LA RUSSIA STA VINCENDO LA GUERRA ECONOMICA – E PUTIN NON È PIÙ VICINO AL RITIRO DELLE TRUPPE

scritto da NICOLA_Z
03 · Giu · 2022

Gli EFFETTI PERVERSI delle sanzioni comportano un AUMENTO DEI COSTI DI CARBURANTE e di CIBO per il resto del mondo, e crescono i timori di una CATASTROFE UMANITARIA. Prima o poi bisogna trovare un accordo.

 

Sono passati ormai tre mesi da quando l’Occidente ha lanciato la sua guerra economica contro la Russia e non sta andando secondo i piani. Al contrario, le cose stanno andando davvero molto male.

Le sanzioni sono state imposte a Vladimir Putin non perché fossero considerate l’opzione migliore, ma perché erano migliori delle altre due linee d’azione disponibili: non fare nulla o farsi coinvolgere militarmente.

La prima serie di misure economiche fu introdotta subito dopo l’invasione, quando si presumeva che l’Ucraina sarebbe capitolata entro pochi giorni. Ciò non è avvenuto, con il risultato che le sanzioni – pur ancora incomplete – sono state via via intensificate.

Tuttavia, non vi è alcun segno immediato di un ritiro della Russia dall’Ucraina e questo non sorprende, perché le sanzioni hanno avuto l’EFFETTO PERVERSO di aumentare il costo delle esportazioni russe di petrolio e gas, aumentando enormemente la sua bilancia commerciale e finanziando il suo sforzo bellico. Nei primi quattro mesi del 2022, Putin potrebbe vantare un avanzo delle partite correnti di 96 miliardi di dollari (76 miliardi di sterline), più che triplicato rispetto allo stesso periodo del 2021.

Quando l’UE ha annunciato il suo divieto parziale alle esportazioni petrolifere russe all’inizio di questa settimana, il costo del greggio sui mercati globali è aumentato, fornendo al Cremlino un altro vantaggio finanziario. La Russia non sta trovando difficoltà a trovare mercati alternativi per la sua energia, con le esportazioni di petrolio e gas in Cina ad aprile in aumento di oltre il 50% anno su anno.

Questo non vuol dire che le sanzioni siano indolori per la Russia. Il Fondo Monetario Internazionale stima che l’economia si ridurrà dell’8,5% quest’anno a causa del crollo delle importazioni dall’ovest. La Russia ha scorte di beni essenziali per far andare avanti la sua economia, ma col tempo si esauriranno.

Ma l’Europa si sta allontanando dalla sua dipendenza dall’energia russa soltanto in modo graduale, e così è stata scongiurata un’immediata crisi finanziaria per Putin. Il rublo, grazie ai controlli sui capitali e ad un sano surplus commerciale, è forte .  Il Cremlino ha tutto il tempo per trovare fonti alternative di pezzi di ricambio e componenti da Paesi disposti a eludere le sanzioni occidentali.

Quando i rappresentanti globali e i promotori si sono incontrati a DAVOS la scorsa settimana, il messaggio pubblico è stato quello della condanna dell’aggressione russa e il rinnovato impegno a sostenere saldamente l’Ucraina. Ma in privato, c’era preoccupazione per i costi economici di una guerra prolungata.

Queste preoccupazioni sono del tutto giustificate. L’invasione russa dell’Ucraina ha dato un ulteriore impulso alle già FORTI PRESSIONI SUI PREZZI. Il tasso di inflazione annuale del Regno Unito è del 9%, il più alto in 40 anni, i prezzi della benzina hanno raggiunto un livello record e si prevede che il tetto massimo del prezzo dell’energia aumenterà di £ 700-800 all’anno in ottobre. L’ ultimo pacchetto di sostegno di RISHI SUNAK(Ministro dell’economia ndr) per far fronte alla crisi del costo della vita è stato il terzo del cancelliere in quattro mesi, e ce ne saranno altri in arrivo nel corso dell’anno.

A seguito della guerra, le economie occidentali affrontano un periodo di crescita lenta o negativa e di aumento dell’inflazione, un ritorno alla STAGFLAZIONE degli anni ’70. Le banche centrali, inclusa la Banca d’Inghilterra, sentono di dover rispondere a un’inflazione quasi a due cifre aumentando i tassi di interesse. La disoccupazione è destinata ad aumentare. Altri paesi europei affrontano gli stessi problemi, se non di più, dal momento che la maggior parte di loro dipende maggiormente dal gas russo, rispetto al Regno Unito.

I problemi che devono affrontare i paesi più poveri del mondo sono di un ordine di grandezza diverso. Per alcuni di loro il problema non è la stagflazione, ma la fame, a causa del blocco delle forniture di grano dai porti ucraini del Mar Nero.

Come ha affermato DAVID BEASLEY, DIRETTORE ESECUTIVO DEL PROGRAMMA ALIMENTARE MONDIALE : “In questo momento, i silos di grano dell’Ucraina sono pieni. Allo stesso tempo, 44 ​​milioni di persone in tutto il mondo stanno marciando verso la fame”.

In ogni organizzazione multilaterale – FMI, Banca Mondiale, Organizzazione Mondiale del Commercio e Nazioni Unite – crescono i timori di una CATASTROFE UMANITARIA. La posizione è semplice: a meno che i paesi in via di sviluppo non siano essi stessi esportatori di energia, devono affrontare un TRIPLICE SMACCO in cui le CRISI DI CARBURANTE e CIBO innescano CRISI FINANZIARIE.

Di fronte alla scelta di sfamare le loro popolazioni o di pagare i loro creditori internazionali, i governi opteranno per il primo. Lo SRI LANKA è stato il primo paese dall’invasione russa a non pagare i propri debiti,  ma è improbabile che sia l’ultimo.

IL MONDO SEMBRA PIÙ VICINO A UNA VERA E PROPRIA CRISI DEL DEBITO CHE IN QUALSIASI MOMENTO DAGLI ANNI ’90.

Putin è stato giustamente condannato per aver “usato come arma” il cibo, ma la sua volontà di farlo non dovrebbe sorprendere. Fin dall’inizio, il presidente russo ha giocato una partita lunga, in attesa che la coalizione internazionale contro di lui si frammentasse. Il Cremlino pensa che la soglia del dolore economico della Russia sia più alta di quella occidentale, e probabilmente ha ragione.

Se fosse necessaria la prova che le sanzioni NON STANNO FUNZIONANDO, questa ce la fornisce la decisione del presidente JOE BIDEN di assegnare all’Ucraina sistemi missilistici avanzati . La speranza è che la moderna tecnologia militare degli Stati Uniti ottenga ciò che i divieti energetici e il sequestro di risorse russe non sono riusciti finora a fare: costringere Putin a ritirare le sue truppe.

La completa sconfitta di Putin sul campo di battaglia è un modo in cui la guerra potrebbe finire, anche se allo stato attuale delle cose non sembra molto probabile. Ci sono altri possibili esiti. Uno è che il blocco economico alla fine funzioni, con sanzioni sempre più severe che costringono la Russia a fare marcia indietro. Un altro è un ACCORDO NEGOZIATO.

Putin non si arrenderà incondizionatamente e il potenziale di gravi danni collaterali causati dalla guerra economica è evidente:

standard di vita in calo nei paesi sviluppati; carestia, rivolte per il cibo e una crisi del debito nei paesi in via di sviluppo.

Le atrocità commesse dalle truppe russe significano che un compromesso con il Cremlino è attualmente difficile da digerire, ma la realtà economica suggerisce solo una cosa: prima o poi si dovrà raggiungere un accordo.

  • Larry Elliott è l’editore di economia del Guardian

https://www.theguardian.com/commentisfree/2022/jun/02/russia-economic-war-ukraine-food-fuel-price-vladimir-putin

Commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
16 Commenti
Le più vecchie
Le più nuove
Feedbacks in linea
Vedi tutti i commenti
Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Brevi statistiche della malattia la “pazzia” in Europa.
https://www.adnkronos.com/ucraina-3203-i-militari-russi-morti-accertati-in-guerra_1tuhJKmUDiNAPk5ev6Uj77
{Ucraina, 3.203 i militari russi morti accertati in guerra. 03 giugno 2022 15.52.
Attivisti indipendenti russi, in Russia e all’estero, confermano la morte di 3.203 militari della Russia in Ucraina, sulla base di fonti aperte, come i necrologi pubblicati sui blog o sui social in lingua russa, come spiega uno di questi ricercatori in una intervista all’Adnkronos ….}. La propaganda ucraina continua a dichiararne più di 10 volte; ma le perdite giornaliere hanno iniziato a diminuire dopo la svolta strategica nel Donbass. Le perdite ucraine sono difficili da quantificare:
https://it.insideover.com/guerra/le-insostituibili-perdite-dellesercito-di-kiev-nel-conflitto-in-ucraina.html/amp
Complessivamente le perdite ucraine tra morti e feriti non dovrebbe essere inferiore ai 30000 addetti.
E gli europei come se la passano? Industrial inflation in the Eurozone in April 2022: 37.2%.
Industrial inflation country: IE 62.3%; DK 62.3%; RO 60.4%; BE 52.7%; BG 49.7%; SK 49.3%; EE 48.7%; GR 48.1%; ES 45.1%; IT 44.1%; DE 33.1%; FR 37.8%.
Febbre sì, ma da cavallo!
Altra fonte: https://www.rainews.it/articoli/2022/03/balzo-del-33-della-produzione-industriale-su-base-annua-aaa16dac-f894-433e-a0f7-b4c68a19ce80.html
{C’era da aspettarselo, ma leggere il dato genera una certa apprensione per il nostro portafogli. Secondo gli ultimi dati resi noti dall’Istat, a gennaio i prezzi alla produzione dell’industria sono aumentati quasi del 10 per cento (9,7 per l’esattezza) su base mensile e del 32,9 per cento su base annua. A dicembre erano già stati rispettivamente del 32,9% e del 22,8%.
L’aumento è dovuto alla concomitanza di tanti fattori al punto da definirlo di “eccezionale entità”, su tutti la spinta arriva dai forzi rialzi sul mercato interno dei prezzi di energia e gas. Ma, al netto di questa, la buona notizia è che la crescita dei prezzi per il consumatore è stata fortunatamente più contenuta:+1,8% su base mensile e +10,6% su base annua.
Minore, evidenzia l’Istat, l’aumento dei prezzi sul mercato estero dove sono cresciuti su base mensile dell’1,6% (+1,6% area euro, +1,7% area non euro) e hanno registrato un incremento su base annua del 10,5% (+11,3% area euro, +10,0% area non euro).
Gli incrementi tendenziali più elevati sono stati registrati per i servizi di trasporto marittimo (+38,3%) e di trasporto aereo (+14,9%).
Solo due le flessioni. La prima ha riguardato i servizi di telecomunicazione (-4,8%). “Per i servizi, l’incremento congiunturale dei prezzi nell’ultimo trimestre 2021 è sintesi di aumenti diffusi – fa sapere l’Istat – i più ampi interessano i servizi di trasporto marittimo e di trasporto aereo”.
Il secondo in flessione concerne il comparto computer, prodotti di elettronica e ottica (-0,8% area euro).
Gli aumenti nel settore manufatturiero nel dettaglio.
A gennaio 2022 l’istituto ha rilevato ampi aumenti tendenziali diffusi in quasi tutti i settori manifatturieri. I più marcati riguardano i prodotti petroliferi raffinati (+35,7% mercato interno,+15,2% area euro, +48,6% area non euro), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+23,3% mercato interno, +33,8% area euro, +25,4% area non euro), prodotti chimici (+19,7% mercato interno, +20,5% area euro, +18,3% area non euro)e industria del legno, della carta e stampa (+14,9% mercato interno, +16,1% area euro, +12,5% area non euro). … }.
P.Riesz_

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Questo commento viene reiterato perché non è comparso in precedenza.
Brevi statistiche della malattia sulla “pazzia” in Europa.
https://www.adnkronos.com/ucraina-3203-i-militari-russi-morti-accertati-in-guerra_1tuhJKmUDiNAPk5ev6Uj77
{Ucraina, 3.203 i militari russi morti accertati in guerra. 03 giugno 2022 15.52.
Attivisti indipendenti russi, in Russia e all’estero, confermano la morte di 3.203 militari della Russia in Ucraina, sulla base di fonti aperte, come i necrologi pubblicati sui blog o sui social in lingua russa, come spiega uno di questi ricercatori in una intervista all’Adnkronos ….}. La propaganda ucraina continua a dichiararne più di 10 volte; ma le perdite giornaliere hanno iniziato a diminuire dopo la svolta strategica nel Donbass. Le perdite ucraine sono difficili da quantificare:
https://it.insideover.com/guerra/le-insostituibili-perdite-dellesercito-di-kiev-nel-conflitto-in-ucraina.html/amp
Complessivamente le perdite ucraine tra morti e feriti non dovrebbe essere inferiore ai 30000 addetti.
E gli europei come se la passano? Industrial inflation in the Eurozone in April 2022: 37.2%.
Industrial inflation country: IE 62.3%; DK 62.3%; RO 60.4%; BE 52.7%; BG 49.7%; SK 49.3%; EE 48.7%; GR 48.1%; ES 45.1%; IT 44.1%; DE 33.1%; FR 37.8%.
Febbre sì, ma da cavallo!
Altra fonte: https://www.rainews.it/articoli/2022/03/balzo-del-33-della-produzione-industriale-su-base-annua-aaa16dac-f894-433e-a0f7-b4c68a19ce80.html
{C’era da aspettarselo, ma leggere il dato genera una certa apprensione per il nostro portafogli. Secondo gli ultimi dati resi noti dall’Istat, a gennaio i prezzi alla produzione dell’industria sono aumentati quasi del 10 per cento (9,7 per l’esattezza) su base mensile e del 32,9 per cento su base annua. A dicembre erano già stati rispettivamente del 32,9% e del 22,8%.
L’aumento è dovuto alla concomitanza di tanti fattori al punto da definirlo di “eccezionale entità”, su tutti la spinta arriva dai forzi rialzi sul mercato interno dei prezzi di energia e gas. Ma, al netto di questa, la buona notizia è che la crescita dei prezzi per il consumatore è stata fortunatamente più contenuta:+1,8% su base mensile e +10,6% su base annua.
Minore, evidenzia l’Istat, l’aumento dei prezzi sul mercato estero dove sono cresciuti su base mensile dell’1,6% (+1,6% area euro, +1,7% area non euro) e hanno registrato un incremento su base annua del 10,5% (+11,3% area euro, +10,0% area non euro).
Gli incrementi tendenziali più elevati sono stati registrati per i servizi di trasporto marittimo (+38,3%) e di trasporto aereo (+14,9%).
Solo due le flessioni. La prima ha riguardato i servizi di telecomunicazione (-4,8%). “Per i servizi, l’incremento congiunturale dei prezzi nell’ultimo trimestre 2021 è sintesi di aumenti diffusi – fa sapere l’Istat – i più ampi interessano i servizi di trasporto marittimo e di trasporto aereo”.
Il secondo in flessione concerne il comparto computer, prodotti di elettronica e ottica (-0,8% area euro).
Gli aumenti nel settore manufatturiero nel dettaglio.
A gennaio 2022 l’istituto ha rilevato ampi aumenti tendenziali diffusi in quasi tutti i settori manifatturieri. I più marcati riguardano i prodotti petroliferi raffinati (+35,7% mercato interno,+15,2% area euro, +48,6% area non euro), metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+23,3% mercato interno, +33,8% area euro, +25,4% area non euro), prodotti chimici (+19,7% mercato interno, +20,5% area euro, +18,3% area non euro)e industria del legno, della carta e stampa (+14,9% mercato interno, +16,1% area euro, +12,5% area non euro). … }.
P.Riesz_

DeBrand
Admin
1 anno fa
Rispondi a  P.Riesz_

Buongiorno sig. P.Riesz se capita che quando pubblica un contenuto non appare subito è perché finisce nella sezione in attesa di approvazione. Di solito lo approviamo appena ne abbiamo la possibilità, quindi consigliamo di attendere prima di ripubblicarne un altro. Normalmente questo avviene perché il nostro sistema rileva dei link sospetti nel contenuto o qualche parola “delicata” e lo ritiene spam. Ci scusiamo per questo piccolo passaggio ma è necessario ber evitare gli spam bot.
grazie per la comprensione

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Sig. DeBrand, sono un ingenuo! Credevo che fosse un problema tecnico … invece era un problema per così dire “teologico”; ora ce lo so e per il futuro non mi angustio più per nulla: mi toglie un peso dalla coscienza e ho meno responsabilità come si usava una volta perché “con licenza dei superiori”. P.Riesz_

DeBrand
Admin
1 anno fa
Rispondi a  P.Riesz_

🙂

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Ancora sulla crisi del grano, dell’energia, dei fertilizzanti … La crisi energetica ed alimentare era iniziata prima di febbraio; la crisi parte da lontano ed ora la causa di tutti i mali è la Russia; facile per i politici, vero?
https://www.infowars.com/posts/putin-europes-stupid-short-sighted-policies-provoked-energy-food-crises/
{… La miopia dei politici europei, non la Russia, ha provocato la crisi energetica e la Russia è pronta ad adottare le misure necessarie per alleviare una crisi alimentare globale, ha affermato il presidente Vladimir Putin. …
Putin ha anche suggerito che il ruolo dell’Ucraina come esportatore di prodotti alimentari non è così significativo come è stato affermato dall’Occidente. “Il mondo produce circa 800 milioni di tonnellate di grano e grano all’anno. Ora ci viene detto che l’Ucraina è pronta ad esportare 20 milioni di tonnellate. 20 milioni di tonnellate rispetto agli 800 milioni di tonnellate prodotte nel mondo sono il 2,5 percento di quella cifra. Ma se partiamo dal fatto che il grano rappresenta solo il 20 per cento dell’approvvigionamento alimentare totale (e questa è la realtà, queste non sono le nostre cifre ma quelle dell’ONU) significa che questi 20 milioni di tonnellate di grano ucraino costituiscono lo 0,5 per cento”, ha detto. Ha aggiunto che questa cifra di “20 milioni di tonnellate” è la cifra potenziale di esportazione, con le capacità reali di Kiev oggi al di sotto di quella.
Putin ha definito la decisione dei paesi occidentali di sanzionare i produttori di fertilizzanti russi come una “politica miope, stupida ed erronea” che “porta a un vicolo cieco”. Ha avvertito che a causa delle sanzioni, la situazione sul mercato mondiale dei fertilizzanti peggiorerà, con il conseguente aumento dei prezzi dei generi alimentari. ….
Il presidente russo ha anche annunciato che la Russia è pronta ad aumentare le proprie esportazioni di grano a 50 milioni di tonnellate. “Nell’attuale anno agricolo 2021-2022, esporteremo 37 milioni di tonnellate e nel 2022-2023 penso che lo aumenteremo a 50 milioni di tonnellate”, ha affermato Putin.}. P.Riesz_

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

Tutto bene, grazie a tutti,ma io tutti questi spam non li ho mai visti arrivare.Il blog guadagna qualcosa ma anche perde qualcosa, a mio avviso.Remox si sobbarcava un peso,ed ‘e giusto che se ne alleggerisca,ma era un blog vivo,come il bar vicino al cinema ,al teatro, o la bottega del parrucchiere,Diventa un po’ asettico e tutto questo bianco brillante e l’impaginazione toglie sangue alle idee ma non siamo in Paradiso e il sangue ci serve ancora.De Brand scrivi come scrivono i gestori di Facebook e di Youtube.”Ci scusiamo ma questo blog è sempre stato un “luogo sicuro”.Quelli censurano pure,ma tu no,son convinto.Resta che il potere di censurare in generale tende a passare dagli umanisti ai tecnici,e non so se sia un bene:per me, che, come si diceva una volta,” ho fatto il classico”non lo e’ del tutto.La vita,volenti o nolenti,è fatta per camminarci sul filo,e questo richiede classe vera, non affettata ,velleitaria, o stereotipata.Chi lo ha capito capisce perchèe il blog perde qualcosa, e chi non lo capisce. La censura allontana dalla vita e la digitalizzazione la perfeziona. Comunque complimenti perchè non ci sono complicazioni,mentre da quanto sto vedendo anche solo registrarsi su una banca virtuale sta diventando un labirinto,per non dire dover fare il rinnovo del passaporto obbligatoriamente su un portale digitale.La tendenza è quella, ma finira’ come disse Irlmaier,e non potrebbe essere altrimenti.Grazie.

Remox
Admin
1 anno fa

Non abbiamo una funziona di censura, non c’era prima e non c’è adesso. Di diverso sicuramente c’è la necessità di registrarsi, anche se in modo semplice, per commentare.
Diciamo che il vecchio sito era diventato un forum, mentre questo è più un blog. C’era più confusione, oltre ad alcuni problemi di piattaforma mentre questo è più focalizzato.
Crescerà come è cresciuto l’altro.

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

https://vimeo.com/139901449 da Thomas S.Eliot, commenta don Giussani. c.d.d. (come dovevasi dimostrare).

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

In generale,salvo eccezioni specifiche,credo sia bene non accettare regali,regola antichissima.Chi lavora va pagato,e pagarlo, in generale, è un gran risparmio.Se non da chi conosciamo da molto tempo,oppure da chi ci suscita una fiducia profonda. Non sara’ questo il caso,ma è comunque esemplificativo di come sia facile a questo modo farsi “fregare”.Anche per questo le cose nel mondo sono giunte al punto in cui sono giunte. Un punto debole c’e’sempre.Non era i messaggi che non caricavano,ma la fatica e gl’impegni di Remox a fronte del dover controllare i messaggi.Serve l’occasione, ma questa arriva.Faccio l’avvocato del diavolo,si capisce. In generale:non sto accusando niente e nessuno,non ho paranoie,sto solo riflettendo su come sia potenzialmente possibile e talora facile,per chi ha i mezzi e sappia aspettare,e magari progressivamente,portare le cose dove vuole Tanto piu’,forse, oggi.Ecco perchè” il mondo”non ha bisogno di eroi.Dio,invece, si’.

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

“Normalmente questo avviene perchè il nostro sistema rileva dei link sospetti nel contenuto,o qualche parola “delicata”.(De Brand). Si’ ma i criteri per valutare chi li da’ al sistema? Da dove vengono? Possono cambiare o affinarsi nel tempo? Siamo sicuri che da una piccola crisi, i messaggi che non caricavano(peraltro enfatizzato dai pigri) non rischiamo una “cessione di sovranita?” La vita comoda… i lunghi sonni poltroni…( scherzo) portano ai bruschi risvegli, diceva il nonno.,ma Giona non lo sa. 🙂

Riesz_
P.Riesz_
1 anno fa

Caro Vincenzo in Guayas ovvero Vincenzo nei Guai, perché te li cerchi (i guai)? Tranquillizzati, ora siamo in sicurezza “con licenza dei superiori”! P.Riesz_

vincenzo in Guayas
vincenzo in Guayas
1 anno fa

P.Riesz_ .Acuto e moderato:uomo di classe.Ogni uomo è tarato,dopo il peccato originale,e ha il suo grado maggiore o minore di pre schizofrenia,Nessuno escluso,è solo questione di gradi di temperatura e intensita’ di questa “febbre” chiamata vita.Io ce l’ho forse in grado minore di moltissimi e maggiore di altrettanti ed è stata la mia in fondo piccola e leggera croce. Sono mediocre nel bene e nel male,nel ricordarmi di Dio e nel dare ascolto al demonio cattivo consigliere.Mi diverto anche ,ma prevale la convinzione che i malvagi stiano portando il mondo a uno scoppio generale di schizofrenia vera e proria o molto vicino a essa.Anche per questo molti si altereranno fino alla perdita della Fede e all’adesione a false dottrine. Interessante,per me, il film “Il terzo segreto”di Charles Crichton,anno 1964.Di questo film a me interessa quello che non piacque alla critica inglese:i dialoghi filosofici.Invece come giallo non m’interessa, non amo i gialli e trovo che sia di cattivo gusto fare un giallo sopra una malattia di destino che ci coinvolge, in realta’ tutti,e prorio per questo ci sono quelli che non lo vogliono riconoscere,con gli altri e con se’ stessi(Primi due segreti).abbiamo poca “colla”,chi piu’ chi meno.Dio invece è la Colla per eccellenza.Io riconosco che i preschizofrenici o schizoidi sono talora deplorevoli o molto deplorevoli, ma sospetto che Dio li abbia voluti cosi’,biologicamente,sopra la disgrazia spirituale e materiale del peccato originale, per costruirci vocazioni e redenzioni “eccessive”secondo il mondo,ma misteriosamente necessarie per la Provvidenza.Signore, dacci oggi il nostro matto quotidiano. 🙂

vincenzo in guayas
vincenzo in guayas
1 anno fa

Ho dimenticato la cosa piu’ importante:che proprio perchè in realta’ ci siamo dentro tutti,e “alterarsi” è solo questione di gradi di pressione esterna e di limiti di resistenza individuale,si capisce perchè Dio non ci giudichi tanto quando siamo sotto pressione e cadiamo quanto su quello in cui siamo noi che mettiamo sotto pressione gli altri.Non farlo,saperlo non fare, forse è saper perdonare,nel presente,nel passato e nel futuro:ma senza la” Colla” della Grazia non siamo in grado.

vincenzo in guayas
vincenzo in guayas
1 anno fa

Aggiungo,per concludere come sempre vorrei fare , con la parola di Dio)( cosi’ come mi capita di capirla piu’ o meno,essendo essa la Verita’, Il Terzo Segreto):non essendo la Colla,e quindi avendola solo in parte,tutti tendiamo talora, chi piu’ chi meno a “fissarci”.e perdere la visione d’insieme che abbiamo ,anche nel cuore,ma che comunque è parziale anche quando l’abbiamo(Il classico :”ma sei fissato?”).Oppure la “fissazione”,cioe’visione con scarsa tenuta d’insieme, si puo’ interpretare come colpa,nell”ingrato, nel traditore, nell’invidioso, nel dissenziente,anche in famiglia o in una nazione,nel presuntuoso… A volte ci fissiamo perchè qualcosa ci riguarda davvero da vicino,ed è penoso,ma volte no,anche se è penoso lo stesso,e li’ capiamo che al fondo c’e’ solo la tendenza a fissarsi,a perdere la visione d’insieme con la mente e con il cuore.Bene:questa è la malattia,misteriosa, post Eden, ma è anche la medicina.Nel pensiero e talora nell’azione.San Paolo:”L’uomo spirituale giudica tutto e non è giudicato da nessuno”.Puo’ tendere alla liberta’,in un mondo e una realta’ complessi.Negare la complessita’ sovente è un velleitario atteggiamento pedagogico,’e guardare il dito e non vedere la luna che lo indica,o anche guardare piu’ in basso del dito e colpevolizzare in molti modi.Chiaro che cosi’ puoi vivere di gialli che ti emozionano,e non amare di pascerti di considerazioni filosofiche e religiose, e profetiche,che ti sembrano astratte e inutili e invece sono vita vera e reale ,vita in atto.Sapere le cose da lontano e non riconoscerle quando le abbiamo vicine, e ci toccano personalmente, e’ molto facile.Gli anziani hanno avuto in passato,nella tradizione,la funzione di aiutare in questa consapevolezza.Oggi rischia di venire a mancare anche questo,e la leggerezza di diventare insostenible, fino al crollo improvviso politico sociale economico etc. etc.

graliontorile
1 anno fa

Howdy very nice website!! Man .. Excellent .. Wonderful .. I’ll bookmark your site and take the feeds also?KI am glad to find so many useful information right here in the post, we’d like develop extra strategies in this regard, thank you for sharing. . . . . .

Share This