IL MISTERO DELLA PROFEZIA SUI PAPI: ORIGINE E CONCLUSIONE

scritto da Remox
08 · Set · 2022

Nel 2014 in due articoli, “Il Mistero della Profezia sui Papi di San Malachia” e “Il Mistero Della Profezia sui Papi: il Dottor Olivarius”, ho provato ad analizzare la famosa profezia alla luce dei possibili riferimenti alla sua formulazione e a quanto sta accadendo alla Chiesa a partire dalle dimissioni di Benedetto XVI. Alcuni punti evidenziati e per me fondamentali sono stati: la profezia è stata scritta nel ‘500 da un autore sconosciuto (ho ipotizzato fra le varie possibilità lo stesso Nostradamus), è stata scritta per quanto riguarda la parte ex-post sulla base di una biografia dei papi cinquecentesca, probabilmente quella di Panvinio del 1557, per la parte ex-ante ha un sicuro valore profetico che culmina negli ultimi motti.

Con questo articolo vorrei continuare l’analisi cercando di approfondire sia il tema conclusivo della profezia, legato ai nostri tempi, che quello della sua origine nei pensieri dell’autore. 

Partendo dal primo punto possiamo subito rilevare un elemento evidente: questa profezia è unica nel suo genere in quanto fornisce una vera e propria cronologia temporale che ci porta ad un punto di svolta della storia umana. Una svolta che avviene mediante il giudizio del Signore e la distruzione di Roma. Ho più volte manifestato l’opinione che la profezia finale non sia da intendersi come un singolo evento che debba avvenire con l’ultimo pontefice denominato Petrus Romanus, ma come l’indicazione di un tempo di prova che porterà all’evento escatologico del giudizio. Un tempo che inizia con il primo Trionfo della Chiesa (che di per se sarà un giudizio, il primo colpo della spada di Dio come detto a La Salette) e termina con la caduta dell’Anticristo. Il tema della profezia finale è stato ampiamente dibattuto nel blog in quanto con la possibilità di visionare pubblicamente il libro “Lignum Vitae” del monaco Wion dove per la prima volta nel 1595 compare la profezia, ci si è accorti che la profezia finale, come era inizialmente conosciuta, è in realtà scomposta in due parti con la prima parte impaginata come se a tutti gli effetti fosse un motto che identifica un papa (In persecutione.extrema S.R.E sedebit. – Siederà durante la persecuzione finale della Santa Romana Chiesa).

Ovviamente la presenza di un motto in più prima della profezia finale apre diversi scenari. Prima infatti si poteva dire che il motto “Gloria Olivae” di Benedetto XVI indicasse l’ultimo papa prima della persecuzione, in accordo con quanto detto a Garabandal con la profezia dei 4 papi, in realtà 3, a partire da Giovanni XXIII prima della “fine dei tempi”. Con un motto in più lo scenario cambia. Dalle rivelazioni fatte ad alcuni mistici, come ad esempio Marie Julie Jahenny, sappiamo che in quel tempo ci sarà un papa martire che regnerà per breve tempo, forse tre anni, prima del Trionfo della Chiesa che avverrà con un altro papa, quello legato al Grande Monarca. Questo papa perseguitato succederà ad un altro anch’egli perseguitato. In questa figura io credo si possa identificare Benedetto XVI il cui destino non si è ancora del tutto compiuto. Nello stesso tempo però, da varie fonti come la stessa Jahenny, Melania di La Salette e la Madonna ad Anguera, sappiamo che ci saranno due antipapi, o papi dubbi, o falsi che si succederanno durante la crisi. In tutto forse abbiamo, dopo Benedetto XVI, due antipapi, un papa martire che regna per poco ed infine il papa del Grande Monarca. Ad Anguera ad esempio la Madonna rivela che in questo tempo di crisi oltre ai due falsi sorgerà anche un grande uomo di fede che condurrà la Chiesa alla vittoria, ma che non vedrà il trionfo perchè sarà assassinato. Una descrizione in linea con la successione immaginata.

Ma come conciliare tutto questo con la profezia di San Malachia? Credo sia possibile in un modo solo: se nella parte ex-ante sono elencati anche antipapi, nella parte realmente profetica, quella ex-post, sono elencati solo i veri papi. In questo modo l’ultimo motto, se tale è, in persecutione.extrema S.R.E sedebit. annuncia il papa martire che regnerà poco, ma che con la sua azione condurrà la Chiesa alla vittoria (se non fosse così rimarrebbe fuori dal conteggio uno dei due antipapi e non credo avrebbe senso). La profezia finale si adatta bene invece al papa del Grande Monarca in quanto dovrebbe regnare a lungo fino alle soglie del tempo dell’Anticristo e dunque della distruzione di Roma e del nuovo tempo come annunciato a La Salette. Un indizio sulla vera natura della profezia di San Malachia credo possa derivare da un diverso tipo di analisi degli ultimi motti, quelli che accompagnano la Chiesa alla tribolazione:

De Medietate Lunae – De Labore Solis – Gloria Olivae – In persecutione.extrema sedebit – Profezia finale sulle molte tribolazioni e il giudizio

Personalmente mi sembra di vedere nei motti finali una simbologia del tempo di passione, morte e resurrezione, ovvero il Calvario della Chiesa prima del Trionfo e quello degli uomini prima del Giudizio. Quali sono infatti i segni che annunciano questi eventi? La Luna tinta di sangue (morte improvvisa di Giovanni Paolo I), il Sole che si eclissa (il pontificato di Giovanni Paolo II, ultimo slancio della Chiesa prima dell’oscuramento), l’Ulivo dell’orto degli Ulivi dove Cristo comincia la Passione, viene abbandonato dai suoi e tradito con un bacio da Giuda (il pontificato di Benedetto XVI, abbandonato e tradito), la Persecuzione ed infine il Giudizio. La profezia dei papi è stata scritta per annunciare gli eventi culminanti della storia della Chiesa che segue il suo Maestro sulla via della Croce prima del Trionfo annunciando al contempo il momento in cui questo avverrà mediante la cronologia della successione dei pontefici. In un certo senso la conclusione della profezia è altamente simbolica anche senza tener conto dell’identificazione con gli uomini che hanno poi rivestito il ruolo di pontefice. Noi oggi, proprio come detto ad Anguera, siamo all’inizio del Calvario vero e proprio avendo assistito (e forse ancora non del tutto) all’abbandono e al tradimento di Benedetto XVI che per forza di cose conduce poi alla persecuzione del papa e dei fedeli. E’ un momento necessario prima dell’atteso trionfo. La Gloria dell’Ulivo di S. Malachia non è il trionfo della pace come un tempo si pensava, ma la Gloria della Passione di Cristo e della Chiesa senza le quali redenzione e trionfo non sarebbero possibili. La straordinaria concordanza fra le profezie di Santi e Mistici e quelle delle Apparizioni Mariane con la linea temporale della profezia di San Malachia non lascia spazio a dubbi circa l’autenticità della stessa. Il che ovviamente ci rimanda alla magna quaestio del suo autore e del perchè l’abbia strutturata in questo modo. Ad esempio perchè attribuirla a San Malachia di Armagh? Di questo Santo abbiamo le notizie biografiche tramandate dal suo confratello San Bernardo di Chiaravalle. In questa biografia non si parla della profezia tantomeno di carismi profetici. L’unico testo ufficiale è quello del Wion del 1595. Ma come vedremo abbiamo notizie della presenza di questa profezia a qualche anno prima. Wion dice che molti ne attendevano la pubblicazione e quindi in determinati ambienti era conosciuta, ma da quando? Per la sua struttura e i motti che identifico come scritti ex-ante non può essere anteriore al 1557. Questa è probabilmente la data di partenza. E abbiamo notizia, tramite un carteggio della famiglia Albani, che essa era conosciuta nel 1587 in quanto si discuteva dei candidati al prossimo conclave in merito al motto “De Rore Coeli” ovvero “La Rugiada del Cielo”. Secondo alcuni critici della profezia per i quali è un falso i motti fino al 1595, anno della pubblicazione, sono stati composti ex-ante. Oggi sappiamo dunque che non è così. Almeno a cominciare da De Rore Coeli sono ex-post. E quindi anche quelli prima della pubblicazione: De Antiquitate Urbis, Pia Civitas in Bello e Crux Romulea. In effetti possiamo quasi esser certi che i motti profetici comincino proprio da De Rore Coeli in quanto i precedenti sono descrizioni molto precise degli stemmi araldici proprio come se elaborati sulla base di testi biografici come quello del Panvinio. Grosso modo la profezia è stata scritta nella sua forma finale fra il Maggio del 1585 e il 1587. Ma perchè attribuirla al monaco irlandese? Diciamo che questa attribuzione è quella che compare nella pubblicazione di Wion; ma è possibile che, o si tratti di un piccolo enigma o che l’attribuzione sia stata imprecisa. 

Io penso infatti che il riferimento corretto sia a San Malachia, ultimo dei cosiddetti “profeti minori” dell’Antico Testamento. Di questi profeti abbiamo già parlato nel blog commentando la quartina nostradamica dedicata a Lady Diana dove compare il penultimo dei profeti minori ovvero San Zaccaria. Il Libro di San Malachia è molto interessante poichè si sviluppa su due temi principali: l’infedeltà dei sacerdoti che infangano il sacrificio ed il conseguente giudizio finale. Sono i due temi che sono alla base della profezia di San Malachia o meglio della sua conclusione. Infatti la persecuzione della Chiesa giunge per mezzo del tradimento che avviene disprezzando i Sacramenti fra i quali ovviamente il Sacrificio Eucaristico. La punizione per tale protervia è il Giudizio di Dio. Il Calvario e la Tribolazione nascono da qui.

Il nuovo San Malachia si ricollega dunque all’ultimo profeta dell’Antico Testamento e riparte da dove l’altro ha lasciato.

Ma perchè iniziare la serie dei pontefici da Celestino II? Ovviamente c’è un riferimento temporale al tempo in cui è vissuto San Malachia di Armagh, ma non credo sia l’unico motivo (poteva scegliere altri papi). Il suo pontificato è stato breve e non sembra vi siano riferimenti di nota per lo sviluppo della profezia. Nella biografia di Panvinio si riportano infatti solo scarne informazioni biografiche. Nella mia idea, esposta anche nei precedenti articoli quando cercavo un legame con Celestino II, l’inizio deve essere legato alla fine. Deve per forza avere un significato e non essere casuale. Un simile autore non credo lascerebbe al caso l’inizio della sua profezia. E così ho spostato l’attenzione a ciò che l’autore ha voluto nascondere scegliendo Celestino II. Costui infatti fu, in termini cronologici, il primo papa legittimo eletto senza scontri dopo il breve scisma avvenuto per l’elezione del predecessore, Innocenzo II. Insomma, invece di guardare il dito, Celestino II, bisognava guardare al contesto della situazione della Chiesa, ovvero lo scisma (descritto invece nella biografia di Panvinio). In quegli eventi Innocenzo II vide lo scisma di due antipapi, Anacleto e Vittore, con il secondo che si pentì e rinunciò alla sua elezione. Una situazione nella quale fin da subito nessuno poteva dire chi fosse il vero papa o quello falso in quanto entrambe le elezioni erano state viziate da ambizioni politiche e inganni tanto da creare due veri papi. Fu soprattutto per l’azione di San Bernardo che molti regni si schierarono con Innocenzo II e che, ad un certo punto, verso la fine del pontificato di Innocenzo lo scisma rientrò con il pentimento dell’antipapa Vittore.

Insomma, anche se ovviamente in contesti differenti, abbiamo un papa legittimo, due antipapi, uno che si pente e lo scisma che rientra. Ricorda qualcosa? Forse i due falsi e “un figlio” che “si pentirà e la verità sarà rivelata” come annunciato ad Anguera?… sembra in effetti riproporsi una situazione simile in modo che si possa quasi dire “come la profezia inizia così finisce”.

Come ultima osservazione vorrei ricordare che in “Ultime Conversazioni”, libro intervista con Peter Sewald, Benedetto XVI ha parlato della profezia di San Malachia dicendo che “tutto può essere” in relazione alla sua valenza profetica nel descrivere i destini della Chiesa anche alla luce delle dimissioni del papa tedesco. Ha attribuito la sua composizione ad “ambienti” legati a San Filippo Neri che per contrastare i Protestanti volevano dimostrare la longevità della Chiesa con una lunga successione di papi. Una attribuzione curiosa, anche perchè non ha specificato quali fossero questi “ambienti”. San Filippo Neri d’altronde non è ricordato per carismi profetici. Anche Mons. Gaenswein in un’intervista del 2016 ha parlato di questa profezia rispondendo ad una domanda:

“Infatti, se si considera la profezia, e come in essa ci siano precisi riferimenti ai papi citati nella sua storia – ciò mi dà i brividi”.

Anche se i cattolici non sono tenuti ad accettare la profezia, “parlando per esperienza storica, bisogna dire: “Sì, è un campanello d’allarme”

 

Con queste brevi considerazioni spero di aver dato qualche elemento in più per comprendere il mistero di questa grande profezia che solo gli ultimi eventi legati alla Chiesa potranno completamente illuminare.

 

 

 

Commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
65 Commenti
Le più vecchie
Le più nuove
Feedbacks in linea
Vedi tutti i commenti
Raffaella
Raffaella
1 anno fa

Grazie sempre Remox per il tuo prezioso contributo. Tre quesiti:
1) non ricordo cosa dovrebbe accadere dopo la morta della Regina Elisabetta;
2) mi pare (ma non ne sono certa) che Padre Pio avesse profetizzato un inverno molto freddo, legato a qualche avvenimento rilevante; mi chiedo se la rigidità dell’inverno possa dipendere non tanto dal meteo, quanto dalla mancanza di riscaldamento;
3) il dott G.I. tace da parecchio tempo, va tutto bene?
Grazie di nuovo.
Raffaella

NICOLA_Z
1 anno fa
Rispondi a  Remox

“L’unica regina possibile è Elisabetta II, ormai vicina alla fine del suo regno.”

Remox, la Regina Elisabetta è morta, da oggi 8 settembre 2022, fine del suo regno ed inizio del tempo di crisi per l’Europa.

L’inizio della profezia dei papi è il motto “De Rore Coeli” ovvero “La Rugiada del Cielo”, che era il papa Celestino II.

La Regina Elisabetta II, muore nel giorno, in cui la Chiesa Cattolica celebra la solennità della nascita della SS. Vergine Immacolata Maria, la Madre del Verbo Divino, la Madre “Celeste”, l’irraggiungibile Madre di ogni purezza, e di ogni grazia celestiale, in lei e per mezzo di lei, “La Rugiada del Cielo”, si è fatto carne ed ha abitato in mezzo a noi uomini peccatori, bisognosi della Redenzione Universale dell’Eterno Verbo di Dio.

Dal Salmo 110:

Oracolo del Signore al mio signore: «Siedi alla mia destra
finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi».

Lo scettro del tuo potere stende il Signore da Sion:
domina in mezzo ai tuoi nemici!

A te il principato nel giorno della tua potenza
tra santi splendori;
dal seno dell’aurora, come rugiada, io ti ho generato.

Il Signore ha giurato e non si pente:
«Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchìsedek».

Finisce il regno di Elisabetta Il nel giorno della festa della natività della Madonna, inizia il Tempo di Maria SS. , Lei è l’Aurora della nuova creazione, l’alba della Redenzione Universale, Termine fisso d’eterno consiglio, colei che sorge come l’aurora,
bella come la luna, fulgida come il sole,
terribile come un esercito schierato in battaglia, per combattere, i nemici di Cristo dentro e fuori la Chiesa Cattolica, per mezzo di Lei, in cui Dio ha posto eterna inimicizia contro l’antico serpente infernale, chiamato diavolo e satana, e sconfiggere il veleno del Dragone rosso fuoco vomitato sul mondo intero, ossia l’ideologia post-illuministica del progressismo liberale anti-cristiano, e tutta la tirannide del dominio massonico in ogni ambito umano.

Viva l’Immacolata, Viva Maria, l’Aurora ed il Signum Magnum del secondo millennio!!!

Ultima modifica di 1 anno fa da NICOLA_Z
Spring
1 anno fa
Rispondi a  NICOLA_Z

Finisce il regno di Elisabetta Il nel giorno della festa della natività della Madonna, inizia il Tempo di Maria SS.

Ottima osservazione!

NICOLA_Z
1 anno fa
Rispondi a  Remox

Grazie Remox per la opportuna e puntuale
precisazione, e grazie per il tuo bellissimo articolo sulla profezia dei papi.

Ormai possiamo dirlo, dopo la morte della Regina Elisabetta II, tutto volge verso l’epilogo della guerra spirituale in atto, che diventerà anche guerra materiale in campo tra Oriente ed Occidente.

Non c’è solo la Russia, in tale campo bellico, ma anche l’Iran, e altri alleati, e persino la gigantesca Cina, un furibondo Dragone sputa-fuoco, che il giornalista Federico Rampini ha definito “una pentola a pressione” pronta ad esplodere in qualsiasi momento!

DeBrand
Admin
1 anno fa
Rispondi a  Remox

Grazie Remox per questo interessante articolo, ma ora che è morta la regina sarrebbe bello poter capire meglio la sequenza di eventi che ci aspettano, anche e sopratutto in relazione agli avvenimenti interni della Chiesa Cattolica.

Dimash
1 anno fa
Rispondi a  Remox

8 marzo 1881

“Francesi, non aspettatevi alcun aiuto dall’estero, niente in particolare da questo grande regno la cui ambiziosa regina cerca solo il suo interesse.”

Remox, essendo la Regina Elisabetta IIà morta , questo messaggio dovrebbe riferirsi a Camilla. Anche se è regina consorte, ma pur sempre regina. Non mi stupirei che pensasse solo ai suoi interessi, come detto alla Jahenny, avendo accalappiato il principe ereditario e persino quando era già sposato, al tempo. E anche lei lo era e lo è. A proposito, ma Camilla è solo sposata civilmente con Carlo III, quindi non è neppure moglie di Carlo III dal punto di vista religioso protestante. Ha tradito, lei e anche Carlo, la sua religione, già eretica di suo.

25 agosto 1882

“Figli miei, prevedo che all’inizio di questo turbamento ci sarà un nuovo regno per la terra inglese e una scelta sarà fatta, quando all’improvviso la morte verrà a colpire coloro che tengono in mano il timone di questo Regno. ”

Vedremo se riusciremo capire a quale scelta si riferisce. Scelta operata dalla famiglia reale a quanto pare, o solo dal re e la regina?
O anche dal parlamento?

Vedremo.

Non sò anche il dott G.I. cosa ne pensa

Ultima modifica di 1 anno fa da Dimash
vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa
Rispondi a  Dimash

Ottimo.Interessante pensare che per la mentalita’ odierna in Occidente,una impostazione cosi’potrebbe sembrare un po’ bigotta,retro’,e questo dice a che punto siamo,perchè invece è molto ragionevole.Anche io ragionai da molto tempo sulle scelte di Carlo e Camilla,e mi piace vedere che c’è ancora chi ragiona come la zia zitella di 50 anni fa 🙂 La superbia leggera accusa il cattolico di aspettarsi la salvezza da un Libro,da prescrizioni,da celebrazioni,da cose,mentre secondo lei si dovrebbe badare solo alla propria interiorita’o alla propria mente.Magari rieducarsi in base ai racconti di visioni pre morte.Bene:questo significa anticultura e anticivilta’.Prescrizioni e conversione del cuore e dell’anima sono facce della stessa medaglia.Conta dove vuoi andare ma anche da dove vieni.Non in assoluto,ma ordinariamente ,si’.Straordinariamente la Grazia supplisce,ma allora devi fare ammenda.Invece credo che vedremo in scena insipienza e arroganza nascoste. Stoltezza.Bisogna reimparare dal Deuteronomio,e un vero re sa l’importanza della tradizione e dei rituali ma li sa collegare alla Parola di Dio.Un conto e’ non riuscire a rispettare tutte le prescrizioni ,un altro è credere di essere loro, in qualche modo, superiori, in base a non si sa bene cosa.Purtroppo tali re e regine vanno a braccetto col modernismo che sceglie la Chiesa dello Spirito contro la Chiesa Istituzione,e da qui comincia a diffidarne anche a livello di Dottrina,anche se,o quando, non lo dice esplicitamente.L’ipocrisia non puo’ che essere il loro capolinea.Fine della corsa.

Dimash
1 anno fa
Rispondi a  Remox

Capisco, ma ha più senso indicare ed identificare il regno britannico con la regina del tempo in cui fu fatta la profezia, che indicare con Elisabetta II il Regno Unito del tempo futuro che non aiuterà la Francia ad uscire dalla guerra civile, visto che Elisabetta IIà di certo non ci sarà. Nè ci sarà neppure una regina ma di sicuro un re, data l’abbondanza di eredi maschi della famiglia reale. Se la regina di quanto quotato è la regina Vittoria, allora forse non c’è alcun riferimento velato ad una regina futura.

Ultima modifica di 1 anno fa da Dimash
Dimash
1 anno fa
Rispondi a  Remox

La regina Elisabetta II non potrà aiutare la Francia durante la guerra civile che verrà, perchè è già morta. Questo era il brano che avevo quotato:

8 marzo 1881
“Francesi, non aspettatevi alcun aiuto dall’estero, niente in particolare da questo grande regno la cui ambiziosa regina cerca solo il suo interesse.”

Quindi la regina di tale brano non può essere in nessun caso Elisabetta II. A meno che ci si riferisca ad essa per l’importanza che ha rivestito in questi lunghi anni e che hanno portato, malgrado la sua popolarità e stima, alle spinte secessioniste interne al Regno. Come dici è una frase un pò a sè stante e di cui non sappiamo la contestualizzazione, per cui il dubbio può persistere. Però se la divisione dell’Uk avverrà sotto il regno di Carlo III, come probabile che sia, a meno di avere una vita molto breve, l’influenza di Camilla sul comportamento e sulle decisioni di re Carlo e che a loro volta incideranno certo sulla tenuta del Regno, è evidente a tutti. Sfido chiunque ad affermare il contrario, dopo essersi, Camilla, tirato dietro Carlo per una vita intera, nonostante fosse sposato,sfidando e contravvenendo le norme morali, l’ etichetta, il buon nome proprio e del suo vero marito, nonchè di Carlo stesso. Tra l’altro Camilla non ha sentito mai la necessità di controbattere pubblicamente le critiche che una buona parte del popolo britannico le muoveva, tirando dritto con una sfrontatezza eccezionale. Definita da Elisabetta una persona orribile, e che ha piegato, nel tempo, anche la volontà di Elisabetta stessa, certo anche per la sua età avanzata, quando è diventata meno combattiva.
E’ solo regina consorte, ma se vediamo le cose dal punto di vista sostanziale e non solo formale avrà un’influenza enorme sulle decisioni del capo di Stato Carlo a prestare aiuto o meno ai Francesi durante la guerra civile. Per cui il possibile riferimento in quel brano quotato alla regina Elisabetta II servirebbe ad inquadrare, a grandi linee, più il tempo dell’inizio della crisi degli Stati nazionali e dei regni ancora rimasti in Europa, che la regina( anche solo moglie del re) inglese che effettivamente non vorrà far prestare aiuto ai francesi in futuro, perchè penserà solo ai suoi interessi.

Su quest’altra parte della rivelazione invece è ben più evidente che la regina che scende dal trono si riferisca ad Elisabetta II:

“In questo momento, lo straniero da questa parte (Inghilterra), avrà tradito il suo popolo sotto il regno di una regina: alla sua discesa dal trono, le cose non saranno fatte come il Signore richiede. “

Però io non parlavo di questo brano, non l’avevo infatti quotato, sopra.

Mi domando, visto che ne parliamo, se la cosa che non sarà fatta come il Signore richiede, non sia già il fatto che Elisabetta II negli ultimi tempi abbia accettato Camilla come regina consorte di suo figlio Carlo, dopo che nel 2005 non aveva neppure partecipato al loro matrimonio civile, anche perchè contrario alla religione cristiana. E ricordiamo che Elisabetta era capo o guida della Chiesa anglicana, Eppure alla fine della sua vita terrena ha accettato un qualcosa contrario alla norme religiose di cui era la guida per il suo regno.
Tale accettazione ha reso possibile a Camilla di ottenere il titolo di regina consorte, anche col beneplacito della stimata Elisabetta II. Simbolo di fermezza, di tenacia e di unione per il popolo.Ma che ha, in questo modo, traviato e tradito.

dott.G.I.
1 anno fa
Rispondi a  Raffaella

“il dott G.I. tace da parecchio tempo, va tutto bene?” (Raffaella)

Tutto bene, grazie.
Ho avuto solo alcuni problemi tecnici.
Ad agosto, forse il forte caldo e l’uso prolungato mi ha bruciato il portatile (la scheda madre). 
Morto all’improvviso. Ho temuto soprattutto per i dati.
Fortunatamente, il disco non era danneggiato e dopo averlo smontato ed estratto, con un cavo convertitore SATA (ordinato apposta) sono riuscito a recuperare tutti i dati.
Naturalmente, ho dovuto comprare un nuovo portatile, ma la cosa più lunga e laboriosa è reinstallare tutti i programmi e rimettere i file al posto di prima. Abbiate pazienza, ho quasi finito.

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

Ottimo lavoro.Una serie d’intuizioni fondate, che inserite nell’insieme diventano le chiavi che aprono porte altrimenti chiuse alla comprensione.Tra queste, l’evidente attualita’ del Libro biblico di Malachia trova un collegamento anche coi due libri dei Re,che poi erano uno solo, poi artificialmente divisi. Infedelta’ dei sacerdoti.Scissione tema centrale con la figura di Elia.Biografie sintetiche e giudizi sui re potrebbero aver ispirato i motti sui Papi.Dottrina deuteronomica. Tempio Re e Profeti.Il monte Carmelo e il fuoco possono riportare all’evento di Fatima, con i fedeli di una Chiesa divisa che sono offerte divise in due, accettate dopo essere state bagnate dall’acqua della penitenza ,che a Fatima fu la pioggia.

Lucio
Lucio
1 anno fa

Grazie mille Remox la spiegazione.

mario mancusi
1 anno fa

Primo step è morta la Regina, prepariamoci per primavera 2023 iniziano le rivolte

Ultima modifica di 1 anno fa da mario mancusi
Spring
1 anno fa
Rispondi a  mario mancusi

LUCE e GAS: ecco cosa ci aspetta questo inverno | Avv. Angelo Greco

E molte locandine, nelle edicole, citano “Una famiglia su tre non riuscirà a pagare le bollette”

Vimana
Vimana
1 anno fa

È morta la regina Elisabetta, cosa succederà ora? Zanga zanga?

Spring
1 anno fa
Rispondi a  Vimana

Comincia a pregare!

Vimana
Vimana
1 anno fa
Rispondi a  Spring

Prego ogni giorno, per me e per tutti, buoni e cattivi, cmq hai ragione

Spring
1 anno fa
Rispondi a  Vimana

Io non ho aumentato le mie preghiere, mi limito alla mattina e alla sera (anzi, ora che ho ricominciato a lavorare lo faccio solo la sera). Se poi passo vicino ad una chiesa dove si può fare l’adorazione, mi fermo qualche minuto.
Lo scapolare marrone l’ho messo, dovrei essere a posto.

Comincio ad essere, stranamente, più sereno. O forse comincio solo ad essere stanco.

Ultima modifica di 1 anno fa da Spring
Vimana
Vimana
1 anno fa
Rispondi a  Spring

Io ho lo scapolare di San Giuseppe e un crocifisso ben in vista, io sono sereno, anzi non vedo l’ora che accada quel che deve accadere .

Spring
1 anno fa
Rispondi a  Vimana
Vimana
Vimana
1 anno fa
Rispondi a  Spring

Speriamo, zanga zanga 😂
Stefano Pozza

NICOLA_Z
1 anno fa
Rispondi a  Remox

<< Ecco il vostro Pietro, Lui cambierà la Chiesa, perché Forte, Umile e Coraggioso>>.

In effetti, così lui, il nuovo Pietro, ha voluto che apparisse al mondo, e così hanno voluto tutti i mass-media, che ci apparisse in tal foggia!!!.

Ed è vero anche che ha cambiato la Chiesa, infatti oggi tutte le messe domenicali, sono letteralmente svuotate di fedeli, in particolare di giovani!!! Un cambiamento radicale!!! Al passo con i tempi!!!

Ma questo non ha alcuna importanza, tanto non esiste alcun Dio “cattolico”, e tutti si salvano, cattolici, non cattolici, atei, agnostici, pagani, massoni e via dicendo, perchè siamo “Fratelli Tutti”!, basta solo che ognuno sengua il suo cuore, e le sue inclinazioni spontanee, in base alle proprie “voglie” di testa, di pancia, e di “sotto pancia”, anzi di “sotto cintola”.

Infatti l’inferno è vuoto, e quindi nessuno deve temerlo, Dio che non è cattolico, è solo Misericordia, e chi pensa che Dio sia anche Perfetta Giustistia, è solo uno squallido troglodita del medioevo, un “rigido” senza cuore, senza scienza e cultura, senza arte ne parte, e non al passo con i tempi del sol dell’avvenire!!!

Ultima modifica di 1 anno fa da NICOLA_Z
mario mancusi
1 anno fa
Rispondi a  Remox

Un’altra veggente da depennare mi sembra che ne abbia già parlato dott.g.i. In termini negativi

Dimash
1 anno fa
Rispondi a  Remox

A cambiare la Chiesa l’ha cambiata, quindi forse non è un messaggio proprio del tutto infondato. Alcuni dettagli non sono lusinghieri riguardo il cambiamento apportato, ma appunto sono dettagli. Satana non bada a queste facezie, bada solo a far perdere anime, bada al bersaglio grosso.

vincenzo in guayas
vincenzo in guayas
1 anno fa

L’idolatria produce una errata ecclesiologia.La complessita’degli eventi puo’ scoraggiare o portare al fai da te religioso.Tale tentazione di scoraggiamento è preparata dalla tentazione di seduzione,fin dall’Eden dei progenitori.Satana seduce proponendo fughe in avanti:ma,se è vero che alla fine Dio sara’ tutto in tutti,ci arriveremo come Dio ha prestabilito,non ciascuno per conto suo,come se Gesu’ Cristo potesse essere preso in ostaggio da noi.Vero che mettera’il Suo Spirito dentro di noi,ci dara’ un cuore di carne,ma questa vicinanza e unita’dell’uomo con Dio si realizza nel Tempio,col Re e coi Profeti.Ars orandi ars credendi e nessuno,anche se fosse disperso nella giungla, puo’ fare a meno della Chiesa in nome dello Spirito e di una falsa unita’ ecumenica.Il modernismo è una fuga in avanti,una seduzione,che allontana dalla Chiesa di Cristo e rende suoi nemici.Fosse anche il Papa,diverrebbe eretico antipapa.Come i Re dell’A.T.Se la deriva ci allontana dalla Chiesa contro la nostra volonta’,almeno questo assolutamente deve essere chiaro.Ci salviamo se ci troviamo a cuore aperto,come le offerte di Elia sul Carmelo,bagnato dall’acqua della Penitenza e accettato e ulteriormente purificato dal fuoco del Battesimo Pasquale o dello Spirito.Acqua ,sangue e fuoco concordano:la salvezza è in Cristo Gesu’ e nella sua unica Chiesa.(San Paolo).I veri uomini di Dio dell’A.T. gia’ praticavano la poetica di Dante Alighieri,anche da semplici pastori o pellegrini,da semplici “trovatori”:”Io mi son un che quando Amor mi spira noto,e a quel modo ch’ei ditta dentro vo’ significando”.Ecco:chi lo fa davvero,non si ammala di sindrome di Stoccolma verso le elites, per sentirsi miseramente partecipe briciolo della loro “gloria” o anche solo per avere la loro neutralita’.Non nutre utopie distopiche.Non ruba nel Tempio,non ammazza i bambini e possibilmente nemmeno gli adulti.”Uomini salvi”comunque,direbbero a modo loro Fabrizio De Andre’ e Ivano Fossati,perchè in cammino verso la Chiesa di Cristo,in cerca di essa,pellegrini e mendicanti,non certo “modernisti”.Il modernista nel mondo ci sta anche troppo bene,e non è e non si sente mai solo,anche se si trova a essere di fatto nemico della Chiesa di Cristo.Il credente normale invece, quando non è con la Chiesa di Cristo o ne fa a meno si sente solo anche se è in compagnia.Spiriti solitarii.Sapendo che siamo in cammino,non ne deduce,assurdamente, che siamo gia’ arrivati.Sarebbe una fuga in avanti.Il modernista è un falso amante,un falso innamorato che si soddisfa con gl’idoli.Sette,come i vizi capitali,a chiudergli il cuore.Il buonismo non basta a compensare e mascherare questo.

Spring
1 anno fa

Siamo nei tempi.

La regina Elisabetta è morta. Carlo III è re
Truss, la sua morte è uno shock per la nazione e il mondo
fonte ANSA

Noi sappiamo che lo shock (quello vero) deve ancora arrivare.

Ultima modifica di 1 anno fa da Spring
vincenzo in guayas
vincenzo in guayas
1 anno fa
Rispondi a  Spring

Per me,per la nazione e per il mondo Liz Truss è uno shock piu’ grande,senza paragone.Elettroschock.

P.Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Non si capisce perché gli inglesi abbiano mandato al potere Liz Truss, un’impulsiva guerrafondaia; gli dei li hanno “cecati” di sicuro.

Luc
Luc
1 anno fa

Nonostante le differenze di denominazione, la regina Elisabetta II era un esempio di fede, da protestante seguiva alla lettera la Bibbia.

Luc

Spring
1 anno fa

Oggi un negozio online, che fabbrica e vende scarpe, mi ha risposto che i lacci da me richiesti non ci sono perché … mancano le materie prime!
Sono lacci in cotone, non in materiale fatto con nanotecnologie.

La nuova tessera sanitaria invece mi è arrivata senza microchip. Ho guardato in rete e … manca il silicio per costruire i microprocessori.

E la gente ancora pensa che tutto si rimetterà a posto … ma che si fumano?

Dimash
1 anno fa
Rispondi a  Spring

Sì, infatti della tessera sanitaria senza microchip l’avevo sentito. Stiamo andando a ritroso nel tempo. Ma con ottimismo

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

Credo che Il Libro del Deuteronomio rappresenti qualcosa che fu per Israele e che sara’ per la Chiesa cattolica dopo i prossimi anni.Vitello d’oro annientato.Riforma delle istituzioni ma anche e sopra tutto conversione interiore(10,16) attraverso la potente e memorabile azione di Dio. Cantava Claudio Chieffo nella canzone “Figlio”:”Quando vedrai cose mai viste le vorrai raccontare”, Una prefazione al Deuteronomio,nella Bibbia delle Paoline,dice:”Trascinato dall’entusiasmo e dalla passione,l’autore, pur sulla base di una lingua madre povera,crea uno stile ricco e originale,realizzando un’opera piena di vita e di forza persuasiva”. Forse cosi’ saranno gli anni del futuro,anche con mezzi materiali poveri,come forse intendeva Irlmaier,ma di certo attraverso un recupero di memoria e mezzi spirituali del passato.

Dimash
1 anno fa

Intanto per la Russia sembra che le cose non vadano bene. I forti stanziamenti americani sembra stiano facendo il loro effetto sul campo, e anche in fretta. Mentre l’avanzata russa era stata molto lenta. Non ho approfondito perchè gli ucraini abbiano una tale forza d’urto in questo momento, ma varie fonti parlano di ritirata dei russi da villaggi dell’oblasr di Kherson e di Kharkiv. Il Donbass diverrebbe solo una foglia di fico da difendere.

Però nell’oblast di Kherson è situata una diga che sbarra il Dnepr e che è necessaria per l’irrigazione dei campi in Crimea. I russi non possono permettersi di perdere fino a tanto. Temo ricorreranno alle armi nucleari tattiche per dissuadere gli ucraini da ulteriori avanzate. Vedremo

Luc
Luc
1 anno fa
Rispondi a  Dimash

appunto, armi nucl tattiche o rivoluzione interna al cremlino, oppure miracolo dal cielo..
Luc

Spring
1 anno fa
Rispondi a  Luc

Se la gente non si converte e continua parlare male a fregare il prossimo eccetera eccetera il Miracolo dal Cielo ce lo possiamo scordare!

Lucio Anneo
Lucio Anneo
1 anno fa
Rispondi a  Dimash

secondo la stampa nazionale e non solo, gli ucraini sono al confine della Russia, mentre la flotta del Mar Nero sta lanciando missili a pioggia sulle centrali elettriche di tutta l’Ucraina. Siamo a un passo dalla guerra nucleare

NICOLA_Z
1 anno fa

IL GOVERNO DELLA REGINA PROMETTE L’APOCALISSE. LA FOLLIA PREANNUNCIATA E L’IMBECILLITÀ IMPERANTE

Liz Truss – che fa il Primo Ministro del Regno Unito (ma un’alternativa non c’è) – nel corso di una intervista con il Telegraph, risucchiata dalla sua follia di onnipotenza da “Dio mancato”, ha dichiarato:

«Se la situazione mi richiede di premere il “pulsante nucleare”, lo farò immediatamente. E non importa che moriranno milioni di cittadini, per me la cosa principale è la democrazia e i nostri ideali».

Alla faccia di coloro che sono convinti che se fossimo governati dalle donne, a differenze degli uomini guerrafondai, sarebbe garantito la pace……

http://www.korazym.org/78560/il-governo-della-regina-promette-lapocalisse-la-follia-preannunciata-e-limbecillita-imperante/
 

A LONDRA SI DIVENTA PREMIER PROMETTENDO DISTRUZIONE. LIZ TRUSS È PRONTA A UTILIZZARE L’ARSENALE NUCLEARE UK IN UN CONFLITTO ATOMICO

….La ministra degli Affari Esteri britannica, Liz Truss, ha affermato ieri ad un incontro con i membri del Partito Conservatore che “Londra è pronta, se necessario, ad utilizzare armi nucleari, è una responsabilità importante, ma sono pronta”…..
….Parole pronunciate nel corso di un incontro a Birmingham con gli iscritti Tory, che stanno decidendo col loro voto postale chi sarà il nuovo inquilino di Downing Street.

Il conduttore dell’evento, John Pienaar, ha affermato che gli verrebbe «il voltastomaco» a dover affrontare la prospettiva di un «annientamento totale» tramite l’utilizzo di armi nucleari. Truss con la massima freddezza ha risposto: «Ritengo che sia un dovere importante del primo ministro e sono pronta a farlo». Freddezza premiata con un applauso dal pubblico…..

https://www.farodiroma.it/a-londra-si-diventa-premier-promettendo-la-distruzione-dei-nemici-liz-truss-e-pronta-a-utilizzare-larsenale-nucleare-del-regno-unito-in-un-conflitto-atomico/
 

Omicidio Dughina: chi è stato? – LIZ TRUSS PRONTA A SGANCIARE L’ATOMICA- Abili giochi di parole sulle miocarditi – Novak Djokovich, un grande esempio di coerenza.

Video della “dichiarazione nucleare” di Liz Truss intorno al minuto 9…..

https://www.luogocomune.net/35-commenti-liberi/6060-commenti-liberi-27-ago-2022

Ultima modifica di 1 anno fa da NICOLA_Z
Dimash
1 anno fa
Rispondi a  NICOLA_Z

E consideravamo sballato B. Johnson, costei supera tutti. In che mani è il mondo…..

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

https://comedonchisciotte.org/un-madornale-errore-strategico-loperazione-militare-limitata-del-cremlino-in-ucraina/
{UN MADORNALE ERRORE STRATEGICO: L’”OPERAZIONE MILITARE LIMITATA” DEL CREMLINO IN UCRAINA
La terza guerra mondiale è la conseguenza più probabile
Paul Craig Roberts – Institute for Political Economy – 6 settembre 2022
Odio sentirmi dire “te l’avevo detto” ed eccomi qui a usare queste parole.
Come i lettori sanno, da molti anni temo che la tolleranza da parte della Russia di insulti e provocazioni senza fine avrebbe continuato ad incoraggiare provocazioni sempre più gravi, fino al superamento di linee rosse che porteranno ad un conflitto diretto tra le due principali potenze nucleari. Per tutti questi anni il Cremlino, incapace di capire o di accettare che il suo ruolo di nemico n. 1 di Washington era ormai segnato, si è affidato ad una strategia di risposte nulle o minime per sminuire l’immagine di una Russia pericolosa e aggressiva, intenzionata a restaurare l’Impero Sovietico.
Questa strategia diplomatica, come quella russa per l’Ucraina, è completamente fallita. ….}.
I russi sono buoni “contadini”; per farne dei guerrieri temibili li devi far incattivire come nel ‘39:
le buscarono dai modesti finlandesi ma poi a costi enormi distrussero la Germania, superiore di cinquanta volte la Finlandia.

Dimash
1 anno fa
Rispondi a  P.Riesz_

Dal punto di vista militare la Russia ha sbagliato tantissimo, poichè la guerra và fatta con maggiore sorpresa possibile, per evitare che l’altra parte si organizzi per respingere gli attacchi. Mentre i russi sono stati ai confini ucraini per settimane prima di iniziare il conflitto, è stato un intervento telefonatissimo. Poi non hanno catturato Zelensky che è rimasto a dare direttive all’esercito ucraino. La Russia ha sprecato tanti uomini,mezzi e tempo, puntando su Kiev e poi lasciando le cose neanche a metà. Oltretutto dal punto di vista geo-strategico l’oblast di Kherson è indifendibile, essendo situato oltre il Dnepr, che ha pochi ponti, distrutti i quali l’esercito russo rimane bloccato e senza rifornimenti. Condivido l’articolo nella parte in cui dice che l’offensiva per avere un senso e un possibile successo militare doveva puntare a una occupazione più ampia dell’Ucraina, in tal modo l’oblast di Kherson non sarebbe così isolato, come lo è ora. Inoltre si sarebbero tenuti gli ucraini più lontani dai ponti sul Dnepr, così importanti per gli spostamenti di truppe, mezzi militari, scorte, munizioni. Più in generale puntando ad una occupazione più ampia dell’Ucraina, ma anche in settori geografici della stessa più realistici da raggiungere da terra, ossia tutto l’est ucraino, e senza la dispendiosa e deleteria toccata e fuga da Kiev, si sarebbero ottenuti risultati veloci e si sarebbero tenuti gli ucraini lontani dalle linee di rifornimento russe. Inoltre si sarebbe impressionato maggiormente l’Occidente e forse lo si sarebbe portato di più a desistere dallo sforzo nel dare aiuti militari e finanziari all’Ucraina, per una causa che sarebbe apparsa subito perduta o disperata.

Ultima modifica di 1 anno fa da Dimash
indopama
indopama
1 anno fa
Rispondi a  Dimash

siete completamente fuori strada.
l’elite pianifica con decenni di anticipo e quello che accade, anche se rapidamente, non e’ mai per caso.
l’errore lo vede chi non conosce l’obiettivo finale.

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa
Rispondi a  Dimash

https://comedonchisciotte.org/lucraina-contrattacca/
{Fonte: bigserge.substack.com
Link: https://bigserge.substack.com/p/ukraine-counterattacks
09.09.2022
L’UCRAINA CONTRATTACCA! Per favore mantenete la calma.Nelle ultime 72 ore circa, la parte filorussa di Internet è stata mandata in fibrillazione da una nuova controffensiva ucraina, attualmente in corso nella regione di Kharkov, che ha lo scopo di minacciare il raggruppamento dell’esercito russo a Izyum. Il panico è stato scatenato dalle affermazioni secondo cui l’Ucraina starebbe avanzando senza opposizione, accerchiando – o forse avendo addirittura catturato – la città di Balakliya – e sarebbe sul punto di tagliare le linee di rifornimento a Izyum.
Se mi permettete, vorrei ravvivare un po’ di ottimismo.
Il mio punto di vista è abbastanza semplice: L’Ucraina non può e non raggiungerà obiettivi significativi – ciò che chiamiamo “profondità operativa” – e ha di fatto gettato in una posizione pericolosa gran parte delle sue riserve migliori accuratamente costituite. Ritengo altamente probabile che queste formazioni ucraine di prim’ordine stiano per essere massacrate – in ogni caso, per la Russia questo è comunque un importante momento di apprendimento.
Entriamo subito nel merito, iniziando con una panoramica della geografia di quest’area …
Ora, ci sono alcuni fattori principali che portano all’inevitabile conclusione che in questa controffensiva l’Ucraina non può raggiungere la profondità operativa – inoltre, in assenza di un tale successo, verrà attaccata a sua volta e subirà perdite terribili. …
In breve, l’avanzata ucraina è stata troppo lenta e non ha un percorso chiaro per raggiungere gli obiettivi operativi. La Russia ha già iniziato a dispiegare ingenti riserve in questo teatro, e la paura comincia a farsi sentire tra gli Ucraini più consapevoli dal punto di vista operativo. Un giornalista ucraino al fronte ha raccontato quanto segue:
“Ci sono pesanti combattimenti vicino a Kupyansk, peggio di Balakleysky. Stiamo subendo gravi perdite. Il nemico sta trasferendo un gruppo di riserve per via aerea. I “Wagneriti” sono già arrivati in città. Il cielo è pieno di aerei. Sentendo tutto questo, sorge nell’animo un’inquietante sensazione di imboscata. E se tutto questo si rivelasse davvero un’imboscata a livello strategico?”
Non credo che si tratti di un “agguato” in sé da parte dell’esercito russo. La parola “imboscata” implica che le forze russe fossero già in posizione e avessero attirato gli Ucraini in un piano di manovra specifico in cui potevano essere attaccati da posizioni preparate. Non è questo che sta accadendo: le forze russe stanno arrivando fresche dalla riserva e non erano state pre-schierate nel settore. L’operazione riflette invece la preferenza della Russia per una difesa mobile e ad alta potenza di fuoco. Le posizioni in prima linea sono, relativamente, poco presidiate, mentre le potenti riserve mobili sono tenute indietro. Si tratta di un approccio flessibile, quasi di tipo antincendio, che consente agli Ucraini di avanzare verso posizioni vulnerabili, in modo che poi possano essere distrutti. …}.
Tutto ciò è logico e condivisibile; vedremo … Che la Russia debba cambiare strategia è evidente: deve distruggere le centrali elettriche, le stazioni, i nodi ferroviari, i campi gasiferi di Poltava ecc. in modo che l’ucraina non abbia più la forza di fare incursioni e terrorizzare la popolazione russofona.

Dimash
1 anno fa
Rispondi a  P.Riesz_

Vedremo se la Russia sarà in grado di prendere le contromisure, per via convenzionale, anche ricorrendo alla mobilitazione generale, al limite.

Il fatto che l’Ucraina, aiutata dall’Occidente, stia facendo queste controffensive, in realtà è la cosa che speravo non accadesse. Perchè a meno che mandino via Putin con una ribellione interna, ma la vedo poco credibile come ipotesi, il popolo in gran parte lo sostiene, la Russia dispone come extrema ratio di armi non convenzionali per alzare i toni di quanto si immagini( e mettere così sotto scacco persino tutta l’Ucraina). Se ha tentato in tutti i modi di agire in modo chirurgico, ma col limite delle sue armi non molto sofisticate, e dell’esercito ucraino che si è camuffato in scuole ed ospedali, lo ha fatto per preservare il più possibile i civili. Anzi da questo scopo che si era prefissato fin dall’inizio derivava anche l’aver posticipato l’invasione, l’aver mandato ultimatum non ascoltati da Kiev. Questo sotto il lodevole aspetto politico, che però militarmente è stato controproducente, come detto.

Per l’Ucraina e anche per tutto il mondo, il fatto che L’Ucraina e chi muove scelleratamente i fili al burattino Zelensky, non vogliano che la Russia occupi (liberi) territori ucraini tradizionalmente di popolazione russofila e russofona e ne mantenga il controllo, è una gran brutta notizia.

Perchè significherà escalation.

La Russia non può permettersi di perdere il controllo della zona di Kherson sennò la Crimea, già annessa alla Federazione russa da anni ormai, rimarrebbe una terra improduttiva.

https://www.controinformazione.info/lesercito-russo-ha-rimosso-la-diga-che-bloccava-lapprovvigionamento-idrico-della-crimea/

E resterebbe in futuro anche sotto minaccia ravvicinata ucraina( leggasi Nato).
Nè può permettersi di non liberare tutto il Donbass, altrimenti l’operazione speciale sarebbe un fallimento completo. Per cui andranno avanti, per raggiungere tutti i loro obiettivi dichiarati, come sempre dicono.
Si sfiorerà la guerra mondiale nucleare, ma non sarà rimandata di troppi anni, gradualmente ci arriveremo. Prima però vengono la guerra tra Iran e Israele, la guerra tra Turchia e Grecia (e Russia), e le guerre civili in Europa e in Usa, nonchè l’invasione musulmana in Europa meridionale. Più altro ancora, ma senza entrare troppo nei dettagli lo omettiamo. Questo secondo i veggenti, ovviamente.
Questo per dire che non temo con la guerra in Ucraina la guerra atomica mondiale di qui a poco tempo. Sarà uno step di avvicinamento ad essa. Però un passo in avanti molto importante.

Ultima modifica di 1 anno fa da Dimash
Nicolò98
Nicolò98
1 anno fa

Intanto inizia la disgregazione del Commonwealth…poi toccherà al Regno Unito vero e proprio.

https://www.affaritaliani.it/esteri/regina-elisabetta-monarchia-regno-unito-a-rischio-disgregazione-815149.html

Spring
1 anno fa
Rispondi a  Nicolò98

Le due cose potrebbero essere simultanee

Spring
1 anno fa

“DISBRIGO DEGLI AFFARI CORRENTI”: LA COMMISSIONE DIFESA DEL SENATO APPROVA SPESE MILITARI PER 12,5 MILIARDI DI EURO
fonte

vincenzo in guayas
vincenzo in guayas
1 anno fa

Bel post,breve semplice e chiaro di Stefano Fontana sul blog di Blondet nella categoria “Senza Categoria”. https://www.maurizioblondet.it/category/senza-categoria/ sulla partecipazione del Papa al Congresso dei leaders religiosi mondiali.

vincenzo in guayas
vincenzo in guayas
1 anno fa

Nell’altro post in materia di religione e morale, dal titolo :”Tripudiano in tutto il mondo”,Blondet riporta una parte della storica lettera di suor Lucia diFatima al cardinale Carlo Caffarra.Se crollano Matrimonio e Famiglia crolla tutto.Perchè?Perchè l’idolatria diventa capillarmente diffusa nelle masse e trascina con se’ la caduta dei dogmi:caduta che della idolatria è causa teologica e conseguenza pratica. Matrimoni e Famiglia,nella loro realta’ e nelle loro esigenze rappresentano lo schema interno a ogni aspetto della esistenza umana.Schema che è cristologico e quindi attiene alla salvezza eterna e alla vita civile.Una civilta’ umana puo’ anche esistere senza essere civilta’ cristiana,e ne sono esistite nella Storia,ma la salvezza eterna non puo’ esserci se non è ,almeno ultimamente,cristologica,piu’ o meno consapevolmente,e questo è Dogma.Quel pagano di cui non ricordo ora il nome,(ne scrive Dante nel Paradiso della D.C.)che si salvo’ senza aver conosciuto Cristo ma avendolo desiderato senza sapere se esistesse e se mai sarebbe nato,uni’ coerenza di vita alla preghiera del cuore e tale coerenza era adesione a uno schema cristologico fatto di elementi fondamentali come esercizio di virtu’,sofferenza comunque,anche nella virtu’,e desiderio di qualcosa che ci porti la’ dove nel corso della nostra esistenza sperimentiamo di non poter arrivare,ma solo di esserne talora un po’ piu’ vicini o meno.Dio,ilDogma,attraverso i processi di purificazionee illuminazione,che s’intersecano come le due catene del DNA,ci da’ tutto il “film”, non solo la parte che preferiamo.Un’auto puoi cambiarla ogni anno,ma le cose che vengono da Dio, spirituali e morali,sono per formarti fino alla morte,nella buona e nella cattiva sorte, in prospettiva eterna e senza quelle non hai cio’ che veramente ti appartiene,e ti appartiene perchè te lo da Dio.Tutto il resto,senza questo,si chiama Anticristo.Si chiama tradimento.Pregare per non credenti e per ebrei?Si faceva nell’Azione Liturgica del Venerdi’ Santo.Certamente capace di dare piu’ garanzie di efficacia che un viaggio papale,a meno che Bergoglio non abbia un angelo,o addirittura lo Spirito Santo che gli parla e che lo invia qua e la’.Chi puo’ saperlo?Io non lo so.Pero’ ,togliere una tale preghiera dall’Azione Liturgica del Venerdi’ Santo e metterla nel viaggio fatto “in sordina”,non mi sembra possa essere cosa suggerita dallo Spirito Santo,ma piuttosto dallo spirito della carne,anche se non indiavolata.(Ci sara’ un tempo anche per questa,ma non in questo tempo di “precursori”,direbbe la Valtorta).

Lucio Anneo
Lucio Anneo
1 anno fa

leggo su Come don Chisciotte: “Rybar riporta che gruppi di militari ucraini hanno oltrepassato il confine con la Russia in direzione Beogord. Sparatorie.” La Russia è al collasso, vicini alla disfatta?

NICOLA_Z
1 anno fa

LA RUSSIA SI È RIVELATA MILITARMENTE DEBOLE. CONSEGUENZE

 
Dunque depredabile agli occhi dell’Occidente globale. Una situazione che certo aumenta la gola del governo polacco, istigato da Londra, per tentare avventure verso Leopoli. E non solo: l’aggressione dell’Azerbaigian turcofono all’Armenia è la prima immediata conseguenza.
L’Armenia ha chiesto aiuto militare a Mosca; Erdogan ha subito affermato il totale e incondizionato appoggio della Turchia all’Azerbaigian. Ricordiamo che a luglio Ursula Von der Leyen ha firmato un accordo con l’Azerbaigian per sostituire il gas russo con quello prodotto nel paese turcofono, oggi in guerra contro la Russia: è più che probabile che la fornitura sarà interrotta da eventi bellici.
Frattanto si è scoperto che
MERCENARI DELLA PMC TURCA “SADAT”, CONTROLLATA DA ERDOGAN, SCHIERATI IN UCRAINA

“In Ucraina opererebbero un centinaio di mercenari turchi della SADAT PMC.
L’intercettazione radiofonica dei negoziati su uno dei fronti ha permesso di stabilire che sul territorio dell’Ucraina sono presenti mercenari della SADAT PMC turca. La presenza di quest’ultimo qui è stata una completa sorpresa, poiché in precedenza non si pensava che mercenari turchi prendessero parte alle ostilità dalla parte dell’Ucraina.

Al momento, è noto che mercenari turchi furono visti a Volchansk dopo che questo insediamento passò sotto il controllo delle truppe ucraine. Il loro numero esatto, tuttavia, non è specificato. I primi membri di questa PMC hanno preso parte alla guerra in Libia.
“Oltre alle PMC di aspetto europeo – americani, polacchi, britannici, a Volchansk, i residenti locali hanno osservato un distaccamento di mercenari che parlavano arabo e turco. Le altre nostre fonti, comprese quelle che lavorano con le intercettazioni radio, ritengono che sia stato nella regione di Kharkiv per la prima volta nella NVO che Kiev ha schierato al fronte mercenari del PMC turco SADAT, con i quali i soldati dell’esercito russo aveva incontrato in Siria e nelle distese del deserto libico” , racconta il progetto WarGonzo.
La parte turca non ha ancora commentato la possibile apparizione della SADAT PMC in Ucraina, tuttavia è interessante notare che questa PMC è considerata quasi direttamente controllata dal leader turco Recep Tayyip Erdogan.

https://avia-pro.translate.goog/news/na-ukrainu-perebrosheny-nayomniki-tureckoy-chvk-sadat-podkontrolnye-erdoganu

На Украину переброшены наёмники турецкой ЧВК “SADAT”, подконтрольные Эрдогану

DUNQUE ERDOGAN IL DOPPIO, FA CONTEMPORANEAMENTE IL MEDIATORE CON PUTIN E L’AVVERSARIO BELLICO DI NASCOSTO. CIÒ PARE AVVICINARE LA FASE PREDETTA DAL PADRE PAISIOS DEL MONTE ATHOS, DA NOI PIÙ VOLTE RICORDATA:

“Vi sarà una guerra tra Russia e Turchia. All’inizio i Turchi crederanno di vincere, ma ciò sarà la loro rovina. I Russi alla fine vinceranno e la Città cadrà in mano loro. Poi la prenderemo noi… Saranno costretti a darcela”, si legge nel testo originale. “I Turchi saranno distrutti. Saranno cancellati dalle mappe, poiché sono una nazione non scaturita dalla benedizione di Dio”.

“La Turchia sarà smembrata. Di certo questo smembramento ci soddisfa e ci conviene come stato. Così saranno liberati i nostri villaggi, le patrie irredente. Costantinopoli sarà liberata, diverrà nuovamente greca. Santa Sofia sarà nuovamente aperta al culto”.
[…]. Il comandante di questa guerra sarà Ebreo.
Collaborerà molto anche il Papa, poiché tutti i figli del diavolo li riterrà suoi, e suggerirà loro di seguire l’anticristo.

Per questo anche San Kosmas l’Etolo disse: «Maledite il Papa, poiché egli sarà la causa»
Leggere l’integrale qui:………

Ovviamente è parte della percezione della Russia come militarmente debole anche la brutale ingerenza americana sulle nostre elezioni, con la “rivelazione” da parte della Segreteria di Stato USA (Blinken) che “La Russia ha speso almeno trecento milioni di dollari, a partire dal 2014, cioè dall’anno dell’annessione della Crimea, per finanziare partiti politici, think tank e candidati di 24 Paesi e influenzare così i risultati elettorali”.

https://www.maurizioblondet.it/la-russia-si-e-rivelata-militarmente-debole-conseguenze/
 

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Qualcuno non le manda a dire, le dice semplicemente:
https://comedonchisciotte.org/zelensky-suona-la-campana-per-lultimo-round-della-nato/
{Declan Hayes è un professore di finanza di origine irlandese che ha pubblicato ampiamente in inglese e in giapponese su temi di economia, finanza e politica.Link: https://strategic-culture.org/news/2022/09/11/zelensky-rings-bell-for-nato-last-round/
Ci sono ricchezze da estrarre in quelle parti dell’Ucraina che il regime canaglia di Kiev controlla ancora? Nonostante le promesse di colonie americane minuscole, come l’Irlanda, l’Estonia e Malta, di ricostruire l’Ucraina in modo migliore, sembra improbabile ottenere un ritorno sugli investimenti commisurato per qualsiasi società non bancaria abbastanza stupida da investire nel casinò truffaldino di Zelensky. Se l’Ucraina era un caso disperato prima della secessione del Donbass, della Crimea e di Luhansk, non dovrebbe ora essere una prospettiva ancor più desolante, tanto più se il meglio che l’Ucraina può fare è far sfilare un pervertito, che tintinna con il suo ciondolo sul pianoforte per i suoi fan, mentre è nudo? Anche se potrebbe essere un simpatico scherzo da dopocena, Zelensky non può ispirare fiducia agli investitori. …
Zelensky e i suoi compari non devono ancora disperare, perché in ballo vi sono tuttora giocatori più importanti. Tra questi figurano Ursula von der Leyen, Josep Borrell, nonché gangster come Hunter Biden che vivono grazie ai loro legami con il Pezzo Grosso.
Il loro piano d’affari è piuttosto semplice, poiché è stato attuato in una forma o nell’altra in diversi Paesi che la Troika aveva precedentemente devastato. Funziona così: il bersaglio, in questo caso l’Ucraina di Zelensky, viene messo in ginocchio e il suo popolo ridotto in miseria. Il Fondo Monetario Internazionale, la Banca Centrale Europea e la non eletta Commissione Europea, di cui l’imbecille Ursula von der Leyen è la portavoce, inviano quindi i loro sicari economici per dettare le condizioni di resa economica che, nel caso dei loro ex scalpi come l’Irlanda, la Grecia e Cipro, comportano la cessione della sovranità economica e politica in cambio della loro cartamoneta, che viene utilizzata per finanziare ogni tipo di sviluppo infrastrutturale e di truffa che faccia comodo ai principali “portatori di interessi”del World Economic Forum.
Per quanto riguarda i giochi di prestigio, si tratta di un’operazione collaudata e affidabile, di cui i fondi avvoltoio del World Economic Forum hanno beneficiato immensamente. Ma può funzionare solo quando la cartamoneta della Troika ha ancora valore, perché altrimenti questi ciarlatani e truffatori non verrebbero intrattenuti.
La cartamoneta che la von der Leyen distribuisce a Zelensky come il tabacco da fiuto a una veglia funebre è, in effetti, una cambiale che il portatore promette di riscattare più o meno su richiesta. Questo si può vedere meglio nel caso della sterlina britannica, un prestito che Sua Maestà prometteva di riscattare in cambio di una lira sterlina d’argento, dove sterlina (sterling) significa che l’argento è puro almeno al 92,5%. Questo test di purezza della sterlina era stato reso necessario dai precedenti monarchi che non riuscivano a pagare chi prestava loro denaro e serviva ad affermare che i prestiti alla Corona britannica erano sicuri quanto la Banca d’Inghilterra, che, col tempo, fu sostituita dall’espressione “sicuro quanto Fort Knox“, dove il regime americano conserva attualmente le sue riserve d’oro, ma che cadde anch’essa in disuso quando Charles de Gaulle, il leggendario leader francese, dimostrò che Fort Knox non deteneva riserve d’oro neanche lontanamente paragonabili a quelle che sosteneva di detenere.
Così come nel 1968 De Gaulle scoprì l’imbroglio di Fort Knox [ad opera] della CIA, anche oggi il Presidente russo Putin e i popoli sempre più scontenti dell’Europa Occidentale stanno scoprendo il bluff della von der Leyen. La crociata della von der Leyen contro la Russia ha incontrato gli stessi problemi della crociata di Hitler contro la Russia, di quella di Napoleone contro la Russia e delle crociate della Chiesa cattolica per reclamare la Terra Santa. Sono senza benzina e senza risorse e, sebbene parlino, non mettono in pratica quello che dicono.
Il modello tedesco, che è al centro del progetto della von der Leyen per l’Unione Europea, era basato sull’energia a basso costo che alimentava l’ingegneria tecnologica, dove l’esportazione di questi prodotti ingegneristici pagava le strade per esportare altri prodotti tedeschi e olandesi e contribuiva a creare nuovi mercati per altri prodotti olandesi e tedeschi. Questo egoismo predatorio è stato l’unico motivo per cui quegli avvoltoi hanno fatto il passo dell’oca in Irlanda, Grecia, Portogallo e negli altri Paesi che hanno devastato.
Ma quei giorni sono passati. Dopo aver sghignazzato per aver appiattito la curva della pandemia di Covid, quella stupida plagiaria della von der Leyen ci dice adesso di appiattire la curva dell’energia per “battere Putin“, che se smettiamo di far fare il bagno ai nostri figli nell’acqua calda e di cucinare loro il cibo, Putin si piegherà e diventerà il nostro bambolotto.
Questa stessa idiota della von der Leyen sta dicendo alla Russia che può vendere petrolio alla Cina, all’India o a chiunque altro solo al prezzo deciso da lei, la non eletta e non eleggibile von der Leyen, come se la Russia fosse l’Iraq e quell’idiota fosse la criminale di guerra americana Madeleine Albright (J), che si vantava di aver ucciso oltre un milione di bambini iracheni. …
Questo, ovviamente, non accadrà perché gli imbroglioni come la von der Leyen e Zelensky si nascondono sempre dietro le sottane del Pentagono o di qualche altro gruppo criminale. Ma questa volta, la von der Leyen, la banda di Biden, Zelensky e la Borsa di New York in Ucraina sono giunti al capolinea e loro e i loro eserciti di tirapiedi dovranno fare molto di più che sgridarci per farci stringere la cinghia. Quella stupida donna e i suoi altrettanto stupidi consiglieri economici pensano di poter gettare i loro soldi di carta nel tritacarne dell’incombente problema energetico dell’Europa e di uscirne dall’altra parte sorridenti e con la pancia piena. La loro corsa è finita. Il bicchiere della von der Leyen non è mezzo pieno e nemmeno mezzo vuoto. È completamente vuoto a causa dei gangster della NATO a cui lei, i suoi co-cospiratori e i loro tirapiedi sono legati. …
Ma, anche se la von der Leyen ci fa crollare addosso l’Europa Occidentale, possiamo sperare in giorni migliori, quando il vecchio ordine di campanari autistici che giocano con i loro pisellini e di leader della Commissione europea che si vestono come l’autista Deliveroo di Zelensky sarà spazzato via. Anche se ci aspetta almeno un duro inverno, se alcuni di noi riusciranno a riemergere per mettere la von der Leyen, Zelensky, il World Economic Forum, la Troika e tutti i loro pisellini del NYSE nel cestino della storia, allora i sopravvissuti potranno dire che ne era valsa la pena.}.
Riusciremo a riemergere a patto che i serpenti con testa d’asino della commissione europea non riescano ad arrostirci con un conflitto atomico.

riccardo
riccardo
1 anno fa

Caro Remox,

non so se ne hai già parlato.

Ma cosa pensi dell’affresco della bestia con le tiare papali del battistero di Padova? Tempo addietro mi fu spiegata come la presenza di satana nella Chiesa da Giovanni XIII in poi. E da Benedetto XVI papato ed antipapato. e dopo 7 figure di pontefici, fine del potere della bestia nella Chiesa (gli ultimi 3 dei quali sarebbero stati accompagnati da un antipapa).

Un’interessante nota di Don Minutella dice che ci potrebbero essere 4 figure: Papa in sede impedita, vescovo di Roma emerito (Francesco), vescovo di Roma in carica (successore di Bergoglio), responsabile della Chiesa universale (antipapa che assumerà una sorta di presidenza della Chiesa, scindendo il vescovato di Roma ed il governo della Chiesa).
Se dovesse avvenire questo, non ci sarebbero 3 papi ed antipapi, ma un papa in carica e tre figure di antipapato coesistenti.

il futuro è futuro, e vedremo, ma questa nota mi ha fatto subito venire in mente l’immagine profetica di Giusto di Buoninsegna.

Grazie

P.Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

La Cia che controlla anche la posta elettronica di gente comune dovrebbe tener conto delle profezie non certo favorevoli agli usa; pensano sbagliando che siano fanfaluche e allora peggio per loro!
http://profezierivelazione.blogspot.com/2015/12/visioni-sulla-terza-guerra-mondiale.html
{Nel 1985 Wilkerson profetizzava:
“L’America sta per essere distrutta dal fuoco. Un’improvvisa distruzione è alle porte e pochi scamperanno. Improvvisamente, in poche ore un olocausto d’idrogeno fagociterà l’America e questa nazione non esisterà più.”
“[…] Verrà un attacco dalla Russia e questo olocausto avverrà dopo un collasso economico”.
Nel 1986 Gruver ebbe una visione di un’invasione dell’America da parte di Russi e Cinesi che provocheranno una totale distruzione di questa nazione.
Qui abbiamo una correlazione con Irlmaier che vede i Cinesi attaccare il continente americano passando dall’Alaska e dal Canada.
Gruver vide movimenti russi via mare e via aria ed attacchi con gas nervino e armi nucleari.
Secondo Gruver a causa di questa guerra perirà il 60% della popolazione statunitense.
Reverendo Lawrence di Cernigov (Ucraina, 1950)
“Arriverà una guerra mondiale. Esploderà una bomba così potente che il ferro si fonderà e le pietre si scioglieranno. Inizieranno a gridare: “abbasso la guerra, ridateci un Re”. In Russia la guerra giungerà con grande dolore, ma la Russia non perirà nel fuoco.”
Pare concordare con quanto visto fino ad ora e cioè che il grosso delle armi verrà utilizzato nei teatri di guerra europei ed americani.
“La Bielorussia invece soffrirà, ma sarà con la Russia. L’Ucraina invece non sarà con noi.”
“La Russia insieme a tutti i popoli slavi sarà un regno potente. L’Unto di Dio la toccherà e scompariranno tutti gli scismi e le eresie. […] In Russia rifiorirà la fede e la gioia perduta.”
L’Anziano Matthew Bresthena (Russia, 1950)
“Ci saranno persecuzioni, molestie, e molti segni celesti. E poi ci sarà la guerra. Sarà una guerra breve ma devastante.”
Nuovamente, questa volta da un profeta russo, abbiamo la conferma della brevità di questa guerra, la quale, però, a causa della potenza delle armi utilizzate, sarà più devastante di tutte le guerre precedenti.}.
Gli inglesi col solito humor pensano esagerando che i russi stiano meglio di loro (tabella a lato); perché la Cia non segue il buon acume inglese? Anche perché il general inverno sta per arrivare per raffreddare le teste calde e congelare il ditino della signora inglese poggiato notte e giorno sul pulsante nucleare perché vuole essere prima come se fosse a “rischiatutto”:
Da riafan:
{Gazprom: le riserve di gas europee dureranno due mesi. 15 settembre 2022 18:15. Al 13 settembre, gli UGSF europei erano pieni di 58,4 miliardi di metri cubi, secondo Gas Infrastructure Europe. Per pareggiare i volumi con l’inizio della stagione di riscaldamento 2019-2020, l’Europa ha bisogno di altri 14 miliardi di metri cubi. Questo è stato affermato in “Gazprom”.

“Allo stesso tempo, anche vicino alle riserve massime nelle strutture UGS nei grandi paesi europei non garantisce un passaggio affidabile del prossimo periodo autunno-inverno (WZP)”, ha osservato la società.

La Germania l’ultima stagione di riscaldamento ha consumato 57 miliardi di “cubi”, con una media di 9,5 miliardi al mese. Ad oggi gli stoccaggi sono pieni per l’89% e al loro interno sono presenti 19,3 miliardi di metri cubi di gas attivo.
Quindi, l’attuale volume di gas in Germania sarà sufficiente per soli due mesi della stagione di riscaldamento su sei.}.

tab.jpg
Dimash
1 anno fa

https://www.maurizioblondet.it/israele-ha-annunciato-di-aver-ricevuto-carta-bianca-dagli-stati-uniti-per-attaccare-liran/

Il regime sionista colpirebbe la repubblica islamica in caso di scontro tra questa e l’Azerbaijan.

P.Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

https://comedonchisciotte.org/perche-la-russia-vincera-comunque-nonostante-i-vantaggi-dellucraina/
{Scott Ritter è un ex ufficiale dei servizi segreti del Corpo dei Marines degli Stati Uniti che ha prestato servizio nell’ex Unione Sovietica per l’attuazione dei trattati sul controllo degli armamenti, nel Golfo Persico durante l’operazione Desert Storm e in Iraq per supervisionare il disarmo delle armi di distruzione di massa.
….. La Russia ha in realtà rafforzato la sua posizione militare creando forti linee difensive nel nord in grado di resistere a qualsiasi attacco ucraino, aumentando al contempo la potenza di combattimento disponibile per completare il compito di liberare il resto della Repubblica Popolare di Donetsk sotto il controllo ucraino.
La Russia ha una profondità strategica di gran lunga superiore a quella dell’Ucraina. La Russia sta iniziando a colpire obiettivi infrastrutturali critici, come le centrali elettriche, che non solo paralizzeranno l’economia ucraina, ma anche la sua capacità di spostare rapidamente grandi quantità di truppe via treno.
La Russia trarrà insegnamento dalla sconfitta di Kharkov e continuerà a perseguire gli obiettivi dichiarati della sua missione.
In conclusione, l’offensiva di Kharkov è stata il massimo per l’Ucraina, mentre la Russia non ha ancora toccato il fondo. La Russia deve operare dei cambiamenti per risolvere i problemi identificati con la sconfitta di Kharkov. Vincere una battaglia è una cosa, vincere una guerra un’altra.
Per l’Ucraina, le enormi perdite subite dalle proprie forze, combinate con i danni limitati inflitti alla Russia, significano che l’offensiva di Kharkov è, nella migliore delle ipotesi, una vittoria di Pirro, che non cambia la realtà fondamentale che la Russia sta vincendo, e vincerà, il conflitto in Ucraina.}.
Se lo dice lui, dobbiamo credergli o almeno che abbia una parte di ragione.

Share This