ESTENSIONE DELLE ACQUE TERRITORIALI OLTRE LE SEI MIGLIA. LA GRECIA ACCUSA: “LA TURCHIA CI MINACCIA LA GUERRA”

scritto da NICOLA_Z
09 · Giu · 2022

LA GRECIA AVVERTE LA TURCHIA: STIAMO RAGGIUNGENDO I LIMITI DELLA NOSTRA PAZIENZA

IL MINISTRO DELLA DIFESA GRECO NIKOS PANAGIOTOPOULOS:  “LA TURCHIA CI MINACCIA LA GUERRA, SE DOVESSIMO ESTENDERE LE NOSTRE ACQUE TERRITORIALI OLTRE LE SEI MIGLIA, IN BASE A QUANTO CI RICONOSCE IL DIRITTO INTERNAZIONALE. UNA MINACCIA DI GUERRA DA UN ALLEATO CONTRO L’ALTRO? NON VOGLIAMO AVERE ALLEATI DEL GENERE”

La Grecia ha avvertito la Turchia che sta raggiungendo i limiti della moderazione e della pazienza dopo un periodo di intense provocazioni turche, inclusi sorvoli e richieste di smilitarizzare le isole greche .

“Faremo tutto il necessario per difendere e proteggere i nostri pieni diritti sovrani. Ci stiamo avvicinando pericolosamente ai nostri limiti. I nostri limiti di moderazione e pazienza”, ha detto lunedì il ministro della Difesa greco NIKOS PANAGIOTOPOULOS a un’udienza internazionale.

Parlando alla conferenza annuale sulla sicurezza GLOBSEC tenutasi a Bratislava, in Slovacchia, PANAGIOTOPOULOS ha espresso la frustrazione della Grecia nel trattare con la Turchia, un presunto alleato della NATO.

“Ci sembra strano avere un alleato che ci ha IMPOSTO UNA MINACCIA DI GUERRA se dovessimo decidere di esercitare uno dei nostri diritti legali ai sensi del diritto internazionale per ESTENDERE LE NOSTRE ACQUE TERRITORIALI OLTRE LE SEI MIGLIA. Una MINACCIA DI GUERRA da un alleato contro l’altro? Non vogliamo avere alleati del genere”, ha detto.

Ha aggiunto che non vuole avere un alleato che effettua oltre quaranta sorvoli ogni giorno. “Non solo incursioni nel nostro spazio aereo, ma sorvoli su centri abitati. A volte i sorvoli si svolgono durante la notte. Mi chiedo per quale motivo”, ha chiesto PANAGIOTOPOULOS.

“Sembra anche strano avere un alleato che chiede la smilitarizzazione delle nostre isole, sostenendo che cosa? Che se non sono smilitarizzate, allora verranno messe in discussione? Da chi? Le dovremmo forse perdere a beneficio di qualcun altro?” si è chiesto.

“Queste non sono solo situazioni inaccettabili, ma completamente assurde”, ha detto PANAGITOPOULOS.

LA GRECIA SI PREPARA ALL’ESTATE DI TENSIONE CON LA TURCHIA

La Grecia si prepara a un PROLUNGATO PERIODO DI TENSIONE CON LA TURCHIA a seguito della recente visita del Primo Ministro KYRIAKOS MITOTAKIS negli Stati Uniti.

Il presidente turco RECEP TAYYIP ERDOGAN ha acceso il fuoco con attacchi personali contro MITSOTAKIS, aumento dei sorvoli sulle isole greche e carichi di migranti in navigazione verso la Grecia.

Parlando a Davos a fine maggio, MITSOTAKIS ha promesso di difendere la Grecia IN MEZZO AL CRESCENTE REVISIONISMO DELLA TURCHIA.

Rispondendo a una domanda riguardante la reazione di ERDOGAN e le relazioni con la Turchia, MITSOTAKIS ha dichiarato: “…siamo [vicini alla Turchia], abbiamo sempre bisogno di parlare e vogliamo sempre mantenere aperti i canali di comunicazione. Non saremo mai quelli che non parleranno con i nostri [vicini]”.

Tuttavia, il primo ministro greco ha anche ammonito che “d’altra parte, se il presidente Erdogan pensa che non difenderò la sovranità e i diritti sovrani della Grecia e non presenterò all’audience internazionale che la Turchia si sta comportando come una potenza revisionista, allora ha torto”.

https://greekreporter.com/2022/06/07/greece-warns-turkey/

 

REPORT DI UN PROFESSORE AMERICANO: “POSSIBILE CONFLITTO GRECO-TURCO – LA GUERRA IN UCRAINA HA ACCELERATO GLI SVILUPPI NELL’EGEO”

IL FRONTE EGEO TRA SUPER-POTENZE

RYAN GINGERAS, uno dei più famosi professori americani che da tempo si occupa della Turchia ottomana e moderna, parla di una possibile GUERRA GRECO-TURCA nell’Egeo.

RYAN GINGERAS ha pubblicato mercoledì un’analisi speciale degli sviluppi in greco-turco presso l’Ispettorato per la sicurezza nazionale del Texas. La sua analisi è estremamente interessante perché riguarda la GUERRA RUSSIA-UCRAINA.

Ryan Gingeras è professore presso il Dipartimento di sicurezza interna della NAVAL GRADUATE SCHOOL, specializzato in storia della Turchia, dei Balcani e del Medio Oriente.

Di seguito sono riportati estratti dal suo articolo. Sembra che non stia parlando di un “episodio caldo” o di una “crisi” ma di una “guerra”.

L’INVASIONE RUSSA DELL’UCRAINA È STATA L’INNESCO DEGLI SVILUPPI

Recentemente, la tensione tra Turchia e Grecia è aumentata. La scorsa settimana, giovedì, il presidente turco RECEP TAYYIP ERDOGAN ha annunciato che Ankara aveva sospeso i colloqui bilaterali con Atene, accusando quest’ultima di “disonestà”.

In modo più minaccioso, il ministro degli Esteri turco MEVLUT CAVUSOGLU ha rilasciato una dichiarazione in cui accusa Atene di “militarizzare” illegalmente i suoi territori nel Mar Egeo. Nel caso in cui la Grecia si rifiutasse di “smilitarizzare” le sue isole nell’Egeo, CAVUSOGLU ha avvertito che la sovranità greca nei suoi territori sarà “messa in discussione”.

La comprensione del motivo per cui questo conflitto si sta intensificando inizia con una valutazione sia della sua lunga storia che delle opinioni divergenti del diritto internazionale. Sia per i politici greci che per quelli turchi, l’invasione russa pone nuovi pericoli e nuove opportunità per perseguire i loro diversi obiettivi nell’Egeo.

Ad Atene, la guerra ha alimentato i timori di un’aggressione turca e simili sforzi per rafforzare i legami con Washington alla luce di una Turchia sempre più aggressiva.

Ad Ankara, il conflitto ha alimentato i timori di uno sforzo congiunto tra Stati Uniti e Grecia per domare le ambizioni della Turchia.

Sebbene nessuna delle parti abbia interpretato l’invasione russa come un palese PRETESTO PER L’ESCALATION, queste interpretazioni opposte si sono unite per aumentare il rischio di un conflitto nell’Egeo.

“ERDOGAN APPROFITTERÀ DELLA GUERRA IN UCRAINA”

Il deterioramento delle relazioni dell’Occidente con la Russia, come ha affermato un analista greco, “non riduce lo slancio espansionistico della TURCHIA, ma lo gonfia. “Perché, a differenza di noi, la Turchia non appartiene più all’Occidente“. Di conseguenza, l’analista ha previsto che ERDOGAN avrebbe approfittato della guerra per spingere più vigorosamente le rivendicazioni della Turchia sull’Egeo. Allo stesso tempo, c’è ancora grande preoccupazione per la misura di un sostegno di cui Atene può fare affidamento sui suoi alleati.

Pur elogiando gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e l’Unione Europea per aver riconosciuto i diritti sovrani della Grecia nell’Egeo, COSTAS IORDANIDIS, storico e frequente commentatore degli affari turchi, ha recentemente espresso una certa cautela. Ha affermato che era “ingenuo credere che la piena armonizzazione di Atene con Washington, nella guerra in Ucraina, avrebbe portato di conseguenza al sostegno pratico della politica greca, nei confronti della Turchia”.

Di fondamentale importanza nella mente dei politici americani è la “normalizzazione” dei legami con Ankara. Questo desiderio, ha concluso, ha costantemente portato Washington a evitare qualsiasi critica alle azioni della Turchia. 

“I TURCHI VEDONO UNA RIVINCITA GRECA”

La politica turca nell’Egeo si basa su molti fatti. L’occupazione da parte della Grecia delle sue isole nell’Egeo nel 1912 corrisponde a un periodo di sconfitte, umiliazioni e sofferenze nella storia nazionale della Turchia. A differenza di Atene, che storicamente si è vantata di potenti alleati, l’Impero Ottomano ha sopportato da solo i costi di queste e altre perdite. Per questo motivo, la vittoria della Turchia sulla Grecia nel 1922 è rimasta nella loro memoria come una vittoria senza precedenti. Con la fine dell’occupazione greca dell’Anatolia, Ankara consolidò la sua indipendenza a dispetto degli alleati occidentali della Grecia, in particolare della Gran Bretagna.

Il costo di questo trionfo, tuttavia, fu sbalorditivo. Gran parte dell’interno dell’Anatolia fu distrutto all’indomani della ritirata della Grecia. Sebbene la Grecia e la Turchia possano essere alleate sotto gli auspici della NATO, la Turchia cita ancora la sua guerra con la Grecia, come un crimine di cui Atene non è mai resa responsabile.

Per molti in Turchia, la guerra greco-turca continua a fungere da precedente critico che definisce le relazioni della Turchia con la Grecia e l’Occidente in generale. I sequel sono chiari. L’opposizione degli Stati Uniti alla politica turca in Siria, così come i recenti rapporti europei sui DIRITTI MARITTIMI della Turchia, sono citati come tentativi simili a quelli degli alleati occidentali della Grecia, di minare la sovranità turca tra il 1919 e il 1922.

In televisione e sulla carta stampata turca, i commentatori ribadiscono questi sentimenti, sottolineando, soprattutto, la convinzione che la Grecia abbia intenzione di realizzare ciò che ha fallito un secolo fa. La Grecia non ha mai rinunciato al suo desiderio di fondare una “GRANDE GRECIA”, ha recentemente avvertito un ex ufficiale. Nonostante un secolo di sconvolgimenti, Atene, secondo lui, nasconde ancora “L’IDEALE DELL’OCCUPAZIONE DI COSTANTINOPOLI” e il ripristino del dominio cristiano nella città.

Esaminando in particolare l’Egeo, i commentatori turchi denunciano regolarmente la militarizzazione delle isole da parte della Grecia come segno del desiderio di guerra di Atene. Sebbene le prove visibili del dispiegamento di truppe attive nell’Egeo siano minime, i media turchi registrano l’arrivo di truppe greche sulle isole al largo della costa dell’Anatolia.

Importanti commentatori della sicurezza affermano che la posizione delle forze greche nell’Egeo è un tentativo di bloccare la costa della Turchia o addirittura di minacciare l’interno del paese. Funzionari greci hanno a lungo sostenuto che il paese è costretto a schierare truppe in diverse isole a causa della MINACCIA DI INVASIONE TURCA.

Di fronte alle obiezioni turche, i commentatori greci hanno indicato i commenti di ERDOGAN che contestano la validità del TRATTATO DI LOSANNA e la sovranità della Grecia sulle sue isole dell’Egeo. Nel 2016 lui disse che la Turchia, “cedette le isole alla giurisprudenza di Losanna” nonostante che esse “fossero nostre” e che “possiedano ancora le nostre moschee e le nostre tombe”.

“PIANO GRECIA-USA – MINACCIA MILITARE CONTRO IL TERRITORIO TURCO”

Sulla scia della dichiarazione di Erdogan di non riconoscere più Mitsotakis, un ex tenente dell’aeronautica ha affermato che la Grecia si stava “PREPARANDO ALLA GUERRA” con la Turchia. Fonti dei media turchi ora affermano ampiamente che Atene è complice di un piano sostenuto dagli Stati Uniti per usare la CRISI IN UCRAINA come pretesto per minare la Turchia e le sue ambizioni regionali.

La decisione di Atene di accettare una maggiore presenza statunitense nel Paese (in particolare l’uso del porto greco di ALEXANDROUPOLIS da parte degli Stati Uniti) pone un’immediata minaccia militare al territorio turco.

Il sostegno della NATO alla resistenza ucraina è visto da molti come parte di un piano più ampio per affermare il controllo statunitense sull’EGEO e sul MAR NERO.

“Dietro tutto questo”, ha osservato un illustre editorialista, “si nasconde il piano degli Stati Uniti d’America di espandere la propria egemonia internazionale ” .

Il sostegno della Grecia, così come la promozione dell’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, sono tutti gli elementi di questa più ampia ambizione. La Turchia, in ogni caso, si frappone a tale piano.

“POSSIBILE GUERRA GRECIA-TURCHIA” – IL FRONTE DELL’EGEO TRA SUPERPOTENZE

A peggiorare le cose, l’attuale posizione della Turchia sull’Egeo non è solo un prodotto della politica interna. Valutando l’impatto che la GUERRA IN UCRAINA potrebbe avere sulla politica estera turca, lo studioso SELIM KORU ha affermato che ERDOGAN potrebbe considerarla un’opportunità per perseguire un’ampia gamma di OBIETTIVI REVISIONISTI all’estero.

Koru ha profetizzato che, con il sostegno dei politici di destra e dell’establishment della sicurezza del paese, Ankara “potrebbe esercitare maggiore pressione sui confini navali greci, che ritiene siano stati stabiliti ingiustamente contro di essa”.

In una certa misura, le espressioni di insicurezza della Turchia riecheggiano quelle della Russia prima della guerra con l’Ucraina. Come nel caso delle relazioni greco-turche, Russia e Ucraina condividono una lunga storia di rivalità e controversie territoriali.

Come i sostenitori russi della guerra di Putin contro l’Ucraina, anche voci di spicco in Turchia vedono l’Egeo come un possibile fronte in una lotta filogovernativa contro gli Stati Uniti.

Potrebbe essere questa paura che spinge il governo di ERDOGAN a ripetere la minaccia di “andare oltre” SFIDANDO LA SOVRANITÀ GRECA NELL’EGEO.

Se l’attuale crisi in Ucraina insegna una lezione, è che non dobbiamo sottovalutare il rischio di conflitto.

“Una guerra tra Grecia e Turchia non solo è possibile, ma forse, a un certo punto, è inevitabile”.

Αναφορά Aμερικανού καθηγητή: “Πιθανή σύρραξη Ελλάδας-Τουρκίας – Ο πόλεμος στην Ουκρανία επιτάχυνε τις εξελίξεις στο Αιγαίο”

 

Commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
8 Commenti
Le più vecchie
Le più nuove
Feedbacks in linea
Vedi tutti i commenti
Spring
2 anni fa

Comunque, sarebbe quasi ora che inizino i festeggiamenti. lo dico a malincuore, però ormai gli ovoidi sono arrivati sul punto di esplodere.

E in fondo, ben sapendo che i fessi (neologismo di onesti) saranno i primi a pagare, una bella atomica che faccia tremare di terrore e orrore il mondo occidentale, è proprio il caso di usarla.

Intanto prego per un bel meteorite di precisione, anche più di uno. L’ultima chance di salvarci dalle bombe.

Spring
2 anni fa

Facciamo sognare un commentatore

«Figli, la guerra continuerà e prenderà molti paesi, pregate per la Francia e per l’Italia, saranno coloro che subiranno molte perdite. Pregate per l’America, perché sarà cancellata una buona parte di essa. »

https://lareginadelrosario.org/2022/06/messaggi-giugno-2022/

Stefano Pozza
Stefano Pozza
2 anni fa
Rispondi a  Spring

Condivido

Riesz_
P.Riesz_
2 anni fa

La Grecia farà la fine dell’Armenia: è in prima fila con le sanzioni secondo i dettami Nato; manda armi a Kiev secondo i dettami Nato; contrabbanda il petrolio russo secondo la propria convenienza …. Quando la Turchia le schiaccerà le isole, né la Nato e neppure Putin la ascolteranno nonostante i gemiti. P.Riesz_

gralion torile
1 anno fa

Thanks for one’s marvelous posting! I genuinely enjoyed reading it, you could be a great author.I will make certain to bookmark your blog and may come back at some point. I want to encourage continue your great posts, have a nice afternoon!

Share This