ANGUERA: L’ALBERO DEL BENE E DEL MALE

scritto da Remox
31 · Dic · 2014

ANGUERA: L’ALBERO DEL BENE E DEL MALE

In quel tempo, diceva Gesù: «A che cosa è
simile il regno di Dio, e a che cosa lo posso paragonare? È simile a un
granello di senape, che un uomo prese e gettò nel suo giardino; crebbe,
divenne un albero e gli uccelli del cielo vennero a fare il nido fra i
suoi rami».

In quest’ultimo giorno dell’anno vorrei condividere alcune riflessioni su
alcuni messaggi della Madonna di Anguera, piuttosto criptici, che ritengo molto
importanti ai fini di comprendere i temi della grande battaglia spirituale che
coinvolgerà la Chiesa dall’interno. Sono i messaggi nei quali la Madonna usa i
termini “albero” e “giardino” dando loro evidentemente significati diversi a
seconda del contesto del messaggio. Un tema del quale ho avuto modo di parlare
con un lettore che si firma Dott. G.I..

La simbologia usata evidenzia da un lato la volontà di collegare ciò che
viene detto nei messaggi con il Vangelo e dall’altro un significato generale
che a questi termini deve essere attribuito. Infine abbiamo probabilmente
nascosto in questi termini, in determinati casi, un enigma che riguarda un
particolare personaggio. Prima di proseguire sarà bene ricordare ai lettori che
il tema trattato è quello affrontato in “Anguera: il Tempo delle Confusioni Spirituali
dove abbiamo evidenziato che:

  • ·        
    l’attuale pontificato è al centro di una lotta spirituale
    che arriverà nel tempo prossimo a dividere la Chiesa
  • ·        
    emergerà un cardinale traditore che si opporrà al
    papa
  • ·        
    una scoperta archeologica in Vaticano porterà
    confusione nella Chiesa
  • ·        
    una famosa congregazione religiosa si dividerà in
    questa lotta religiosa

Cominciamo ad esaminare i messaggi in cui compare il misterioso “albero”,
ordinati in senso cronologico.

2.489 – 27.02.2005

Cari figli, gli uomini sapienti
annunceranno nuove scoperte sulla vita di mio Figlio Gesù.
Fate attenzione.
Non permettete che il demonio vi inganni. Non permettete che la vostra fede sia
scossa. La verità del mio Gesù è nel Vangelo. Ascoltate ciò che insegna il vero
Magistero della Chiesa del mio Gesù. Accogliete gli insegnamenti del Papa. Il
demonio causerà grande confusione, ma vi chiedo di restare con la verità. Un albero grande sarà tagliato e i suoi
frutti cattivi non si moltiplicheranno più.
La verità è mantenuta integra
solo nella Chiesa Cattolica. Abbiate cura della vostra vita spirituale e vivete
gioiosamente i miei appelli. Non scoraggiatevi. Io sono con voi. Questo è il
messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per
avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del
Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



2.504 – 02.04.2005

Cari figli, inginocchiatevi in preghiera. La verità non è lontana da voi. Dall’albero più famoso del giardino
uscirà una radice che si diffonderà nel mondo.
In un immenso campo ci sarà
il gregge. I nemici del pastore lo disperderanno, ma per grazia del Signore ci
sarà l’unione. Nella casa del Signore ci sarà confusione. Un cuore cattivo
proporrà la creazione di un consiglio, ma Dio non abbandonerà il suo popolo.
Pregate. Non allontanatevi dalla preghiera. Io sono vostra Madre Addolorata e
soffro a causa dei peccati degli uomini. Confidate nel Signore. Lui non vi
abbandonerà mai. La pietra sarà calpestata, ma non distrutta.

2.607 – 26.11.2005

Cari figli,
inginocchiatevi in preghiera supplicando la Misericordia del Signore per voi.
Ecco i tempi delle tribolazioni. L’albero
del sangue perderà la sua radice.
L’Angola piangerà per i suoi figli. La
malattia che ricorda un campo immenso con erbe verdi tormenterà gli uomini. Gli
uomini del terrore saranno i colpevoli.

2.778 – 26/12/2006

Cari figli,
inginocchiatevi in preghiera per la pace nel mondo. Da San Pietroburgo uscirà
una spina che ferirà i miei poveri figli. L’albero
del male è nato lì e i suoi rami si diffondono nel mondo. Il suo veleno è
mortale,
ma il Signore verrà in difesa dei Suoi. Coraggio.

2.808 – 07.03.2007

Cari figli, ecco i tempi
più difficili per voi. Siete pronti a rispondere alla chiamata del Signore?
Anche nelle difficoltà, testimoniate a tutti l’Amore di Dio. Dal giardino in cui si trova l’albero di
sangue verrà una grande sofferenza per molti dei miei poveri figli. Sarà fatta
una scoperta inquietante.
Pregate. Non allontanatevi dalla preghiera. Io
voglio aiutarvi. Fuggite dal peccato. Non permettete che il demonio vi renda
schiavi. Siete di Dio e solo Lui dovete seguire e servire.

2.885 – 05/09/2007

Cari figli, l’albero sarà tagliato e il giardino
perderà la sua bellezza.
Confidate pienamente nel Signore. Non allontanatevi dalla sua grazia. Ecco
il tempo delle grandi tribolazioni per gli uomini. Pregate. Quando vi
allontanate dalla preghiera, diventate il bersaglio preferito del mio
avversario.

2.905 – 20/10/2007

Cari figli, un grande albero sarà
tagliato e da lì nascerà la grande battaglia.
I miei poveri figli
porteranno una croce pesante. Pregate. Solo per mezzo della preghiera potete
sopportare il peso delle prove che già si stanno preparando. Siate miti e umili
di cuore. Il Signore vi chiama. Non vivete stazionari nel peccato. Ritornate.
Ciò che dovete fare, non rimandatelo a domani.



3.123 – 15/02/2009

L’albero sarà piantato in un altro campo
e darà molti frutti.

3.298 – 27 marzo 2010

Cari figli, non scoraggiatevi. Dio è al vostro fianco, anche se non Lo vedete.
Cercate in Lui la forza per il vostro cammino nella fede. Sono giunti i tempi
delle grandi confusioni spirituali. Inginocchiatevi e pregate, perché solo così
potete raggiungere la vittoria. Io sono vostra Madre e sono instancabile. Sono
venuta dal cielo per chiamarvi alla conversione sincera. Aprite i vostri cuori
e lasciate che la grazia del Signore vi trasformi. Dite a tutti che Dio Mi ha
inviata per allertarvi e che questo è il tempo opportuno per il vostro ritorno.
Soffro per ciò che vi attende. Fuggite il male e siate solamente del Signore.
Un fatto meraviglioso si verificherà nella Terra della Santa Croce (Brasile).
Durante la celebrazione della Santa Messa, all’ombra
dell’albero che diede il nome alla vostra nazione,
avverrà il primo e unico
Miracolo Eucaristico del Brasile. Per mezzo di questo miracolo molti figli
lontani faranno ritorno alla Chiesa. Aprite i vostri cuori alla Mia chiamata.
Desidero condurvi a mio Figlio Gesù. Siate docili. Non sono venuta dal cielo
per obbligarvi, ma quello che dico dev’essere preso sul serio. Avanti. Questo è
il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie
per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del
Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



3.790 – 16 marzo 2013

Cari figli, Pietro condurrà la sua barca
in mezzo a grandi tempeste. Pregate. Il successore di Pietro avrà bisogno delle
vostre preghiere. Egli sperimenterà il calvario. Sarà amato e odiato a motivo delle
sue posizioni. Ecco i tempi dei dolori. Il
veleno è nell’albero, non nel frutto.
La Chiesa del mio Gesù cammina verso
un futuro di grandi prove ma, come ho già detto, Gesù ha tutto sotto controllo.
Pietro nella terra di Pietro. Quello che dico non lo potete capire adesso, ma
tranquillizzate i vostri cuori, perché il mio Gesù cammina con voi. Il re
soffrirà a causa dei suoi sudditi. Non temete. Sono vostra Madre e supplicherò
il mio Gesù per voi. La strada sarà breve per il re, come l’attraversare della
famosa piazza. Inginocchiatevi in preghiera. Alla fine la vittoria sarà del
Signore. Amate la verità e restate con la Chiesa. Le lezioni del passato non
possono essere dimenticate. Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi
vi trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di
riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e
dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.

Da questi messaggi emergono alcune
caratteristiche di questi alberi:

un
albero del male, nato a S. Pietroburgo, che diffonde il veleno

un
grande albero che una volta tagliato non produrrà più frutti cattivi

un
albero che ha veleno al suo interno, ma non nel frutto

un
grande albero che una volta tagliato farà cominciare la grande battaglia

un albero del sangue che perderà una radice

un albero che una volta tagliato farà perdere la bellezza al
giardino

un albero da cui uscirà una radice

un albero che verrà piantato in un diverso campo producendo
molto frutto

Inizialmente ero convinto che bisognasse
attribuire all’albero lo stesso significato simbolico, ma nonostante vari
tentativi mi rendevo conto che un solo simbolo portava a troppe contraddizioni.
E così ho deciso di dividere inizialmente i messaggi dell’albero in due
tronconi principali: il primo dedicato all’albero del male (in nero), il
secondo a un albero che invece porta frutto (in blu). Prima di vedere le
differenze fra questi alberi, è bene considerare anche il significato del
termine “giardino”. Una parabola simile è quella che usa Gesù nel Vangelo per
descrivere il Regno di Dio posta nell’incipit di questo scritto. Un piccolo seme,
o radice, che piantato nel giardino genera un albero grande e forte. Il termine
giardino è riportato anche in altri messaggi di Anguera elencati qui di
seguito:

2.667 – 14/04/2006

Cari figli, la vostra fortuna non servirà a nulla, perché Dio vi ha chiamati e
voi non avete scelto la via stretta. Non
troverete il posto bello vivendo nel peccato, né contemplerete il bel giardino
se non ci sarà in voi una vera conversione.

2.668 – 15/04/2006

Cari figli, coloro che rifiutano le grazie di Dio chiederanno miracoli e
grideranno per un mondo nuovo. Anime soffriranno per la mancanza di preghiera e
per non aver vissuto i miei appelli. Il prode vivrà nell’angoscia, senza la
certezza dell’esistenza di un lieto fine. La cascata non darà acqua fresca agli
assetati e i miei poveri figli conosceranno una croce pesante. I fiori del bel giardino saranno appassiti
e senza profumo.
Guatemala e Brasile: ecco la localizzazione. Io sono
vostra Madre e soffro per ciò che vi attende. Convertitevi e assumete il vostro
vero ruolo di cristiani. Pregate sempre. Solo per mezzo della preghiera potete
sopportare il peso delle prove che verranno. Questo è il messaggio che oggi vi
trasmetto nel nome della Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di
riunirvi qui ancora una volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e
dello Spirito Santo. Amen. Rimanete nella pace.



2.805 – 01.03.2007

Cari figli, proseguite
saldi sul cammino della preghiera. Solamente pregando potrete comprendere i
disegni di Dio per voi. Aprite i vostri cuori al Signore. Io sono vostra Madre
e sono venuta dal Cielo per riempirvi di coraggio. Quando tutto sembrerà
perduto, il Signore verrà a voi con grande vittoria. Gli uomini fedeli saranno
protetti dal Signore. L’umanità sarà trasformata e i fedeli vivranno sulla
Terra senza dolori e senza guerre. Il Signore asciugherà le vostre lacrime. Il giardino invisibile sarà visibile agli
occhi umani.
Rallegratevi, perché i vostri nomi sono già scritti nel Cielo.
Avanti senza paura. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della
Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una
volta. Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.
Rimanete nella pace.



2.824 – 14.04.2007

Cari figli, vedo una grande devastazione nel giardino.
I fiori sono appassiti e grandi spine trafiggono alcuni petali.
Cercate forza in Dio. In mezzo alla
grande tribolazione il Signore verrà a voi. Egli non vi abbandonerà. Confidate
in Lui e sarete vittoriosi. La vostra vittoria è nel Signore. Aprite i vostri
cuori. Abbracciate la Verità e siate in tutto come Gesù. Non allontanatevi
dalla preghiera. Questo è il messaggio che oggi vi trasmetto nel nome della
Santissima Trinità. Grazie per avermi permesso di riunirvi qui ancora una volta.
Vi benedico nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.
Rimanete nella pace.



Si capisce bene che il
giardino ha anch’esso un significato spirituale, come il Regno di Dio nella
parabola di Gesù. E’ il giardino spirituale dell’Eden, invisibile ad occhio
umano carnale, ma che diviene visibile all’occhio della fede e a quello di un’umanità
rinnovata nella fede dopo la tribolazione. Il giardino assume quindi un significato
misto fra Chiesa, Fede, Regno di Dio all’interno del quale sorgono alberi e
fiori che rappresentano gli ordini o congregazioni, i sacramenti, i doni
spirituali ecc…

Torniamo però al tema
dei due alberi cominciando con l’albero del male nato a S. Pietroburgo. Direi
che la descrizione di quest’albero ben si adatta a quella del comunismo, i cui
rami si diffondono nel mondo. Il tema del pericolo comunista è sempre ben
presente nelle apparizioni mariane a cominciare da Fatima per passare ad
Amsterdam, a Garabandal fino ai nostri giorni. Siamo abituati a pensare al
comunismo come a quello sovietico, ma la Madonna evidentemente parla del
comunismo come dottrina filosofica in grado di affascinare gli uomini e
portarli fuori della retta via. E’ un comunismo che si manifesta nelle dottrine
laiche progressiste che vogliono relegare la fede nel privato, o in quelle dei
diritti civili di ogni tipo o in quelle che vogliono liberare l’uomo
esclusivamente mediante il benessere sociale.

Ma perché la Madonna
lo considera così pericoloso? Nel messaggio del 16 Marzo 2013 dice che il
veleno è nell’albero, non nel frutto. La frase mi ha ricordato le parole che la
Madonna ha pronunciato ad Amsterdam in relazione alle dottrine socialiste che
volevano introdursi nella Chiesa tramite il Concilio Vaticano II. La Madonna
metteva in guardia il papa ricordandogli che la giustizia sociale non era un
male (doveva anzi essere appoggiata), ma di fare attenzione a non diluire la
fede cristiana all’interno di una semplice dottrina umana. Non è un caso che il
messaggio ad Anguera sia stato dato subito dopo l’elezione del primo papa
sudamericano della storia. Vediamo bene come Francesco sia attento ai temi
sociali e ai poveri e con quel messaggio la Madonna ci sta probabilmente
dicendo due cose: la prima che l’opzione preferenziale per i poveri di cui
spesso parla anche il papa è bene, ma l’albero dal quale è stata elaborata
teologicamente questa dottrina è velenoso. Il grande albero del comunismo ha
infatti partorito a livello teologico l’albero della teologia della
liberazione, una dottrina che ha trasposto la preferenza per i poveri dal campo
della salvezza spirituale a quella della salvezza materiale nell’al di qua
portando la Chiesa nell’agone della lotta politica. La seconda che i pericoli
verranno probabilmente dal Sud America e da chi li opera ed evangelizza.

I messaggi di Anguera
che trattano di quest’albero maligno ci dicono che è nato a S.Pietroburgo, che
è velenoso e si diffonde con i suoi rami, che non produrrà più frutti cattivi poiché
verrà tagliato. Allo stesso tempo, in relazione all’elezione di papa Francesco,
specifica che il veleno è nell’albero ovvero nella dottrina, ma non nel frutto
del papa che da quelle terre viene e che da alcuni è accusato di essere stato
morbido con questa corrente ideologica. Ma perché parlare della teologia della
liberazione? Non è forse un tema del passato affrontato e sconfitto da Giovanni
Paolo II?

In realtà così come a
Garabandal  è stato detto, in piena
guerra fredda, che il comunismo sarebbe tornato profetizzando quindi un suo
indebolimento (crollo del muro di Berlino) così per la teologia della
liberazione possiamo vedere un suo riemergere, per ora abbastanza tiepido
(sembra) con il nuovo corso papale. Sono pronto a scommettere che riemergerà
sull’onda della crisi economica che attanaglia il Sud America e che colpirà
anche il Brasile e che appunto proprio dal Brasile tornerà alla ribalta. Forse
infatti è proprio questo il motivo delle apparizioni in Brasile e della grande
attenzione che la Madonna mostra ad Anguera per le vicende di quel paese.

La teologia della
liberazione è nata grazie al contributo di un teologo francescano, un
domenicano e dei gesuiti. I francescani e i gesuiti sono le due più importanti
congregazioni della Chiesa e forse sarà proprio una di queste a dividersi nel
prossimo futuro e a ribellarsi. La Congregazione che si dividerà può forse
essere quel famoso albero del giardino il cui taglio darà origine alla grande
battaglia spirituale di cui si parla nel messaggio del 20 Ottobre del 2007. A
tal fine sarà bene seguire le vicende ultime che riguardano sia il
commissariamento dei Francescani dell’Immacolata sia gli scandali finanziari
dei Frati Minori.

Che dire invece dell’albero
buono, cioè di quello che una volta tagliato farà perdere al giardino la sua
bellezza? Può forse essere la stessa Congregazione? Forse si se consideriamo la
parte buona di quell’ordine che non si ribellerà. Tuttavia il giardino spirituale
che perde la sua bellezza, sembra essere la fede e dunque tale albero sembra
possa essere il papato che come sappiamo andrà incontro a uno scisma, verrà
dunque tagliato. Uscirà però una radice che piantata in un altro campo darà
molti frutti. Allude forse allo spostamento della sede da Roma? O forse quest’albero
è un’importante dottrina della Chiesa che verrà rinnegata? Difficile dare una
risposta, entrambe sembrano valide.

Rimane fuori da questa
analisi forse quello che è il simbolo più difficile da identificare, l’”albero
del sangue”. Anche quest’albero perderà la sua radice. Alcuni pensano, e fra
questi il lettore Dott. G.I., che possa essere un vero albero (ce ne sono
alcuni che sono popolarmente conosciuti con questo nome a causa del colore
rosso delle loro resine). Tale albero sembra legato ad una scoperta
inquietante, forse la scoperta archeologica di cui abbiamo già detto?

Personalmente ritengo
che invece si tratti di un enigma che cela forse l’identità di un personaggio.
E anche in questo l’indizio me lo ha dato Dott. G.I..

Secondo me il
messaggio centrale è quello del 27 Marzo 2010 dove la Madonna annuncia un
grande miracolo per il Brasile, il primo miracolo eucaristico di quella
nazione. Un miracolo che serve a richiamare i fedeli verso la Chiesa
allontanati da tante cose fra cui probabilmente le divisioni legate alla
teologia della liberazione. Un altro messaggio che pone il Brasile al centro
della scena.

Quando ho parlato dell’”anticristo sudamericano” analizzando i versi nostradamici ho appunto accennato sia alla
teologia della liberazione che al Brasile. E’ possibile dunque che il cardinale
traditore, che vive nel Palazzo (Vaticano), che viene dalle Americhe, sia
proprio brasiliano. In “Anguera: il tempo delle Confusioni Spirituali” abbiamo
parlato dell’enigma del “passero” che identificava appunto un cardinale in
quanto il cardinalis è il nome
scientifico di un passero molto diffuso in quel continente. Teniamolo a mente e
leggiamo il messaggio del 27 Marzo:

“Un fatto meraviglioso
si verificherà nella Terra della Santa Croce (Brasile). Durante la celebrazione
della Santa Messa, all’ombra dell’albero
che diede il nome alla vostra nazione,
avverrà il primo e unico Miracolo
Eucaristico del Brasile. Per mezzo di questo miracolo molti figli lontani
faranno ritorno alla Chiesa.”

Di quale albero parla la
Madonna? Parla del
Caesalpinia
echinata” anche detto Pernambuco o Pau Brasil. E’ l’albero molto diffuso in
Brasile che suggerì ai Portoghesi il nome da dare a quella terra. L’albero dà
il nome sia alla nazione che a un suo stato, il Pernambuco. E cosa c’entra con
quello che stiamo dicendo? C’entra eccome, poiché in lingua Tupi (indigeni dell’amazzonia)
l’albero è chiamato Ibira Pitanga
ovvero “legno rosso” per via della
sua resina rossa piuttosto pregiata. E’ un albero brasiliano rosso sangue, una
coincidenza notevole. L’albero è chiamato anche “albero brasil” poiché ha dato
il nome alla nazione e tale nome, Brasil, deriva dalla parola “brasa” che
significa brace in ricordo dell’utilizzo che di tale albero veniva fatto, legna
da ardere, o anche del colore della sua resina. Sono indicazioni molto
importanti poiché in Vaticano al momento risiede con un incarico molto
importante il Prefetto della Congregazione per gli istituti di vita consacrata
e le società di vita apostolica, il cardinale brasiliano Joao Braz de Aviz.
Come fatto notare da Dott. G.I. il nome Aviz deriva dal latino Avis, ovvero
uccello, passero, ma a questo possiamo aggiungere anche il nome Braz
chiaramente derivato dal nome Brasile, ovvero l’albero rosso della sua terra.

E’ possibile quindi
che l’”albero del sangue” di Anguera, unitamente al passero del paese dei Re
(Vaticano), sia un simbolo per indicare da un lato il Brasile e dall’altro il
suo cardinale che costituirà una sfida per la Chiesa?

Forse… di certo il
cardinale Braz de Aviz non è passato inosservato poiché in poco tempo è stato
citato per: aver presieduto (in accordo col papa) al commissariamento dei
Francescani dell’Immacolata, aver lasciato correre a differenza del
predecessore sull’atteggiamento di alcune importanti sigle che riuniscono suore
americane (che si dice siano poco fedeli al magistero) ed aver rilasciato
interviste in cui parla della sua vicinanza alla teologia della liberazione e
di essere stato in passato sul punto di lasciare la Chiesa per motivazioni
legate alle speranze sorte con questo movimento e disattese al tempo di
Giovanni Paolo II. Tanto da essere ribattezzato nella cronaca addirittura come “teologo della liberazione”.

Se così fosse però
bisognerebbe capire il richiamo alla scoperta inquietante. Potrebbe
effettivamente trattarsi della scoperta archeologica poiché l’albero del
sangue, Pau Braz, si trova in Vaticano. Oppure di un altro tipo di scoperta,
uno scandalo, legato appunto all’attività della Congregazione che presiede…
Francescani?

Concludo sottolineando
che queste riflessioni sono da prendere esclusivamente come punto di possibile
confronto di idee su un tema così delicato che sembra oramai albeggiare nel
nostro tempo.

Auguro a tutti

BUON ANNO!

 

Commenti

Sottoscrivi
Notificami
guest
48 Commenti
Le più vecchie
Le più nuove
Feedbacks in linea
Vedi tutti i commenti
Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Un albero – un uomo ?

luc
luc
9 anni fa

'un albero del male, nato a S. Pietroburgo, che diffonde il veleno'
in molti ormai pensano che Putin sia l'Anticristo, consultare la rete per ulteriori conferme. Buon anno!

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  luc

Perché era un ex del kèy-ghé-bì ed il comunismo, in Russia e dintorni, non è proprio morto.
Quello Koreano invece non lo definirei proprio comunismo, soprattutto ora con il giovane erede. Non sapevo neanche che i comunisti potessero ereditare il regno per discendenza carnale.
Spring

luigiza
luigiza
9 anni fa

Remox sei tagazzo oltre che molto colto anche molto acuto nelle analisi di quartine, sestine e profezie.
Noto con piacere che in questo tuo articolo hai puntato direttamente al nocciolo della contesa.
Il mio regno NON é di questo mondo diceva quel tale ma molti, forse troppi dei suoi sedicenti seguaci non lo capiscono.
Per questo l'albero deve essere tagliato. La posta in gioco é l'essenza dell'umano, non si può andare per il sottile.
Avrei di gran lunga preferito che fosse l'occidente a farlo, ma così non sarà ed il compito é allora lasciato ai fanatici dell'Islam.

Poi qualcuno dovà liberarci da loro, ma un passo alla volta-

luigiza
luigiza
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Il commento (vocale) di Nannarella dice tutto!

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Grazie Remox per averci offerto una lettura così interessante.
La coincidenza tra simbologia albero/persona è molto estesa ma mi lascia perplesso: possibile che un solo individuo -anche se portatore di idee condivise- possa generare un tale sconquasso ?
Auguri per l'imminente anno nuovo e, visto le tematiche all'orizzonte, abbandoniamoci nelle mani di Maria con il "totus tuus" di wojtyliana memoria. R

Remox
Remox
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Non vorrei aver creato confusione: non sostengo che l'attuale papa sia la causa fisica della "guerra religiosa" di cui parla la Madonna ad Anguera. Ma che alcuni fatti, probabilmente riferiti al suo pontificato, in merito a decisioni che verranno prese, in ambito di dottrina oppure verso alcuni religiosi, contribuiranno a dare inizio alla ribellione. Come ho già detto sia questo pontificato che il prossimo (a questo punto bisogna vedere come si svilupperà) sono centrali per il nostro tempo.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Ciao Remox …complimenti per lo splendido articolo che mi ha fatto tornare in mente una profezia attribuita a San Francesco d'Assisi che solo fino ad un paio di anni fa poteva sembrare un'ipotesi remota ma che con gli eventi recenti sta diventando sempre più attuale e con coincidenze con la realtà che viviamo sempre più evidenti…la allego dopo gli auguri di un buon 2015 anche se gli auspici non sono così brillanti…Saverio

"PROFEZIA DI SAN FRANCESCO D'ASSISI"

Dopo aver convocato i suoi fratelli poco prima della sua morte (1226), Francesco ha avvertito su tribolazioni future, dicendo: “Fratelli agite con forza e fermezza in attesa del Signore. Un periodo di grandi tribolazioni e afflizioni in cui grandi pericoli e imbarazzi temporali e spirituali accadranno; la carità di molti si raffredderà e l’iniquità dei malvagi abbonderà. Il potere dei demoni sarà più grande del solito, la purezza immacolata della nostra comunità religiosa e altri saranno appassiti al punto che ben pochi fra i cristiani vorranno obbedire al vero sommo Pontefice e alla Chiesa Romana con un cuore sincero e perfetta carità.
“Nel momento decisivo di questa crisi, un personaggio non canonicamente eletto, elevato al soglio pontificio, si adopererà a propinare sagacemente a molti il veleno mortale del suo errore. Mentre gli scandali si moltiplicheranno, la nostra congregazione religiosa sarà divisa tra altre che saranno completamente distrutte, perché i loro membri non si opporranno, ma consentiranno all’errore. Ci saranno così tante e tali opinioni e divisioni tra la gente, e tra i religiosi e i chierici che, se quei giorni malefici non fossero abbreviati, come annunciato dal Vangelo, anche gli eletti cadrebbero nell’errore (se fosse possibile), se in tale uragano non fossero protetti dall’immensa misericordia di Dio. Così la nostra Regola e il nostro modo di vita saranno violentemente attaccati da alcuni. Delle tentazioni terribili sorgeranno. Coloro che supereranno la grande prova riceveranno la corona della vita. Guai a quelli tiepidi che metteranno ogni loro speranza nella vita religiosa, senza resistere saldamente alle tentazioni consentite per provare gli eletti. Coloro che nel fervore spirituale abbracceranno la pietà con la carità e zelo per la verità, subiranno persecuzioni e insulti come se fossero scismatici e disobbedienti. Perché i loro persecutori, spronati da spiriti maligni, diranno che in questo modo prestano grande onore a Dio nell’uccidere e rimuovere dalla terra degli uomini tanto cattivi. Allora il Signore sarà il rifugio degli afflitti e lui li salverà, perché hanno sperato in Lui. E poi per rispettare il loro Capo, agiranno secondo la Fede e sceglieranno di obbedire a Dio piuttosto che agli uomini, acquistando con la morte dalla vita eterna, non volendo conformarsi all’errore e alla perfidia, per assolutamente non temere la morte. Così alcuni predicatori terranno la verità in silenzio e negandola la calpesteranno.
“La santità di vita sarà derisa da coloro che la professano solo esteriormente e per questa ragione Nostro Signore Gesù Cristo invierà loro non un degno pastore, ma uno sterminatore“

Remox
Remox
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

La profezia di cui parli secondo molti è da riferire al papa Urbano VI, il papa a causa del quale cominciò lo scisma d'Occidente di cui abbiamo parlato negli articoli di alcune settimane fa. Però obiettivamente questa profezia ha dei contenuti che non si adattano troppo a quello scisma e dunque non è da escludere che possa riferirsi al futuro, non lontano da noi. E' comunque interessante il parallelo fra quello scisma è quello che potrebbe avvenire ai nostri giorni, cosa di cui appunto abbiamo già parlato.

vincenzo
vincenzo
9 anni fa

Viene da pensare che se ad Anguera Maria parla in enigmi,potrebbe avere le sue ragioni e che l'anticristo con la A maiuscola comparira' ,e' una ipotesi,non prima che l'umanita' abbia vissuto nell' Eden i cosiddetti 1000 anni del regno di Cristo Eucaristico ,cioe' morto e risorto ma ancora celato,Solo da li' satanal nel corpo dell'Anticristo(Anticristo che rappresenta il suo natale e la sua pascqua per la sua redenzione , cioe' il ritorno nel cielo da cui fu precipitato) potra' tentare ,come si trova in alcune profezie antiche, una sua ascensione fino al Cielo,cioe' al regno dei Cieli,(dopo una finta morte e risurrezione) scimmiottando quella di Cristo risorto, che gia' era nell'Eden, in quanto risorto,e aveva recuperato con il corpo i doni preternaturali, primizia tra tutti i giusti del tempo futuro,quello in cui il tempo e la storia ricapitolati in Cristo,ritornano anch'essi nell'Eden.A Maria Maddalena appare risuscitato, quindi con un corpo da Eden, ma non ancora asceso al Padre,cioe' al Cielo Regno dei Cieli, Buon anno a Remox, e a tutti.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

I mille anni di "Eden" sono un errore già abbondantemente condannato dalla Chiesa nel corso dei secoli. Gesù Cristo verrà per giudicare i vivi e i morti e il suo regno non avrà fine. I "mille" anni sono un tempo indefinito. I 1.260 giorni sono un tempo piccolo e finito. Satana non entra nel corpo di un un uomo ma si tratta di un uomo che darà tutto se stesso a Satana. Non si tratta di Satana incarnato. Solamente Dio si è incarnato in Gesù Cristo. Se poi vogliamo continuare a spararle grosse liberi di farlo anche se non serve a niente e a nessuno. Saluti. Alessio.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Quello della Parusia è un "problema" che la Chiesa lascia aperto. Però la Bibbia parla abbastanza chiaro: ci sarà una prima resurrezione.
«Beati e Santi coloro che prenderanno parte alla prima Resurrezione»; se specifica "prima Resurrezione" vuol dire che avverrà in due tappe. Nella prima alcuni saranno "privilegiati" ed avranno un corpo glorioso prima della fine dei tempi.
Anche quello che segue «Regneranno con Lui per mille anni» sottolinea comunque un tempo, un periodo, anche enorme o profondamente vissuto ma con un inizio ed una fine. Tant'è che ii due capitoli immediatamente successivi si parla, nell'ordine, di "combattimento finale" e di "resurrezione finale" (c'è il termine finale il che rafforza l'ipotesi della Parusia).
La resurrezione è unica! E non allude alla salvezza dell'anima, ma alla resurrezione fisica dei corpi. Poi non puoi più morire perché confermato in grazia e con un corpo glorioso.
Spring

Paolo Porsia
Paolo Porsia
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

…E te vojo vede a combattere un CENTINAIO DI MIGLIAIA di IMMORTALI…

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

«Satana non entra nel corpo di un un uomo ma si tratta di un uomo che darà tutto se stesso a Satana. Non si tratta di Satana incarnato. Solamente Dio si è incarnato in Gesù Cristo. Se poi vogliamo continuare a spararle grosse …»
Non si tratta di spararle grosse. Quello dell'incarnazione di un demonio è scritto nel segreto de La Salette. Non sta scritto esplicitamente Satana ma demonio sì. Ed è anche scritto che sarà figlio di due consacrati: un vescovo ed una suora. Si tratta di due consacrati particolari. La suora fa sicuramente voto di castità, il vescovo non so'. Per certo una persona sposata che poi è diventata prete non potrà diventare vescovo (https://www.youtube.com/watch?v=B3dbjFrEgF4). Probabilmente anche a loro è richiesto il voto di castità.
Rimanendo nell'ottica l'Onnipotente potrebbe permettere l'incarnazione di un demonio omettendo di creare l'anima in quel particolare caso al momento del concepimento (trattandosi di due persone che hanno scelto di non procreare).
Sul Segreto de La Salette non si sono pronunciati. Ma è un segreto scomodo.
Spring

ps di uomini che danno tutto se stessi a satana ce ne sono a migliaia già oggi. Quale particolarità avrebbe quello del segreto di Melania se fosse come dici tu?

Paolo Porsia
Paolo Porsia
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Mai pensato che i Vescovi di riti Orientali (anche cattolici) possono ESSERE SPOSATI?

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Non poteva di certo alludere a quei vescovi considerando il Mittente. Inoltre quel segreto avrà luogo dopo il Trionfo quindi quando le Chiese cristiane saranno di nuovo riunite. Soprattutto quella ortodossa. Ma anche le altre create da vari scismi. Almeno per quanto ne resta visto che ormai non gli crede più nessuno.
Spring

vincenzo
vincenzo
9 anni fa

Sull' Anticristo con la A maiuscola che comparirebbe al termine del periodo cosiddetto dei 1000 anni, la Tradizione non dice che si tratti di una incarnazione, infatti satana non puo' incarnarsi, ma di una possessione, in un uomo fatto di corpo e anima e libera volonta',come Giuda.Effettivamente e'piu' che altro una curiosita', l'ho riportata da Antonio Yague che seguo con interesse,stimolato dalla mia fantasia su Satana che scimmiotta in tutto Dio e Gesu'.La piu' grossa che ci ho messo e' la Pasqua con la c in mezzo,di solito controllo poco tanto si capisce se un errore e' di battitura o di grammatica o sintassi, ma stavolta correggo.Vero, se sono immortali come fanno a morire, andando incontro alla morte con gioia e canti, come dicono alcune profezie?Boh.Siamo sempre in mezzo tra "fine dei tempi e "fine del mondo".Anche io fino a 6 mesi fa, avrei scritto la stessa cosa di Alessio.Ora mi sono un po' "corrotto",non solo curiosita' ma una molto piccola speranziella di avere figli nel tempo futuro, con terre nuove e cieli nuovi,anche se mia moglie e' sterile.Ne dico un'altra, per quel che vale, cioe' quasi nulla:da qualche parte ho letto che la vicenda di Adamo ed Eva nell'Eden duro' 1 giorno,e senza il peccato in quel giorno sarebbero stati portati nel Cielo.Ma 1 giorno di che tipo?Perche' se fosse un giorno di Dio, sappiamo che equivale a 1000 anni.Cosi' 1000 anni potrebbe essere il tempo da vivere nell' Eden dopo il Trionfo del Cuore Immacolato e di Cristo.Ma e' solo una fantasia-speranziella.!000 anni puo' essere un modo di dire nella Scrittura.grazie, buon proseguimento.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Per favore senza volerti offendere
chiedo a vincenzo di non scrivere più nessuno commento
tutto ciò che scrivi è fuori dal coro e non ha nessun significato
non te le prendere ma i tuii scritti sono inutili .

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Caro anonimo, chi? l’alcolista? Oltre ad alzare il gomito vuoi tappare la bocca al Sig. Vincenzo; motivo? Non mi piace! Chi ti costringe a leggere, la maestra? Non ci credo! E poi ascolta: se leggendo ti viene quel fastidioso senso metallico in bocca, prendi una liquirizia e vedrai che ti migliorerà pure l’alito!
P.Riesz_

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

non volevo offendre nessuno chiedo scusa a vincenzo

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

@P.Riesz_
Ma finiscila… fai meno il moralista e tornatene in Russia. COMUNISTA!!!

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Ma va' là! becero anonimo, non hai nome, non lo sai scrivere, sei nessuno. P.Riesz_

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Una piccola "sfida" (in senso positivo del termine) per te Remox. Sarebbe possibile pubblicare le quartine di Nostradamus che indicano la fine della Repubblica in Italia, sul tramonto di Renzi e sulla futura RIVOLUZIONE, magari indicandone l'anno?
Tony

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Ah! Avete una Repubblica! Ma da 6 anni a questa parte oppure c'era anche prima? Quando ero nel bel paese non me ne ero mai accorto di vivere in un paese democratico.
In genere sono sinonimi. 🙂
Spring

Remox
Remox
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Ciao Tony per il momento ne ho parlato solo in "Berlusconi e il fuoco del Burancois" perché il tema è posto nel penultimo capitolo del poema quindi abbastanza avanti rispetto a dove siamo ora. È anche vero che la crisi in Italia è strettamente correlata a quella della Chiesa e nel Ramo III si annuncia già che "l'Italia riaprirà le vene della chiesa" per cui il tempo non è certo lontano. Negli acrostici riepilogativi del Ramo nfatti si parla di rivolte di piazza e sedizioni per il "grano". In parte le abbiamo viste in Ucraina ma sono destinate ad espandersi. Gli acrostici infatti aggiungono particolari al quadro generale del capitolo. E siccome il Ramo III non credo che andrà molto oltre il 2015 penso che si cominceranno a vedere pesanti scossoni economici che andranno ad unirsi alle altre crisi, in Medioriente e all'Est. Direi che è un buon tema per il primo post del 2015.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Grazie Remox per la tua risposta…

Volevo inoltre chiedere un tuo parere su questa quartina (che è stata pubblicata su sito di Boscolo REALMENGYNIUS) dove si dice che nel 2015-2016 un città giapponese verrà colpita da un missile nord coreano e che tal avvenimento provocherà spavento in Occidente e anche nel Papa. Tu cosa ne pensi?

quartina

Il Dardo(Rockets) al Cielo farà il suo esteso corso(sagittata)
Morti(tutti) mentre parlano la grande esecuzione.
Come la pietra(rocca- rocket ) contro l’Albero( 本)la feroce gente (dis)fatta
(Shatsan = Ardente)Clamore umano mostruoso(Olocausto) con Purgazione e Espiazione.

Nell’Otto,(8) Cinque(5)Quindici(XV) quale* Illegalità(Desloyauté)desolata

2° quartina

Verrà permettere l’Esploratore Oratore Maligno(diabolico)
Il Fuoco del Cielo, folgore, paura, terrore Papato
L’Occidente trema, troppo serra vincente Selino.

( *Quelle = Fonte, Origine Sorgente in tedesco)

Tony

Remox
Remox
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Sai, io (e non solo io) seguo la regola di pubblicare le quartine sempre in lingua originale perchè le interpretazioni possono facilmente esagerare nel modificare il testo per adattarlo al significato che si vuole. E' un rischio che vale per chiunque ovviamente.
Detto questo la prima quartina è la 270 ed è situata nell'ordinamento del Ramotti nel Ramo XI del '900 dedicato a "Il Tempo dell'Atomo" ovvero il bombardamento atomico del Giappone. Parliamo quindi della Seconda Guerra Mondiale.
La seconda è il Presagio 9 ed è situato nel Ramo XV del '900 che descrive i pontefici (e la Chiesa) del secondo '900. Infatti al primo verso troviamo il quinto papa del secolo Giovanni XXIII, il sesto che è Paolo VI il cui pontificato è durato 15 anni, e l'ottavo ovvero Giovanni Paolo II. I papi cioè protagonisti dei pontificati del Concilio Vaticano II. Il vino si fa "salino" (Salin e non Selin), per la crisi di identità che la Chiesa affronterà dopo il Concilio. Essendo la quartina posta alla fine del Ramo e trattandosi di un Presagio è facile intuire che abbia un significato generale, di introduzione alla crisi di fede che inizierà dopo il Concilio.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Grazie Remox :-))
Tony

vincenzo
vincenzo
9 anni fa

Anonimo,su Anguera Remox ci ha suggerito in passato che potrebbe avere un respiro molto lungo,e comprendere anche tempi successivi a quelli definiti come "fine dei tempi."(e nel Poema Nostradamus arriva fin qui).quindii normale che un personaggio come il prelato brasiliano nominato nel post,di dimensione modesta e legato alla non recente Tdl,e anche suoi alleati secolari,non sembrando cosi' futuribili,appuntino la curiosita sulla questione solita, se cioe' l'Anticristo finale debba arrivare nei prossimi anni o in un tempo ancora molto lontano. In Profezie del Terzo Millennio ne parla anche don Dolindo Ruotolo, che ipotizza una sua idea al riguardo. Mi sembra una Curiosita' non solo mia,perche' La Salette e Orval indicherebbero pochi decenni tra fine dei tempi e fine del mondo,collegandoli anche con Garabandal e Medjugorije che danno come vicini gli eventi profetizzati relativi al cambio d'epoca,mentre altre profezie farebbero pensare a tempi molto lunghi. poi c'e' anche la questione di eventuali altre profezie di Nostradamus circa il tempo successivo a quello in cui si conclude il Poema. percio' mi dispiace se ho dato l'impressione di allargarmi e di essere fuori dal coro, ma di fatto sono certo che non e' cosi',perche' seguo con interesse vero, come tutti, anche se la prolissita' e l'agiografia filo cattolica possono suscitare antipatie istintive.Poi, e' molto improbabile che TUTTO quello che uno scrive, chiunque sia, vada sempre fuori del tema,, per cui l'invito piu' razionale , come le tue scuse hanno riconosciuto, non e' dire taci per sempre, ma chiedere di essere piu' attinente al tema del blog.Comunque ,visto che ti ho provocato questa reazione istintiva, di sicuro c'e' una colpa mia,magari nello stile, oppure un malinteso. e tu sei in buona fede.Percio' in parte accetto il tuo invito e ne tengo conto,specialmente se leggi da molto tempo.Grazie a tutti.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  vincenzo

Ma quale “reazione istintiva”, ma quale “buona fede”! L’anonimo è istintivamente un vile: si nasconde; è pieno di sé: ma è vuoto. P.Riesz_

Remox
Remox
9 anni fa

Come ho più volte detto quando scrivete dovete usare un nick. Il blog non è un posto per litigare, la prossima volta elimino i commenti non idonei. O comunque bisogna fare come il primo anonimo che chiede scusa a Vincenzo. Soprattutto non si insulta per motivi politici, per quello ci sono ben altri luoghi in rete.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Remox

per la precisione io sono il primo anonimo che ha subito chiesto scusa a vincenzo, ho sbagliato e mi sono subito corretto non centro con il secondo anonimo che ha continuato ad offendere

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Remox

sono sempre io il primo anonimo, per favore vincenzo continua a scrivere e ora stop a queste polemiche
buon anno a tutti

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Remox

Siamo tutti anonimi; ma con un nickname dopo una serie di interventi ci caratterizziamo e l’anonimo alcolista si evidenzia immediatamente da solo. P.Riesz_

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Remox

Certo però che anche darsi dei nick che rimandano ad un "glorioso" passato lascia un po' così. Un tentativo di gettar discredito? Un lieto stendardo di totale dedizione alla causa? Ai posteri l'ardua sentenza.
Spring

Anonimo
Anonimo
9 anni fa
Rispondi a  Remox

@Spring_ è vero: a buon intenditor poche parole; ma…. esprimersi in modo compiuto e concreto forse è meglio; i lieti stendardi mi sanno di poesia… se siamo su questo piano anch’io mi illumino di immenso e …. vado a dormire. P.Riesz_

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Torno volentieri ad aggiungere qualche piccola perlina.
Dopo lunghe ricerche penso, Remox, di aver trovato.
Effettivamente, come avevo scritto, la parola “albero”, nei messaggi, è usata in una pluralità di circostanze e significati.
L’“albero del sangue”, invece, citato solo due volte in tutti i messaggi di Anguera (2607 e 2808), è realmente un albero, sebbene nel significato metaforico utilizzato dalla Madonna (almeno nel 2607).

Premetto che l’Angola è una ex colonia portoghese e la lingua ufficiale è appunto il portoghese (è importante) e che, al di là dei messaggi, il “bleeding tree” è un simbolo nazionale angolese.
Sono stato sempre convinto che il cosiddetto “albero del sangue” avesse un legame con l’Angola, di cui si parla appunto nel medesimo messaggio 2607:
“L’albero del sangue perderà la sua radice. L’Angola piangerà per i suoi figli.”
Infatti, secondo una interpretazione piana, logica, l’Angola piangerà per i suoi figli perché l’albero del sangue avrà perso la sua radice. Si parla, cioè, dello stesso evento.

Questo articolo del Washington Post mi ha schiarito le idee.
http://www.washingtonpost.com/wp-adv/specialsales/spotlight/angola/article4.html

“Un grande albero sta in piedi nel centro di M’Banza Kongo, la capitale della provincia dello Zaire [in Angola]. Secondo una leggenda locale, quando una persona si siede all’ombra di questo albero, esso inizia a sanguinare in onore del visitatore. I turisti stranieri a M’Banza Kongo trascorrono il giorno intero seduti sotto l’albero, aspettando che sanguini mentre i locali passano con sorrisi ironici sui loro volti.”

M’banza Congo, Mbanza Congo o Mbanza Kongo (precedentemente São Salvador) era una volta la casa del Manikongo, il sovrano del Regno del Kongo. Quando i portoghesi arrivarono in Kongo, Mbanza Kongo era già una grande città, forse la più grande dell’Africa sub-equatoriale.
È stata la capitale del Regno del Kongo da circa il 1390 fino al 1914, quando il regno fu diviso ed assorbito nella Colonia portoghese dell’Angola. La città è considerata da più persone di lingua congolese come la loro capitale spirituale.
M’banza Kongo è nota per le rovine della sua cattedrale (costruita nel 1549), che molti angolani sostengono essere la più antica chiesa in Africa sub-sahariana, anche se questo non è vero (la più antica è in Etiopia). L’attuale chiesa, chiamato São Salvador, conosciuta localmente come nkulumbimbi, si dice sia stata costruita dagli angeli durante una notte. Papa Giovanni Paolo II ha visitato il sito durante il suo viaggio in Angola nel 1992.
L’altro importante sito è il “Yalankuwo”, albero del giudizio del Manikongo, che si trova nel centro della città di M’Banza Kongo.
In lingua locale viene chiamato “Yala Nkuw” (Árvore da Força ou do sangue) cioè albero della forca o albero del sangue. Era il luogo dove il re del Congo eseguiva le sentenze di morte.
È famoso perché era l’unico esempio di tribunale in Africa dove le persone venivano processate e condannate; e secondo la leggenda locale, esso sanguinerebbe in onore di chi si siede sotto la sua ombra.

http://portalsoyo24h-com1.webnode.pt/provincia-do-zaire/
https://pt-br.facebook.com/angolabrasilfabia/posts/337140113085322
http://www.guiaturisticoangola.co.ao/index.aspx?menuid=258&lang=E

Dott. G.I.
Continua…

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

…continua
Fin qui la leggenda. Ma l’informato articolista parla di ben altra cosa: giacimenti di petrolio.
L’Angola è divenuta oramai stabilmente il primo maggior produttore di petrolio del continente africano (seguito da Nigeria e Libia).
Le principali compagnie straniere del settore, oltre all’italiana ENI, sono le statunitensi “Chevron Texaco” ed “Exxon Mobil”, la francese “Total”, la britannica “BP” e l’anglo-olandese “Shell”.
Gli spazi di esplorazione (“blocks”, blocchi) hanno una dimensione standard di ca. 5.000 Kmq e sono disponibili in concessione per un periodo variabile dai 5 ai 20 anni.
Nel blocco 17 c’è uno dei più grandi giacimenti al mondo di petrolio, Girassol, scoperto nel 1998. Ogni volta che se ne scopre uno, gli si mette un nome di pianta: Orchidea, Camelia, Tulipano, Rosa, Dalia e Girasole.
Queste sono cose che noi, che non possediamo industrie petrolifere, non possiamo sapere.
Sappiamo però che il petrolio è sempre causa di guerre, come già è stato in Angola (la lunga guerra civile). Un conflitto che ha coinvolto le stesse superpotenze: l’Unione Sovietica sostenne l’MPLA, mentre l’UNITA fu sostenuta dagli Stati Uniti e dal Sudafrica.
“Il Paese non ha ancora raggiunto una stabilità, a causa della profonda crisi e del malcontento sociale, dell’estesa corruzione e del non sopito antagonismo tra i due movimenti, che è riesploso con violenza nel 1997.
Sebbene il Paese disponga di ingenti ricchezze, la situazione economica è devastata dalla lunga guerra civile. Mentre i proventi della vendita del petrolio e dei diamanti vengono impiegati quasi unicamente per sostenere lo scontro armato.”

Recentemente è stato scoperto un nuovo enorme giacimento petrolifero in Angola.
http://www.e-gazette.it/sezione/energia/tutto-eni-trovato-giacimento-petrolio-angola
http://www.eni.com/it_IT/media/dossier/dossier-ecuador.html

L’Angola “piangerà per i suoi figli”, secondo me, perché riesploderà di nuovo la guerra civile, la quale potrebbe avere nelle sue pieghe qualche grave atto di terrorismo con l’uso di armi biologiche per diffondere qualche epidemia (“Gli uomini del terrore saranno i colpevoli”; cfr. 2518).
In tutto questo, il petrolio potrebbe avere non poca parte, come concausa dello scontro.
E l’albero del sangue perderebbe la sua radice, nel senso che il Paese sarebbe allo sbando, senza più diritto e applicazione della giustizia, come avveniva sotto lo “Yala Nkuw” (Árvore da Força ou do sangue).
Mi sembra una profezia riguardante solo l’Angola.

Un saluto.
Dott. G.I.

Remox
Remox
9 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Ciao Dott.G.I. bentornato.
Si potrebbe essere cme tu dici per il messaggio 2607 (molto convincente). Ma che dici per il 2808? Due messaggi sull'Angola? Il giardino cosa significherebbe in questo messaggio? La nazione? O come dicevi i pozzi di petrolio che hanno nomi di fiori?
In tutti gli altri messaggi il giardino sembra avere un significato spirituale.
Un saluto.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Mi sembra di aver detto chiaramente che, sia nel messaggio 2607, sia nel 2808, per me, si tratta di vero albero del sangue (bleeding tree): nel 2607 l’espressione è usata in senso metaforico e traslato (partendo sempre dal significato concreto); nel 2808, ho scritto in un precedente intervento, che è forse un vero albero del sangue situato in un giardino reale, nel quale giardino verrà fatta una scoperta archeologica.
Qualcuno in rete sostiene che con “giardino”, la Madonna possa intendere unicamente “la Terra”.
Io non ne sono affatto convinto e penso ad una varietà di significati., sia materiali che spirituali.
Ad ogni modo, poiché la parola “giardino” compare in soli otto messaggi, eccoli tutti: vediamoli brevemente uno ad uno.

2504 02/04/2005
“Dall'albero più famoso del giardino uscirà una radice che si diffonderà nel mondo. In un immenso campo ci sarà il gregge. I nemici del pastore lo disperderanno, ma per la grazia del Signore ci sarà l'unione. Nella casa del Signore, ci sarà confusione. Un cuore malvagio proporrà l'istituzione di un consiglio, ma Dio non abbandonerà il suo popolo. Pregate.”
Altra possibile traduzione: “Dall'albero più famoso del giardino germoglierà una radice che si spanderà nel mondo…”
Qui il giardino potrebbe essere la Chiesa e l’albero un Ordine famoso.
Comunque sia, la “radice” è sicuramente un personaggio malvagio (alcuni dicono l’“oppositore”), perché si parla di gregge che viene disperso.

2667 14/04/2006
“Non troverete il luogo buono vivendo nel peccato, né contemplerete il buon giardino se non avrete in voi una vera conversione. La vostra fede sia vera, perchè Dio conosce i vostri cuori.”
Qui è evidente che il “buon giardino” o “bel giardino” è il Paradiso. Infatti, riecheggiando il Vangelo, dice: se non vi convertirete… non vedrete il Paradiso.

2668 15/04/2006
“La cascata non darà acqua fredda agli assetati e i miei figli poveri sperimenteranno pesante croce. I fiori del buon giardino saranno appassiti e senza profumo. Guatemala e Brasile: ecco la localizzazione.”
Qui si parla di una futura siccità nei luoghi menzionati. Il buon giardino è un luogo concreto (l’Amazzonia?), dove i fiori appassiranno per mancanza d’acqua. Perfino le famose cascate del Brasile (di Iguazu) saranno senz’acqua. Non è da escludere che il “buon giardino” possa essere Bom Jardim, una città dello stato di Rio de Janeiro. Ma siamo sempre lì, in Brasile.

2670 20/04/2006
“Sappiate che il giardino non sarà più un luogo sicuro, perché il pericolo verrà dai terreni del grande campo prossimo alla rocca del fiume negro. Piegate le vostre ginocchia in orazione. Confidate nel potere di Dio e allontanatevi da tutto il male. Salta sarà colpita, e i Miei poveri figli porteranno pesante croce. L’idolatria dell’Egitto cadrà a terra.”
Questo messaggio è male inteso perché malamente tradotto. Le profezie vanno sempre lette in originale, se no, si perdono troppe sfumature. La traduzione corretta è:
“Sappiate che il Giardino [o Jardim] non sarà più un luogo sicuro, perché il pericolo verrà dai terreni del Campo Grande prossimo a Rochedo del Rio Negro.”
Giardino è scritto con maiuscola perché è una località del Brasile, o Jardim, come “Campo Grande”, “Rochedo” (tradotto con roccia o rupe) e Rio Negro (sia fiume che città).
Rochedo è un comune del Brasile nello Stato del Mato Grosso do Sul.
Campo Grande è soprattutto una grande arcidiocesi cattolica, sempre nel Mato Grosso do Sul:
http://it.wikipedia.org/wiki/Arcidiocesi_di_Campo_Grande
Il senso del messaggio è che quella zona del Brasile meridionale (Mato Grosso do Sul), al confine con l’Argentina, non sarà più un luogo sicuro, per via di future calamità naturali (“pericolo che viene dai terreni”). Infatti, subito dopo, si nomina Salta, che è una città del nord Argentina. Queste calamità abbatteranno gli idoli d’Egitto adorati in quei luoghi.

Dott. G.I.
Continua…

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

…continua

2805 01/03/2007
“Quando tutto sembrerà perduto, il Signore verrà a voi con grande vittoria. Gli uomini fedeli saranno supportati dal Signore. L'umanità sarà trasformata e i fedeli vivranno sulla Terra senza dolore e senza guerra. Il Signore asciugherà le vostre lacrime. Il giardino invisibile sarà visibile agli occhi umani.”
Qui è facile. Ci si riferisce alla VITTORIA FINALE di Dio dopo il trionfo definitivo del Cuore Immacolato, quando tutta la Terra sarà TRASFORMATA e i sopravvissuti avranno il privilegio di vedere l’Eden invisibile, cioè il regno angelico. È ripetuto in molti altri passi. Addirittura è detto che gli umani potranno comunicare coi loro angeli custodi.
“Cari figli, la Terra e piena di malvagità, ma arriverà il giorno in cui i malvagi piangeranno e si lamenteranno. Il Signore agirà in favore dei Suoi. Il Signore dirà: sia fatto, e tutto sarà trasformato. Il deserto smetterà di essere deserto; ciò che è invisibile agli occhi umani potrà essere contemplato dagli uomini.” (2797)
“Cari figli, l’umanità sarà sorpresa quando il Signore permetterà agli uomini di contemplare la grandezza della sua alleanza. Ciò che è nascosto sarà visibile.” (2858)
“Cari figli, nel trionfo definitivo del mio Cuore Immacolato, quelli che si consacrano a me saranno
sorpresi dall’azione potente di Dio. Il compagno sempre invisibile ai vostri occhi sarà a voi visibile. Il vostro angelo vi guiderà e vi condurrà, e nessun male vi colpirà.” (3824)

2808 07/03/2007
“Dal giardino dove si trova l'albero del sangue verrà grande sofferenza per molti dei miei poveri figli. Una scoperta preoccupante sarà fatta.”.
Di questa “inquietante” scoperta ho già scritto. Il giardino è, secondo me, vero giardino.

2824 14/04/2007
“Amati, vedo una grande devastazione nel giardino. I fiori sono appassiti e grandi spine attraversano alcuni petali. Cercate forze in Dio.”
Profezia troppo vaga. Se il giardino è la Chiesa, i fiori sono i religiosi fedeli; le spine i religiosi infedeli.

2885 05/09/2007
“Cari figli, l'albero sarà tagliato e il giardino perderà la sua bellezza. Confidate pienamente nel Signore. Non allontanatevi dalla sua grazia. Ecco il tempo delle grandi tribolazioni per gli uomini.”
Anche su questa profezia ho già scritto, e potrebbe riguardare un Ordine soppresso e la Chiesa che perde bellezza.

Come vedi, il termine “giardino” ha a volte significato materiale, a volte significato spirituale.

Un saluto.
Dott. G.I.

Anonimo
Anonimo
9 anni fa

Hei, addormentati sotto l'albero, il mondo sta cambiando, Putin sta CREPANDO, l'ISIS sta perdendo, Roma rischia un attentato, Renzi rottola insieme al PD, un nuovo Presidente della R. sta per nascere e voi… dormite ancora sotto l'albero. Nostradamus si sta arrabbiando…

Anonimo
Anonimo
8 anni fa

Remox scrive:
PS. A proposito, ricordi i dubbi sull’albero di sangue di Anguera?
credo che il senso sia il seguente: albero di sangue=albero pau Brasil, originario dell’Amazzonia, che ha dato il nome alla nazione.
Il giardino in cui sarà fatta la scoperta inquietante è l’Amazzonia, in altri messaggi si parla infatti di scoperte della scienza in quella terra che annunceranno catastrofi (sembra si parli di “una grande lacuna”).

RISPOSTA (posto qui per attinenza)

Sì, ho letto, qualche mese fa, la tua ipotesi, in questo articolo del 31 dicembre 2014, e aggiunsi anche alcuni commenti, che stanno qui sopra.
In uno di essi, ho elencato per comodità tutti gli otto messaggi in cui compare la parola “giardino”, con le possibili interpretazioni.

Potrebbe anche essere che in questo messaggio soltanto

“Dal giardino dove si trova l’albero del sangue verrà grande sofferenza per molti dei miei poveri figli. Una scoperta preoccupante sarà fatta.”. (2808)

la scoperta sia quella che dici tu, in Amazzonia, essendo un messaggio troppo indefinito, ma resterebbe comunque in piedi l’ipotesi che l’”albero del sangue” sia un vero albero (con tronco, rami e foglie).

Per il 2607 (“L’albero del sangue perderà la sua radice. L’Angola piangerà per i suoi figli.”), mi sembra si riferisca all’Angola e allo “Yala Nkuw” (Árvore da Força ou do sangue), come ho scritto sopra nel commento e sarebbe anche qui un’altra specie di “bloodwood tree”, lo Pterocarpus angolensis, originario dell’Angola.

Al di là di questo, però, la scoperta archeologica è predetta apertamente:
“Una scoperta archeologica sarà fatta a Roma e causerà grande confusione per la Chiesa.” (2948)
“Cari figli, una scoperta in Vaticano causerà grande confusione.” (2957)
“Cari figli, una scoperta richiamerà l’attenzione del mondo e ci sarà grande confusione tra gli uomini. Sarà in Italia.” (2783)

Per quanto riguarda la “grande lacuna”, il discorso si amplia.
La parola “lacuna” compare solo 3 volte (2584, 2727, 3289)
Quasi tutti i siti traducono con “laguna?” o lasciano il messaggio come incerto e difficile.
Invece, leggendo bene i messaggi, si arriva a una spiegazione molto chiara, che non troverai scritta da nessuna parte.

Ecco i tre messaggi:

2.584 – 06.10.2005
“Cari figli, l’umanità avanza verso un grande abisso. Il GRANDE TERREMOTO si avvicina e gli uomini vivranno momenti di terrore. Sono giunti i tempi difficili per l’umanità. Tutto ciò che vi ho annunciato in passato si realizzerà. Pregate. Pregate sempre più. Dalla lacuna (forse laguna?) con il nome di un grande santo verrà grande devastazione. Regioni intere scompariranno. Molti luoghi che oggi potete contemplare non esisteranno più.”

2.727 – 01/09/2006
“Il fuoco si alzerà e Vichy [in Francia] sarà una città deserta. Un avvenimento uguale accadrà in una regione di Bahia. La lacuna nascosta sarà visibile.”

3.289 – 6 marzo 2010
“Gli abitanti di una grande città della Terra della Santa Croce [Brasile] vivranno momenti di grande tribolazione. Gli uomini sapienti daranno un annuncio e tutta la popolazione fuggirà. La scoperta della grande lacuna richiamerà l’attenzione del mondo.”

(continua…)

Anonimo
Anonimo
8 anni fa

Consultando un buon dizionario di portoghese si trova la definizione di “lacuna”:

LACUNA sf (lat lacuna)
1 Espaço vazio, ou em branco, onde normalmente não devia existir; falha, vazio, omissão, hiato.
2 Pequena abertura, cavidade ou depressão.
3 Biol Espaço intercelular.
4 Anat Cavidade óssea, seio.
5 Anat Folículo na membrana mucosa da uretra.
6 Bot Pequena cavidade na superfície do talo do líquen.
7 Zool Espaço, entre os tecidos dos animais inferiores, que serve à circulação dos fluidos corporais.
8 Vet Espaço, no casco equídeo, entre os ramos da ranilha (lacuna média) ou entre os ramos da
ranilha e as barras (lacuna lateral); fenda.

http://michaelis.uol.com.br/moderno/portugues/definicao/lacuna%20_989102.html

In senso generale, significa: spazio vuoto, cavità, falla, omissione, iato, ecc..

Sennonché “falha”, si può tradurre in italiano sia con “falla”, sia con “faglia”.

FALHA sf (lat vulg *fallia)
1 Ato ou efeito de falhar.
2 Eiva, falta, racha, fenda.
3 Geol. Fratura em um maciço de rocha ou num veio, com deslocamento em um lado da fratura em relação ao outro e em direção paralela ao plano da fratura.
4 Defeito.
5 Parte não preenchida.
6 Falta, omissão.
7 Aquilo que falta em alguma coisa.
8 Desarranjo, enguiço.
9 Ação de negar fogo (arma).
10 fam Mania, bolha, pancada.
11 Interrupção de viagem. F. de hardware, Inform: falha num dispositivo de hardware ou hardware que parou de funcionar apropriadamente.

http://michaelis.uol.com.br/moderno/portugues/definicao/falha%20_964221.html

Pertanto, sinonimo di “lacuna” è “falha”. La falha è un vuoto, una lunga e profonda cavità causata dalla frattura di rocce. Poiché nel 2584, si parla del “nome di un grande santo”, è praticamente certo che si riferisca alla Faglia di Sant’Andrea (si parla anche di “grande terremoto”).

A Falha de Santo André ou Falha de San Andreas (em inglês: San Andreas Fault) é uma falha geológica tangencial que se prolonga por cerca de 1290 km através da Califórnia.

Lacuna = Falha = Fault = Faglia

La faglia di Sant’Andrea (in inglese, San Andreas Fault) è una faglia trascorrente con movimento destro che si estende per 1300 km attraverso la California, tra la placca nordamericana e la placca pacifica, congiungendo il margine convergente di Cascadia (Cascadia Subduction Zone) con il margine divergente del Golfo della California (East Pacific Rise). È famosa per i devastanti terremoti che si sono verificati nelle sue immediate vicinanze. (Wikipedia)

La traduzione corretta è quindi “faglia” o “cavità”, e non “laguna”, che non c’entra niente:
“La scoperta della grande cavità richiamerà l’attenzione del mondo.” (3289)

Ora confrontiamo questo, con il seguente messaggio.

2.601 – 12.11.2005
“Una grande esplosione provocherà terribili catastrofi e i terremoti distruggeranno molte regioni della Terra. Una faglia [qui è usato “falha”] geologica esistente in Brasile causerà distruzione in molte regioni. Gli uomini sapienti lo ignorano.”

Qui, la Madonna afferma esplicitamente che esiste una grande cavità, o faglia geologica sotto il Brasile che gli scienziati per ora ignorano. Quando essi daranno l’annuncio dell’esistenza di questo incavo sotterraneo, “tutta la popolazione fuggirà” (3289).

(continua…)

Anonimo
Anonimo
8 anni fa

E lo dice anche in questi due messaggi, che i problemi verranno dalla litosfera, in generale:

2.655 – 18/03/2006
“Dalla litosfera verrà grande dolore per l’umanità. La Terra sarà scossa e delle montagne cadranno. Il dolore sarà grande.”

3.259 – 29 dicembre 2009
“La crosta terrestre si spaccherà in molte regioni della Terra. L’energia venuta dal suo interno causerà sofferenza a molti dei miei poveri figli.”

In particolare in Brasile:

14.04.2009
“La sofferenza arriverà anche alla Terra di Santa Cruz. In molte regioni, la terra si aprirà e grandi fenditure sorgeranno. Molti luoghi che oggi contemplate cesseranno di esistere.”

2.929 – 12/12/2007
“Cari figli, la Terra della Santa Croce (Brasile) cammina verso l’autodistruzione. Gli uomini si sono creati le loro leggi e hanno rifiutato quelle di Dio. Camminate incontro all’inevitabile. Dalle profondità della terra verrà ancora grande dolore per i miei poveri figli brasiliani. Vedrete ancora orrori in ogni luogo.”

2.871 – 02/08/2007
“Dalle profondità della terra sorgerà un grande mistero. La scienza non saprà spiegarlo e gli abitanti Terra della Santa Croce (Brasile) avranno paura.”

Questo cosiddetto mistero che farà paura, non sono altro che delle forze della natura non ancora conosciute.

3.234 – 31 ottobre 2009
“La forza della natura provocherà fenomeni mai visti. Oggetti saranno lanciati da terra da una forza che gli uomini non riusciranno a spiegare. Dalle profondità della terra sorgeranno forze che susciteranno preoccupazione negli uomini, ma voglio dirvi che Dio non abbandonerà il suo popolo.”

Ma è detto, senza mezzi termini, che la causa di questi strani fenomeni è degli uomini (forse cavità provocate da attività estrattive di gas o petrolio).

3.117 – 03/02/2009
“Un doloroso avvenimento richiamerà l’attenzione del mondo. Verrà dalle profondità e sarà provocato dagli uomini.”

3.110 – 17/1/2009
“Quello che gli uomini costruiscono nelle profondità causerà grande distruzione.”

3.107 – 10/01/2009
“L’umanità cammina verso la distruzione preparata dalle stesse mani degli uomini. Gli uomini porteranno all’interno della terra quello che sarà il motivo di distruzione di molte regioni.”

Lo scenario che ci viene prospettato è simile a quello che ho letto in un’altra profezia, dove si dava l’immagine di un dragone che cammina sottoterra, provocando distruzione e morte:

3.421 – 4 gennaio 2011
“Un fuoco distruttore, salendo dalle profondità della terra, provocherà grandi mutamenti nella natura. Molte regioni della terra resteranno deserte. La morte viaggerà nell’interno della terra e causerà distruzione in molti Paesi.”

2698 – 24/06/2006
“La terrà si scuoterà e dalle profondità saliranno immensi fiumi di fuoco. Città saranno distrutte, isole scompariranno e i miei poveri figli sperimenteranno pesante croce.”

dott. G.I.

Remox
Remox
8 anni fa
Rispondi a  Anonimo

Concordo con la tua analisi e forse l'attività umana incriminata è il fracking. Riguardo al msg 2601 la grande esplosione sembra possa essere quella vista dal veggente di Waldviertel in Repubblica Ceca durante la grande guerra che darà inizio a tre giorni di enormi convulsioni.

Share This