LE PROFEZIE DEL VEGGENTE DI WALDVIERTEL: Commenti Personali

scritto da Remox
08 · Apr · 2014

LE PROFEZIE DEL VEGGENTE DI WALDVIERTEL

(Commenti Personali)

Consapevole che la pubblicazione
di un riassunto delle visioni del veggente di Waldviertel avrebbe sollevato
numerose domande ho deciso di postare un nuovo articolo contenente alcune mie
personali considerazioni.

Questo conflitto appare come una
guerra dei disperati, disordinato e disarticolato. Il tema di fondo è la
ricerca dello “spazio vitale”. E’ un tema che possiamo ben comprendere
considerando l’attuale geopolitica. L’alleanza fra Russia e Cina è in funzione
antiamericana. Entrambe si sentono accerchiate, lo sappiamo tutti.

Quindi qual è lo scenario
preconizzato dal veggente? Un’ Europa economicamente al collasso e in preda a
rivolte civili. Un’America colpita da un gravissimo attentato, sconfitta in una
guerra in Medioriente e probabilmente (dico probabilmente perché non compare
nelle visioni) attaccata sul proprio spazio vitale del pacifico, quindi inizialmente
impossibilitata a un intervento militare in Europa.

Questa alleanza dei Re d’Oriente
dunque, è funzionale allo spazio vitale. La Russia potrebbe vedere nel collasso
europeo l’occasione per rompere l’accerchiamento NATO mentre la Cina potrebbe
approfittarne per espandersi nel Pacifico. Gli strateghi sanno bene che i
cinesi, 1,5 miliardi di persone, si guardano intorno e vedono territori grandi,
ricchi e scarsamente popolati: Siberia, Nordamerica, Australia…tutti più o meno
vicini. In fin dei conti queste visioni non mostrano nulla di impossibile da un
punto di vista strategico salvo il fatto che nessuno oggi crede che gli USA
siano messi in condizione di non intervenire.

Un anno fa quando ho cominciato l’avventura
del Duca dei Tempi mi ridevano dietro quasi tutti quando, nel presentare lo
scenario descritto da Nostradamus e da altri mistici, sostenevo che la Russia
avrebbe portato la guerra in Europa. Sei mesi fa le risate erano già un po’
diminuite, oggi ridono ancora meno persone. Di questo passo fra qualche anno corriamo
il rischio che non riderà più nessuno. Questo per dire che se oggi appare
inverosimile che l’America venga sconfitta non è detto che presto questo non si
avveri. Ma quando accadrà sarà chiaro a tutti che non ci sarà più molto tempo e
probabilmente tutto accadrà nello stesso momento.

Nostradamus nell’Epistola al Re
Enrico II parla di questi Re orientali che infine saranno sconfitti non solo
per la potenza dei Re Aquilonari (Grande Monarca e USA), ma anche per i
reciproci tradimenti.

Non stupisce quindi che il
veggente di Waldviertel veda la Cina attaccare nelle retrovie la Russia e
spingersi in questi combattimenti fin nel cuore dell’Europa, in Repubblica
Ceca. In fin dei conti con la Russia impegnata in Europa e gli USA a terra
sarebbe più semplice prendere la Siberia. Perché poi permettere ad un
avversario, anche se momentaneamente alleato, di diventare troppo potente? Ho
trovato anche io curiosa la visione dei carri leggeri cinesi avere la meglio su
quelli pesanti russi. Poi però ho trovato quell’articolo sui progetti militari
della Cina che confermano la scelta strategica preconizzata dal veggente. E’
vero che serve anche la copertura aerea…ma l’aviazione è un’arma che hanno
entrambi i fronti.

Nelle visioni non si parla del
Medioriente e di Israele. Ma secondo altre fonti simili a questa, Israele sarà
al collasso circondato da tutti i fronti da vari nemici, russi, islamici e pure
i cinesi. Appare ovvio che nel caos di questo conflitto “disarticolato” il
tutti contro tutti sia la regola comune. Da dove passerebbero i cinesi per
arrivare in Europa se non dal Medioriente?

Abbiamo poi la figura del Grande
Monarca: il veggente in realtà non lo chiama così, ma vede un uomo forte salire
al potere in Germania nel momento del massimo pericolo e porsi a capo della
resistenza. In seguito sarà a capo del nuovo Sacro Romano Impero (usa proprio
queste parole). E’ una visione perfettamente in linea con quella di altri
mistici. Il veggente del Voralberg vede il papa, in fuga da Roma, consacrare il
nuovo imperatore nella cattedrale di Colonia, in Germania. Ida Pederman, la
veggente delle Apparizioni di Amsterdam, vede quella che chiama “una
processione d’altri tempi” in cui un uomo su un cavallo bianco si dirige
lentamente verso la cattedrale di Reims, dove venivano incoronati i Re di
Francia (evidentemente dopo la guerra). Abbiamo poi le profezie di San
Francesco da Paola, della Beata Emmerich, di La Salette, di Kerizinen e altre
ancora. 

Andando indietro nel tempo risaliamo
a prima dell’anno mille, quando già si profetizzava la comparsa di questo
ultimo imperatore romano, proveniente dai Franchi, prima della comparsa dell’Anticristo.
E’ probabile che questa tradizione profetica risalga alla caduta dell’Impero
Romano d’Occidente e alla conversione al cristianesimo dei Franchi al tempo di Clodoveo.

Qualcuno vede in questa figura il
bianco cavaliere dell’Apocalisse che abbatte la Bestia nella piana di
Armagheddon, altri vi vedono un semplice simbolo, ma la costanza delle
predizioni su questo personaggio ci fanno capire che sarà una persona reale. D’altronde
questa profezia acquisì un’importanza maggiore con la Rivoluzione Francese,
dove la Francia cadde secondo le parole pronunciate 100 anni prima dalla
mistica Alacoque. Alcuni scambiarono inizialmente questo personaggio con
Napoleone, prima di accorgersi che somigliava probabilmente più all’Avversario
che al discendente di San Luigi IX.

Per quanto riguarda l’arma
segreta, anche in questo caso abbiamo una concordanza con altre fonti che più
generalmente, parlando del Grande Monarca, dicono che userà “le armi più
moderne”, o armi che non possono essere descritte. Il veggente austriaco invece
le descrive forse perché è un nostro contemporaneo e può avere un’idea più
precisa della natura di queste armi. Non ho potuto non pensare al “raggio della
morte” di Marconi i cui progetti andarono distrutti secondo testimonianze dell’epoca
dopo una richiesta in tal senso di Pio XII. Ma chi può sapere se le cose
andarono esattamente così? Perché queste armi dovrebbero trovarsi all’improvviso
nelle mani di un “consacrato a Maria”, secondo le visioni della Emmerich, che
apparirebbe nel mezzo del caos per riportare ordine e pace?

Nell’ultima parte del Poema
Temporale di Nostradamus si indugia sul termine “folgore” che ipotizzavo essere
collegato a un fenomeno cosmico. Ma potrebbe invece trattarsi di quest’arma “sparafulmini”,
elettromagnetica, con la quale il corso del conflitto sarà invertito.

C’è poi la questione del
cataclisma che di fatto cambierà tutto il corso del conflitto. Il veggente di
Waldviertel è l’unico a descriverlo come un fatto unico provocato sia da un’azione
umana, l’esplosione di un grande deposito di armi nucleari, che da un fenomeno
cosmico legato alla probabile comparsa di una cometa. Altri mistici parlano di un
doppio castigo, dalla terra e dal cielo, separandoli. Ma il veggente austriaco
è senz’altro più organico poiché a differenza degli altri “vede” la scena come
fosse in un film. Anche in questa parte c’è l’analogia con le Apparizioni di
Garabandal (Avvertimento e Castigo) e quelle di altri mistici come il veggente
del Voralberg. In entrambi i fenomeni annunciati a Garabandal il veggente del
Voralberg vede comparire una croce nel cielo. Il veggente austriaco parla di
questa “croce – albero di betulla” in corrispondenza del castigo.

Nostradamus stesso parla della
manifestazione diretta che il Cielo farà agli uomini “quando saranno autori di
un grande conflitto”.

Ovviamente come dico sempre non è
detto che tutto accada esattamente come previsto, ma di certo quel che è
previsto è logico e coerente con l’attuale situazione geopolitica anche se al
momento poco probabile. Ma domani, come si dice, è un altro giorno…e l’andazzo
non promette bene. Se poi come Duca dei Tempi, studiando il gran vate di Salon,
dobbiamo ipotizzare date cruciali, appaiono rilevanti delle possibili
congiunzioni dell’Opera, fra il Ramo III e il V, che sembrano portarci al Marzo
– Aprile 2015 e al biennio 2020 – 2021 con il 6 febbraio 2021 in risalto.

Commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
34 Commenti
Le più vecchie
Le più nuove
Feedbacks in linea
Vedi tutti i commenti
Anonimo
Anonimo
10 anni fa

Osservazioni interessanti. Mi permetto di far notare un altro (forse futile) elemento; mi riferisco alle profezie della Monaca di Dresda. Alcuni particolari sono in linea con queste predizioni: Prima di arrivare "alla resurrezione del mondo", però sarà necessario superare le "giornate dell'arcangelo Michele", che purificheranno "i venti" (come i venti delle altre profezie?). Saranno queste le giornate del dolore perchè il passaggio da un vecchio regime a una nuova "forma di vita" non sarà indolore.
Quando le giornate dell'Arcangelo Michele saranno trascorse da tutta la Russia s'innalzerà al cielo un suono festoso di campane.
Ed ancora: "arriverà un giorno in cui l'acqua avrà l'odore della carne morta e in cui tutta la terra diventerà un enorme letamaio" "verso la fine tutto sarà un veleno perchè sarà l'uomo che avrà decretato di uccidere l'uomo. Il ventre marcio della terra farà più morti della guerra. Ma ben pochi combatteranno per la pace e poi tutto sarà marcio.
E poi tutto sarà morte. All'alba dell'età dello spirito, il ventre enorme della terra verrà riempito di zolfo e poi verrà purificato."
La Monaca di Dresda specifica il periodo in cui si insiederà sulla terra l'epoca della "grande confusione e dell'incomunicabilità".
La veggente, infatti, circoscrive fra due date quest'evento:
"Tra il 1850 e il 2000 verrà edificata sulla terra un'enorme quantità di Torri di Babele. Tutti parleranno ma nessuno riuscirà ad intendere ciò che dicono gli altri e le macchine aumenteranno la confusione, perchè giungerà tempo in cui la voce dell'uomo non conterà più, ma sarà la macchina a parlare (riferimento a tv e social network?). E nessuno capirà quella parola" In modo preciso si profetizza anche l'insediamento della corte di Lucifero sulla terra. La veggente dice difatti che ciò avverrà tra il 1940 e il 2010, quando "dominerà sulla terra la gerarchia satanica, guidata da un demone che parlerà la lingua di Attila, ma che indosserà le vesti di Cesare (Attila forse in riferimento ad un orientale-russo? O anche a un capo di colore scuro, viste alcune raffigurazioni di Attila?)". Si prevede quindi un inganno, giacché Attila si vestirà da come Cesare. E sarà con l'inganno che il mondo intero sarà "guidato" negli ultimi tempi.
CI sono poi le lettere della Monaca a Vittorio Amedeo II in cui pronosticava la durata e il numero dei Re di Sardegna e d'Italia con la loro fine. Dopo Umberto II prevede un altro Cavallo (Re?), dopo un periodo di guida di alcuni "morelli" (identificava i Re con cavalli e i capi di quello che sarà il regime repubblicano con morelli), ma che il Cavallo dopo i morelli non stia ad identificare un presidente la cui carica dura di più degli altri (Napolitano?).
Da notare poi anche le profezie con motti sugli ultimi undici papi (simili a quelle di Malachia), di cui l'ultimo dovrebbe proprio essere l'attuale Francesco identificato con l'Angelo della Pietà, con il segno del Martirio. Ulrich

Remox
Remox
10 anni fa

Si, della sequenza dei papi ne ho parlato nei primi due post del blog. Per il resto è una mistica affascinante anche se controversa per la mancanza di fonti.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa

A proposito delle mire espansionistiche della Cina hai "dimenticato" questo 🙂
http://www.ilnavigatorecurioso.it/2013/04/06/perche-la-cina-sta-costruendo-citta-fantasma-in-africa/

E anni fa fu pubblicato un articolo su un giornale del nord Italia dove si parlava di navi militari cinesi nel porto di Atene (il porto di Atene lo comprarono i cinesi prima ancora che in Grecia esplodesse la crisi). La fonte della notizia era la rivista gnosis pubblicata dal servizoi informazioni italiano. Niente da meravigliarsi se sono già nel Mediterraneo.

Su questo «Ma potrebbe invece trattarsi di quest’arma “sparafulmini”, elettromagnetica, con la quale il corso del conflitto sarà invertito.» avrei qualcosa da obiettare. Se l'arma futuristica sparasse autentici fulmini allora sarebbe un'arma molto selettiva. Come faranno a stabilire i giusti obiettivi da colpire? Non si può sparare a caso o su qualunque cosa si muova. Inoltre occorrerebbe agire all'improvviso perché difendersi dai fulmini non è poi così difficile.
Forse il veggente 'gioca' con la semantica non avendo altri termini più idonei a definire quest'arma. Ma in che senso?

Remox
Remox
10 anni fa

Più che giocare con un termine può essere il tentativo di descrivere quel che si vede senza avere la cognizione precisa di quel che si sta vedendo. Un fulmine è una scarica di plasma e questo secondo me dovrebbe già far capire qualcosa…Comunque il termine "folgore" è usato in più contesti quindi può avere vari significati…fra i quali appunto anche quello di quest'arma particolare.
Ricordate di mettere un nick o un nome quando postate un commento 😉

indopama
indopama
10 anni fa

la nostra societa' e' basata sull'elettricita', togli questa (con l'arma sparafulmini) e siamo fritti.
anche le pompe di benzina hanno bisogno di elettricita' per funzionare, tutte le fabbriche ne hanno bisogno, centri di governo, ospedali e case. per non parlare poi dell'informazione che verrebbe azzerata, non potremmo piu' comunicare, cadrebbe tutto il sistema del denaro, le banche, ecc….
la nostra societa' e' molto vulnerabile e lo sanno tutti i governi e gli apparati militari. basta bombardare le stazioni che producono elettricita' per far tornare una societa' all'eta' della pietra. questo vale per tutte le nazioni del globo.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  indopama

Il principio si basa sulla gabbia di Faraday e un bel dispersore di terra. Si vedono anche nei normali palazzi abitati da gente comune. Inoltre i luoghi sensibili sono provvisti di un sistema di batterie (quindi corrente continua) che gli permette avere energia ancora per un po' di tempo nel caso il generatore non funzionasse; come i desktop che sono provvisti di una unità ups nel caso manchi la corrente. Nel settore militare presumo che le cose siano state fatte a regola d'arte visto che devono godere di una buona autonomia dal punto di vista energetico.

Poi nella fattispecie si parla di questa nuova arma a guerra inoltrata quindi l'economia sarà già al collasso (in realtà sarà la miccia che farà esplodere i popoli occidentali).
Io penso che il veggente abbia visto qualcosa che poteva paragonare solo al fulmine, ma è probabile che si tratti di qualcosa di profondamente differente da una scarica elettrostatica.

Spring

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  indopama

A proposito di nuove armi e corrente elettrica:
http://punto-informatico.it/3984099/PI/News/ibm-chip-wireless-al-grafene.aspx

Il grafene sembra essere il sacro graal
Spring

ps P.Riesz_ non sono un militare

Anonimo
Anonimo
10 anni fa

P.Riesz_ Resto perplesso per un attacco diretto della Cina alla Russia in Siberia per le motivazioni già espresse; invece un contrasto per accaparrarsi le risorse energetiche in medio oriente potrebbe sfociare in una guerra generalizzata dato che la Cina sta attrezzando con infrastrutture (autostrade e tunnel) l’ex via della seta dal Sinkiang verso il Pakistan alleato e protetto dalla stessa Cina; l’India anch’essa affamata di risorse energetiche potrebbe trovare sponda nella Russia; il vecchio e rinnovato conflitto tra India e Pakistan potrebbe accenderne quindi un secondo: Russia-Cina. A questo punto la Cina dovrebbe avere le spalle coperte dal Pacifico in modo assoluto con una alleanza con gli Usa (molto improbabile) o con gli Usa a terra. L’ipotesi di neutralità degli Usa non sarebbe sufficiente per la Cina. L’ipotesi degli Usa a terra rende impossibile poi l’intervento del Grande Monarca; infine una alleanza a tre Cina-Usa-GrandeMonarca non potrebbe reggere con i cinesi nel cuore dell’Europa, gli Usa massonici luciferini e il Grande Monarca angelico. Una lotta di tutti contro tutti è troppo irrazionale. Il tempo dipanerà questa matassa.
La caratteristica fondamentale di ogni arma vecchia o nuova è che deve essere direzionale; se non lo è diventa inservibile; se trovo il mezzo per togliere la corrente elettrica in un territorio lo debbo fare solo sul territorio nemico e non sul mio: ciò è molto complicato. Comunque alcune delle nuove armi sono state già sperimentate dagli Usa in Iraq, trattasi a quanto pare di raggi di tipo neutronico che penetrano qualsiasi corazza; l’effetto sull’uomo è devastante perché modifica la molecola dell’acqua (morte all’istante) con conseguente diminuzione della massa corporea; Cina e Russia non sono da meno in questi esperimenti. Cercare “armi neutroniche”; ad es. vedere: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=3363

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Esatto P.Riesz_. Quello che vorrei capire come in quel contesto rientrano i Veri (o il Vero) centro di potere degli States…i vari Illuminati, Club Bilderberg. Skull and Bones e quant'altro…senza contare gli stessi (o quasi) centri occulti ben presenti in Europa…questo non mi torna

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  Anonimo

«se trovo il mezzo per togliere la corrente elettrica in un territorio lo debbo fare solo sul territorio nemico e non sul mio: ciò è molto complicato. …»
A quanto pare non si direbbe:
http://www.lescienze.it/news/2012/07/16/news/isolante_metallo_transizione_impulsi_terahertz-1150581
Considera inoltre che nel settore militare la ricerca è 3 o 4 volte avanti a quella civile.

spring

Remox
Remox
10 anni fa

Riguardo ai centri di potere, ci sono alcuni fattori da tenere in considerazione. Quando si scatena una guerra è difficile controllarne completamente gli effetti. Ma supponiamo che anche questa volta il gioco riesca o sia possibile farlo riuscire. In questo caso però ci sono delle differenze sostanziali con fatti nuovi che si aggiungono alla guerra: una catastrofe globale con una diretta manifestazione divina e la comparsa di un personaggio preconizzato da 1000 anni.
Se io fossi un "illuminato" proprio tranquillo non starei….
Detto questo ho sempre nutrito dubbi sull'impenetrabilità e invincibilità di certe organizzazioni…secondo me si accartocceranno su se stesse alla prima vera difficoltà, al primo vento contrario…

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  Remox

Esattamente, inizi una guerra e non sai come finisce. Come diceva Vittorio Emanuele III "alla guerra si va con un bastone per darle e un sacco per prenderle", non si sà cosa può accadere, soprattutto nelle operazioni militari. Come dici tu, c è anche la variabile "soprannaturale" che non si sà che effetti può dare. Le stesse "organizzazioni" giustamente non sono impermeabili e tutte con la stessa ottica. C è anche il fattore umano delle invidie personali e dei rancori che può far modificare le politiche di questi gruppi, senza considerare il fatto che vi sono altri gruppi (vedi le massonerie confessionali e altri come il Priorato di Sion) che non hanno lo stesso intento di quelli principali e sono in lotta. Ulrich

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  Remox

«Se io fossi un "illuminato" proprio tranquillo non starei….»
E se gli "illuminati" avessero già aperto la caccia all' "uomo"? Se sono illuminati ne saranno a conoscenza già da parecchio tempo. Una sorta di "Erode" che ha già cominciato a perseguitare chi potenzialmente può avere le caratteristiche del predestinato. Non dimentichiamoci che anche se non ce ne accorgiamo noi siamo tutti super-schedati e tracce della nostra personalità le lasciamo dovunque dagli acquisti supermercato (con le carte sconto) alle visite nei siti internet (con i cookie) e, dulcis in fundo, a facebook che consente di avere già belle e fatte reti di amici e conoscenti e foto delle vacanze del piatto del giorno etc. (esempio: http://mytech.panorama.it/controllo-polizia-italiana-facebook-utenti). Senza contare i telefonini ormai alla portata di tutti. Magari si riuniscono già saltuariamente per migliorare l'analisi sulle potenziali caratteristiche di questo personaggio alla luce di nuove informazioni.
Non mancano certo persone che sono ingiustamente perseguitate e, almeno per chi illuminato non è, non si può certo dire che siano o saranno dei guerrieri! Né tantomeno si capisce il perché spendono risorse (tempo e denaro) per tipi del genere. Eppure sono perseguitate e super-spiate in ogni cosa. Tutti sanno, tutti s'interrogano, tutti li guardano male, tutti li evitano e tutti (al solito) tacciono.

Mi chiedo: chi sa se il predestinato ha un certo grado di consapevolezza del suo destino e in caso affermativo come il suo subconscio elabora queste informazioni. Magari fantastica già nella sua testa combattimenti futuristici.

Spring

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  Remox

Ma se il predestinato è predestinato, le azioni di questi gruppi sono comunque destinate a fallire. Anche perchè se è tutto vero sono secoli che lo cercano, ma saranno anche secoli che si preparano a difenderlo. Ulrich

Remox
Remox
10 anni fa
Rispondi a  Remox

Io non so se certi gruppi hanno veramente tutta questa unità d'intenti e soprattutto questa visione del futuro così ben strutturata…secondo me sono molto impegnati sul presente guardandosi in cagnesco l'un con l'altro…se è detto che questo Re verrà, allora verrà con buona pace di tutti.
Sulla psiche di un prescelto non saprei cosa dire…c'è però una visione della Emmerich che mi piace molto dove traspare, alla vigilia dei grandi eventi, una "rassegnata" consapevolezza dell'uomo sul grande compito che l'attende…dove il "rassegnato" è da intendersi cristianamente…Io credo che un simile uomo possa andare avanti solo riponendo una gran fiducia in Dio. Avrà sicuramente i suoi turbamenti, anche le sue paure…primo perchè è un uomo, e poi perchè altrimenti non avrebbe meriti per se senza una giusta lotta interiore.

indopama
indopama
10 anni fa

tutta la realta' e' dentro la Mente di Dio, noi siamo una parte della Sua consapevolezza che sperimenta il disegno totale da un punto di vista particolare. pero' questa realta' e' come una scuola per le anime e come a scuola il programma e' stato stilato prima di iniziarla.
io credo che il nostro libero arbitrio (anche se uno e' illuminato) sia molto piccolo e si riduca al controllo della propria esperienza personale dentro il quadro generale gia' scritto (destino). sopratutto il libero arbitrio serve al vero sviluppo che e' quello della coscienza di cosa siamo, i passi fatti per arrivarci non sono importanti.
per questo i veggenti riescono a vedere il futuro, anche se col filtro della loro attuale coscienza per cui raccontano quello che hanno visto di conseguenza, lo vedono perche' e' gia' stato pensato dalla Mente Universale cioe' Dio.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  indopama

Uno ha un destino ma non è immodificabile. C è una grossa probabilità che lo compia, visto che l'uomo è poco e non basta a se stesso, ma c è un altra probabilità che non lo compia. Altrimenti non ci sarebbe libero arbitrio e se non ci fosse, frasi di apparizioni mariane tipo "pregate per far evitare questo avvenimento" non avrebbero senso. E tra l'altro i veggenti non vedono ma prevedeno, che è diverso. La visione è solo di Dio e di nessun altro. Ulrich

indopama
indopama
10 anni fa

magari il libero arbitrio e' una scelta tra pensieri che Dio ci fa arrivare, e' tutto dentro il piano generale?

come dice Remox una rassegnata fiducia in cio' che ci si sente di fare e siccome noi non abbiamo il potere di farci piacere ogni cosa come non abbiamo il potere di avere amore a comando, ecco che ci tocca andare dove ci indirizza il Cuore (l'Amore), cioe' Dio, la Consapevolezza al massimo livello.
quindi secondo me libero arbitrio si' ma sempre dentro il piano disegnato per l'evoluzione dell'anima/coscienza/consapevolezza.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa

P.Riesz_ Non volevo intervenire… ma la discussione è un invito a nozze. La predestinazione non può esistere, è un assurdo reale e logico; la predestinazione presuppone certamente questo universo composto di spazio, tempo, energia ma anche uno spazio ed un tempo esterno in cui Dio o chi per Lui determina lo svolgersi delle azioni; in questo nostro universo valgono le leggi fisiche ma anche il libero arbitrio; se mi profetizzi che al tal bivio andrò a sinistra, io, per dispetto, vado subito a destra e non ci può far nulla neppure Dio perché non può contraddirsi; ha deciso così mettendo in essere il libero arbitrio. Ma fuori dal tempo e dallo spazio non possono esserci tempo e spazio contigui con caratteristiche differenti; per la filosofia greca l’essere è e non può non essere, cioè l’essere non può essere contraddittorio. Quando usiamo le locuzioni “fuori dal tempo” e “fuori dallo spazio” ci riferiamo sempre alla nostra esperienza sensibile; esiste la stanza e il fuori stanza ma sempre nello stesso spazio! Dio è trascendente, non è né in questo mondo, né fuori. Bisogna capire che la nostra sensibilità è fissata secondo le categorie kantiane (o forme a priori della sensibilità) e per interagire con questo universo abbiamo solo quelle; non possiamo andare oltre. L’anima umana legata a Dio non è né fuori dal tempo né dentro al tempo, è perciò immortale; tuttavia è legata allo spazio, come ho detto in altra parte. I demoni, essendosi strappata l’anima di dosso per liberarsi da Dio, sono diventati mortali; sono puri spiriti ma mortali, moriranno con questo universo. Di conseguenza i movimenti luciferini avranno infine “come premio” la morte perché ad essa tendono come gli insetti di notte verso il lampione. Solo Dio è fonte di vita eterna, la abbiamo perché uniti a Lui con il cordone ombelicale che è l’anima.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa

(Avvoltoio) Anonimo la tua teoria sui demoni che si sono strappati l'anima di dosso è affascinante e confermerebbe che chiunque rimanga indietro, cioè non si evolva allo stadio superiore, rimarra con la fine di questo universo, però ho da contraddire sul fatto della predestinazione, esiste nella bibbia specialmente verso l'apocalisse la dicitura di un oggetto chiamato il libro della vità che verrà aperto da Gesù quando sarà il momento. In questo libro già esistente sono scritti i nomi di chi vedrà il paradiso e vivrà in eterno con Dio. Nessuno (tranne Dio) sa cosa ci sia scritto in questo libro e anche Gesù che sarà l'unico a poterlo aprire lo scoprirà solo al momento dell'apertura. L'apertura avverra nell'Apocalisse. Quindi vuol dire che solo determinati uomini e donne che hanno vissuto dalla notte dei tempi e vivranno nel prossimo futuro sono già predestinati al Paradiso mentre gli altri sono destinati all'inferno. Perchè nessuno sa cosa contenga questo libro, semplice perchè se io sapessi che sono destinato al paradiso forse alla fine non sarei più meritevole nelle mie azioni mentre chi invece è destinato all'inferno forse cambierebbe strada. Ma cosi facendo comprometterei la mia possibilità di scegliere senza essere pregiudicato nelle scelte dal sapere il risultato finale. La mia ignoranza mi renderà degno del paradiso o dell'inferno a seconda delle mie azioni.
Per quanto riguarda non credo che Dio sia legato allo spazio come lo intendiamo noi forse Dio è lo spazio stesso cioè un essere di cui noi, i demoni, e gli angeli e qualunque altra creatura popola il nostro e gli altri universi paralleli, facciamo parte come se Dio fosse un maglione e noi fossimo i filamenti di lana, ma questo maglione è infinito e di conseguenza lo spazio e il tempo sarebbero infiniti. Mi affascina molto la teoria delle stringhe dove esistono molti universi paralleli e adiacenti senza toccarsi divisi forse da distanze infinite eppure tutte collegate con l'Entita superiore Dio, mi viene da pensare che forse l'insieme infinito di queste stringhe non sia altro che Dio e noi anche se pensiamo ignorantemente di essere distanti in realtà siamo tutto uno con esso, un pò come Matrix (film) "I nostri corpi vivono nella realtà virtuale creata ma in realtà la nostra mente è collegata con Dio attraverso tubi attaccati alla testa", una cosa che ho letto in questi giorni è che mentre gli scienziati cercavano il luogo della memoria e dell'IO di ogni uomo nel nostro cervello hanno scoperto che non esiste un punto preciso dove risiedono, ma durante la ricerca hanno scoperto che il nostro cervello ha capacità quantiche, cioè come se il nostro cervello si collegasse ogni tanto a qualcosa di superiore per prendere i dati, quindi usiamo il cordone ombelicale, come tu hai detto giustamente, chiamato Anima.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa

Tornando alla teoria delle stringhe se fosse confermata potrebbe dimostrare che il nostro universo non è altro che una parte dell'Insieme del Tutto senza tempo e spazio che si è "congelato", cioè la dilatazione dell'universo dal Big Bang forse ha portato alla nascità di quello che noi conosciamo e chiamamiamo Tempo e Spazio, ma essi in realtà non esistono, la bibbia dice io sono l'alfa e l'omega cioè Dio esiste da prima e ed esisterà anche dopo, non dice da quando come se la Sua esistenza fosse sempre stata è sempre sarà. Il concetto mi fà anche pensare che forse il nostro universo è collegato all'insieme e quindi esiste quello che Nostradamus chiama tempo permanente cioè un punto in cui il passato il presente e il futuro occupano lo stesso luogo, (spiegazione di Remox), quindi gli eventi che noi abbiamo fatto, che stiamo facendo e che faremo sono "già compiuti" ecco perchè i profeti e i veggenti, e ogni altro uomo o donna di questo mondo potrebbero vedere, dovrebbero solo "staccare" i sensi materiali che ci velano per poter vedere qual'è la realtà.
Gli arborigeni australiani dicono che la nostra verà realtà è il sogno mentre il mondo materiale è il vero sogno….

(Avvoltoio) sono sempre io siccome ero a lavoro nella pausa pranzo e non avevo la password per accedere.

Anonimo
Anonimo
10 anni fa
Rispondi a  Anonimo

P.Riesz_ Caro avvoltoio…non mi è mai capitato di scrivere ad un… pennuto per dipiù rapace; ma sono cose che capitano prima o poi; avrei preferito pellicano, cigno ecc…; faccio parte di una congrega di animali, graziosi e benigni, gli uomini che sono però razzisti: amano i cani e i gatti ma ignorano mucche, agnelli, maiali. Io all’opposto preferisco quest’ultimi specie il maiale: è intelligente, immediato, quando ti fissa ti fa un bel grugnito che par che dica:”che vvoo!”.
Ti rispondo con simpatia… Il tempo, lo spazio e l’energia non possiamo definirli con idee più semplici di come li percepiamo: sono idee primitive o meglio forme a priori della sensibilità. Se ad esempio analizziamo il tempo possiamo suddividerlo in passato, presente e futuro; ma il tempo passato non esiste in quanto passato, il futuro non esiste in quanto deve ancora arrivare, il presente è un istante di durata nulla, ergo? Il tempo non esiste! L’errore è nel suddividerlo in istanti; tutti sappiamo cos’è il tempo e non v’è motivo di definirlo. Quando si utilizzano i concetti di tempo, spazio ed energia, occorre evitare che il discorso non si traduca in ultima istanza ad una analisi dei tre concetti fondamentali: le conclusioni possono essere erronee. Per questo che le teorie di qualsiasi genere debbono essere sottoposte a conferme sperimentali; se non abbiamo esperienza diretta od indiretta di fatti o avvenimenti riguardanti una teoria, non possiamo dir nulla in assoluto: “verum et factum convertuntur”. Anche gli scolastici lo affermavano: “nihil est in intellectu quod pria non fuerit in sensu”. Tutte le teorie fisiche moderne se non confermate da esperimenti restano tali; anzi basta un non conferma per mettere tutto (o in parte) in discussione. Tutto ciò che diciamo, tutto ciò che dice la bibbia ecc. senza conferma restano parole. Tutto ciò che la nostra coscienza ci conferma resta nell’ambito individuale; non c’è gerarchia che possa imporci alcunché. In natura solo i genitori hanno autorità sui figli minori; Dio ci ha dato il libero arbitrio e tutte le “altre autorità” non sono tali nei nostri confronti, sono solo associazioni che posso legittimamente contrastare.

indopama
indopama
10 anni fa

quando dovete fare una cosa nuova, non la immaginate forse nella vostra mente prima di farla?
quindi non la vedete gia' prima di realizzarla?
ecco, forse cosi' fa Dio con questa realta' fatta di puro pensiero, il Suo, dentro il quale la Sua consapevolezza frammentata (noi) gioca a sperimentarla da diversi punti di vista.
ognuno di noi come Essere e' Tutto Dio ma come consapevolezza solo una sua piccola parte che col tempo si evolve fino a diventarne una sempre piu' grande.
essendo tutto Uno ' anche tutto collegato, sta a noi scoprire come, fa parte del gioco.
l'obiettivo finale del gioco e' riuscire a sperimentare che siamo coscienze immortali e che il corpo e' solo lo strumento che manovriamo dentro questa particolare realta'. occorre sperimentare, la sola lettura non vale per la "promozione". 🙂

vincenzo
vincenzo
9 anni fa

Io credo che se Usa e Gran Bretagna, e massoneria finanziaria criminale,usata da Satana non avessero condotto fin da due secoli fa gli attacchi alla Chiesa cattolica e a re e imperatori cattolici,il mondo non sarebbe a questo punto.Di tutto do' colpa a Usa e Gran Bretagna,compresi i crimini di delinquenti come Lenin Stali, Hitler, Saddam Milosevic etc.e credo che le persone,in buona parte, avendoci vissuto in mezzo, non meritano quanto e' successo e puo' succedere, per cui sono piuttosto ottimista.Credo che manchi la piena avvertenza nei peccati,so clima e mentalita' anni '60,quando solo per essere nati dopo, ci sentivamo marziani rispetto alle generazioni passate,siamo influenzabili, poi abbiamo cercato di risalire la china, ma oligarchie criminali lo hanno impedito ,in generale, anche se ovviamente abbiamo colpe.Mi pongo davanti a Dio come Mose',a difesa del popolo, nonostante tutto, ma oggi c'e' Maria,e Maria ci fara' avere piu' tempo e grazie speciali,in fondo Maria e' troppo umile per non voler che in qualche modo pure l'Umanita',guidata dallo Spirito, viva uno stato come il suo,da Immacolata Concezione, solo vuole che le Grazie siano preparate dalla necessaria realistica umilta',senza cui sono controproducenti,Credo che andra' meglio di quanto si pensi,perche' anche i martiri e i santi del passato hanno preparato il cammino e spianata la strada.E' sinceramente disumano e fuori di testa dimenticare,p.es. ,le sofferenze e i meriti di un Wojtyla, tanto per restare vicini,ma di moltissimi santi e di decine di milioni di martiri di tutti i secoli, se noi ,come i bambini di oggi, dimentichiamo il giorno dopo i benefici ricevuti, non cosi' Dio dimentica le opere ,vita e meriti dei tesori della chiesa , procurati per tutti da chi gli ha reso gloria..Wojtyla chiese a Dio,un giorno"Quanti martiri e santi servono per salvare il mondo".Bene, credo che chi di noi non sentisse nel profondo che bastano e avanzano, solo devono maturare i frutti, dovrebbe seriamente preoccuparsi per la sua anima,colpevolmente leggera come quella dei demoni.Cercate su figure come S.Carlo d'Asburgo,la moglie Zita(non zitta) e i rapporti con S. Pio X p.es. ho scoperto un sito di Storia,i recuperanti di Mezzano a Primeira,e sarete avvolti da sentimenti di piena umanita',fiducia e dolcezza.Cordiali saluti.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Scrivete in termini Cattolici e davvero non capisco come possiate pensare che un Re beato, come lo chiamano alcuni 'profeti', usi le armi per ristabilire l'ordine.

Usa le armi e poi le vieta?
Perché anche di questo si parla, del fatto che vieterà l'uso di qualunque arma!
Non è davvero realistico, perdonatemi.

Si dice sia in guerra sin da giovane, ma sarà una guerra interiore, atta alla riunificazione degli opposti che gli permetterà di trovare l'Androgina alchemica, la Pietra Filosofale.

Questa e solo questa sarà la sua arma!

Il mondo verrà rinnovato ma non certo sui cadaveri di esseri umani uccisi dal Grande Monarca ma solo dalla loro stessa ignoranza!!!

L'arma di cui si narra è propria di colui che cavalca la materia, i 4 elementi. Già le profezie bibliche ne trattano… il Messia cavalca un asino – chamor in ebraico che contiene la stessa radice di chomer -materia.
Le profezie ebraiche sul Mashiach ben David raccontano che cavalcherà un asino bianco, ossia sarà seduto sulla Materia, ne avrà il controllo.
Il Vivente cavalca un cavallo bianco, la materia grossolana ascenderà, evolverà insieme all'essere umano, che allungherà la sua vita e sconfiggerà la morte.

Vi siete mai chiesti come mai la Madonna, nelle profezie ODIERNE non parla MAI del Grande Monarca?

E come mai non vi sono elementi sufficienti per identificarlo?

Enrico non sarà il suo vero nome, naturalmente. Questo è solo un simbolo, il cui significato è da ricercarsi nell'etimologia e nella storia.

Cassandra

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Spunto anche qui le notifiche e aggiungo qualche link di riflessione.

Mi premerei di consigliarvi di studiare anche le profezie ebraiche sul Messia perché, il Grande Monarca convertirà gli ebrei.
qualcuno di voi conosce gli ebrei?
Non si convertiranno se non grazie al Messia ebraico!!!!

Quindi il grande Monarca sarà (anche) il Mashiach ben David! E non potrebbe essere diversamente…

http://www.viverelagheula.net/2015/un-asino-particolare/
http://cabala.org/articoli/viaggio_materia_spirito.pdf
http://cabala.eu/PAGE6.asp
http://old.apocalisselaica.net/varie/miti-misteri-e-poteri-occulti/il-simbolismo-dell-asino

Shalom

Cassandra

Remox
Remox
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Ciao Cassandra e benvenuta. Ho letto un po' i tuoi commenti sul Grande Monarca e seppur condivido che l'ispirazione della sua figura sia archetipa, ritengo si tratti di un personaggio reale, del mondo, umanamente chiamato, secondo mezzi umani, a ripristinare un governo cristiano su un'umanità affrnata e abbattuta dalla catastrofi a cui sarà andata incontro.
La sua figura è stata preconizzata anche in diverse apparizioni del '900.
La conversione degli ebrei avverrà solo al tempo della grande battaglia con l'anticristo. Questo personaggio sarà inizialmente un Re dei Giudei terreno, poichè il messia ebraico è prettamente un messia dell'al di qua, mentre quello cristiano lo è dell'al di là. Quindi ci troviamo in un tempo successivo al Grande Monarca, perchè l'anticristo, quello vero, verrà solo dopo.
Un saluto.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Ciao Andrè.
Andiamo con ordine.

1. il Grande Monarca viene definito BEATO da Santi e Beati, da Cristiani che hanno vissuto virtuosamente, senza torcere un pelo ad una mosca. Non è possibile quindi credere che un essere umano denominato BEATO da costoro usi mezzi umani come le armi.
Pensiamo alla Emmerich, beata, vissuta poveramente e duramente!

Anzi, divulgare una simile eresia è secondo me alquanto pericoloso, si rischia non solo di confondere le idee ma di proporre l'ipotesi che per ricostruire un regno cristico occorra la forza e la violenza, esattamente il contrario di quanto predicò il Cristo!

2. si propone l'idea che le profezie bibliche ed extrabibliche vadano interpretate alla lettera, solamente secondo la materia e non anche secondo lo spirito.Specialmente secondo lo Spirito! La catastrofe quindi viene intesa principalmente come un lutto ed una tragedia del tutto contingente, piuttosto che una lotta interiore dettata dai cambiamenti che l'essere umano è incapace di accettare.

3. di Anticristi ne è stata piena la Storia. Erode stesso, oppositore del regno messianico, fu uno dei primi e tutti coloro che contrastano anche solamente dentro di sé l'apertura del Cuore a Cristo ed al suo Regno, possono dirsi tali. Credere che esista un Anticristo reale ed esteriore a se stessi è un errore grossolano che rischia di creare mostri e di demonizzare l'altro, osservando la pagliuzza nel suo occhio e dimenticando la trave nel proprio!
Difatti le profezie non sono concordi sulla venuta dell'Anticristo! Diverse mariofanie lo danno pronto a manifestarsi.

4. La conversione degli ebrei sarà graduale, come è graduale tutta la storia del pensiero umano e non avverrà come crede il cattolico, con la forza, ma grazie ad una lenta presa di coscienza agevolata dal Grande Monarca e dai suoi successori. Oltre che per merito di nuovi scritti creati nel seno di questa nuova Chiesa, del tutto spirituale, già nascente.

5. Il Mashiach ben David è un Messia anche spirituale, oltre che terreno. Alcuni studiosi della Legge affermano che questi eliminerà la Torah grazie ad una nuova Legge del tutto rinnovata. E questo coincide con la venuta del Regno di Cristo sulla Terra, che non avrà più bisogno di pietre e mattoni in quanto lo spirito divino abiterà in mezzo all'uomo, la Shekhinàh sarà sempre presente.
Un rabbino consideranto un santo, prima di morire ha profetizzato il nome del Mashiach ben David e, come saprai certamente, ha nominato Gesù, Yehoshua, creando scompiglio nell'ortodossia.
Beh Joseph e Ben David coincideranno, come già avviene nelle scritture.

6. tutte le profezie delle diverse culture considerano la propria religione vincitrice sulle altre, denotando il tipico ego umano che pensa a dominare, piuttosto che a condividere. Ma il Regno Messianico non può fondarsi ancora sulla violenza ed i violenti ne resterenno fuori. Ecco perché ci vuole massima prudenza e studio a 360 gradi.

Shalom.

Cassandra

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Apocalisse 22,15
Fuori i cani, i fattucchieri, gli immorali, gli omicidi, gli idolàtri e chiunque ama e pratica la menzogna!

Dal Regno stanno fuori gli omicidi, più chiari di così si muore!
Chi si attende un guerrafondaio dalle armi fantascientifiche, probabilmente vedrà l'ennesimo anticristo vestito da agnello.
Attenti a quello che diffondete perché ne siete responsabili.

Shalom

Cassandra

Anonimo
Anonimo
7 anni fa

Mi sembra di avere letto da qualche parte che il Grande Monarca sconfiggerà il falso re. Il Grande Monarca dovrebbe essere Italo-Francese un Orlean non tedesco. Il falso re potrebbe essere quello della dinastia tedesca?

Anonimo
Anonimo
6 anni fa
Rispondi a  Anonimo

esattamente

Anonimo
Anonimo
6 anni fa
Rispondi a  Anonimo

é il mio futuro marito e io dovrò dare al mondo il Re dei re: il padre è il grande monarca, il mio futuro marito appunto e prossimo re di Italia

Anonimo
Anonimo
5 anni fa
Rispondi a  Anonimo

??

Anonimo
Anonimo
7 anni fa

Il Re dei re giunge prima del Giudizio Universale, quindi non in questo tempo terreno, non su questa Terra come la vivete. Per cui non conoscerete che un'antenata di sua madre e da questa donna si trasmetterà una nuova discendenza spirituale e carnale.
Questa nuova generazione di Donne traccerà la Storia in modo rinnovato, differente dalla visione mariana odierna ed infine, poco prima del Giudizio Universale, quando la Terra sarà nuovamente corrotta, darà alla Luce il Monarca Universale, il Messia di Israele.
L'Apocalisse di Giovanni, in un'unica visione ed in un unico simbolo, riunisce la storia della Chiesa di Cristo che attraversa però 3 fasi distinte.
E' una visione multistrato, avente diverse profondità, che ancora non è stata del tutto compresa.
Questo è il tempo del precursore dell'Anticristo ultimo, è il tempo del Giudizio ma non del Giudizio Finale.
Tra i sopravvissuti ci sarà chi, un giorno, darà i natali al Grande Monarca.

Share This