere, con la vista intellettuale dello spirito congiunto a Dio, le meraviglie di quei mondi, tutto quello che viene detto ha un carattere spirituale , non si potranno mai vedere quei mondi fino a quando siamo sulla terra e come il paradiso terrestre sigillato ( dove sono stati portati Enoch ed Elia)

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Allora ci sono dei governi che hanno una tecnologia notevole, in barba alle leggi della fisica.

Se tu non hai mai visto nulla, io sì. Inoltre ci sono centinaia di testimoni della mia città natale che hanno visto (io non c’ero, ma gli credo)

Troppi punti oscuri fanno sospettare manipolazioni occulte.

p.s. Ma hai letto che noi siamo i più corrotti? Ci ha usato come unità di misura (per così dire).

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

La Terra è un altare, Simone. Un enorme altare. Doveva essere altare di lode perpetua al suo Creatore. Ma la Terra è piena di peccato. Perciò deve essere altare di perpetua espiazione, di sacrificio, su cui ardono le ostie. La Terra dovrebbe, come gli altri mondi sparsi nel Creato, cantare i salmi a Dio che l’ha fatta. Guarda!».

Gesù apre le imposte di legno, e dalla finestra spalancata entra il fresco della notte, il rumore del torrente, il raggio di luna, e si vede il cielo trapunto di stelle.

«Guarda quegli astri! Essi cantano con la voce loro, che è di luce e di moto negli spazi infiniti del firmamento, le lodi di Dio. Da millenni dura il loro canto, che sale dagli azzurri campi del cielo al Cielo di Dio. Possiamo pensare astri e pianeti, stelle e comete come creature siderali che, come siderali sacerdoti, leviti, vergini e fedeli, devono cantare in un tempio sconfinato le laudi del Creatore. Ascolta, Simone. Senti il fruscio delle brezze fra le fronde e il rumore delle acque nella notte. Anche la Terra canta, come il cielo, coi venti, con le acque, con la voce degli uccelli e degli animali. Ma, se per il firmamento basta la luminosa lode degli astri che lo popolano, non basta il canto dei venti, acque e animali per il tempio che è la Terra. Perché in essa non sono solo venti, acque e animali, cantanti incoscientemente le lodi di Dio, ma in essa è anche l’uomo: la creatura perfetta sopra tutto ciò che è vivente nel tempo e nel mondo, dotata di materia come gli animali, i minerali e le piante, e di spirito come gli angeli del Cielo, e come essi destinata, se fedele nella prova, a conoscere e possedere Dio, con la grazia prima, col Paradiso poi. L’uomo, sintesi che abbraccia tutti gli stati, ha una missione che gli altri creati non hanno e che per lui dovrebbe essere, oltre che dovere, una gioia: amare Dio. Dare intelligentemente e volontariamente culto d’amore a Dio. Ripagare Dio dell’amore che Egli ha dato all’uomo dandogli la vita e dandogli il Cielo oltre la vita. Dare culto intelligente.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Non si può dire di un animale che è corrotto. Senza morale non c’è possibilità di peccare.

Domanda: perché dice che noi siamo quelli più corrotti? Non ha detto i soli corrotti, ma ci ha confrontati sullo stesso piano.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Spiriti angelici decaduti.

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

… e sono meno corrotti di noi?
Per essere degli spiriti angelici è alquanto curioso.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Certo loro sono stati confermati chi nel paradiso chi all’inferno, l’uomo invece nel creato è l’unico che continua a nascere , di nuovi angeli non ce ne sono da quando furono tratti dal nulla, qui sta la differenza.
Siamo i più corrotti.

Leggi questo e fattene una ragione :
in essa è anche l’uomo: la creatura perfetta sopra tutto ciò che è vivente nel tempo e nel mondo, dotata di materia come gli animali, i minerali e le piante, e di spirito come gli angeli del Cielo, e come essi destinata, se fedele nella prova, a conoscere e possedere Dio, con la grazia prima, col Paradiso poi. L’uomo, sintesi che abbraccia tutti gli stati, ha una missione che gli altri creati non hanno e che per lui dovrebbe essere, oltre che dovere, una gioia: amare Dio.

Siamo soli, uomo creatura perfetta sopra tutto cio che è vivente,
non ti aggrappare alle parole, ma ci vuole tanto a capire che Dio uomo è il creatore di tutto, e l’uomo è al vertice della creazione , non ci possono essere altri viventi superiori all’uomo nell’universo. Ogni cattolico giunge alla stessa conclusione….))
Non ci possono essere exstratterestri che dotati di intelligenza superiore alla nostra arrivano con astronavi sulla terra, Dio è ordine , e l’ordine lo sappiamo Angeli e uomini destinati al Paradiso, basta.
Pensa quello che vuoi

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

permettimi di dubitare che ‘spiriti angelici decaduti’ abitino su pianeti ‘fisici’: quale senso avrebbe?…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

L’inferno è un luogo fisico, sta al centro della terra, pur essendo fisico è la dimora di spiriti condannati uomini e demoni, quando gli spiriti angelici si ribellarono a Dio , alcuni ebbero meno colpe e non furono precipitati all’inferno ma furono liberi di vagare per lo spazio e per l’universo, alla fine nel giudizio universale saranno condannati definitivamente, questo chiarisce la emmerik ovviamente il loro dimorare e vagare deve essere contestualizzato, non sappiamo in che modo avviene questo. Non c’è scritto nel vangelo che molti demoni possiedono gli uomini per avere meno dolore che stare nell’inferno ??quindi molti demoni che vagano nell’universo soffrono di meno.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

È quello che mi chiedo pure io. Se non sono soggetti alle leggi fisiche, perché allora devono vivere su un pianeta fatto di materia?

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Perché i demoni vivono nell’inferno al centro della terra?? Non sono spiriti??? satana fu precipitato sulla terra , è puro spirito, perché è stato confinato in un luogo di materia???

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Dove è scritto che si trova al centro della Terra? Dante lo posizionò al centro della Terra.

Vabbè ora devo andare a nanna che domani ricomincia il mio calvario.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Sprin spring )) è pieno di letteratura di mistici che hanno avuto la visione dell’inferno posto all’interno della terra, possibile che non ne hai mai letta una ?? a partire da fatima
nel Vangelo quando mori Gesu è scritto che prima discese negli inferi

La Mistica Citta’ di Dio di suor Maria d’Agreda (rosarioonline.altervista.org)

Informo, dunque, che il nostro pianeta da una superficie all’altra ha un diametro di duemilacinquecentodue leghe, milleduecentocinquantuno sino alla met�; la circonferenza si deve misurare in rapporto a questo. Al centro, come nel cuore della terra, sta l’inferno, una spelonca o un caos contenente molte stanze buie con supplizi diversi, tutti terribili e spaventosi, che formano un globo simile a una brocca immensa con una bocca o entrata molto larga e spaziosa. In questa orribile fossa di confusione e di tormenti stanno i demoni e tutti i dannati, e vi rimarranno per tutta l’eternit�’, finch� Dio sar� Dio, perch� laggi� non vi � scampo.

1460. Da un lato degli inferi c’� il purgatorio, dove le anime dei giusti si purificano, se in questa vita non hanno finito di pagare per le loro mancanze e non ne sono usciti cos� puliti e senza difetti da poter raggiungere subito la contemplazione dell’Altissimo. Questa caverna � ampia, ma molto meno dell’inferno, alla quale non � collegata, quantunque anche in essa vi siano duri castighi. Dal lato opposto sta il limbo, diviso in due antri: uno � per i piccoli deceduti prima del battesimo con il solo peccato originale, senza atti buoni o cattivi del proprio arbitrio; l’altro serviva per farvi sostare gli uomini dopo l’espiazione del male commesso, perch� non potevano essere ammessi in paradiso n� esultare nel Signore finch� non fossero stati salvati e non fosse stato aperto l’ingresso che la trasgressione di Adamo aveva chiuso. Il limbo � ancora meno vasto, non comunica con l’inferno e non ha pene come il purgatorio, perch� vi si perveniva da esso dopo averle gi� scontate, avendo come unico danno quello di non poter godere del sommo Bene. Vi si trovavano tutti coloro che erano periti in stato di grazia dal principio fino alla crocifissione di Ges�. In questo luogo si rec� la sua anima santissima con la divinit�, quando diciamo che scese agli inferi; con tale nome, infatti, si designano tutte le parti che stanno nelle profondit�, anche se nel linguaggio comune lo riferiamo all’inferno, perch� questo � il significato pi� noto, come parlando di cielo ordinariamente pensiamo all’empireo, dove stanno e staranno sempre gli eletti, e perch� il limbo e il purgatorio hanno queste denominazioni particolari. Dopo il giudizio finale saranno abitati solo il cielo e l’inferno, perch� il purgatorio non sar� pi� necessario e dal limbo i bambini devono ancora trasferirsi in un’altra dimora.

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Mario, te lo ripeto: dai troppo credito alle ‘visioni’ dei mistici, comprese quelle di Maria D’Agreda…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Te ne porto una delle tante Fatima, poi te ne trovo molte altre testimonianze di santi e mistici

Fatima. Nella terza apparizione della Beata Vergine, 13 giugno 1917, a Francesco, Giacinta e Lucia, i tre pastorelli di Cova di Iria, (i primi due fatti santi il 13 ottobre 2000 da Papa Giovanni Paolo II) sono stati testimoni della reale esistenza dell’inferno… Racconta la veggente Lucia e tutt’ora vivente… “Dicendo queste ultime parole, la Signora aprì le mani, come aveva fatto durante i due mesi precedenti. La luce proveniente da esse sembrava penetrare la terra e vedemmo un mare di fuoco. Immersi in questo fuoco c’erano demoni e anime che sembravano tizzoni trasparenti, alcuni neri o bronzei, in forme umane, portate intorno dalle fiamme che uscivano da essi assieme a nuvole di fumo.

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Ma non stiamo mettendo in discussione l’esistenza dell’inferno, ma la sua collocazione.
Che poi l’inferno sia (anche) un luogo fisico è ragionevole, dal momento che dovrà ospitare i corpi delle anime dannate…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Scusami ti ho riportato sopra l’apparizione di Fatima.

Dicendo queste ultime parole, la Signora aprì le mani, come aveva fatto durante i due mesi precedenti. La luce proveniente da esse sembrava penetrare la terra e vedemmo un mare di fuoco.

Penetrare la terra….

Poi ti trovo molte altre apparizioni di mistici che dicono la stessa cosa

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi
  • ‘sembrava’ penetrare…

quindi non è certo…

  • perché dai (ancora una volta) per scontato che quella visione (posto che sia interpretabile come intendi tu) corrisponda al vero?…
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Ti ripeto ora non ho tempo ci sono molte apparizioni di mistici e santi che dicono la stessa cosa, ora non ho tempo dopo le trovo

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Nel frattempo visto che i mistici non sono credibili
Una bella lettura di questa esperienza

https://www.divinerevelations.info/documents/7_jovenes/italian_7_youths_hell.pdf

Figlioletti, non abbiate paura, sono Gesù di Nazareth. Vi sto visitando per mostrarvi un mistero che è rivelante a città, nazioni, chiese e ad ogni luogo. Dove vi dico di andare, andrete; dove vi dico di non andare, non andrete. “

Accadde poi qualcosa di strano: una pietra apparve nel centro della stanza e il Signore, che era con noi, ci disse ci salire sulla pietra. Questa era circa quindici centimetri sospesa dal pavimento, e un buco enorme apparve sul pavimento. Era un’enorme cavità nera con un aspetto terrificante. Subito saltammo sulla pietra e scendemmo nella cavità del pavimento . Era molto scuro e ci condusse al centro della terra.
Fummo spaventati da quella terribile oscurità! Così spaventati che dicemmo al Signore:
“Signore non vogliamo andare in questo luogo! Non portarci li dentro! Portaci via di qui, Signore! “
Il Signore ci rispose con una voce dolce e piena di compassione:
“ Questa esperienza è necessaria, così che possiate dire agli altri ciò che vedete.”

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

-Nel frattempo visto che i mistici non sono credibili, una bella lettura di questa esperienza

– ritengo non molto credibili grandi mistici, figuriamoci 7 anonimi columbiani…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Ma perchè perdo tempo a risponderti ?))) è una causa persa, tanto dirai sempre contro.
1 )ti ho portato in discussione il libro di María di Ágreda – Wikipedia
mistica mariana in corso il processo di beatificazione; la Chiesa cattolica le ha attribuito il titolo di venerabile
2) emmerik afferma le stesse cose della venerabile, ma per te non è attendibile
3 ) Fatima dice chiaramente che l’inferno è posto sotto terra, ma bisogna interpretare ovviamente sempre come vuoi tu ))
4) ti ho portato la visione di questi ragazzi colombiani ma ovviamente non sono mistici ( che per te comunque anche quest’ultimi non sono affidabili)

Ci rinuncio, getto la spugna

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Non affannarti, non è certo una lotta fra me e te: la mia intenzione è proporre spunti per un approfondimento delle varie tematiche, non dando per scontato nulla, dal momento che (mio malgrado) ho dovuto prendere atto che nessun mistico o profeta degli ultimi secoli può essere considerato ‘abbastanza’ affidabile, alla luce del confronto con l’unica Opera che, al contrario, ritengo molto (ma non ‘assolutamente’) affidabile: l’Opera di Maria Valtorta…

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Ne ho lette tante, anche Maria Simma. Il suo libro, Le anime del Purgatorio mi hanno detto…” veniva pubblicato a puntate negli anni ’90 su una rivista dedicata a Medjugorje, rivista che veniva lasciata nella chiesa del Sacro Cuore a Roma (via marsala).

Nella stessa chiesa, sempre negli anni ’90, parlò Don Stefano Gobbi. Come ricordo dell’incontro “acquistai” il suo libro dalla copertina blu.
Lessi anche il libricino sul Purgatorio di S. Caterina da Genova (da dove presi l’incipit che mi calza a pennello tuttora … io appartengo alla schiera di quelli che devono patire senza poter dimostrare …).
E molti altri … insomma ne feci una bella scorpacciata.

Però la Fede cammina a braccetto con la ragione. E se si vedono oggetti volanti non identificabili non si capisce perché indirizzarsi sull’inganno del demonio (mi ricordo che qualcuno in un articolo del genere postò una vignetta con il diavolo che gioca, dall’alto dello spazio, con uno yo-yo a forma di dico volante.)

E se si parla di pianeti fisici non si capisce perché debbano viverci esseri spirituali.
E se si dice che ci sono su altri pianeti intelligenze meno corrotte di noi perché devo pensare solo agli angeli decaduti. Non quadra.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

E se si dice che ci sono su altri pianeti intelligenze meno corrotte di noi perché devo pensare solo agli angeli decaduti. Non quadra.

Perchè esseri piu intelligenti dell’uomo non ci possono stare nell’universo .l’ uomo è al vertice della creazione , dio si è fatto uomo, punto, questo è quello che dice la chiesa Cattolica.Non ci possono essere esseri più intelligenti dell’uomo che hanno fatto astronavi con una tecnologia superiore alla nostra

E se si parla di pianeti fisici non si capisce perché debbano viverci esseri spirituali.

perche’ Satana vive al centro della terra, luogo materiale?? ti ho portato scritti di mistici approvati dalla chiesa.se fossi uno spirito dannato vorresti stare nell’inferno o trovare sollievo in qualche punto dell’Universo, visto che il Paradiso è precluso ?

Si ragiona troppo, occorre maggiore fede

E se si vedono oggetti volanti non identificabili non si capisce perché indirizzarsi sull’inganno del demoni

perchè non ci possono essere creature nell’universo superiori all’uomo, la Madonna è la regina dell’Universo, l’essere piu grande creato da Dio
purtroppo non si legge quello che scrivo, l’ho riportato con l’esercismo di Don Tomaselli
Nell’universo siamo soli – gloria.tv
Preso da un esorcismo fatto in data 15.07.1978, in cui il demone Allida è stato costretto a rivelare al prete esorcista da chi proviene il fenomeno UFO: La dichiarazione concernente la faccenda dei pianeti, la quale afferma che su di essi abitano altri uomini, è falsa… In un certo modo puzza di spiritismo. …Sugli altri pianeti non vi sono nemmeno uomini. E’ solo un illusione. Ad inviarli (i dischi volanti) sono proprio quelli che abitano sui pianeti, gli spiriti maledetti, affinchè gli uomini possano essere in qualche modo sedotti, o abbiano solo queste cose in testa; o affinchè possa essere negato il Cristo, se vi sono storie di semisfere o di sfere… Allora il mondo pensa: se vi sono quelle cose, anche la fede è cucita di filo bianco.



mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Sono manifestazioni di Satana , l’abbiamo detto tante volte ed è stato spiegato da Maria Simma

Maria Simma e Padre Amorth – Gli ufo sono opera di satana.

https://m.youtube.com/watch?v=HKbVgGo7odY

http://www.parrocchiasantanna.com/files/Maria-Simma-e-le-anime-del-purgatorio.Fateci-uscire-da-qui–ila-.htm

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Come mai a Medjugorje non l’ha detto?
Le manifestazioni (rientrano tra i suoi inganni) di satana non ci riguardano più?
SI devono fare domande più mirate?

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Maria Simma e Padre Amorth: “Gli ufo sono opera di satana”.

Né Maria Simma né Padre Amorth sono infallibili, come tanti mistici e profeti…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Soprattuto la tua Franca Cornado, ufo robot ))

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

È vero, neanche lei è infallibile, ma, a differenza di molti mistici e profeti, è straordinariamente molteplice, varia, ricca, originale: sorprendente, direi…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

ok , comunque ognuno è libero di credere quello che vuole , Dio ha voluto lasciare dei misteri, quando saremo in Cielo ci saranno svelati.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

In aggiunta … mi ricordo che in una rivelazione privata la Madonna disse al veggente (uno o più di uno non ricordo) che la Francia sarà severamente punita per aver corrotto l’intero l’universo.

Miei interrogativi.

Ha fatto esperimenti particolari le cui forze di natura sconosciuta hanno rovinato anche altri pianeti?Ci osservano dall’esterno e prendono esempio?oppure per universo intende qualcos’altro ?nìn zò.

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

Questo non vi riguarda.

Quei veggenti sono stati scelti per un fine ben diverso e molto urgente.

Il punto è che su questo pianeta siamo messi male. Chiedere se esistono altre vite su altri pianeti è come se qualcuno si preoccupasse di cosa mangerà a cena quando non sa’ neppure se riuscirà a rincasare sano e salvo per l’ora di pranzo.

Il “Questo non vi riguarda.” riguarda quindi in primis loro (i veggenti) e, data l’urgenza, tutti noi. Ciò non vuol dire che dall’Alto non ci venga detto nulla in merito.

Nella notte dei tempi abbiamo tagliato, da questo lato, la connessione con l’Onnipotente, per cui anche se ci dice qualcosa ne riusciamo a cogliere solo una minimissima parte, salvo condizioni particolari. Ma sulla fragilità degli otri mi pare che siamo tutti d’accordo.

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
mario mancusi
10 mesi fa

“L’Anticristo, figlia mia, si impadronirà di Roma. Ci sono molti seguaci dell’Anticristo; ed egli vuole sedersi nella Sede. Pregate molto per mio Figlio, il mio ​​Vicario. È molto perseguitato, figli miei; e l’Anticristo è vicino per farlo soffrire, figlia mia. Unitevi a lui in preghiera e offrite le vostre preghiere per lui.” (5 aprile 1986, messaggio della Madonna)

VERGINE MARIA ADDOLORATA DI EL ESCORIAL, PRADO NUEVO, MADRID – L’ANTICRISTO
16-09-1982
LA VERGINE: “Pregate le tre parti del Rosario; con il Santo Rosario si può salvare la maggior parte dell’umanità, è la mia preghiera preferita. L’ANTICRISTO USCIRÀ ALLO SCOPERTO; È GIÀ NELL’UMANITÀ. Fate preghiere.”
12-08-1982
LA VERGINE: “Fai penitenza per le mie anime consacrate; molti conventi si sono rilassati perché hanno diminuito la preghiera e la penitenza. … Satana è il nemico che sta attorno a tutto questo. Si sta intromettendo nella Santa Chiesa di Cristo. La stanno distruggendo essi stessi. No parlare con nessuno, figlia mia, tranne che con il Cardinale o il Vescovo. No lasciarti sorprendere dai lupi con pelle di pecora, che stanno frequentando. … Che ne è stato della Mia Chiesa? La Chiesa di Mio Figlio va distruggendosi poco a poco; no ha umiltà. … Chiedi preghiera e sacrificio. Fallo tu per tutti loro; per l’umanità perversa; per tutti i miei figli. … Anch’Io soffro. Guarda il Mio Cuore come sta, per queste anime consacrate. Che falsi profeti! L’ANTICRISTO STA NELLA MIA CHIESA. Sta in mezzo a loro. Non si è fatto conoscere.”

“Il Vicario di Cristo è in grande pericolo… la massoneria si è infiltrata… il Figlio dell’Uomo sta per venire a giudicare tutto il genere umano… La Russia sarà il flagello dell’umanità…” (22 gennaio 1983, messaggio della Madonna)

Il comunismo si è infiltrato nella Chiesa.” (1 gennaio 1982, messaggio della Madonna)

https://profezie3m.altervista.org/ptm_profx_el%20escorial.htm

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Non capisco perché questi messaggi 40 anni in anticipo

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Non ho capito cosa vuoi dire , Valtorta per esempio l’ha detto molto prima, Don Gobbi negli anni 80 , le profezie vengono dette prima

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

A Fatima addirittura più di 100 anni fa..non capisco che senso ha avvertire quella generazione che comunque non era interessata da quei messaggi visto che sono quasi tutti morti..
Chi ce lo dice che non succederà la stessa cosa a noi e che quindi i vari messaggi di Medjugorje, Garabandal non ci tocchino..

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Ecco perché se Anguera è vera ha un valore eccezionale, stiamo vivendo tutto in diretta.

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Per il momento credo solo a Garabandal..non alla Madonna postina di Anguera o Medjugorje

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Vedremo, fino a quando non c’è un giudizio definitivo della Chiesa io mi limito ad osservare e parla uno che ha scartato il 95% delle apparizioni : Jarecey, Glauber, Ferreira, Enoch, Luz de Maria, Dizule-jnsr, Vassula, Carbonia, mdm, gocce di luce, mandura, trevigliano, Stefania Caterina, giampilieri e tante altre

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

vedo che, poco a poco, stai rinsavendo…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Ahhh )) ho sempre scartato queste apparizioni, da subito, , Anguera e medjugorie sono attenzionate , ho sempre considerato valide pochissime apparizioni.
1) Garabandal
2) Civitavecchia
3) bambinello di Praga in Germania
4) Cornacchiola
5) Schio
6) Anguera ?
7) Medjugorie?
8) Don Gobbi
e poche altre, ovviamente parlo di apparizioni vicino ai nostri tempi

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa

Sarò breve! Manca l’ultimo motto: “Missione compiuta”.

La chiesa ieri ed oggi-missione compiuta.jpg
Raffaella
Raffaella
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

A proposito di brevità…
il messaggio del 25 marzo a Medjugorie è il seguente:
”Cari figli! Questo tempo sia per voi il tempo della preghiera. ”
Nient’altro…
A me “suona” come uno squillo di tromba.

Sombrero
10 mesi fa
Rispondi a  Raffaella

Vero Raffaella l’ho pensato pure io. Per me siamo molto vicini non credo ci vorranno più di uno o due anni.

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  Sombrero

A me sembra sempre lo stesso trita e ritrita da 40 anni a questa parte

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa

https://comedonchisciotte.org/papa-luciani-morto-nel-giorno-in-cui-gli-fu-consegnata-la-lista-dei-cardinali-massoni-rivelazione-della-sorella-di-pecorelli/
PAPA LUCIANI MORTO NEL GIORNO IN CUI GLI FU CONSEGNATA LA LISTA DEI CARDINALI MASSONI: RIVELAZIONE DELLA SORELLA DI PECORELLIVATICANOSTORIA
file:///C:/Users/Peter/AppData/Local/Temp/lu115207d38.tmp/lu115207d42_tmp_64129fef10f8372b.png By Redazione CDC On 25 Marzo 2023
{Papa Luciani, salito al Soglio nel 1978 con il nome di Giovanni Paolo, sarebbe morto la sera stessa del giorno in cui il giornalista Mino Pecorelli gli avrebbe consegnato la lista dei cardinali appartenenti alla massoneria. … La rivelazione è fatta dalla sorella di Pecorelli, Rosita, durante una lunga trasmissione TV di Andrea Purgatori su La7 dedicata alla figura del controverso giornalista assassinato nel 1979. … Nel 1978, poco dopo che OP era divenuta una rivista acquistabile in edicola, aveva pubblicato una lista di 121 prelati facenti parti di una fantomatica «Gran Loggia Vaticana»: un elenco di porporati affiliati alla massoneria, ciascuno con nome, numero di matricola e data di iniziazione. È quella che poi ha finito per chiamarsi «Lista Pecorelli», e che contiene nomi di importanza storica, come quello del cardinale Annibale Bugnini, autore del Novo Ordo Missae, ossia della «Messa nuova» che nel 1969 ha soppiantato la Messa tradizionale durata nei secoli.
Il conduttore Andrea Purgatori ricorda che nella lista ci sarebbero quattro nomi di prelati legati al caso di Manuela Orlandi. Il segretario di Stato cardinale Agostino Casaroli, il cardinale Ugo Poletti «quello che poi darà la dispensa per consentire alla famiglia del boss Renatino De Pedis della Banda della Magliana di essere sepolto nella Basilica di Sant’Apollinare», il priore di Sant’Apollinare, e Paul Marcinkus, famigerato gestore dello IOR, la Banca vaticana. Nella trasmissione de La7 la sorella Rosita Pecorelli rivela che «Mino il giorno prima aveva mandato a papa Luciani l’elenco dei prelati infedeli. La notte papa Luciani è morto». …}
La massoneria ecclesiastica ha anche silenziato suor Lucia e papa Luciani; ma non basta: ha intronizzato anche Bergoglio. Niente male!

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Gli intrecci tra massoneria e chiesa sono innumerevoli; non esiste solo la lista Pecorelli, vi sono altre pubblicazioni come:
http://www.crisinellachiesa.it/
{Nel giugno del 1992, la rivista 30 Giorni (Anno X, nº 6, pagg. 41-42) ha pubblicato un articolo del giornalista Andrea Tornielli sull’influenza della Massoneria nella riforma liturgica voluta da Paolo VI (1897-1978). …
– Lettera a Mons. Bugnini, del 14 giugno 1964:

«Caro BUAN 2, ti comunichiamo il compito che ti ha assegnato il Consiglio dei Fratelli, in accordo con il Gran Maestro e con i Prìncipi Assistenti al Trono. Ti obblighiamo […] a diffondere la scristianizzazione confondendo i riti e le lingue, a mettere preti, Vescovi e Cardinali l’uno contro l’altro. La lingua di Babele e il rito saranno la nostra vittoria, come una sola lingua e un unico rito sono stati la forza della Chiesa […]. Tutto dovrà accadere nel giro di dieci anni».

– Lettera da Mons. Bugnini, del 2 giugno 1967:

«Incomparabile Gran Maestro […], la desacralizzazione sta avanzando rapidamente. É stata pubblicata un’altra Istruzione che entrerà in vigore il 29 giugno. Possiamo già cantare vittoria, in quanto la lingua volgare regna sovrana in tutta la liturgia, incluse le sue parti essenziali […]. É stata concessa la più grande libertà di scegliere tra i vari formulari, tra la creatività individuale e il… caos! [….]. In breve, con questo documento credo di aver diffuso il principio della massima licenziosità, secondo quanto Lei mi aveva chiesto. Ho lottato duramente contro i miei nemici dalla Congregazione dei Riti, e ho dovuto usare tutta la mia astuzia per ottenere l’approvazione del Papa. Per fortuna, abbiamo avuto l’appoggio di amici e Fratelli nell’Universa Laus 3, che ci sono fedeli. La ringrazio per i fondi spediti e attendo di vederLa presto. L’abbraccio, Suo Fratello BUAN».

– Commento di 30 Giorni:

«Questi stralci sono stati estratti da due lettere. La prima sarebbe stata spedita a Mons. Annibale Bugnini (nome in codice BUAN) dal Gran Maestro della Massoneria. La seconda sarebbe la risposta del liturgista al capo della Loggia, in cui comunica il completamento della missione affidatagli. Questi documenti – gravemente diffamatori per Bugnini, che negò sempre di aver mantenuto dei contatti con la Massoneria – sono veri o falsi? È impossibile dirlo, dato che si tratta di lettere dattilografate e fotocopiate venute in possesso di una “spia” misteriosa che li avrebbe consegnati ad alcuni amici Vescovi e Cardinali, fra cui l’Arcivescovo di Genova, il Cardinale Giuseppe Siri, e il Prefetto del Sigillo Apostolico, Mons. Dino Staffa. Se sono autentici, essi rivelano l’esistenza di un “piano” per distruggere la dottrina cattolica e liturgia dall’interno. Potrebbero anche essere falsificazioni prodotte da qualcuno interessato a creare “fazioni” rivali all’interno della Curia. Il testo delle lettere, infatti, è molto diretto e poco raffinato. In ogni caso, le lettere esistono, e i risultati delle riforme di Bugnini sono in pieno accordo con gli obiettivi fissati».

Sta di fatto che appena la cosa divenne di dominio pubblico, il 4 gennaio 1976 Paolo VI decise di sollevare Bugnini da tutti i suoi incarichi in Curia e si allontanarlo da Roma, nominandolo Pronunzio apostolico in Iran, dove morì. …}

Il problema sulla liturgia non è solo degli anni ‘60; è anche un problema attuale:
https://www.youtube.com/watch?v=0quRzgQ1xyY
Il problema della Messa “UNA CUM”. Quando la messa è veramente cattolica? – don F. Ricossa28 nov 2019
{XVIII convegno di Studi Albertariani. Milano 23 novembre 2019. “In difesa della Messa Cattolica e Romana. Contro il Novus Ordo di Paolo VI” 2° Intervento: Quando la messa è veramente cattolica? Il problema della Messa “Una cum”, tra indulto motu proprio e rito straordinario. Intervento di Don Francesco Ricossa. “La nuova messa – che non è più la Messa – resta per me uno scandalo violento. Non si può non fare tutto il possibile per impedire un così gran male. Il rinnegamento del sacrificio ci deve mettere in stato di sacrificio”. Padre Guérard des Lauriers.}
Altri video interessanti:
https://www.youtube.com/watch?v=mdFKSTJ2rV4&t=1s
Intervista a DON FRANCESCO RICOSSA, superiore I.M.B.C. – A cura di Elia Mentahttps://www.youtube.com/watch?v=p989hYtG83o
L’ ULTIMO ANTICRISTO. IDENTIKIT DEL GRANDE APOSTATA DEI TEMPI ULTIMI. ARMANDO SAVINIhttps://www.youtube.com/watch?v=sjZ2F_J8LgA&t=1578s

Luc
Luc
10 mesi fa

Adriano VI – Adriaan Florenszoon (1522-1523)

Araldico, biografico.

‘Adriano VI è l’ ultimo papa non italiano prima di Wojtyla; aveva nello stemma due leoni rampanti. Il motto richiama anche il nome “fiorenzo” del pontefice.’
Per precisare questo papa fu l’unico papa olandese della storia nato a Utrecht e tradotto, il nome Florenszooon, significa figlio di Fiorenzo.
saluti Luc

Vimana
Vimana
10 mesi fa

mario mancusi
23 ore fa
Reply to eranuova
Ahhh )) ho sempre scartato queste apparizioni, da subito, , Anguera e medjugorie sono attenzionate , ho sempre considerato valide pochissime apparizioni.
1) Garabandal
2) Civitavecchia
3) bambinello di Praga in Germania
4) Cornacchiola
5) Schio
6) Anguera ?
7) Medjugorie?
8) Don Gobbi
e poche altre, ovviamente parlo di apparizioni vicino ai nostri tempi

Sono felicissimo che tu approvi le apparizioni di Schio la mia città, sono state approvate anche da Suor Pura Pagani , che forse diventerà Beata e da Ratzinger quando era cardinale.
Io ho deciso di seguire solo Schio, Anguera e Medjugorie.
Cosa ne pensate dell’ ultimo messaggio di Anguera?

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Vimana

i soliti ritornelli: ricorrenti, poco credibili…

Lucio Anneo
Lucio Anneo
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

il brasiliano si arrampica sugli specchi, la sua telescrittura ha esaurito il toner e butta nel mucchio…effetto Barnum, nel mucchio delle monete di rame qualche argento può sempre spuntare….

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Lucio Anneo

io non credo che le cose stiano così: la mente dell’uomo è davvero un abisso da esplorare; io credo che lui agisca ancora in buona fede, ma il frutto del suo albero è ‘malato’…

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa

Secondo le profezie l’attacco russo all’ Europa avverrà prima o dopo l’avvertimento?

mario mancusi
10 mesi fa

Remox in Iran le rivolte sono iniziate da settembre, in questi giorni anche Israele è sconvolta da proteste , a maggio ci sarà l’incoronazione di Carlo Iii osteggiata dai sudditi, vedremo cosa succederà, sempre che i pezzi del mosaico vadino al posto giusto

Lucio Anneo
Lucio Anneo
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Remox, il duca scrisse: Arabic goulfre, grand classe parfondra”. Mai una flotta è affondata nel Golfo Persico, quindi accadrà. Saranno i guardiani della Rivoluzione o i russi?

mario mancusi
10 mesi fa

Dott.g.i. In base alle rivelazione dei mistici che ho riportato sopra , aggiungiamo anche la Emmerik e altre che ora non trovo , dove sarebbe la collocazione dell’inferno, aggiungo che la Divina commedia è comunque un’opera ispirata dal Divino. grazie

dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

La posizione tradizionale (che risale ai Padri e dottori della Chiesa, i quali commentano la Bibbia) sostiene che l’inferno si trovi al centro della Terra. Altri oggi propongono che l’inferno si trovi in un buco nero o nello spazio cosmico.

L’idea che l’inferno sia sotto di noi, al centro della Terra, proviene da vari passaggi biblici.
Ne cito uno.
Gesù predisse più volte la propria risurrezione, e in una di tali predizioni si espresse così: 
«Come infatti Giona rimase tre giorni e tre notti nel ventre del pesce, così il Figlio dell’uomo resterà tre giorni e tre notti nel CUORE DELLA TERRA» (en te kardìa tes ghes, Mt 12,40).

Gesù discese agli Inferi, nel cuore della Terra, con la Sua anima divina.

Ovviamente, non è che scavando sottoterra, se avessimo la possibilità di arrivare fino al centro, troveremmo l’inferno. Il CUORE DELLA TERRA è una realtà parallela spirituale e DISTINTA. Infatti la creazione è sia visibile che invisibile. Anche la Terra ha la sua parte invisibile spirituale e in questa parte risiedono i regni inferi. Tutti i popoli antichi non cristiani (Egizi, Babilonesi, Greci, Romani, ecc.) credevano ad un regno sotterraneo dove andavano le anime. Chi ha studiato l’Eneide di Virgilio lo ricorda.

Nell’Antico Testamento la parola tradotta come “inferno” è Sceòl; nel Nuovo Testamento è Ades e Geenna (“la Valle di Hinnom”). Sceol viene anche tradotto come “fossa” e “tomba”. Sia lo Sceol che l’Ades si riferiscono a una dimora temporanea dei morti prima del Giudizio. Geenna si riferisce ad uno stato eterno di punizione per i malvagi. Infatti, dopo il Giudizio, resterà solo lo stagno di fuoco, cioè la Geenna (nella quale saranno gettati anche la Morte e l’Ade, che cesseranno di esistere).

CATECHISMO

632 ….Gesù ha conosciuto la morte come tutti gli uomini e li ha raggiunti con la sua anima nella dimora dei morti. Ma egli vi è disceso come Salvatore, proclamando la Buona Novella agli spiriti che vi si trovavano prigionieri.

633 La Scrittura chiama inferi, Sheol o Ade il soggiorno dei morti dove Cristo morto è disceso, perché quelli che vi si trovano sono privati della visione di Dio. Tale infatti è, nell’attesa del Redentore, la sorte di tutti i morti, cattivi o giusti; il che non vuol dire che la loro sorte sia identica, come dimostra Gesù nella parabola del povero Lazzaro accolto nel « seno di Abramo ». « Furono appunto le anime di questi giusti in attesa del Cristo a essere liberate da Gesù disceso all’inferno ». Gesù non è disceso agli inferi per liberare i dannati né per distruggere l’inferno della dannazione, ma per liberare i giusti che l’avevano preceduto.

Il ventre del grosso pesce di Giona simboleggia il ventre della Terra, cioè la parte interiore e spirituale della Terra, dove Cristo discese, dimora dei morti (buoni e cattivi).

I santi e mistici che hanno parlato di questo, poi, non si contano. Ricordo in particolare santa Veronica Giuliani e Natuzza Evolo, che dà dei particolari incredibili. Anche lei diceva che l’inferno si trova al centro della Terra (dove vengono punite le anime dannate) e che lo stesso Purgatorio si trova sulla Terra, nel senso che le anime purganti scontano la loro pena negli stessi luoghi dove hanno vissuto e peccato. E poiché non hanno contezza del tempo, per regolarsi si rapportano al tempo terrestre (mesi, anni, secoli). Natuzza, senza saperlo, ripeteva cose già affermate da papa Gregorio Magno (VI sec.) nel suo libro dei Dialoghi

http://www.cartantica.it/pages/collaborazionibrevetrattato.asp
https://gloria.tv/post/XX2iXTcRaxdX1Bn1e1QkbijoJ

Pochi giorni fa, il Papa in un’intervista, ha detto un’altra delle sue: che l’inferno è uno stato e non un luogo. Invece, l’inferno è prima un luogo e poi anche, di conseguenza, uno stato dell’anima. Rimando qui:
https://www.youtube.com/watch?v=cPbctm9UUxs

Anche i pagani ci credono.
Wang Saen Suk Hell Garden: giardino dell’inferno costruito in un tempio buddista thailandese per dare una pallida idea dei supplizi infernali.
https://www.tripoto.com/trip/hell-garden-thailand-itinerary-58ad8a8f515b8
https://www.youtube.com/watch?v=tQeA2TLUQFk

The Hell (official)
https://www.youtube.com/watch?v=MyRNrHfQHqQ

L’inferno è un luogo vero, di tormento reale, e potrebbe avere più luoghi fisici nella creazione, a seconda del peccato da punire. Un po’ come avviene con le nostre carceri: non ce n’è una, ma diverse in più luoghi della Terra (alcuni messaggi di El Escorial fanno capire questo).
E quando la Emmerich parlava di angeli decaduti che possono trovarsi su pianeti, va sempre inteso nella dimensione spirituale (invisibile) di quel pianeta (il “cuore” di quel pianeta, per dirla col Vangelo), non sopra il globo “fisico”. 

Ultima modifica di 10 mesi fa da dott.G.I.
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

Grazie. ancora una volta una conferma a quello che ho sempre pensato.
Aggiungo come valuti l’apparizione Madonna dell’albero , non ricordo se ne abbiamo parlato, a me non convince

riccardo
riccardo
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Tina Fasanella sembra sincera in quello che racconta e vive.
Purtroppo si associa a gente tipo Caccialanza, che non ha alcun discernimento, ed a gente guidata da spiriti guida come Silvia Di Bello, che si crede un angelo (https://silviadibello.myportfolio.com/spiritualita). Questo inficia tutto.
So che è in obbedienza ad un vescovo, spero che la dissoci per obbligo da gente pericolosa. Altrimenti inquinarsi e precipitare è facilissimo

Ultima modifica di 10 mesi fa da riccardo
dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Ne avete parlato con Remox qui:
https://www.ducadeitempi.it/2022/09/il-mistero-della-profezia-sui-papi-origine-e-conclusione/

Questi presunti veggenti italiani sono numerosi e alla fin fine credo riusciranno a portare anche un po’ d’acqua al mulino di Dio, svegliando tanti dormienti che non comprendono la gravità del momento presente.

Nel quartiere di Roma Eur troviamo la signora Tina (Maria Concetta) Fasanella veggente della “Madonnina dell’albero”, sposata e madre di due figlie. 

A parte gli strani personaggi che le darebbero messaggi (Goffredo di Buglione, Torquato Tasso, san Tommaso d’Aquino, sant’Agostino…) che fanno pensare a fenomeni medianici, sono le lodi del *Papa attuale che non convincono.

“… esattamente il 12 Marzo, il Conclave si riunì per eleggere il successore di Pietro, il nuovo Pontefice.

Il secondo giorno era seduta a tavola con la sua famiglia ed esclamò: questa sera verrà eletto il Papa.

Suo marito con un sorriso rispose che non era possibile, che ci sarebbe voluto più tempo, quando ad un tratto una voce arrivò al suo cuore, una voce forte e dolce che le disse: << Ecco il vostro Pietro, Lui cambierà la Chiesa, perché Forte, Umile e Coraggioso>>.

Comunicò a suo marito ciò che gli era stato detto, dopo poco la fumata bianca sapeva già che Colui che aveva Eletto non era molto conosciuto, un uomo che arrivava dalla fine del Mondo, dal Sud America. Ancora una conferma, chi le parla veniva dall’Alto, da Dio.

http://narrandoinpuntadipenna.blogspot.com/2016/03/se-tu-credessi-in-me-storia-della.html

Bergoglio forte, umile e coraggioso, e cambierà la Chiesa. Umile soprattutto.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Tornare all’Origine, presentarsi al Giudice G., non vuol dire andare in un dato luogo né esattamente andare ai piedi dell’e­ter­no trono. Sono, queste, formule usate per aiutare il vostro pensie­ro. L’anima che lascia la carne che animava si trova im­­media­tamente di fronte alla Divinità che la giudica, senza necessità di salire e presentarsi alle soglie del beato Regno. È catechismo che Dio è in Cielo, in Terra e in ogni luogo. E perciò l’incontro avviene dovunque. La Divinità empie di Sé il Creato. È quindi presente in ogni luogo del Creato. Io sono che giudico. Ma Io inscindibile dal Padre e dallo Spirito Santo, onnipresenti in ogni luogo.

fonte

Salire o scendere ha una connotazione spirituale in questi casi.

Ma abbiamo travisato. Si parlava di pianeti fatti di materia su cui vivono intelligenze meno corrotte di noi terrestri. Il che implica l’esistenza di intelligenze con libero arbitrio e capaci di discernere il bene dal male, sennò non ti puoi corrompere (ogni cosa creata è stata creata perfetta per lo scopo secondo cui è stata ordinata, cfr Scritti della Valtorta)

Che l’uomo sia al centro dell’universo o del Creato non significa che si trovi in un luogo fisico equidistante da tutto il resto (e il Paradiso lo mettiamo in un angolo?).
Se una cosa è al centro dei nostri pensieri non vuol dire che lo sia fisicamente. Uno perché i pensieri sono immateriali e due perché non essendo stanziali siamo costretti a spostarci per varie ragioni, di conseguenza il centro non è più centro.

Piccola digressione sulla Genesi di don Guido

Dio, al capolavoro del creato, rappresentato dall’uomo, in cui sono unite le due creature, animale e spirituale, per fare una sola unità, cosa aveva donato oltre all’esistenza? Doni gratuiti che i teologi dividono in naturali, preternaturali, soprannaturali.

  Naturali. Il corpo sano e bello con i 5 sensi perfetti e l’anima ragionevole dotata di intelligenza, volontà e libertà.

  Preternaturali. L‘integrità: ossia la perfetta soggezione del senso, libero da fomiti di ogni genere, alla ragione; l’immortalità del corpo che non avrebbe conosciuto l’orrore della morte; l’immunità da ogni dolore; e la scienza proporzionata al suo stato di creatura eletta, e perciò grande scienza che il perfetto intelletto assimilava senza fatica.

  Soprannaturali. La visione beatifica di Dio, la Grazia che fa dell’uomo un figlio di Dio, e il destino di godere eternamente di Dio.

  Dunque l’uomo, e per l’origine e per i doni ricevuti, poteva veramente chiamarsi “figlio di Dio” e conoscerlo come un figlio conosce il proprio padre.

Vedere un grassoccio Adamo correre a piedi nudi senza sentire dolore, ma gèmere per la puntura di un ape dal cui alveare aveva sottratto del miele, oltre ad essere paradossale di per sé, (provate a correre a piedi nudi nella natura) cozza contro ciò che ci venne insegnato al catechismo e ripresa negli Scritti della Valtorta (cfr link sopra).

Sempre allo stesso link si trova la risposta per chi non è stato battezzato. Ne abbiamo discusso a lungo, ma con un pizzico di superbia ne è stato concluso che chi non è di religione cristiana (in particolare ci si riferiva ai protestanti) finisse dritto all’inferno. A giustificazione della tesi si sono usate a sproposito le rivelazioni di Cornacchiola (torna nell’ovile Santo! Ma chi può tornare se non chi è andato via?)

Forse facciamo troppo rapidamente convergere ciò che crediamo corretto in ciò che lo è veramente, senza tener conto delle dissonanze di per sé abbastanza evidenti.

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Spring guarda che è tutta la creazione ad essere corrotta,  e sottoposta alla caducità, e alla maledizione divina della caduta di Adamo! Tutta la creazione, si intente anche gli animali e le piante, ed ogni cosa vivente e non vivente, compresi gli astri, come ci insegna la bibbia:

Ritengo infatti che le sofferenze del tempo presente non siano paragonabili alla gloria futura che sarà rivelata in noi. L’ardente aspettativa della creazione, infatti, è protesa verso la rivelazione dei figli di Dio. La creazione infatti è stata sottoposta alla caducità – non per sua volontà, ma per volontà di colui che l’ha sottoposta – nella speranza che anche la stessa creazione sarà liberata dalla schiavitù della CORRUZIONE per entrare nella libertà della gloria dei figli di Dio. Sappiamo infatti che tutta insieme la creazione geme e soffre le doglie del parto fino ad oggi. (Rm 8,18-22)

 
Ad Adamo disse: «….. il suolo sarà maledetto per causa tua; ne mangerai il frutto con affanno, tutti i giorni della tua vita. Esso ti produrrà spine e rovi…….finché tu ritorni nella terra da cui fosti tratto; perché sei polvere e in polvere ritornerai» (Gen 3, 17-19)

…chiamò Noè, dicendo: «Questo ci consolerà della nostra opera e della fatica delle nostre mani a causa del suolo che il SIGNORE ha maledetto». (Gen 5, 29)

Fino a quando sarà afflitto il paese
e si seccherà l’erba di tutta la campagna?
Per la malvagità degli abitanti
le bestie e gli uccelli sono sterminati.
Poiché quelli dicono: «Egli non vedrà la nostra fine». (Ger 12,4)
 

Ma ci sarà una fine a tale maledizione, e corruzione della creazione, ———>

 
Noi infatti, secondo la sua promessa, aspettiamo nuovi cieli e una terra nuova, nei quali abita la giustizia. (Pt 3,13)
 

Il lupo dimorerà insieme con l’agnello;
il leopardo si sdraierà accanto al capretto;
il vitello e il leoncello pascoleranno insieme
e un piccolo fanciullo li guiderà.
La mucca e l’orsa pascoleranno insieme;
i loro piccoli si sdraieranno insieme.
Il leone si ciberà di paglia, come il bue.
Il lattante si trastullerà sulla buca della vipera;
il bambino metterà la mano nel covo del serpente velenoso.
Non agiranno più iniquamente né saccheggeranno
in tutto il mio santo monte,
perché la conoscenza del Signore riempirà la terra
come le acque ricoprono il mare. (Is 11, 6-9)
 

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Bòn, allora su questo pianeta qualcuno ha delle conoscenze tecnologiche e quindi fisiche che superano quelle scienza insegnata.

Comunque è il termine corrotto che non mi garba molto. La natura non è corrotta di per sé.
L’avocado è un frutto preistorico con molte proprietà nutritive, a trovarlo un frutto così nel xxi secolo. Prima erano messi meglio di noi.

Su questo ci dobbiamo ritornare. Sempre se non saremo messi ko (notato quanti terremoti ultimamente?)

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Cade a fagiuòlo Un altro avvistamento

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Non ho ben compreso perché hai citato quell’opera blasfema di Don Guido…

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

In post antecedenti (nell’altro blog) si discuteva sull’attendibilità della Genesi di don Guido.

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Spring orrore un’opera pornografica di zero credibilità , è meglio cestinarla credimi

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  dott.G.I.

“Ovviamente, non è che scavando sottoterra, se avessimo la possibilità di arrivare fino al centro, troveremmo l’inferno”. Quindi è sicuro che non sta al centro della terra. “Il CUORE DELLA TERRA è una realtà parallela spirituale e DISTINTA”. Quindi non appartiene al mondo materiale. Non si capisce quindi come spesso si sostiene da qualche predicatore alla fra Cipolla che le pene dell’inferno o del purgatorio sono indirizzate alle particolari parti del corpo con cui il trapassato ha peccato qui in terra e ciò con il corpo non ancora risorto; ancor peggio lo stesso inferno o purgatorio è un luogo fisico per dannati che non hanno corpo. E’ proprio vero: misteri della fede! In questo caso: misteri del non-senso! L’inferno è un tormento reale nel senso che è vero ma non è materiale. Bisognerebbe dimostrare che la materia e lo spirito possono essere interconnessi ed influenzarsi direttamente; ciò comporta l’insorgere di più problemi di quanti se ne possano risolvere: va contro la logica e i fatti. Non si capisce ad es. perché gli occhi fisici di tutti gli uomini non possano vedere i trapassati.

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

-Bisognerebbe dimostrare che la materia e lo spirito possono essere interconnessi ed influenzarsi direttamente

Mi pare che su questo non ci siano dubbi: basta considerare gli indemoniati…

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Leggi bene: ho detto “direttamente”. Non sappiamo come un puro spirito influisca sulla materia specie se inanimata; l’uomo ci riesce direttamente ed usualmente in esclusiva rispetto solo al suo corpo, senza padroneggiare con coscienza il “meccanismo”. In passato fece scalpore il libro “SCOPERTE PSICHICHE DIETRO LA CORTINA DI FERRO URSS/BULGARIA/CECOSLOVACCHIA” DI SHEILA OSTRANDER E LYNN SCHROEDER. COLLANA MONDI SCONOSCIUTI. ED. 1975” che lessi a suo tempo avidamente anche perché la ricerca proveniva da un mondo “materialista”; i fenomeni comunque sono scarsi e non usuali. Negli indemoniati l’influenza maligna si esercita quando il demone si impossessa delle energie psichiche del soggetto e poi conseguentemente del corpo; infatti in generale l’indemoniato non ricorda il momento di possessione e relativi fenomeni.

Scoperte-Psichiche-dietro-la-Cortina-di-Ferro.jpg
Massimiliano
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Il corpo lo avranno tutti dopo il giudizio. Ma tutti tutti eh…! Saluti.
Massimiliano

Massimiliano
10 mesi fa
Rispondi a  Massimiliano

Ah, dimenticavo di dire che essendo noi uomini esseri finiti con una logica “rinchiusa” nella materia e ancor peggio con una visione limitatissima, facciamo grande fatica a vedere correttamente ciò che è parte della creazione ma che non rientra nei nostri schemi mentali. Per questo motivo diventa difficile descrivere ciò che si è visto nel caso di una Mariofania o in una Teofania. La sensazione è corretta ma la descrizione spesso è traballante e/o poco precisa. Basti pensare che spesso la Madonna appare con con tratti somatici simili a quelli del veggente e parla il dialetto del luogo per farsi comprendere. Figuriamoci come può esssere difficoltoso far intendere l’inferno…! Saluti.
Massimiliano

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Massimiliano

A cosa serva un abito rovinato e non usato da tempo mi è difficile da comprendere; sarà nostalgia di reindossare i vestiti vecchi già dismessi … vai a saperlo!

Spring
10 mesi fa

Per la serie il 2026 mi pare un po’ troppo… un filmato

Mentre l’altra serie sulle rivolte ecco un’altra città americana che comincia ad avere serissimi problemi San Francisco Has Fallen

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
Grump
Grump
10 mesi fa

La cosa ridicola è vedere tutte queste presunte “proteste” contro problemi del tutto secondari come una riforma della giustizia o delle pensioni quando dovrebbero protestare in massa per spingere i governi europei a porre fine ad un conflitto che è ad un passo dal cancellare l’umanità dalla faccia della terra. Troppi film e serie di fantascienza ormai hanno anestetizzato l’uomo della strada che sorride a parlare di queste cose. Al lupo al lupo, poi un giorno il lupo (o l’orso) arriverà e tutti saranno sorpresi. Quando sento parlare di risveglio globale delle coscienze mi viene solo da ridere.

NICOLA_Z
10 mesi fa

“GRAVI RISCHI PER L’UMANITÀ”: ELON MUSK LANCIA L’ALLARME CONTRO L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE
29 Marzo 2023

L’intelligenza artificiale potrebbe creare molti più danni che benefici se finisce nelle mani sbagliate e non viene limitato il suo potenziale: ecco l’allarme lanciato da Elon Musk
 

Sei mesi di “pausa di riflessione”: è la richiesta che Elon Musk ha fatto alle aziende e industrie in grado di produrre nuovi marchingegni di intelligenza artificiale (IA) perché “possono comportare gravi rischi per la società e l’umanità”. Per questa ragione “invitiamo tutti i laboratori – ha aggiunto il magnate – a sospendere immediatamente per almeno sei mesi l’addestramento”. Da che pulpito viene la predica verrebbe da pensare, perché proprio Musk è stato tra i fondatori di ChatGpt, chatbot di intelligenza artificiale lanciato sul mercato nel novembre 2022 dall’azienda americana OpenAI.

La lettera di Future of Life

Sono già oltre 1.100 i firmatari della lettera che è pubblicata online su Future of Life, organizzazione no-profit che lavora per limitare i danni derivati dalle nuove frontiere dell’IA. Tra i nomi più celebri preoccupati dalla veloce evoluzione di un certo tipo di tecnologia compaiono il co-fondatore di Apple, Steve Wozniak, un ricercatore specializzato nel settore che è il fondatore e direttore scientifico di Mila, Yoshua Bengio e il professore di informatica, direttore del Center for Intelligent Systems e coautore del libro di testo standard “Artificial Intelligence: a Modern Approach”, Stuart Russell.
Già soltanto queste firme di addetti ai lavori dimostrano che qualcosa stia sfuggendo di mano. “L’IA avanzata potrebbe rappresentare un profondo cambiamento nella storia della vita sulla Terra e dovrebbe essere pianificata e gestita con cure e risorse adeguate”, scrivono i firmatari aggiungendo che il livello di pianificazione e gestione sperata non sta avvenendo pur con un blocco che sarebbe già stato imposto, negli ultimi mesi, ai laboratori che creano questa intelligenza perché stavano procedendo in “una corsa fuori controllo per sviluppare e implementare menti digitali sempre più potenti che nessuno, nemmeno i loro creatori, può capire, prevedere o controllare in modo affidabile”.

Cosa può succedere

Insomma, l’affare è serio: quel che è in grado di creare dal nulla l’Ia è incredibile. Le versioni di ChatGpt-4 sono in grado di rielaborare immagini dai testi, realizzare videogiochi in 60 secondi ma anche creare dal nulla un sito web semplicemente da un normalissimo diagramma e prepare gustose ricette di cucina vedendo soltanto gli ingredienti.
È chiaro che un’intelligenza simile, se finisse nelle mani sbagliate, può causare danni irreparabili di cui oggi non si riesce ancora ad avere contezza. La pausa sarà salutare: “Gli sviluppatori di intelligenza artificiale devono collaborare con i responsabili politici per accelerare drasticamente lo sviluppo di solidi sistemi di governance dell’IA”, recita la lettera, e dovrebbero essere incluse norme e regolamentazioni per l’IA oltre a una supervisione e tracciamento diversi da quelli attuali ma anche, e questa frase è sintomatica, “istituzioni dotate di risorse adeguate per far fronte alle drammatiche perturbazioni economiche e politiche (soprattutto per la democrazia) che l’IA causerà”. In pratica, già gli esperti prevedono gli effetti nefasti che, prima o poi, l’IA causera da qualche parte nel mondo.

“L’uso criminale di Gpt”

Due giorno fa, l’Europol ha messo in guardia sull’utilizzo criminale di ChatGpt e come possa essere utilizzato dai pirati informatici per manipolare e creare testi simili a quelli umani in base alla richiesta dell’utente. “Poiché le capacità di LLM come ChatGPT vengono attivamente migliorate, il potenziale sfruttamento di questi tipi di sistemi di intelligenza artificiale da parte dei criminali fornisce una prospettiva cupa”, afferma l’Europol. I tre crimini potenzialmente più comuni potranno essere frode, disinformazione e crimini informatici. Come ricorda il Corriere, soltanto un mese fa il Ceo di OpenAI, Sam Altman, aveva sottolineato il potenziale pericolo dell’uso improprio dell’IA “che emula il pensiero umano”.

https://www.ilgiornale.it/news/nuove-frontiere/gravi-rischi-lumanit-elon-musk-lancia-appello-contro-2132332.html
 

Ultima modifica di 10 mesi fa da NICOLA_Z
Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Non credere ad una sola parola di ELON MUSK; le motivazioni le ho scritte un minuto fa e mi è sfuggito il tuo pezzo; altrimenti le avrei unite di seguito.

NICOLA_Z
10 mesi fa

IL DOLORE AL PETTO, I PROBLEMI RESPIRATORI, IL RICOVERO E LO SPETTRO DELLE DIMISSIONI: COME STA PAPA FRANCESCO

 
Papa Francesco ha passato la sua prima notte in ospedale dopo il ricovero al Policlinico Gemelli di Roma avvenuto nel pomeriggio di ieri, mercoledì 29 marzo: le condizioni di Bergoglio hanno generato apprensione tra i fedeli e alimentato nuovamente le voci delle dimissioni del Santo Padre……

……Il quotidiano argentino La Nacion, sempre molto informato sulle vicende di Bergoglio, citando fonti dell’entourage di Papa Francesco, si è spinto a parlare di PROBLEMI CARDIACI e in particolar modo di “FIBRILLAZIONE ATRIALE”.

L’IPOTESI DIMISSIONI

Le condizioni di salute di Papa Francesco hanno alimentato nuovamente le voci sulle possibili dimissioni di Bergoglio.
D’altronde è stato lo stesso Pontefice in passato ad annunciare di aver “già firmato le dimissioni”……

…..Secondo La Stampa, che cita una fonte vicino al Papa, Bergoglio per il momento non avrebbe nessuna intenzione di rassegnare le dimissioni “salvo tracolli fisici”.
Al direttore di Civiltà Cattolica Antonio Spadaro, il Pontefice aveva spiegato che le dimissioni in bianco “non vuole dire affatto che i Papi dimissionari debbano diventare, diciamo così, una ‘moda’, una cosa normale. Benedetto ha avuto il coraggio di farlo, io per il momento non ho in agenda questo”.

https://www.tpi.it/cronaca/papa-francesco-come-sta-condizioni-20230330997066/
 

PAURA PER PAPA FRANCESCO, RICOVERATO PER “UN DOLORE AL PETTO”. I MEDICI: “È POLMONITE”

Il pontefice si trova al Policlinico Gemelli dopo aver accusato problemi cardio-respiratori. Inizialmente la Santa Sede aveva parlato di “controlli programmati”. ma poi ha dovuto ammettere che il Pontefice non sta bene 

…..I PROBLEMI DEL PAPA – IL CORRIERE DELLA SERA ha raccolto voci secondo le quali Papa Francesco era ieri affaticato, le mani un po’ gonfie: avrebbe accusato un senso di oppressione e di dolori al petto, di difficoltà a respirare……

……La Tac toracica avrebbe dato esito negativo. Sempre stando al quotidiano di via Solferino “si è parlato della possibilità di eseguire una CORONAROGRAFIA, del rischio di FIBRILLAZIONE ATRIALE.

https://www.oggi.it/attualita/notizie/2023/03/30/paura-per-papa-francesco-ricoverato-per-un-dolore-al-petto-i-medici-e-polmonite/
 

UN DOLORE AL PETTO E UNA FIBRILLAZIONE ATRIALE DIETRO IL TRASPORTO AL POLICLINICO GEMELLI. DOVE RESTERÀ ALMENO FINO ALLA FINE DELLA SETTIMANA

……«Respira con fatica»

Secondo altre versioni invece il Papa da giorni non si sentiva bene. E aveva la sensazione di respirare con fatica. A parlare del MALESSERE CARDIACO è stato il quotidiano argentino La Nacion. Citando fonti dell’entourage papale……

L’ipotesi dimissioni: «Ma se è lucido non lascia»

Per questo oggi La Stampa torna a parlare dell’ipotesi dimissioni. Dove si cita un alto prelato per far sapere che Francesco non mollerà «salvo tracolli fisici». Ovvero quello che ha sempre sostenuto anche lui. Che aveva fatto sapere di aver già firmato un foglio per dare le dimissioni in caso di impedimento fisico. Anche se c’è stato chi, come il presidente della Conferenza Episcopale Usa TIMOTHY BROGLIO, ha paventato il suo addio a causa delle sofferenze fisiche……

https://www.open.online/2023/03/30/papa-francesco-ricovero-gemelli-come-sta-dimissioni/
 

Ultima modifica di 10 mesi fa da NICOLA_Z
NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

SULLA MALATTIA DI FRANCESCO E UN REGIME AL TRAMONTO  

di The Wanderer

“Papa Francesco è vicino alla fine. È questione di giorni o settimane; al massimo di qualche mese”. Questa la voce che da tempo circola nella curia romana. La gravità della sua malattia è un segreto conosciuto da tutti ed è già stata commentata in varie sedi. Come ricorda la Specola, più che mai indispensabile di questi tempi, “i papi godono di buona salute fino a tre giorni dopo la loro morte”.

Quella che poteva essere considerata solo una voce uscita dalle oscure centrali anti-Bergoglio, è diventata più significativa per l’improvviso scompenso subito ieri, che ha costretto il papa al ricovero al policlinico Gemelli. Inoltre, è già pronto il programma delle celebrazioni della Settimana Santa senza la sua presenza: il cardinale Re presiederà la domenica delle palme e la veglia pasquale; il cardinale De Donatis presiederà la Messa crismale e il cardinale Gambetti la celebrazione del venerdì santo……

..…..Quando papa Francesco morirà, perché morirà come ogni figlio di Adamo, ci sarà un conclave, e a tal proposito c’è un’informazione, resa nota la settimana scorsa, che a nostro avviso non è stata sufficientemente presa in considerazione dagli analisti, ma ora assume un’importanza particolare.

Il 23 marzo la COMMISSIONE DEGLI EPISCOPATI DELL’UNIONE EUROPEA (COMECE), che è la CONFERENZA EPISCOPALE EUROPEA, ha eletto monsignor Mariano Crociata, vescovo di Latina, nuovo presidente. La cosa interessante è che questo vescovo italiano succede al progressista, bergogliano e gesuita cardinale Hollerich, arcivescovo di Lussemburgo. La nomina del nuovo presidente non è stata ben accolta a Santa Marta, e si può capire. Crociata era stato nominato da Benedetto XVI segretario della Conferenza episcopale italiana, passo preliminare al cardinalato. Bergoglio, però, lo rimosse e gli lasciò il solo compito di occuparsi della sua modesta sede. Crociata è anche un amico intimo del cardinale Angelo Bagnasco, un altro dei cardinali detestati dal pontefice argentino. Insomma, Crociata è un ratzingeriano della prima ora.

Dunque, come si vede, non solo la CONFERENZA EPISCOPALE STATUNITENSE nomina ai suoi vertici esponenti conservatori, contrariamente alla volontà del pontefice di creare cardinali i vescovi progressisti, ma LA RIBELLIONE sta avvenendo anche nella stessa Europa.

Credo che questo non sia un fatto secondario. Anche in ambienti molto progressisti, come l’episcopato europeo in generale, i bergogliani vengono ora allontanati per collocare vescovi conservatori in posizioni di leadership.

Forse questa è – credo che sarà – la tendenza del prossimo conclave.
Le istituzioni possiedono un loro istinto di sopravvivenza.

https://www.aldomariavalli.it/2023/03/30/sulla-malattia-di-francesco-e-un-regime-al-tramonto/
 

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

e meno male che, secondo Anguera, il suo doveva essere un ‘cammino breve’…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Quel messaggio era riferito a Papa Benedetto non a Papa Francesco era una metafora per indicare che dal suo trono sarebbe stato tolto, pur volendo fare ancora un cammino

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

non mi pare proprio fosse questa la prima (e verosimile) interpretazione…

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Te lo posso assicurare ne abbiamo discusso molte volte qui, lo ha chiarito anche Regis senza interpretare)) comunque i messaggi sono due che fanno riferimento a un cammino breve, entrambi riferiti a Papà Benedetto, Remox puoi confermare??

Questo è il primo messaggio
2.506 – 05.04.2005
Cari figli, LA STRADA SARA’ BREVE PER COLUI CHE VERRA’ CON IL DESIDERIO DI FARE UN LUNGO CAMMINO.

14 giorni prima l’elezione di Papa Benedetto

Questo è il secondo sempre riferito a Papà Benedetto
Cari figli, PIETRO condurrà la sua barca in mezzo a grandi tempeste. Pregate. Il SUCCESSORE DI PIETRO avrà bisogno delle vostre preghiere. Egli sperimenterà il calvario. Sarà amato e odiato a motivo delle sue posizioni. Ecco i tempi dei dolori. Il veleno è nell’ALBERO, non nel frutto. La Chiesa del mio Gesù cammina verso un futuro di grandi prove ma, come ho già detto, Gesù ha tutto sotto controllo. PIETRO nella terra di PIETRO. Quello che dico non lo potete capire adesso, ma tranquillizzate i vostri cuori, perché il mio Gesù cammina con voi. Il re soffrirà a causa dei suoi sudditi. Non temete. Sono vostra Madre e supplicherò il mio Gesù per voi. LA STRADA SARA’ BREVE PER IL RE, COME L’ ATTRAVERSARE DELLA FAMOSA PIAZZA.

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Messaggio n. 2506 del 05/04/2005
“Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino……”.
 

Messaggio n. 3790 del 16/03/2013
La strada sarà breve per il re, come l’attraversare della famosa piazza……..”.
 

Ciao Mario, il primo messaggio (n. 2506), è stato dato dopo la morte di Giovanni Paolo II, e prima dell’elezione a Pontefice di Benedetto XVI, e quindi senz’altro il messaggio si riferisce a quest’ultimo.

Ma il secondo messaggio (n. 3790), è stato dato 3 giorni dopo l’elezione di papa Francesco, e quindi tale messaggio non può che riferirsi a Bergoglio.

L’utente Eranuova evidentemente, si riferiva proprio a questo messaggio del 16/03/2013.

Quindi la sua osservazione, meriterebbe una risposta, che io sinceramente non sono in grado di fornire.

È curioso però che per entrambi i pontefici, venga usata una stessa espressione per etichettarli : “la strada sarà breve” , per l’uno poco prima dell’elezione, e per l’altro poco dopo l’elezione…… Chissà come mai…..un’altra cosa che non riusciamo a capire…..

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Nicola ne abbiamo già parlato tante volte nel blog , anche questo messaggio si riferisce a Benedetto , Regis ne ha fatto una catechesi e ne abbiamo discusso qui, ora non ho tempo di cercare , dopo faccio le ricerche , rimaneva solo il dubbio su come interpretare l’altraversare la famosa piazza , ma era sempre riferita a Papà Benedetto , nel frattempo Remox puoi ricordare dove ne abbiamo discusso??

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

I messaggi sono troppo vaghi e ognuno riesce a trovare la propria interpretazione.
Per questo secondo me non sono credibili..

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Grazie Remox, per il video che non ricordavo più.

Come ha detto Mario Mancusi, ne avevamo già parlato, e anche tu lo avevi riportato in un tuo articolo del 2022.

IL CALVARIO DI BENEDETTO XVI 11 Feb 2022

 
3.790 – 16/03/2013
Cari figli, Pietro condurrà la sua barca in mezzo a grandi tempeste.
Pregate. Il successore di Pietro avrà bisogno delle vostre preghiere. Egli sperimenterà il calvario.
Sarà amato e odiato a motivo delle sue posizioni. Ecco i tempi dei dolori.

Infatti in questo famoso messaggio dato tre giorni dopo l’elezione di Francesco la Madonna ha profetizzato su Benedetto XVI. Come ha
spiegato Pedro il successore di Pietro di cui si sta parlando è proprio il papa emerito e non il regnante.

Non si specifica infatti “il nuovo successore di Pietro” come fatto nel messaggio del 2005 per l’elezione di Ratzinger.
Si intende quindi che il successore è sempre lo stesso, ovvero il papa tedesco. Il legame fra il Calvario di questi messaggi e la visione di Fatima che simbolicamente descrive il cammino del Calvario è evidente.
 
https://www.ducadeitempi.it/2022/02/il-calvario-di-benedetto-xvi/

Ultima modifica di 10 mesi fa da NICOLA_Z
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

E’ bene rivedere le catechesi del passato perchè avvolte si dimenticano molte cose:
Regis dice che tutto questo messaggio al 100% è riferito a Papa Benedetto:3.790 – 16 marzo 2013 
Cari figli, PIETRO condurrà la sua barca in mezzo a grandi tempeste. Pregate. Il SUCCESSORE DI PIETRO avrà bisogno delle vostre preghiere. Egli sperimenterà il calvario. Sarà amato e odiato a motivo delle sue posizioni. Ecco i tempi dei dolori. Il veleno è nell’ALBERO, non nel frutto. La Chiesa del mio Gesù cammina verso un futuro di grandi prove ma, come ho già detto, Gesù ha tutto sotto controllo. PIETRO nella terra di PIETRO. Quello che dico non lo potete capire adesso, ma tranquillizzate i vostri cuori, perché il mio Gesù cammina con voi. Il re soffrirà a causa dei suoi sudditi. Non temete. Sono vostra Madre e supplicherò il mio Gesù per voi. LA STRADA SARA’ BREVE PER IL RE, COME L’ ATTRAVERSARE DELLA FAMOSA PIAZZA.

Anche la parte finale :  LA STRADA SARA’ BREVE PER IL RE, COME L’ ATTRAVERSARE DELLA FAMOSA PIAZZA., Regis afferma che è riferita a Papa Benedetto, non lo spiega ma da un riferimento , è un puzzle da collegarsi con il messaggio della Muraglia.
In quel messaggio della Muraglia si parla della morte di Papa Benedetto,

Dalla sua elezione 19 Aprile 2005 alle dimissioni 28.02.2013 sono trascorsi 7 anni 10 mesi e 9 giorni
dal primo giorno delle dimissioni 1 marzo 2013 alla sua morte 31.12.2022 sono trascorsi 9 anni e 9 mesi

Quindi una differenza di quasi 2 anni tra i due periodi di tempo, che quindi sono abbastanza simili per durata.
cosa ne pensi remox comunque l’indizio dato da Regis sulla muraglia è un ‘indicazione che fa riferimento alla morte di Papa Benedetto

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Effettivamente puo essere, anche Pietro nella terra di Pietro (un Papa che muore e giunge nel regno dove Pietro ha le chiavi ) il riferimento alla morte di Papa Benedetto, è assodato. Regis ora potrebbe spiegarlo

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

mi sembra che vi arrampichiate sugli specchi, come fa Pedro in quel video, dove praticamente, a tal proposito, non chiarisce un bel nulla…

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Il funerale di Benedetto XVI, ci fù il 05 gennaio 2023.

L’assalto nella piazza dei Tre Poteri a Brasilia, dove stanno le 3 istituzioni, il Parlamento, la Corte suprema e il Palazzo Planalto (palazzo presidenziale), è avvenuto 3 giorni dopo, ossia 08 gennaio 2023.

Ma le proteste nelle strade e nelle piazze del Brasile, ribollivano da molto prima, con le accuse furibonde di brogli elettorali, che avrebbero ribaltato l’elezione a Presidente a favore di Lula, e a danno di Bolsonaro.

Tuttavia la data dell’assalto (simile a quello che avvenne a Capitol Hill, a Washington nella disfida Trump vs Biden) è del giorno 08 gennaio 2023.

Ultima modifica di 10 mesi fa da NICOLA_Z
Lucio Anneo
Lucio Anneo
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Scusa, Remox, a me il brasiliano ricorda tanto Wanna Marchi. Fra l’altro, mi sembra di ricordare che un di lei collaboratore fosse appunto brasiliano….

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Lucio Anneo

no, non esageriamo: quella era un’impostora; Pedro, penso, si sia lasciato prendere la mano e sta ‘debordando’…

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

quante ‘storture’ in questa catechesi:

  • ‘la grande tribolazione durerà molte decadi’:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=593

  • non lo dice espressamente, ma lo fa intendere, ed è inaccettabile, che ‘definisca’ Francesco come un antipapa:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=1510

e qui lo ribadisce:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=8111

  • dichiara che non è necessario citare il nome del papa perché una messa sia valida :

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=2864

  • definisce ‘opera del demonio’ il cambiamento di qualche parola del Padre Nostro:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=3278

  • non è per niente amabile quando prende in giro quanti credono nelle navi spaziali (io sono uno di quelli): dimentica che Elia fu trasportato in Cielo da un carro di fuoco che, molto probabilmente, era un’astronave:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=4439

  • non crede nelle candele benedette che splenderanno per tre giorni durante i giorni di tenebre, e interpreta pure male i messaggi che esortano a non aprire alle voci (false, ma che lui reputa reali) dei parenti che imprecano di entrare in casa (mostrando di non conoscere a fondo le profezie dei mistici) e perciò interpreta a modo suo (come fa spesso) quella profezia, in senso simbolico:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=4665

  • non crede che Conchita sia stata realmente comunicata, perché (ancora una volta) non conosce i fatti e non sa che le fu detto che quell’ostia era stata presa da un tabernacolo della terra (e quindi non veniva dal Cielo) e aggiungo, visto che la Madonna le ha detto che questo non era possibile, perché non gli ha detto pure che quell’ostia veniva da un tabernacolo?

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=6010
https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=6115

  • non crede alla pergamena di Medjugorje, e non riflette che quella pergamena possa essere stata creata ‘miracolosamente’ (sulla Terra) senza necessariamente venire dal Cielo:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=6380

-come fa ad affermare che la Madonna vista in una sua visione (sulla Passione di Gesù, quando Maria era cinquantenne) sia la stessa di Anguera che invece (detto da lui stesso) le appare come una giovane di ca 23 anni?

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=5641

  • come fa ad affermare (con certezza) che la Madonna non può consigliare di fare scorte, quando Dio stesso istruì Noè su quanto dovesse fare per sopravvivere al Diluvio (scorte comprese)?

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=6507

  • interpretare il termine ‘gigante’ come il frutto di una manipolazione genetica è davvero discutibile:

https://youtu.be/XWLlB5PuQSc?t=7679

Brasil
Brasil
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Qui dentro , e aggiungo tutti i veri credenti, hanno un giudizio negativo su questo Papa , alcuni non lo definiscono Antipapa solo per carità e per prudenza Cristiana

Ultima modifica di 10 mesi fa da Brasil
eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Brasil

Pensavo (e speravo) di trovare un ambiente desideroso di ricercare la verità delle cose, delle persone, delle circostanze, degli avvenimenti..

Brasil
Brasil
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Permettimi, ma non pensi che sia il contrario? In questi 10 anni questo pontificato ha fatto soffrire tutti noi fedeli , per te , tutto normale ?

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  Brasil

Ho già risposto, in qualche modo, a questa osservazione: sono decenni che vescovi e sacerdoti seguono le idee più moderniste e nefande: è come se tutte le colpe e responsabilità del passato si fossero addensate su di lui: tutti vorremmo un papa con più ‘palle’, ma, considerando il lassismo attuale nella Chiesa mondiale, Francesco rimane una benedizione…

e aggiungo: già 40 anni fa, in alcune facoltà teologiche, che avrebbero formato gli attuali vescovi e sacerdoti, si insegnava che Satana non era una entità reale ma solo un simbolo, e in quegli stessi anni (e negli anni a seguire sempre più), si compivano atti sessuali scandalosi fra le schiere di prelati e seminaristi: dov’erano i vostri celebrati papi e vescovi ‘difensori’ della tradizione e della moralità, mentre accadeva tutto questo?…

NICOLA_Z
10 mesi fa

IL PAPA MIGLIORA MA IL CONCLAVE SEGRETO È GIÀ INIZIATO. LA GUERRA NELLA CHIESA

Il giallo dei bollettini sulle sue condizioni, i medici non si sono mai espressi. Lo stato di salute di Francesco viene comunicato solo dal Vaticano 

Il Papa migliora ma le voci sulle sue possibili dimissioni si moltiplicano

Papa Francesco migliora, questo è quanto filtra dall’ospedale Gemelli in cui è ricoverato per una “polmonite infettiva“, ma è giallo sui bollettini medici che provengono dal Vaticano e non dai medici. Finora – si legge sul Corriere della Sera – non si sono mai visti né si è mai sentita la voce dei dottori che lo stanno curando. Non ci sono bollettini ufficiali dell’ospedale, come non ci furono due anni fa quando Francesco fu operato allo stomaco. E questa assenza di trasparenza permette a nemici e amici di scegliere la narrativa preferita, senza che l’opinione pubblica sia in grado di capire fino in fondo come stanno le cose. L’impressione è che in Vaticano stiano un po’ tutti col fiato sospeso, e in un silenzio che conferma il disorientamento e l’incertezza. SOTTOTRACCIA, PERÒ, LE MANOVRE PER IL CONCLAVE, MAI INTERROTTE, SI STANNO INTENSIFICANDO.

Nei mesi scorsi, – prosegue il Corriere – Francesco ha rilasciato una serie di interviste nelle quali ha lasciato intendere intenzioni non sempre coincidenti: fino a precisare, di fronte a voci interessate di possibili dimissioni, che il papato è tendenzialmente a vita. Ma in precedenza aveva affermato che potrebbe dimettersi per motivi seri di salute, o se capisse di perdere lucidità; che se rinunciasse non resterebbe in Vaticano; che non andrebbe nemmeno in Argentina; che forse si ritirerebbe in una parrocchia romana, o nella basilica di San Giovanni in Laterano; che non si chiamerebbe «Papa emerito» come il predecessore ma «vescovo emerito di Roma»; e che non indosserebbe più l’abito bianco.
I suoi “nemici” confidano che l’indebolimento di Francesco acceleri UN CONCLAVE DAI CONTORNI MISTERIOSI, MA CONSIDERATO TRA I PIÙ DIFFICILI E CONFLITTUALI DEGLI ULTIMI DECENNI.

https://www.affaritaliani.it/cronache/il-papa-migliora-ma-il-conclave-segreto-gia-iniziato-la-guerra-nella-chiesa-847546.html?refresh_ce

*********
*********
*********

LE CONDIZIONI DI PAPA FRANCESCO MIGLIORANO. MA ORA C’È IL RISCHIO DI UN «CONCLAVE SENZA CONCLAVE»

LE CONDIZIONI DI PAPA FRANCESCO MIGLIORANO, MA ORA C’È IL RISCHIO DI UN CONCLAVE OMBRA- CORRIERE.IT

(es) Las situación del Papa Francisco mejora, pero “ahora existe el riesgo de un Cónclave en la sombra” (El Mundo)

Le manovre di amici e avversari intorno a un Papa comunque infragilito — «Il Papa sta lentamente migliorando. Ma emergerà da questo ricovero comunque infragilito. E il CONCLAVE OMBRA impazzerà più che mai…». Gli effetti del ricovero di Francesco al Policlinico Agostino Gemelli in seguito alla crisi respiratoria di mercoledì già si fanno sentire. Ma non sono solo fisici.

Proiettano quasi per inerzia tutte le ombre che lo accompagnano da tempo; e che dopo la scomparsa di Benedetto XVI, il «Papa emerito», il 31 dicembre scorso, si sono inspessite…..

…… rispunta invece anche la divisione quasi tribale sopravvissuta a ogni papato; e non sanata nel decennio di Francesco.

È un conflitto sordo che il Papa percepisce, e del quale soffre. Nei giorni scorsi, ricevendo una delegazione di profughi, avrebbe evocato ancora nemici all’interno del Vaticano, oltre che fuori…..

…… Sottotraccia, però, le manovre per il Conclave, mai interrotte, si stanno intensificando. Qualcuno fotografa il paradosso di un pontificato argentino affiancato, se non condizionato per quasi dieci anni dall’ombra dell’«emerito» Benedetto; e da appena tre mesi ritornato alla normalità dopo la morte di Joseph Ratzinger. Invece, proprio quando finalmente si era riaffermato un solo Papa regnante, è arrivata questa crisi respiratoria, abbinata a una sofferenza cardiaca: come se Francesco e Benedetto fossero pontefici con traiettorie esistenziali difficili da separare.

https://ilsismografo.blogspot.com/2023/03/vaticano-le-condizioni-di-papa.html

Ultima modifica di 10 mesi fa da NICOLA_Z
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Per me occorre aspettare la rivelazione del segreto, la bomba su Papa Francesco, non penso che avvenga la rivelazione dopo la sua morte o dimissioni

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Un conclave in ombra e una bomba su Papa Francesco … a che pro? Non fa più parte del piano?

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

La bomba per costringerlo a dimettersi, è evidente che non vuole farlo, la chiave di mano in mano, vogliono desacralizzare il Papato rendendolo un istituzione umana e non divina

Ultima modifica di 10 mesi fa da mario mancusi
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Quindi non risponde più ai comandi?

Ci sono troppe incongruenze, a capire questo versante ci ho rinunciato da parecchio.

Comunque non dimentichiamo neanche che si tratta del Papa che ha riproposto la devozione alla Madonna che scioglie i nodi.

… che pensare quando tante cose sono contraddittorie?

mario mancusi
10 mesi fa

Ci ricorda un lettore di “Codice Ratzinger”, su Twitter: “Via Crucis 2020 nessuno x Covid; Via Crucis 2021 nessuno x Covid; Via Crucis 2022 in silenzio x guerra, Via Crucis 2023 assente giustificato”.
Non sarà che questo malore casca proprio a fagiolo per disertare le celebrazioni cattoliche per definizione, cioè quelle pasquali? Non sarà che Bergoglio non le celebra volentieri perché non è cattolico, come abbiamo descritto QUI ? Ma siccome è vestito di bianco e si mette il grembiule da pizzaiolo, nessuno nel mainstream osa farsi qualche domanda.
Interessante ciò che nota La Nuova Bussola quotidiana QUI : “E’ stata data grande enfasi alla notizia, confermata dai diretti interessati, che le celebrazioni della Settimana Santa toccheranno al cardinale decano, Giovanni Battista Re e al sottodecano, Leonardo Sandri. Incarichi che però NON HANNO UN NESSO CON LA MALATTIA DEL PAPA perché, come confermato dallo stesso prefetto emerito del Dicastero per le Chiese orientali, erano stati previsti prima di mercoledì 29 marzo. È già successo che Francesco non si recasse all’altare a celebrare in occasione delle solennità e che si limitasse a presiedere la cerimonia, pronunciando l’omelia”.
Non sarà dunque che questa ennesima sceneggiata voleva mediaticamente giustificare al popolo bue quanto era stato già deciso da un pezzo, cioè che Bergoglio non avrebbe celebrato un bel niente? Bisognava trovare una scusa, ed ecco qua: la bronchite-infarto-occlusione intestinale-che-non-è-Covid.
Lo diciamo chiaro e tondo. Non crediamo A NIENTE di quello che dicono “papa Francesco” e la sua “sala stampa”. Primo perché Francesco non è il vero papa, come abbiamo ampiamente dimostrato in questi due brevi documentari, “Dies Irae”

https://www.liberoquotidiano.it/articolo_blog/blog/andrea-cionci/35371728/monsignor-gaenswein-bergoglio-bufale-sante-altre-no.html

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Che tristezza leggere queste insinuazioni…

Massimiliano
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

A parte che a pensar male si fa peccato ma spesso anzi molto spesso ci si azzecca…, ma chissà magari è solo il buon Dio che lo ostacola, e chissà magari lo fa per farlo ravvedere… Saluti.
Massimiliano

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Ho solo riportato, non ho aggiunto nulla di mio

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

https://www.google.com/amp/s/tg24.sky.it/cronaca/2023/03/31/papa-francesco-ricoverato-ultime-notizie/amp ..tutte queste false insinuazioni solo per star dietro a quattro veggenti da strapazzo.
Loro si arricchiscono, è questo il loro unico scopo.

Brasil
Brasil
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Anneo la vuoi finire di scrivere in anonimato mettici la faccia, ma sai scrivere qualcosa di costruttivo??

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  Brasil

1) è una notizia di poco fa, non me la sono inventata.
2) La prossima volta invece di Anonimo scrivo Argentina se a tuo parere questo è un modo per uscire dell’anonimato.
Ps.non sono Anneo

NICOLA_Z
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Caro anonimo, potresti anche auto-nominarti Paraguay oppure Uruguay, l’importante che le tue notizie, non siano l’annuncio di guai!

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  NICOLA_Z

No Nicola, non ci sono guai, esprimo solo le mie considerazioni.

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Non nasconderti! Sei Annea.

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Non so chi sia mi dispiace.

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Bugiardo! Hai un nome ed un cognome; non pretendiamo tanto: daccene due falsi, ma sempre gli stessi; così noi siamo tutti contenti e coglionati di prammatica.

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Piacere, Paolino Paperino..contento?

Brasil
Brasil
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Ok Anneo da oggi ti chiamiamo Paolino Paperino

Ultima modifica di 10 mesi fa da Brasil
Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Insinuazioni? Missione compiuta, piuttosto! A piazza S.Pietro i fedeli li conti sulle dita.

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

non certo per colpa di Francesco: sono decenni che vescovi e sacerdoti seguono le idee più moderniste e nefande: è come se tutte le colpe e responsabilità del passato si fossero addensate su di lui: tutti vorremmo un papa con più ‘palle’, ma, considerando il lassismo attuale nella Chiesa mondiale, Francesco rimane una benedizione…

Massimiliano
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Ahahahahahahahahshahahahahahahahaha

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

“Francesco rimane una benedizione…”. Per favore … no! Se fosse poi satanica …

Brasil
Brasil
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Siamo alle comiche finali , La benedizione della Pachamana

mario mancusi
10 mesi fa

https://gloria.tv/post/a7GrE7B9vs4W2WyfG9AQRFGDq

Previsione divina? Cardinale lo sapeva già lunedì
Il cardinale Sandri è stato informato lunedì 27 marzo che avrebbe presieduto l’Eucarestia delle Palme, scrive IlSismografo (30 marzo), che conclude che la decisione sull’assenza di Francesco dalla Settimana Santa era già stata presa 24 prima del ricovero in ospedale.

SilereNonPossum ribatte su Twitter (30 marzo) che l’affermazione di Sandri andrebbe interpretata nel senso che avrebbe presieduto attivamente al tavolo di Novus Ordo mentre Francesco avrebbe assistito in carrozzina.

L’ufficio stampa del Vaticano è stato criticato per i comunicati confusi: “Le versioni pubblicate non solo sono diverse, ma si contraddicono”, scrive IlSismografo.

mario mancusi
10 mesi fa

Remox hai letto l’ultimo messaggio di Anguera, lo posto per la gioia di Eranuova che apprezza tanto)))

Cari figli, cercate il Signore. Egli vi chiama ad essere uomini e donne di preghiera. L’umanità berrà il calice amaro della sofferenza e solamente coloro che pregano potranno sostenere il peso della croce. Dalle profondità verrà grande dolore per l’umanità. Ecco che sono arrivati i tempi da Me predetti. Coraggio! Nelle mani il Santo Rosario e la Sacra Scrittura; nel cuore, l’amore per la verità. L’umanità cammina per l’abisso dell’autodistruzione che gli uomini hanno preparato con le loro proprie mani. Pentitevi e ritornate a Colui che vi ama e vi perdona. Avanti per il cammino che vi ho indicato! [..]
numero 5.421 trasmesso l’ 30.03.2023

Sono arrivati i tempi predetti
Qui tutti messaggi sull’argomento

https://gloria.tv/post/udNpZxUpDuAj26LZPfKABgmCs

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Già 50 anni fa la Madonna diceva a Don Gobbi “ecco i tempi da me predetti” e molti altri ‘messaggi’ che, con mio dolore, non si sono rivelati attendibili…

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  eranuova

Consolati con la statistica! Il 50% delle profezie sono false; l’altro 50% non sono credute per prudenza. Conclusione: il 100% in queste condizioni sono inutili! Eppure bisogna credere in qualcosa: credi almeno alla statistica.

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa

Uno dei motivi della guerra, forse il principale e per questo non dichiarato.
https://www.businesswire.com/news/home/20230228006062/it/
{BARCELLONA, Spagna–(BUSINESS WIRE)–Durante il MWC di Barcellona 2023, Huawei incontrerà operatori, partner industriali e altri importanti opinion leader di tutto il mondo per discutere di “GUIDE to the Intelligent World”. Insieme, esamineranno come utilizzare il progetto aziendale GUIDE per gettare le basi del 5.5G e sfruttare il successo del 5G per una prosperità ancora maggiore in un mondo intelligente}.
https://www.key4biz.it/in-che-modo-5g-e-ai-lavoreranno-insieme-trend-e-casi-duso/434001/
{Le due tecnologie possono collaborare fra loro e trasformarsi a vicenda.
Le nuove tecnologie evolvono costantemente e si influenzano a vicenda, creando forme inedite di collaborazione che ne arricchiscono le potenzialità. E’ questo il caso del 5G e dell’Intelligenza Artificiale (AI), che in tandem stanno creando nuovi casi d’uso per rispondere alle esigenze del futuro.
5G: evoluzione per il futuro.
Con i loro poteri combinati, le tecnologie AI e 5G sono una superforza. Questo duo dinamico ha il potenziale per trasformare molti settori diversi, dalla sanità e dai trasporti all’intrattenimento e oltre. Questa trasformazione della tecnologia come la conosciamo dovrebbe produrre contributi impressionanti all’economia globale (*). Secondo ABI Research, la produzione totale della combinazione di AI e 5G raggiungerà i 17,9 trilioni di dollari, ovvero lo 0,7% del PIL globale, entro il 2035. Una parte significativa dei contributi diretti di AI e 5G proverrà probabilmente dall’ecosistema 5G, con il 5G diventando un importante aspetto tecnico in molte applicazioni industriali.
La combinazione di queste tecnologie può migliorare l’efficienza operativa e l’efficacia dei sistemi che le utilizzano.
La tecnologia 5G può trasmettere informazioni rapidamente e a bassa latenza, mentre l’IA riduce al minimo la complessità operativa utilizzando algoritmi efficienti. Ciò significa che i dispositivi che li utilizzano saranno più veloci, più produttivi e più redditizi. Inoltre, la combinazione di 5G e intelligenza artificiale migliorerà l’efficacia in termini di costi di un’ampia gamma di processi attraverso l’uso di sistemi automatizzati. Questa automazione può ridurre lo sforzo e i costi necessari per svolgere funzioni industriali migliorando al contempo la precisione. ….
Automazione industriale:Le reti 5G e l’intelligenza artificiale supporteranno l’automazione industriale esistente consentendo ai robot industriali di comunicare tra loro e con gli esseri umani che li gestiscono. Ciò porterà a processi di produzione più sicuri, efficienti ed economici.}
https://www.key4biz.it/lettera-aperta-di-musk-e-altri-mille-ricercatori-fermiamo-lo-sviluppo-dellai-per-6-mesi-a-rischio-lumanita/440848/

di Piermario Boccellato | 30 Marzo 2023, ore 11:15

{Elon Musk e altri mille fra ricercatori e manager chiedono, in una lettera aperta, uno stop o una moratoria dei governi per evitare il tanto temuto ‘scenario catastrofico a causa dell’AI di ultima generazione’. Anche L’Europol, l’ufficio europeo di polizia, lancia un avvertimento: “Con ChatGPT aumento significativo di attività criminali”.

L’intelligenza artificiale (AI) pone “profondi rischi per la società e l’umanità” e per questo servirebbe una “pausa” di almeno sei mesi nell’”addestramento” dei sistemi più avanzati.

L’allarme è di Elon Musk e di altri 1.000 fra ricercatori e manager che, in una lettera aperta, chiedono uno stop o una moratoria dei governi per evitare il tanto temuto ‘scenario Terminator’ e consentire lo sviluppo di protocolli di sicurezza condivisi.}
Elon Musk è “preoccupato” per i criminali o per altro (*)? Oltre al tracollo politico-finanziario, forse l’occidente teme ancor più un tracollo industriale dovuto alla combinazione di queste tecnologie che può migliorare l’efficienza operativa e l’efficacia dei sistemi che le utilizzano, come in Cina.

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Oltre alla razionalizzazione dell’industria, occorre un riequilibrio monetario a livello internazionale.
https://news.bitcoin.com/former-treasury-official-warns-of-complete-economic-implosion-if-us-dollar-loses-global-reserve-currency-status/
{L’ex funzionario del Tesoro avverte della completa implosione economica se il dollaro USA perde lo status di valuta di riserva globale
L’ex Assistente Segretario per gli Affari Pubblici del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, Monica Crowley, ha avvertito delle conseguenze “catastrofiche” se il dollaro USA perdesse il suo status di valuta di riserva mondiale. “Ciò significherebbe la fine del dollaro USA”, ha detto, prevedendo che “ci sarebbe una completa implosione del sistema economico globale”.
Crowley avverte delle conseguenze “catastrofiche” se il dollaro USA perde lo status di valuta di riserva globale
Monica Crowley, ex assistente segretaria per gli affari pubblici del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, ha spiegato sabato su Fox News cosa accadrebbe se le economie emergenti si allontanassero dal dollaro USA verso lo yuan cinese e il dollaro USA non fosse più la valuta dominante del mondo. Lei ha sottolineato:
È davvero difficile sopravvalutare esattamente quanto sarebbe catastrofico l’abbandono del dollaro USA come valuta di riserva globale del mondo.
Crowley ha spiegato che dalla fine della seconda guerra mondiale il dollaro è considerato un bene rifugio. Inizialmente, era sostenuto dall’oro, ma dopo che il presidente Nixon ha tolto gli Stati Uniti dal gold standard, negli ultimi 50 anni non c’è stata alcuna risorsa solida a sostenere il dollaro. Invece, è stato sostenuto dalla “forza e dal potere economico” degli Stati Uniti, ha detto.
L’ex funzionario del Tesoro ha aggiunto che un altro fattore importante è “il fatto che il petrolio è sempre stato scambiato in dollari”, avvertendo:
Se dovesse finire, significherebbe la fine del dollaro USA.
Sottolineando che il dollaro USA ha lo status di valuta di riserva mondiale “è stato un vero privilegio”, ha espresso: “Abbiamo abusato del privilegio con politiche monetarie e fiscali totalmente sconsiderate per così tanti anni, certamente negli ultimi due anni, che ha davvero svalutato il dollaro”.
Crowley ha continuato: “Inoltre, ora hai questa tempesta perfetta della debolezza di Biden, la sua guerra alla produzione energetica interna americana, la guerra in Ucraina… A causa di tutte queste cose, abbiamo i nemici dell’America, guidati dalla Cina, formare un nuovo blocco economico”.
L’ex sottosegretario per gli affari pubblici ha aggiunto che, poiché ci troviamo in un momento cruciale, “basta che a questo punto… “Saremo aperti a prendere in considerazione altre valute per commerciare petrolio”. Crowley ha avvertito:
Se ciò dovesse accadere, ci sarebbe una completa implosione del sistema economico globale, ma certamente del sistema economico americano. E se ciò dovesse accadere, staresti guardando un’inflazione alle stelle che infuria, tipo di inflazione della Repubblica di Weimar. Se pensi che l’inflazione sia negativa in questo momento, aspetta.
“Ma ancora più importante, perderemmo il nostro dominio economico e perderemmo il nostro status di superpotenza”, ha osservato}.
Se ciò dovesse accadere e non c’è motivo che non accada, gli usa diventeranno uno stato federale “argentino” con una inflazione almeno al 30%. In Italia? Peggio!

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Dubbi che affiorano.
https://luogocomune.net/30-scienza-e-tecnologia/6207-high-tech-e-accademici-vogliono-fermare-l%E2%80%99intelligenza-artificiale
{Un gruppo di accademici e di potenti dirigenti dell’industria tecnologica hanno firmato una lettera per chiedere una moratoria sullo sviluppo dell’intelligenza artificiale.
Fra i quasi 2.000 firmatari troviamo il CEO di SpaceX e Tesla Elon Musk, il co-fondatore di Apple Steve Wozniak, il capo scienziato di IBM Grady Booch, l’etico per la tecnologia Tristan Harris. Fra gli accademici compaiono anche Stuart Russell, direttore del Center for Human-Compatible Artificial Intelligence dell’Università di Berkeley, Yuval Noah Harari, storico dell’Università Ebraica di Gerusalemme, e Sean O’Heigeartaigh, direttore esecutivo del Center for the Study of Existential Risks dell’Università di Cambridge. La lista completa di nomi (in fondo alla lettera) è impressionante. ….
A questo punto però sorge un dubbio: tutti questi personaggi si sono accorti solo adesso del pericolo a cui andiamo incontro? E’ possibile che nessuno di loro abbia visto “2001 Odissea nello Spazio”, oppure che non abbia mai letto un racconto di fantascienza? Bisognava davvero arrivare sull’orlo del precipizio per accorgersi del rischio di un cambiamento irreversibile nella società umana?
Io sinceramente sono stupito, e mi domando se tutta questa improvvisa preoccupazione sia il frutto genuino di un ripensamento tardivo, oppure se sia la solita messinscena mediatica (un pò come quella sul riscaldamento globale) che nasconde magari una feroce guerra fra bande, per decidere CHI dovrà essere colui che si assicura il controllo dei cervelli dell’umanità?
Perchè una cosa è certa: se tutti questi soloni si sono accorti solo adesso del rischio che corriamo, forse allora vale davvero la pena di mettere il nostro futuro in mano ad un algoritmo. Quello rischia certamente di fare meno danni di questa banda di pericolosi decerebrati. Massimo Mazzucco}.
Il controllo dei cervelli è altissimo ora, non c’è bisogno di aumentarlo: controllano già tutto; invece con 5.5G ed Ai è possibile implementare e controllare meglio lo sviluppo industriale: la combinazione di queste tecnologie può migliorare l’efficienza operativa e l’efficacia dei sistemi che le utilizzano; ergo bisogna fermare la Cina che è nella migliore posizione rispetto all’occidente per approfittarne; questa è la vera preoccupazione dell’occidente.

主新闻稿图片.jpg
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

All’epoca della guerra tra i Terrestri e i Debeniani la centrale operativa della Terra viene messa in subbuglio dalla scoperta che un umile tecnico è capace di fare a mente le moltiplicazioni. Siamo nel terzo millennio. Le macchine sono costruite dalle macchine, nessuno sa più come funzionano, anche se si immagina che le prime debbano essere state costruite dagli umani. Myron Aub si diletta di archeologia tecnologica ed esaminando i vecchi progetti dei primi calcolatori del ventesimo secolo ha scoperto che gli algoritmi per le operazioni numeriche cablati nei computer organizzavano le operazioni aritmetiche in un modo elementare che si può replicare a mente, o meglio a mano su fogli di carta. Aub arriva a convincersi di una tesi di Turing rovesciata: “tutti i calcoli che possono fare le macchine li possono fare gli umani!”

Una volta assodato che non si tratta né di fortuna né di divinazione, che è possibile imparare il metodo, i militari sono galvanizzati dalla prospettiva di sostituire sui missili i costosi e pesanti calcolatori con personale umano facilmente fungibile, e lanciano un programma generale di educazione.

“Nove volte sette, pensava Shuman con profonda contentezza, fa sessantatré e non ho bisogno che me lo venga a dire una calcolatrice. La calcolatrice ce l’ho nella testa“.

Il racconto di Asimov fu ispirato dal fatto che già prima della diffusione delle calcolatrici tascabili era stato osservato negli USA che la capacità di fare divisioni veniva perduta prima dei trent’anni dalla maggior parte delle persone che non dovevano usarla professionalmente.

Se poi a scuola non sono più insegnate, conoscenze e tecniche vengono dimenticate, non solo individualmente ma collettivamente.

L’operazione lavaggio del cervello iniziò con una semplice calcolatrice tascabile.

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

https://modofluido.hydac.it/intelligenza-artificiale-industria-40
Intelligenza artificiale: il Programma strategico IA 2022-2024{Programma Strategico per l’Intelligenza Artificiale (IA) 2022-2024. Si tratta di una serie di politiche (24) volte ad implementare e favorire lo sviluppo dell’Intelligenza artificiale in diversi settori nel prossimo triennio. Il programma, redatto congiuntamente dal Ministero dell’Università e della Ricerca, dal Ministero dello Sviluppo Economico, dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale e dal gruppo di lavoro sulla Strategia Nazionale per l’Intelligenza Artificiale, prevede 6 obiettivi per il consolidamento delle tecnologie di intelligenza artificiale.

  • Obiettivo 1: rafforzare la ricerca di frontiera nell’IA incentivando un approccio multidisciplinare volto.
  • Obiettivo 2: ridurre la frammentazione della ricerca sull’IA promuovendo le collaborazioni di rete.
  • Obiettivo 3: sviluppare e adottare un’IA antropocentrica e affidabile sostenendo lo sviluppo e la progettazione di tecnologie e sistemi di IA responsabili.
  • Obiettivo 4: aumentare l’innovazione basata sull’IA e lo sviluppo della tecnologia di IA promuovendo investimenti che facilitino l’adozione anche nelle PMI.
  • Obiettivo 5: sviluppare politiche e servizi basati sull’IA nel settore pubblico promuovendo l’innovazione, l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale e la cooperazione tra centri di ricerca, industrie ed enti pubblici.
  • Obiettivo 6: creare, trattenere ed attrarre ricercatori di IA in Italia promuovendo lo studio dell’Intelligenza artificiale in tutti i livelli di istruzione.

In conclusione, l’Europa e l’Italia si stanno impegnando concretamente nello sviluppo dell’IA, ma la strada per adeguare l’industria a queste nuove opportunità tecnologiche è in salita. Date queste premesse nei prossimi anni si attendono grandi cambiamenti}.
Perché ora buttano tutto alle ortiche?

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

https://www.spindox.it/it/intelligenza-artificiale-per-le-pmi/#gref
{…Nel contesto del settore industriale, per trarre il massimo vantaggio dall’intelligenza artificiale si cercano di sfruttare quelle che sono le migliori capacità degli algoritmi allo stato dell’arte attuale, ovvero il percepire, l’imparare ed il ragionare.
Intelligenza artificiale e Industria 4.0In ogni settore produttivo si trovano applicazioni estremamente preziose di queste nuove tecnologie. Basti pensare al mondo della grande distribuzione, nel quale da un lato algoritmi di clustering aiutano a capire le esigenze diverse dei propri clienti e dall’altro algoritmi previsionali stimano costantemente le vendite di ogni prodotto dei giorni e nelle settimane seguenti per organizzare al meglio gli approvvigionamenti delle scorte in magazzino.
Nel campo dell’agricoltura algoritmi di IA gestiscono l’utilizzo di diserbanti e pesticidi, ricorrendo al loro utilizzo solo quando strettamente necessario ed in modo localizzato, aiutando a combattere l’inquinamento del suolo.
Nel campo della sanità aiutano i medici nell’interpretazione dei dati, di risultati di una semplice analisi del sangue fino a letture di radiografie e risonanze magnetiche.
Infine, nel contesto dell’industria 4.0, da un lato si osserva una disponibilità sempre crescente di dati grazie all’utilizzo di dispositivi IoT e di sensoristica avanzata, dall’altro, algoritmi di AI li monitorano costantemente alla ricerca di anomalie laddove un semplice meccanismo a soglia fallisce.
Seguendo questo paradigma, è possibile realizzare la cosiddetta manutenzione predittiva, ovvero capire l’insorgere di un problema prima del verificarsi di un guasto. Questo consente sia di risparmiare sui costi di riparazione conseguenti ad una rottura grave, sia di evitare l’interruzione di una intera catena di produzione. ….}.
Come e perché dobbiamo gettare alle ortiche sviluppi così promettenti? Ci deve essere un motivo … non confessabile dei soliti apprendisti stregoni.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

L’hai scritto sopra, è …

 la solita messinscena mediatica (un pò come quella sul riscaldamento globale) che nasconde magari una feroce guerra fra bande, per decidere CHI dovrà essere colui che si assicura il controllo dei cervelli dell’umanità

Ovviamente non è proprio del cervello che hanno bisogno, ma della carcassa al suo comando.

Non dimentichiamo che chi vuole tutto si presenterà come un salvatore dell’umanità.

Dimash
10 mesi fa

https://stream24.ilsole24ore.com/video/italia/lukashenko-chiede-tregua-e-avvisa-se-russia-sente-rischio-collasso-usera-armi-piu-terrbili/AE75JGCD

Concordo con Lukashenka. Con la controffensiva ucraina che viene minacciata a partire dalla prossima Estate, forte di aerei e tank, missili e droni che otterrà sempre in maggiore quantità, la Russia messa alle strette userà le armi nucleari tattiche. Ucraina che ne uscirà mezza radioattiva. Compresi i cereali. Bella genialata anche da parte dell’Uk di mandare le munizioni ad uranio impoverito al granaio d’Europa.
Mi aspetto un altro picco dei prezzi per il prossimo autunno, e l’Europa sempre più povera e indebitata

Ultima modifica di 10 mesi fa da Dimash
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Dimash

Qualcosa che fa pensare a come, forse, riusciranno ad invadere l’Europa senza che nessuno se ne accorga.

Il presidente russo sostiene che la Russia ha molti amici nei Paesi Occidentali. “I Paesi sono fatti dalle popolazioni, dalla gente, e noi abbiamo molti molti amici in questi Paesi, davvero molti”, ha affermato nel suo intervento di fronte all’Unione degli industriali e degli imprenditori russi. Questo atteggiamento favorevole è molto diverso da quello delle cosiddette élite al governo dei Paesi, ha aggiunto, come riporta l’agenzia Tass. 

fonte

E un’allusione alla famosa scatoletta potrebbe essere contenuta in questa affermazione

La Russia possiede armi avanzate e uniche in grado di spazzare via qualsiasi nemico, compresi gli Stati Uniti, ha dichiarato il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev

fonte ANSA

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Il presidente russo sostiene che la Russia ha molti amici nei Paesi Occidentali”. In effetti i missili di difesa aerea inviati all’Ucraina da un paese amico non funzionano: a posto della centralina di controllo ci hanno messo … del sale! Spero proprio che sia l’Italia: è un modo semplice per ottenere sconti sul gas e petrolio a guerra finita: gli affari sono affari!

Sombrero
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Scusa Spring non ho capito cosa è la scatoletta.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Sombrero

Non riesco a trovare i commenti nel vecchio blog, lo prendo allora da Blondet.
Lì nel forum abbiamo chiamato scatoletta quell’oggetto che sarà lanciato da un aereo proveniente da Est

Vedo qualcuno che vola, venendo dall’Est, che lancia qualcosa nella grande acqua, così che avviene qualcosa di strano. L’acqua si alza da sé come una torre a ricade, allora tutto è inondato. C’è un terremoto e metà della grande isola affonderà (…) I paesi vicino al mare sono in grave pericolo, il mare è molto inquieto, le onde diventano alte come una casa; spumeggia come se fosse bollito dal sottosuolo. Le isole scompaiono e il clima cambia”.

fonte

Mi pare degno di nota anche questo (non ha a che fare con le armi avanzate della Russia)

Il veggente Irlmeier disse che aveva rimandato la terza guerra mondiale la dichiarazione, da parte di Pio XII, del dogma dell’Assunzione di Maria al cielo, nel novembre 1950. 

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
Sombrero
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Grazie mille!

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

E’ una cosa che mi ha sempre attratto. Il progetto è vecchio di epoca sovietica: il primo studio è di Sacharov; attualmente è operativo il siluro marino Poseidon che dovrebbe provocare uno tsunami con una onda alta fino a 1.5 Km: potrebbe distruggere l’Inghilterra per intero e sono proprio gli inglesi a stuzzicare l’orso. Da notare che una inondazione distruggerebbe anche i siti sotterranei che invece sopravviverebbero ad un bombardamento atomico.
https://www.geopop.it/cose-poseidon-il-siluro-russo-che-forse-potrebbe-provocare-uno-tsunami-radioattivo/
https://it.wikipedia.org/wiki/Poseidon_(sottomarino_autonomo)

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Il veggente però parla di un aereo. Che l’oggetto lanciato sia una sorta di detonatore per qualcosa che dorme in prossimità delle coste?

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
Dimash
10 mesi fa

https://www.affaritaliani.it/coffee/video/politica/trump-incriminato-la-prima-volta-per-un-ex-presidente-usa.html

Altro caos e motivi di scontri si avvicinano per gli Usa. Tempi che non fanno proprio annoiare….

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Dimash

È no. Non faranno proprio annoiare. Il caos si prepara su ogni fronte, qui

Ultima modifica di 10 mesi fa da Spring
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Dimash

… e in ogni luogo. Anche qui

Dimash
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Quando arriveranno notizie di guerra civile dall’UK, allora e solo allora potremo passare a pensare seriamente, profeticamente parlando, a quello che succederà in Francia . Fino ad allora saranno falsi allarmi. Ce ne sono da decenni di scontri in Francia. Ma in realtà non contano nulla, bisogna prima vedere all’UK.

lo stesso vale per l’invasione europea da parte della Russia: mancano una serie di precondizioni bella lunga. Pensiamo prima a quelle. Io a quelle sempre faccio riferimento. Non parto dalla fine.

Infine la Russia potrà già avere le armi che spiazzeranno un giorno i Paesi Nato, ma aspetterà che questi si indeboliscano di molto, in modo da avere la possibilità di successo senza necessariamente pagarla carissima con la contestuale distruzione del suolo russo. Per cui bisogna che prima ci siano le basi perchè quanto profetizzato si possa realizzare. Altrimenti faremmo noi le profezie rivedute e corrette.

Sombrero
10 mesi fa
Rispondi a  Dimash

Condivido Domenico. Aspettiamo l’incoronazione di re Carlo, il quale non è molto amato.

Dimash
10 mesi fa
Rispondi a  Sombrero

Infatti, Carlo III non ha la forza di tenere unito il Regno,che subirà spinte secessioniste in un contesto di difficoltà economiche e finanziarie crescenti, anche legate alla guerra in Ucraina oltre che alla Brexit o a quant’altro accadrà in futuro, specie in Europa. Nè è stimato e amato dalle masse. E’ il grande indiziato durante il cui regno potrebbe avvenire la disgregazione preconizzata, e la guerra civile, che darà l’avvio alle guerre civili anche in altre nazioni europee, a partire, subito dopo, dalla Francia. Però appunto bisogna aspettare che si compia questo primo passo. Quindi in realtà lo sguardo và rivolto all’UK, come sempre detto. Se inizia la guerra civile lì allora nessuno metterà in dubbio che stia per iniziare, a stretto giro, anche in Francia, come detto alla Jahenny e a Padre Nectou.

Ultima modifica di 10 mesi fa da Dimash
Spring
10 mesi fa
Rispondi a  Dimash

Non mi fossilizzerei troppo sugli UK, non sono il motore immobile.

Ricordiamoci che tutto vien da tutto e tutto torna in tutto.

Dimash
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

E quindi può essere sempre il momento giusto.
Le profezie che vengono da Dio, pure quelle sono mutabili, ma intanto il tempo passa e la guerra civile in UK non viene ancora, guarda caso.
In compenso abbiamo la guerra civile, a tappe, in Francia, dagli anni Sessanta, quindi si ha sempre di che parlare. Anzi mi aspetto che se la Russia userà le armi nucleari tattiche in Ucraina allora si dirà che è già la 3à guerra mondiale. Quindi si avrà di che parlare ancora di più

Riesz_
P.Riesz_
10 mesi fa
Rispondi a  Spring

Che c’entra “tutto vien da tutto e tutto torna in tutto”? Che è tutto questo? {Approvata dalla maggioranza repubblicana la misura che impone ai dirigenti scolastici di operare seguendo la linea secondo cui “il sesso di una persona è un tratto biologico immutabile”}. Questo è ragionare! Purtroppo dopo una sparatoria e la spaventosa morte di ragazzi innocenti.

Spring
10 mesi fa
Rispondi a  P.Riesz_

Ogni cosa condiziona ogni altra cosa.

Sì, in Florida hanno conservato il senno.

Anonimo
Anonimo
10 mesi fa
Rispondi a  Dimash

Chissà, ogni tanto ci azzecca..

17959096634240323_320.jpg
Dimash
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

E’ possibile che Carlo III un giorno lasci sotto pressioni crescenti del popolo scontento, per vari motivi.Però subito dopo di lui verrebbe William in linea di successione al trono. Oppure potrebbe non essere vivo o essere gravemente ammalato, incidentato? Chissà. In tal caso
però Harry verrebbe dopo i figli di William. Quindi dovrebbero morire tutti i 3 figli di William perchè Harry diventi re.

Ultima modifica di 10 mesi fa da Dimash
mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

Tante inesattezze , mischia profezie discutibili jnsr, a tesi sbagliate come il santo martire dell’ eucarestia Sant’Emenegildo di Garabandal, che non può essere lui, il miracolo non coincide con lo scisma ma con un avvenimento positivo della Chiesa , il miracolo non può accadere il 13 Aprile 2023, prima di scrivere dovrebbero studiare un poco

dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  Anonimo

“Sono un’anima venuta qui sulla Terra proprio per aiutare i miei fratelli. Ho settant’anni di cui quarantadue dedicati al Risveglio delle Coscienze. Ho avuto varie esperienze spirituali insegnando sempre che la Verità è dentro di noi e che Tutto si basa sull’Amore e sull’Umiltà. Ho tenuto conferenze e corsi e insegnato un po’ ovunque. Vorrei solo dire che è lo Spirito, la Monade Divina, che dà il discernimento in questi tempi caotici in cui i messaggi si moltiplicano nel mondo. Attenzione dunque! Perchè non è tutto oro quello che luccica!
https://www.blogger.com/profile/00642003776740382596

Appunto.
Il messaggio di Garabandal non ha nulla a che vedere con il sincretismo spirituale della signora ultrasettantenne (Sebirblu).
Il messaggio di Garabandal è totalmente Eucaristico.

mario mancusi
10 mesi fa

Dott.g.i. ritornando a Garabandal:
Questo è un elemento importante, in altra occasione hai detto che probabilmente l’avvertimento accadrà in un anno pari , pertanto combinando queste due cose si ha un ulteriore scrematura
2024 11 aprile
2026 9 o 16 aprile
2028 settimana di Pasqua
2030 11 Aprile
Le date probabili 2024 e 2026, 2030 troppo lontano a mio avviso

Considerando che nel giorno del miracolo ci sarò una specie di unione tra Cattolici e Ortodossi, appare singolare la data
del 16 aprile 2026 infatti:
dott. G.I.4 dicembre 2019

C’è una curiosa coincidenza di date. In effetti, la rottura, fino ad oggi definitiva, tra cattolici e ortodossi fu consumata il 16 luglio 1054.
Il cardinale, un nunzio pontificio, scomunicò Michele Cerulario per mezzo di una bolla che depositò il 16 luglio 1054 sull’altare della Basilica di Santa Sofia e lasciò la città.
A sua volta, pochi giorni dopo (24 luglio), Cerulario rispose scomunicando il cardinale e il suo seguito, e bruciando pubblicamente la bolla romana, col che iniziò lo scisma.
È precisamente questa data (16 luglio) quella scelta dalla Madre di Dio per apparire a San Simone Stock, due secoli dopo, il 16 luglio 1251, sotto il titolo di Nostra Signora del Monte Carmelo, una data che il Cielo ha scelto proprio per le sue apparizioni a Garabandal, come per indicare che il grande scisma orientale si concluderà sotto il segno del Monte Carmelo.

Quel giovedì mattina, i capi delle Chiese potrebbero firmare qualche accordo importante, e nel pomeriggio, alle 20:30, la Vergine farà il Grande Miracolo, “non come conseguenza di ciò, ma come una coincidenza”. La Madre di Dio, Theotokos, come la chiamano i Greci, confermerà con quel Miracolo che Dio APPROVA e BENEDICE quell’accordo e non le altre cose avvenute in precedenza. Infatti, sappiamo che lo scisma ci sarà poco prima dell’Avvertimento, mentre l’evento ecclesiastico non può riguardare direttamente lo scisma. Il Miracolo dirà a tutti i cristiani che la via da seguire è quella intrapresa quel giovedì mattina (e non altre vie).

dott.G.I.
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

Certezze assolute non ve ne sono.

Da un’intervista di Conchita del 7 febbraio 1974:
D. Come annuncerai il Miracolo?
R. Non lo so esattamente. Sicuramente a mezzanotte [otto giorni prima del Miracolo] chiamerò Joey [Lomangino], radio, televisione, e chiunque altro al mondo che ritengo possa aiutare a diffondere rapidamente il messaggio. Non sono preoccupata. So che se la Beata Madre ti vuole lì, tu ci sarai.”

Non voglio mettermi a indovinare le date, non mi piace. Tuttavia, dato che Joey è nato nel 1930, nel 2030 avrebbe compiuto cento anni. Conchita era sicuramente a conoscenza (anno più, anno meno) della sua età fin dagli anni Sessanta, quando Joey si recava a Garabandal. Conoscendo lei anche la data del Miracolo, due calcoli grossolani se li sarà fatti, quando era ancora convinta che lo avrebbe chiamato “sicuramente” con otto giorni di anticipo. 

Ovviamente lei immaginava Joey ancora vivo e in grado di rispondere alle telefonate quando sarebbe arrivato il momento. Vero è che si può vivere oltre i 100 anni, ma è difficile che lei immaginasse di chiamare al telefono un ultracentenario per farsi aiutare a diffondere il messaggio. Sulla base delle sue stesse parole e dell’età di Joey, sembra probabile che il Miracolo possa accadere, al più tardi, intorno al 2030.
Comunque, sono speculazioni. Ormai Joey è morto e conta solo l’età di Conchita (74 anni).

mario mancusi
10 mesi fa
Rispondi a  Remox

Scusami Remox l’intervista è del 1974 , la data del miracolo era gia fissata quando l’ha ricevuta conchita, pertanto non ci puo essere stata nessuna dilazione. A questo punto gli anni probabili sono il 2024 e 2026

mario mancusi
10 mesi fa

Un spunto di riflessione per Eranuova, anche se non crede al veggente Spagnolo

mario mancusi21 novembre 2019 11:29
Inoltre Dott . G.I. come interpreti questi due messaggi : grazie
https://profezie3m.altervista.org/ptm_prof…%20escorial.htm
“…Gesù regnerà come Re dei re sulla Terra promessa degli eletti… Le navi celesti sono pronte per trasferire gli eletti alla Terra Promessa… Il mio Cuore Immacolato trionferà su tutta l’umanità.” (24 febbraio 1983, messaggio della Madonna)

“Di’ loro che il Giorno del Creatore è vicino; che cerchino di stare alla destra dei miei eletti per portarli alla Terra Promessa. Guarda, figlia mia, vedi quei punti luminosi quanto sono piccoli? Sembrano la luce di una lampadina; sono astri su cui c’è una vita eterna. Questa è la Terra Promessa. L’uomo non potrà mai scoprire la grandezza di questo tesoro circondato da tanto mistero.” (19 marzo 1982, messaggio di Gesù)
Rispondi
Risposte

mario mancusi21 novembre 2019 21:53
Ecco un altro messaggio che chiarisce meglio quello precedente:
https://www.abbapadre.it/le-apparizioni-de…ne-el-escorial/
Messaggio ricevuto il 6 aprile 1996 primo sabato al Prado Nuevo di El Escorial(Madrid).
Sì, figlia mia, a causa del peccato gli uomini furono cacciati dal Paradiso e inviati sul globo terrestre perché potessero con il loro lavoro e il loro sudore recuperare nuovamente le grazie perdute.

In pratica in queste profezie si afferma che il paradiso terrestre non era situato sulla terra, siamo sicuri della veridicità di queste profezie ??

mario mancusi21 novembre 2019 23:54
24 febbraio 1983
“Roma conoscerà grandi terremoti e sarà quasi interamente distrutta… Gesù regnerà come Re dei re sulla Terra promessa degli eletti… Le navi celesti sono pronte per trasferire gli eletti alla Terra Promessa… Il mio Cuore Immacolato trionferà su tutta l’umanità”. (“Alla fine”, aggiunse nel messaggio seguente).

mario mancusi22 novembre 2019 01:37
Messaggio del 4 aprile 1992
Amparo: “Vedo dei grandi carri, con grandi ruote; al loro interno vi sono degli uomini, vestiti da leone e da aquila, con delle grandi ali, e guardano sempre davanti a sé; le ali si uniscono le une con le altre, scendono. Intorno a loro vi sono milioni e milioni di occhi. Sporgono braccia d’uomo per raccogliere le creature; si posano sulla terra con artiglio di leone, sulla testa portano scafandri di zaffiro
e sul corpo pietre di diaspro; questi carri a ruote si dirigono verso i quattro punti cardinali. Procedono avvolti in una nube di luce; milioni e milioni si posano sulla terra, aprono gli occhi e tendono le braccia per scegliere tutte queste creature”. (Amparo esprime una gioia incontenibile). “Dio mio! Sono tutti dentro, chiudono gli occhi e ritraggono gli artigli, e tutte le ruote si dirigono verso lo stesso luogo”. (Amparo non cessa di esprimere la sua gioia). Vanno uniti uno all’altro, si vedono solo le ali, vanno a vivere in un altro mondo, un mondo diverso; in cui c’è splendore e bellezza… Ah, ah!… Si fermano tutti, aprono di nuovo gli occhi, e tutti cominciano ad uscire. Ah, ah, ah, quanti sono…! Quanta bellezza c’è in questo luogo! Staranno qui sino al giorno del Giudizio Ultimo. C’è un grande altare; questo grande altare, è molto grande, alto, molto alto. Tutti hanno libri nella mano. In mezzo all’altare c’è un uomo, con corpo di leone e testa d’aquila. Prende un grande libro, lo apre e spiega il Vangelo così come è scritto. Che bellezza! Che bellezza! Tutti sono trasportati, tutti questi carri. Si udranno suoni come di tuoni, e trombe di gloria. Ah, che grandezza, che grandezza!”.
Il Signore: “Perciò, figli miei, vi chiedo che viviate il Vangelo, perché la maggior parte dell’umanità non vive il Vangelo; sicché non potranno essere trasportati nella terra dell’Eden. E quanti…! Alcuni saranno presi, ed altri lasciati, tra padre e figlio alcuni rimarranno (NA.T.: sulla nostra terra) ed altri saranno portati via.

La prima parte ne abbiamo già parlato, la seconda parte invece, dice che dopo la tribolazione ci sarà parte dell’umanità portata in un altro mondo (forse il paradiso terrestre di cui sopra) e vivrà fino al giudizio universale, mentre l’umanità rimasta dopo la tribolazione rimarrà sulla terra ??

dott. G.I.27 novembre 2019 20:07
Rispondo brevemente, anche se con ritardo.

I messaggi di El Escorial sono molto numerosi (migliaia), lunghi e complessi.

Quelli che circolano in italiano sono solo brevi estratti (frasi o periodi), a volte ritagliati anche male.
Possono sembrare messaggi ufologici, ma non lo sono. Bisogna intenderli bene.

Sono complessi perché in essi si fa riferimento a molti misteri celesti che all’uomo non è dato comprendere (non che vengano spiegati, ma soltanto accennati). Per esempio, ci sono numerosi messaggi sulle “moradas celestiales” (le dimore celesti), di cui noi nulla sappiamo. Ciò può meravigliare il lettore.
Sappiamo solo quello che Gesù disse, prima della Passione:
“Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un posto?” (Giovanni 14,2)

Le Dimore si trovano nel Regno dei cieli, nei migliaia di universi che Dio ha creato (che comprendono anche livelli invisibili o spirituali). L’uomo, col peccato, è stato punito col divieto di entrare in Eden, per non contaminarlo col male che porta nel cuore. Dopo la Redenzione, deve soffrire e morire sulla Terra, partecipando ai dolori di Cristo, per poter poi accedere, se è giudicato degno, a quei regni di purezza e di bellezza.

Amparo: “Vedo una ruota bianca, grande, molto grande, piena di Gloria, e dentro la ruota vi sono centomila miliardi di universi”.

“Adempite ai vostri impegni, da buoni cristiani, e vedrete Colui che ha fatto la Luce e la materia; ma non smarrite la via d’accesso a questi mondi, figli miei, per voler rimanere troppo attaccati alla materia …”
“Chiunque adempia le Leggi Divine, arriverà in questo luogo. Voi siete tutti chiamati, figli miei. Chiunque si lasci guidare da questo Monitore del Mistero, navigherà in grandi universi senza fine, fino ad incontrare il centro più importante dell’universo, dove c’è la scintilla della Divinità.
Figlia mia, gli uomini non capiranno queste parole. Però, figli miei, Io vi affermo anche che tutti voi che siete capaci di accettare con buona volontà il Vangelo e le Mie parole, sarete condotti in questi luoghi.
Guarda, figlia mia, l’isola eterna; da qui escono fiumi ricchi di acqua. Questo è il fondamento della creazione; se non esistesse questo fondamento, nulla esisterebbe, figlia mia. Ecco l’isola eterna, l’isola dell’Amore, l’isola senza tempo.
Vale la pena di rinunciare a tante e tante cose della terra, per raggiungere questa bellezza, figlia mia.”

Il tema centrale è quello della salvezza delle anime. I messaggi fanno riferimento a questo (Amparo era un’anima vittima, stigmatizzata).
Quindi, vanno letti e intesi in quest’ottica. Per spiegare quei passi “dubbi”, parto da questo importante messaggio del 20 gennaio 1983:

“…Sta arrivando il Tempo in cui il Figlio dell’Uomo non porterà la pace agli uomini, ma la guerra tra gli uomini. La guerra è già qui: padri contro figli, nuore contro suocere… La fine dei tempi arriva e l’umanità non vuole sapere niente. Seminano peccato su peccato e crimini dappertutto. Si stanno precipitando da se stessi nell’abisso.
TENETEVI PRONTI, poiché Dio può inviare i suoi Angeli in ogni istante, così come il ladro che entra senza avvertire.
Comprendete che PER NOI L’ANIMA è più importante del corpo. Comprendete che il regno di Dio è vicinissimo: e il Figlio di Dio verrà su una nube per retribuire ciascuno secondo le sue opere.”

(continua…)

dott. G.I.27 novembre 2019 20:08
Questa “venuta” del Figlio di Dio è una venuta di GIUDIZIO, che avverrà nel momento del Castigo, al quale prenderanno parte anche gli angeli (come dicono molti altri messaggi, es. quelli a suor Elena Aiello), i quali angeli saranno inviati da Dio per porre fine al regno di Satana e per punire i colpevoli (con la morte). Perciò si dice di tenersi pronti, perché, nel caso ci toccasse di morire nei castighi (e moriranno buoni e cattivi, senza distinzione), possiamo salvarci, trovandoci alla destra di Dio (cioè, non essere in peccato mortale, v. dopo). Tutto avverrà come avvenne per il castigo di Sodoma e Gomorra, ma in maniera più estesa e globale:

La Santissima Vergine: “Dio Padre inviò i suoi Angeli a Sodoma e a Gomorra per avvertirli di tutti i loro peccati di impurità e ogni altra specie di vizi… Ma poiché non ci badarono, li distrusse con le nubi di fuoco. La stessa cosa succederà qui, figlia mia. Tutta la razza umana si ribella contro Dio.” (6 agosto 1983)

“…Con l’umiltà e il sacrificio, VI SALVERETE, figli miei. Andate a visitare il Santissimo Sacramento, Gesù vi attende; accogliete le prove con umiltà. Questo mondo è pieno di invidie e di impurità. Non siate dei Caini, siate come Abele. Non offrite a Dio i frutti peggiori del vostro raccolto. Offrite il meglio. Siate dei gigli. Rifugiatevi sul mio Cuore. NON VOGLIO CHE VI DANNIATE. VOGLIO SALVARVI. Che tristezza prova il mio Cuore quando un figlio precipita nell’abisso! Tu sei madre. Se uno dei tuoi sette figli precipitasse in fondo all’abisso, quale profondo dolore vivresti. Pensa al mio Cuore di madre: che profondo dolore prova quando miliardi e miliardi di suoi figli si dannano per tutta l’eternità, di loro volontà! Mi respingono quotidianamente. Pensa che mio Figlio si trova caricato di una croce, senza riposo, per salvare l’umanità ingrata. Mancano solo pochi secondi per la distruzione di diverse nazioni. Non vi fanno caso. …” (20 gennaio 1983)

Il punto è questo: secondo la Vergine, mancano solo “pochi secondi” prima che avvenga la distruzione di diverse nazioni. Quando accadrà questo castigo disastroso, milioni di persone moriranno da un momento all’altro. Erano vive e moriranno all’improvviso, giusti e ingiusti, buoni e cattivi (lo dice anche il messaggio di Akita e altri). La Madonna prega e chiede che per quel momento decisivo, tutti possano trovarsi alla destra di Dio (“Sforzatevi di trovarvi tutti alla destra del Padre; coloro che si troveranno alla sua sinistra finiranno nel fondo dell’abisso.” “Pensate che il Nemico sta preparando l’ultima battaglia: sta segnando con il suo marchio tutti quelli che sceglie. Rimanete alla destra del Padre; chiunque si trovi alla destra del Padre non abbia paura.”).

Ecco quindi che, in questi tempi, attraverso la libertà umana, si stanno formando due schiere di esseri umani: gli eletti del Nemico e gli eletti di Dio. Ciascuno è scelto e segnato PER QUEL MOMENTO.

“…Continua a lottare, il tuo cammino è quello della sofferenza. Coloro che saranno scelti, figlia mia, ritorneranno all’Eden del Paradiso. Verrò con mio Figlio a cercare i prescelti. Prendi questa croce, figlia mia, mettila sulle tue spalle e segui mio Figlio come Io l’ho seguito sulla Croce il Cuore trafitto di dolore quando mio Figlio soffriva per salvare l’umanità: durante questo tempo, la maggior parte dell’umanità SE LA SPASSA. Che ingratitudine! Nell’abisso dell’inferno il Figlio mio non avrà compassione di loro.
COLORO CHE SARANNO SCELTI SI RITROVERANNO NEL PARADISO D’AMORE E DI FELICITÀ. I miei angeli lotteranno contro il nemico e sarà questa una grande guerra nell’aria. La lotta è vicina. Il mio Cuore è sconvolto nel vedere come molti dei miei figli vengono portati via nel fondo dell’abisso. Ma io non posso molto a lungo ancora trattenere il braccio del Figlio mio.” (25 settembre 1981)

(continua…)

dott. G.I.27 novembre 2019 20:10
Questa lotta tra gli angeli inviati da Dio e gli angeli del Nemico avverrà durante i tre giorni di tenebre. Sarà una grande mietitura, con milioni di anime che dovranno andare al loro destino eterno, ciascuno secondo le sue opere.

In quel momento, dice la Vergine: “Verrò con mio Figlio a cercare i prescelti”. I “prescelti” o “eletti” sono quelli che si salveranno.

“…Dai questo messaggio il prima possibile, in modo che tutti i colpevoli siano chiamati all’ordine, in modo che tutti si pentano prima che arrivi il momento del Castigo.
Di’ loro di stare preparati, perché Io verrò PER I MIEI eletti e il nemico verrà PER I SUOI. …”

“…antes de que llegue la hora del Castigo. Diles que estén preparados, que yo vendré a por mis escogidos y el enemigo vendrá a por los suyos.” (8 settembre 1981)

Quindi, al momento del Castigo, Cristo e il Nemico verranno, ognuno dalla loro parte, a “cercare i loro”. Ognuno, cioè, verrà a prendersi il suo bottino. Gli angeli di Dio raccoglieranno le anime buone e le porteranno nelle Dimore celesti, nella “Tierra prometida” (cioè in quello che noi chiamiamo il Regno dei cieli). Gli angeli del Nemico raccoglieranno le anime malvagie e le porteranno all’inferno. Questo è il senso autentico. Non si tratta di un “prelevamento degli eletti” quasi come se venissero rapiti da vivi, ma si tratta piuttosto di una raccolta di anime, una mietitura (come dice l’Apocalisse).

“Coloro che saranno scelti SI RITROVERANNO NEL PARADISO D’AMORE E DI FELICITÀ. I miei angeli lotteranno contro il nemico e sarà questa una grande guerra nell’aria. La lotta è vicina. Il mio Cuore è sconvolto nel vedere come molti dei miei figli VENGONO PORTATI VIA NEL FONDO DELL’ABISSO. Ma io non posso molto a lungo ancora trattenere il braccio del Figlio mio. Molti morranno per mano del nemico; il regno del nemico non durerà a lungo.
I figli lotteranno contro i genitori, i fratelli contro i fratelli, nuore contro suocere. Molti innocenti moriranno. Li attenderò nella mia Dimora. Le Dimore di coloro che saranno prescelti sono pronte; le celle dell’inferno sono anche pronte. La lotta vi sembrerà molto lunga; allora il nemico sarà vincitore. Ci saranno tre giorni di oscurità…”

Più chiaro di così: sono pronte le Dimore celesti per accogliere i giusti che si salveranno; e sono pronte pure le celle dell’inferno per accogliere quelli che si danneranno.

Dunque,
“Le navi celesti sono pronte per trasferire gli eletti alla Terra Promessa”:
significa che le anime salvate saranno portate in Dimore celesti speciali. Poiché Dio non potrà fare distinzione tra buoni e cattivi e farà morire giusti e ingiusti nel Castigo, Egli promette che gli eletti saranno subito trasportati in Cielo con i carri di Dio (non faranno Purgatorio). Quegli angeli descritti da Amparo sono i Cherubim, descritti anche da Ezechiele nella Bibbia. Sui carri, poi, non c’è da meravigliarsi perché sono ampiamente citati nell’Antico Testamento (es. il carro di fuoco di Elia), soprattutto nei Salmi.

“I carri di Dio sono migliaia e migliaia: il Signore viene dal Sinai nel santuario.” (Salmi 67,18)
“Ezechiele contemplò una visione di gloria, che Dio gli mostrò sul carro dei cherubini.” (Siracide 49,8)
ecc. ecc.

Amparo precisa, nei messaggi, che come Dio ha i suoi carri, così anche il nemico (“También los tiene el enemigo” 19 maggio 1984).

“Io vi amo tutti, figli miei, ma vi voglio piccoli, molto piccoli per potervi condurre molto in alto, su in alto fino alle Dimore di coloro che ho scelto. Riflettete, figli miei: gli inferni esistono; riflettete, anche i cieli esistono; ognuno riceverà secondo le sue opere.” (1 gennaio 1983)

(continua…)

dott. G.I.27 novembre 2019 20:10
Ora, basta riflettere su una cosa: se Cristo con i suoi angeli verrà a cercare i suoi, e ugualmente il nemico con i suoi angeli verrà a cercare i suoi, è evidente che non verranno a cercare i corpi fisici, ma le anime defunte (a miliardi) durante il Castigo. Altrimenti, bisognerebbe dire che anche il nemico verrà a prelevare i malvagi FISICAMENTE. Assurdo!

Sarà una grande mietitura e il mondo resterà come un deserto, dice Amparo.

“Sta per giungere il momento in cui gli Angeli scenderanno a raccogliere le messi ormai secche della Terra. … Verranno degli eserciti, eserciti di Angeli, per raccogliere i buoni frutti e gettare lontano, molto lontano, l’erba cattiva e poi bruciarla, figli miei.”

E mentre il Signore le dice questo, Amparo vede gli Angeli con la falce, per falciare le messi della Terra. E specifica che queste falci sono nei loro carri: “Ma con che cosa la taglierà? Con quella cosa che esce dal retro di quel carro? Ah, però Tu abbi misericordia di tutti”. Ovviamente, sono misteri celesti che noi non conosciamo…

Il Signore: “Perciò, figli miei, vi chiedo che viviate il Vangelo, perché la maggior parte dell’umanità non vive il Vangelo; sicché non potranno essere trasportati nella terra dell’Eden. E quanti…! Alcuni saranno presi, ed altri lasciati, tra padre e figlio alcuni rimarranno (NA.T.: sulla nostra terra) ed altri saranno portati via.”

In questa grande mietitura del Castigo, potrà accadere che in una stessa famiglia il padre venga raccolto dagli Angeli di Dio e portato alle Dimore celesti e il figlio no (cioè venga raccolto dal nemico). Terribile.

Ecco la necessità di tenersi preparati:
“Di’ loro che il Giorno del Creatore è vicino; che cerchino di stare alla destra dei miei eletti per portarli alla Terra Promessa.” (il Giorno del Creatore è il giorno del Castigo dei tre giorni di tenebre).

Che poi con “Terra promessa” si debba intendere le varie Dimore celesti è detto in molti messaggi:

“Proteggete il mio gregge, figli miei, da così tanti lupi… portatelo nelle mie mani, così che io possa metterlo alla mia destra… e rivestili con un abito di luce come il mio e trasportali sulla Terra che ho preparato, dove ci saranno giardini lussureggianti e fiumi di miele e latte. Guarda figlia mia la terra promessa, che bellezza! queste sorgenti divine sono la felicità delle anime, figlia mia. Ecco perché Io chiedo ai miei pastori fedeli al mio Vangelo, di proteggere il mio gregge, in modo che possa partecipare a questi pascoli squisiti. Guarda figlia mia, qui c’è latte e miele, qui ci sono frutti frondosi, ecco la bellezza del paradiso per tutti quelli che vogliono venire da me. ….” (2 novembre 1991)

Anche nella Bibbia si parla di Terra dove “scorre latte e miele”.

“La prima parte ne abbiamo già parlato, la seconda parte invece, dice che dopo la tribolazione ci sarà parte dell’umanità portata in un altro mondo (forse il paradiso terrestre di cui sopra) e vivrà fino al giudizio universale, mentre l’umanità rimasta dopo la tribolazione rimarrà sulla terra ??” (Mario Mancusi)

La risposta è, quindi, che si parla di ANIME (salvate) e non di CORPI fisici trasportati.
La Terra promessa è, in generale, qualsiasi Dimora celeste, quindi su alcuni astri particolari dove le anime salvate staranno fino al Giudizio universale (sono dimore spirituali). Poi ci sarà una nuova Creazione. Altrimenti, tutti questi universi sconfinati per chi li avrebbe creati Dio? Per Cristo e per quelli che sono in Cristo.

(continua…)

dott. G.I.27 novembre 2019 20:12
Riguardo al messaggio sul Paradiso terrestre, si tratta di una imprecisione di traduzione: non è “inviati SUL globo terrestre”, ma “mandati per il globo terrestre” (simile alle espressioni di Gesù che manda gli apostoli per il mondo: Gv 17,18; Gv. 20,21, ecc.). Infatti, la frase originale è: “mandados al globo terrestre” e non: “enviados SOBRE el globo terrestre”.

“Sì, figlia mia, a causa del peccato gli uomini furono cacciati dal Paradiso e mandati per il globo terrestre perché potessero con il loro lavoro e il loro sudore recuperare nuovamente le grazie perdute.”

Ho cercato di sintetizzare come ho potuto, ma ci sarebbero troppe cose da dire.

https://www.abbapadre.it/le-apparizioni-de…ne-el-escorial/

eranuova
10 mesi fa
Rispondi a  mario mancusi

leggendo ( e rileggendo) sia i messaggi che i commenti, non posso che confermare i miei dubbi e le mie perplessità…

Ultima modifica di 10 mesi fa da eranuova
Lucio Anneo
Lucio Anneo